Return to Video

Esteban Cabeza de Baca's Time Travels | Art21 "New York Close Up"

  • 0:27 - 0:29
    I miei dipinti si sviluppano
  • 0:29 - 0:34
    attraverso un approccio molto intuitivo,
    basato su ciò che sento,
  • 0:34 - 0:37
    ciò che mi provoca una reazione,
    ma anche sulla ricerca della mia identità.
  • 0:42 - 0:43
    Essendo cresciuto lungo il confine,
  • 0:43 - 0:47
    non sono entrato in contatto
    con gran pare della mia eredità culturale,
  • 0:47 - 0:49
    quindi ho dovuto scoprirla per conto mio.
  • 0:53 - 0:56
    L'arte è stata una sorta di processo
    di guarigione,
  • 0:56 - 0:58
    un modo per entrare in contatto
    con queste storie,
  • 0:58 - 1:02
    ma anche di recuperare il mio rapporto
    con questa terra
  • 1:02 - 1:07
    e di impararne le storie
    prima che si perdano nel tempo.
  • 1:11 - 1:18
    I VIAGGI NEL TEMPO
    DI ESTEBAN CABEZA DE BACA
  • 1:27 - 1:32
    Il mio metodo si basa sul concetto
    dell'ipercubo quadridimensionale,
  • 1:32 - 1:37
    al cui interno ci sono quattro strati
    o quattro dimensioni diverse.
  • 1:38 - 1:41
    Per prima cosa tingo la tela
    con la cocciniglia.
  • 1:44 - 1:48
    La tintura di cocciniglia agisce
    come una sorta di piano astrale
  • 1:50 - 1:54
    che assomiglia alle mappature
    dello spazio elaborate dai fisici.
  • 1:54 - 1:59
    Queste spirali nei miei dipinti
    rappresentano i solstizi.
  • 1:59 - 2:02
    Le società indigene erano capaci
  • 2:02 - 2:06
    di modellare il tempo senza l'uso
    della tecnologia moderna.
  • 2:08 - 2:11
    Poi lavoro alla seconda immagine,
  • 2:11 - 2:15
    in cui mi ispiro alle storie precoloniali
  • 2:15 - 2:18
    e alle strutture avanzate
  • 2:18 - 2:21
    precedenti il 1492.
  • 2:21 - 2:25
    Il terzo strato prevede dipinti dal vero
  • 2:25 - 2:26
    che realizzo in loco.
  • 2:28 - 2:30
    Sì, mi sembra niente male.
  • 2:30 - 2:33
    Heidi è la mia partner da dieci anni.
  • 2:36 - 2:37
    Le chiedo un feedback,
  • 2:37 - 2:42
    ma la supporto anche come posso
    nel suo lavoro.
  • 2:47 - 2:52
    Per il quarto strato immagino
    un futuro postcoloniale
  • 2:52 - 2:55
    in maniera ottimistica
    e come processo di guarigione.
  • 2:59 - 3:02
    Questi strati non sono paralleli,
  • 3:02 - 3:07
    perché ci sono molte dimensioni
    che esistono accanto a tutti noi.
  • 3:11 - 3:14
    La pittura è l'espediente
    che riesce a sfidare il tempo.
  • 3:23 - 3:27
    Voglio che chi vede i miei dipinti
    sperimenti questo paradosso
  • 3:27 - 3:29
    in cui si può tornare indietro nel tempo.
  • 3:53 - 3:57
    Penso che la terra ci parli
    quando la osserviamo.
  • 4:01 - 4:04
    Continuo a tornare nel Nuovo Messico
    per riconnettermi con il mio passato.
  • 4:08 - 4:10
    La famiglia di mio padre veniva
    dal Nuovo Messico
  • 4:10 - 4:14
    e mia madre è di San Ysidro,
    in California,
  • 4:14 - 4:16
    ma è nata a Tijuana.
  • 4:19 - 4:24
    Non riesco a esprimere del tutto
    quanta libertà spirituale io senta lì.
  • 4:31 - 4:34
    Dipingo all'aperto, en plein air,
  • 4:34 - 4:38
    e, in un certo senso,
    si tratta di perseverare.
  • 4:43 - 4:48
    Vai in un luogo specifico
    con una certa intenzione,
  • 4:48 - 4:50
    ma poi è la natura a guidarti.
  • 4:54 - 4:56
    Anche il tempo cambia.
  • 4:57 - 5:00
    Non solo costruisco, per così dire,
    queste dimensioni multiple,
  • 5:00 - 5:03
    ma inseguo anche, letteralmente, la luce.
  • 5:21 - 5:27
    Quando dipingo paesaggi mi sento
