Return to Video

vimeo.com/.../436612411

  • 0:01 - 0:06
    Mi chiamo Jeff Moyer e ho 71 anni.
    Sono difensore dei diritti dei disabili,
  • 0:06 - 0:10
    scrittore e musicista. Ho a che fare
    con l'ADA da prima della sua fondazione
  • 0:10 - 0:14
    quando stavamo lavorando per dare vita
  • 0:14 - 0:21
    ai diritti dei disabili
    mediante i 504 regolamenti
  • 0:21 - 0:28
    che vennero firmati nel 1977
    dopo un sit-in di 26 giorni
  • 0:28 - 0:32
    al palazzo federale di San Francisco.
    Ero un musicista in quel periodo,
  • 0:32 - 0:35
    anche se non vissi lá
    come quegli eroi.
  • 0:35 - 0:41
    Arrivai e andai. Avevo un figlio piccolo.
    Il mio coinvolgimento con l'ADA iniziò
  • 0:41 - 0:49
    quando ascoltai Justin Dart nel 1988.
    Rimasi affascinato dal suo discorso
  • 0:49 - 0:53
    e da quel messaggio unificatore.
    Mi presentai e gli chiesi
  • 0:53 - 0:58
    se potevo registrare il suo discorso;
    accettò e fu cosi che iniziò
  • 0:58 - 1:04
    la nostra amicizia che mi portò
    a esibirmi con la mia canzone,
  • 1:04 - 1:10
    l'inno all'ADA, al senato degli USA
    durante il ricevimento serale dopo
  • 1:10 - 1:14
    la firma dell'ADA alla Casa Bianca
    quella mattina.
  • 1:14 - 1:20
    In seguito divenni membro
    della rete di implementazione dell'ADA
  • 1:20 - 1:25
    e lavorai come volontario con persone
    da tutto il paese. Aiutavo a far si
  • 1:25 - 1:31
    che i diritti creati dall'ADA
    si realizzassero nelle loro vite.
  • 1:34 - 1:40
    La mia cecità iniziò nell'estate del 1954,
    due settimane prima che mio fratello
  • 1:40 - 1:45
    nascesse con una grave
    disabilità cognitiva e credo che
  • 1:45 - 1:53
    iniziai a sentirmi escluso quando ero
    alle elementari, volevo leggere
  • 1:53 - 1:59
    ma i materiali non erano accessibli
  • 2:00 - 2:04
    e la mia insegnante doveva riscrivere
    tutto quello che scriveva alla lavagna
  • 2:04 - 2:08
    e consegnarmelo separatamente.
    Quella fu la prima volta in cui capii
  • 2:08 - 2:12
    cos'era un bisogno e l'intervento umano
    che veniva incontro alle mie esigenze.
  • 2:12 - 2:18
    Per mio fratello non fu cosi semplice;
    egli fu vittima di atti di delinquenza
  • 2:18 - 2:25
    e maltrattamenti da parte di altri bambini
    e nessuna scuola
  • 2:25 - 2:29
    voleva accettarlo, nemmeno gli istituti
    per ragazzi con disabilità.
  • 2:29 - 2:34
    Come risultato, venne internato
    quando aveva 9 anni
  • 2:35 - 2:41
    e quel fatto aprì un capitolo
    nella mia vita sul comprendere
  • 2:41 - 2:48
    i bisogni delle persone
    con disabilità cognitiva
  • 2:48 - 2:54
    e grazie alla sentenza della Corte Suprema
    come parte dell'ADA l'internamento venne
  • 2:54 - 2:58
    considerato violazione dei diritti civili.
    È una lunga storia.
  • 2:59 - 3:10
    L'ADA è stata un'invenzione meravigliosa,
    tuttavia nella sua costituzione
  • 3:10 - 3:16
    il senato prese la decisione
    di non includere la cecità, perció
  • 3:16 - 3:25
    sebbene ad ogni incrocio nel paese
    ci fossero apposite rampe, la segnaletica
  • 3:25 - 3:32
    per persone non vedenti era opzionale
    e questo putroppo lo so per esperienza.
  • 3:32 - 3:38
    Una mia cara amica che ora non c'è più
  • 3:38 - 3:43
    prese parte all'intero processo
    a Washington. Si chiamava Mary Jane Owen.
  • 3:43 - 3:51
    L'ADA rappresenta una grande speranza,
    ma puó diventare realtá solo
  • 3:51 - 4:01
    attraverso le azioni individuali,
    quando le persone la appoggiano
  • 4:01 - 4:05
    e si assicurano che, caso per caso,
    venga applicata.
  • 4:06 - 4:12
    Venni invitato alla Casa Bianca
    per la cerimonia della firma
  • 4:12 - 4:16
    e arrivai in anticipo solo perchè il mio
    aereo atterrò prima e potei sedermi
  • 4:16 - 4:21
    tra il pubblico in prima fila.
    C'era una sezione per il congresso,
  • 4:21 - 4:24
    un'altra per l'amministrazione e infine
    una per il pubblico.
  • 4:24 - 4:28
    Quando il presidente uscì passando per
    la piattaforma appositamente costruita
  • 4:28 - 4:32
    in modo da poter essere visto dal pubblico
  • 4:32 - 4:36
    ovviamente tutti si alzarono e
    iniziarono ad applaudire
  • 4:36 - 4:41
    e a quel punto qualcuno urlò
    'Non riusciamo a vedere, sedetevi!'
