Return to Video

Rifugiati e migranti: intervista a Foni Joyce

  • 0:03 - 0:07
    Foni Joyce è una rifugiata
    del Sudan del Sud.
  • 0:07 - 0:09
    Foni, grazie di essere qui con noi.
  • 0:09 - 0:12
    Le Nazioni Unite hanno stimato
    che c'erano
  • 0:12 - 0:16
    20 milioni di rifugiati in tutto il mondo
    alla fine dell'anno scorso.
  • 0:16 - 0:19
    Sentiamo spesso queste statistiche
    a livello macro
  • 0:19 - 0:21
    ma sono le storie più personali
  • 0:21 - 0:24
    che possono riecheggiare e apportare
    consapevolezza e cambiamento.
  • 0:24 - 0:26
    Puoi dirci di più
  • 0:26 - 0:28
    sulla tua esperienza
    come rifugiata?
  • 0:28 - 0:30
    Grazie mille.
  • 0:30 - 0:32
    Come hai detto, mi chiamo Foni Joyce.
  • 0:32 - 0:36
    Sono nata in Sudan ma sono originaria
    del Sudan del Sud.
  • 0:37 - 0:40
    I miei genitori lasciarono
    il nostro paese nel 1991
  • 0:40 - 0:44
    a causa della guerra
    e dovettero camminare a lungo
  • 0:44 - 0:47
    dal Sudan del Sud
    fino in Uganda
  • 0:47 - 0:49
    prima di arrivare in Kenya
  • 0:49 - 0:51
    ed è stata una di quelle esperienze
  • 0:51 - 0:53
    in cui correvi davvero
    per salvarti la vita,
  • 0:53 - 0:55
    perché mio padre era un giornalista,
  • 0:55 - 0:58
    e c'erano persone
    che lo perseguitavano
  • 0:58 - 1:00
    perché credevano
    che fosse un informatore
  • 1:00 - 1:02
    e dovette letteralmente
  • 1:02 - 1:07
    camminare a lungo solo per sopravvivere,
  • 1:07 - 1:11
    assicurarsi che la famiglia fosse salva,
    e finì a Nairobi,
  • 1:11 - 1:14
    dove ci troviamo attualmente,
    coi miei fratelli e mia madre.
  • 1:17 - 1:20
    Parliamo prima dell'Assemblea
    Generale dell'ONU,
  • 1:20 - 1:22
    riunione plenaria di alto livello
  • 1:22 - 1:25
    sull'affrontare grandi movimenti
    di rifugiati e migranti,
  • 1:25 - 1:27
    che si terrà il 19 settembre 2016.
  • 1:27 - 1:30
    Farà da forum chiave
    per gli stati membri
  • 1:30 - 1:32
    per definire un piano
    per far fronte
  • 1:32 - 1:34
    ai bisogni umanitari immediati
    e di sviluppo
  • 1:34 - 1:35
    a lungo termine dei rifugiati.
  • 1:35 - 1:38
    Come può l'esito di questo summit
  • 1:38 - 1:40
    fare la differenza per persone
    come te e la tua famiglia?
  • 1:41 - 1:43
    L'esito di questo summit
  • 1:43 - 1:44
    gioca un ruolo vitale,
  • 1:44 - 1:49
    perché verranno fissate policy
    e le policy che verranno fissate
  • 1:49 - 1:52
    influenzeranno la mia vita,
    quella dei miei fratelli
  • 1:52 - 1:55
    e quella di altri rifugiati
    in modo positivo,
  • 1:55 - 1:57
    perché se vengono fissate policy
  • 1:57 - 2:01
    sull'istruzione, i servizi sociali,
  • 2:02 - 2:05
    i permessi di lavoro e così via,
  • 2:05 - 2:08
    si consente a noi come rifugiati
    di diventare operatori umanitari
  • 2:08 - 2:09
    nel nostro spazio.
  • 2:09 - 2:12
    Ci dà la capacità
    di sentirci legittimati
  • 2:12 - 2:14
    e l'essere legittimati
  • 2:14 - 2:16
    conduce automaticamente
  • 2:17 - 2:21
    a renderci costruttori
    di pace per un paese,
  • 2:21 - 2:25
    quindi, se dal summit emerge
    un processo decisionale positivo,
  • 2:25 - 2:28
    ha sicuramente un forte impatto
    sulle nostre vite.
  • 2:30 - 2:34