    come i nostri antenati
  • 5:27 - 5:29
    che facevano pitture rupestri.
  • 5:30 - 5:34
    Qui abbiamo tutti iniziato a pensare
    allo spazio, ma senza dividerlo.
  • 5:43 - 5:46
    La pittura dell'epoca coloniale è arrivata
    negli Stati Uniti
  • 5:46 - 5:50
    con l'intenzione di mostrare
    che la natura doveva essere domata
  • 5:50 - 5:54
    e che bisognava convertire i selvaggi
    e trasformarli in esseri umani.
  • 5:56 - 6:01
    Quello che cerco di fare con il mio lavoro
    è analizzare attentamente ciò che vediamo.
  • 6:03 - 6:05
    Chi abitava quelle terre,
    e chi le abita ancora?
  • 6:09 - 6:12
    Come utilizzare il linguaggio
    della pittura per espandere la nostra idea
  • 6:12 - 6:16
    di dove possiamo immaginare
    lo spazio e il tempo?
  • 6:22 - 6:25
    La pittura paesaggistica può cominciare
    in due dimensioni,
  • 6:25 - 6:29
    ma penso che possa anche estendersi
    a un'intera visione del mondo
  • 6:29 - 6:31
    in cui le persone vengono trattate
    in modo più equo.
  • 7:02 - 7:06
    È pazzesco quante recinzioni
    abbiano aggiunto qui
  • 7:06 - 7:07
    dall'ultima volta, vero mamma?
  • 7:07 - 7:09
    Sì.
  • 7:11 - 7:15
    Per noi era un posto
    dove si poteva correre liberamente,
  • 7:15 - 7:17
    soprattutto per i bambini.
  • 7:19 - 7:22
    Non mi sarei mai aspettata
  • 7:22 - 7:27
    che ciò che consideravo naturale
    e abitudinario sarebbe cambiato.
  • 7:30 - 7:33
    È strano trovarsi qui
    e ridurre questo posto a un'immagine
  • 7:33 - 7:36
    che abbiamo visto molto spesso
    nei mass media.
  • 7:37 - 7:41
    Cosa posso raccontare che non sia solo
    qualcosa che cerca di definirci?
  • 7:44 - 7:49
    Penso che il vantaggio di aver vissuto
    una vita lunga sia sapere
  • 7:49 - 7:51
    che non è permanente.
  • 7:51 - 7:53
    Gia.
  • 7:53 - 7:57
    A un certo punto quella recinzione
    verrà buttata giù,
  • 7:57 - 8:02
    ma devo ricordarmi di questo luogo
  • 8:02 - 8:05
    senza recinti, altrimenti impazzirò.
  • 8:09 - 8:11
    Sai, è molto dura.
  • 8:14 - 8:17
    È dura vedere quelle recinzioni.
  • 8:17 - 8:21
    Sì. Grazie di avermelo raccontato, mamma.
  • 8:23 - 8:26
    Dobbiamo rappresentare anche quelle, però,
  • 8:26 - 8:29
    per poterla superare
    e immaginare qualcosa di più grande.
  • 8:42 - 8:44
    Non sapevamo mai se venissero
    per prendere un caffè...
  • 8:46 - 8:48
    O se si fermassero per la notte.
  • 8:48 - 8:50
    Alcuni dei temi centrali della mia arte
  • 8:50 - 8:54
    riguardano la libertà.
  • 8:59 - 9:01
    La libertà di esprimersi per davvero
  • 9:01 - 9:04
    e di esprimere il proprio rapporto
    con lo spazio intorno a sé.
  • 9:06 - 9:10
    E anche la giustizia,
    come rendere giustizia al passato?
  • 9:12 - 9:13
    E, credo, anche la gioia.
  • 9:33 - 9:35
    Ho cominciato a parlare
    solo a cinque anni,
  • 9:35 - 9:39
    quindi dipingere era il mio modo
    di comunicare con gli altri.
  • 9:42 - 9:44
    Non dovevo spiegarmi a parole.
  • 9:48 - 9:52
    Dipingere è sempre stato il mio metodo
    per tornare indietro nel tempo,
  • 9:52 - 9:54
    in quella modalità
    di quando avevo cinque anni,
  • 9:54 - 9:57
    in cui ci sono solo le emozioni.
  • 10:01 - 10:02
    Non ci sono parole per esprimerle.
Title:
Esteban Cabeza de Baca's Time Travels | Art21 "New York Close Up"
Description:

more » « less
Video Language:
English
Team:
Art21
Project:
"New York Close Up" series
Duration:
10:14

Italian subtitles

Revisions Compare revisions