    Sei stata anche coinvolta in consultazioni
    globali di giovani rifugiati.
  • 2:35 - 2:36
    Che linguaggio speri di vedere
  • 2:36 - 2:39
    nel documento finale previsto del summit,
  • 2:39 - 2:41
    il Global Compact sui rifugiati,
  • 2:41 - 2:43
    per assicurare che i contributi speciali
    dei giovani
  • 2:43 - 2:45
    siano rappresentati in questo processo?
  • 2:46 - 2:50
    Spero di vedere più opportunità
    per i giovani,
  • 2:51 - 2:54
    più opportunità per loro
    di esporre le loro idee,
  • 2:54 - 2:57
    più opportunità per loro
  • 2:57 - 2:59
    di assumere ruoli e capacità
    di leadership,
  • 2:59 - 3:02
    perché credo che se gli viene data
    l'opportunità,
  • 3:02 - 3:05
    diventano sicuramente dei leader,
  • 3:05 - 3:08
    diventano il cambiamento
    che vogliamo vedere.
  • 3:08 - 3:12
    Da questo, l'intero summit
    globale e tutto il resto,
  • 3:12 - 3:17
    spero di vedere più opportunità
    di istruzione per loro,
  • 3:17 - 3:19
    conoscenze di sviluppo delle capacità
    per loro
  • 3:19 - 3:22
    e che diventino più illuminati
  • 3:22 - 3:25
    e più attivi in quello che fanno.
  • 3:25 - 3:31
    Così cambia le loro vite
    e diventano persone migliori
  • 3:31 - 3:33
    che guideranno
    le generazioni future.
  • 3:34 - 3:37
    Hai parlato di costruzione della pace.
  • 3:37 - 3:40
    I giovani sono spesso considerati
    una minaccia da molti.
  • 3:40 - 3:44
    Cosa pensi aiuterebbe ad assicurare
    che i giovani
  • 3:44 - 3:46
    possano essere leader
    nella costruzione della pace?
  • 3:46 - 3:49
    I giovani posso essere leader
    nella costruzione della pace
  • 3:49 - 3:51
    se viene data loro l'opportunità.
  • 3:51 - 3:53
    Se sono legittimati,
    se sono guidati.
  • 3:54 - 3:56
    I giovani hanno potenziale inespresso
  • 3:56 - 4:00
    e se vengono ignorati,
    se nessuno presta loro attenzione,
  • 4:00 - 4:04
    qualunque cosa o persona
  • 4:04 - 4:06
    che presta loro attenzione,
    li distrae.
  • 4:07 - 4:09
    Ma se prestiamo attenzione
    alle abilità che hanno,
  • 4:09 - 4:12
    se investiamo nelle abilità
    che i giovani hanno,
  • 4:12 - 4:14
    diventano sicuramente
    costruttori di pace.
  • 4:14 - 4:18
    Se li ignoriamo
    e li riteniamo attori passivi,
  • 4:18 - 4:20
    non avrà molta importanza,
  • 4:20 - 4:22
    perché sentiranno
    che nessuno presta loro attenzione.
  • 4:22 - 4:24
    Ma se ci prendiamo del tempo
  • 4:24 - 4:26
    e diamo loro l'attenzione che vogliono,
  • 4:26 - 4:27
    se li ascoltiamo,
  • 4:27 - 4:30
    se li guidiamo,
    se costruiamo le loro abilità,
  • 4:30 - 4:33
    se cammiamo con loro,
  • 4:33 - 4:35
    guidandoli in cose diverse,
  • 4:35 - 4:38
    in spazi diversi,
    allora vedranno la necessità
  • 4:38 - 4:40
    di usare il potenziale che hanno
  • 4:40 - 4:42
    e finiranno per diventare
    costruttori di pace.
  • 4:43 - 4:46
    Bene, grazie mille per essere venuta
    e aver condiviso la tua storia.
  • 4:46 - 4:48
    È stato un privilegio.
    Grazie a te.
  • 4:48 - 4:50
    Grazie
    Foni Joyce
Title:
Rifugiati e migranti: intervista a Foni Joyce
Video Language:
English
Team:
Amplifying Voices
Project:
Refugee Crisis and Solutions
Duration:
04:58

Italian subtitles

Revisions Compare revisions