  • 4:41 - 4:47
    Il senatore Kennedy era seduto giusto
    di fronte a me
  • 4:47 - 4:50
    e la donna che conobbi, che era
    di fianco a me, disse che
  • 4:50 - 4:56
    egli si guardò intorno e capì
    che stavano bloccando
  • 4:56 - 5:00
    la visuale alle persone in carrozzina.
    Ci fu quindi questo momento di
  • 5:00 - 5:04
    collisione tra protocollo e accessibilità.
  • 5:05 - 5:11
    La gente ovviamente si sedette.
    Quella fu la prima volta, dalla firma
  • 5:11 - 5:17
    dell'ADA, che si capì il concetto di
    accessibilità grazie all'azione personale.
  • 5:20 - 5:27
    Credo che questo sia un momento difficile
    per attuare qualcosa di nuovo
  • 5:27 - 5:31
    nell'ambito dei diritti per i disabili,
    dal momento che il nostro paese sta
  • 5:31 - 5:37
    lottando con la crisi economica
    a seguito del Coronavirus.
  • 5:37 - 5:43
    Credo che dovremo lavorare duramente
  • 5:43 - 5:48
    solo per mantenere quello che abbiamo
    ottenuto fin'ora.
  • 5:48 - 5:55
    Se dovessi scegliere qualcosa che vorrei
    in termini di accessibilità, sarebbe
  • 5:55 - 6:01
    riaprire le pagine dell'ADA
    per includere l'accesso alle informazioni
  • 6:01 - 6:07
    e orientamento; con questo voglio dire
    che se puoi camminare ma sei cieco o
  • 6:07 - 6:14
    non puoi leggere perchè hai
    disabilità cognitiva,
  • 6:14 - 6:19
    semplici cose come attraversamenti
    per i pedoni, i numeri sui bus,
  • 6:19 - 6:25
    i cartelli negli edifici sono difficili,
    impossibili da leggere se sei cieco
  • 6:25 - 6:34
    o non puoi leggere. Questa tecnologia
    si chiama 'segnali parlanti'
  • 6:34 - 6:40
    e c'eravamo molto vicini. Tutto questo
    non è un requisito dell'ADA,
  • 6:40 - 6:47
    per vederlo realizzato come parte
    dell'accessibilità.
  • 6:47 - 6:51
    Tuttavia, i repubblicani bloccarono
    il progetto di legge perchè non volevano
  • 6:51 - 6:55
    che Obama ottenesse vittorie e noi avevamo
    una modifica prioritaria in questo senso,
  • 6:55 - 6:59
    che avrebbe convertito Washington DC nella
    prima città accessibile ai non vedenti.
  • 6:59 - 7:03
    Quando questo stava per accadere,
    dopo 10 anni di sforzi per arrivare,
  • 7:03 - 7:07
    a quel punto, la piccola impresa fallì.
    Io ero stato volontario per 10 anni
  • 7:07 - 7:12
    e questa fu una sconfitta schiacciante
    per questo tipo di servizi.
  • 7:12 - 7:18
    Sicuramente esistono vari tipi di aiuto
    attraverso il cellulare se sei capace
  • 7:18 - 7:24
    di usarli, ma molti non possono accedervi
    o non possono permetterselo.
  • 7:24 - 7:30
    Ciò significa che l'accessibilità
    è qualcosa che richiede denaro
  • 7:30 - 7:36
    e ciò che l'ADA disse chiaramente
    è che la responsabilità per facilitare
  • 7:36 - 7:43
    l'accesso ricade sul governo.
  • 7:43 - 7:49
    Le persone hanno disabilità.
    le situazioni creano handicap.
  • 7:49 - 7:54
    Credo che l'ADA diede la possibilità
    a molte persone di poter avere un lavoro.
  • 7:54 - 7:59
    Di fatto abbiamo perso terreno
    da quando l'ADA venne approvata,
  • 7:59 - 8:05
    perchè la gente si rifugiò in essa
    sperando di essere assunta.
  • 8:05 - 8:09
    Dobbiamo migliorare parecchio in termini
    di uguaglianza nel lavoro e anche
  • 8:09 - 8:15
    nell'accesso all'orientamento
    e informazione.
  • 8:15 - 8:19
    L'ADA, ho appena ascoltato Robert Moses
    che è uno dei grandi eroi del movimento
  • 8:19 - 8:26
    per i diritti civili, l'estate della
    libertá del 1964, e lui dice che il
  • 8:26 - 8:31
    Civil Act del 1964 e il Voting Rights Act
    del 1965 sono idee, ma devono ancora
  • 8:31 - 8:37
    essere pienamente realizzate.
  • 8:37 - 8:45
    L'ADA è un'idea, è un concetto, un grande
    traguardo, ma per vederlo pienamente
  • 8:45 - 8:53
    realizzato nelle nostre vite ha bisogno
    di accessibilità e tale decisione
  • 8:53 - 8:59
    dirige l'attenzione a quella che credo
    sia la necessità più estrema che abbiamo.
  • 8:59 - 9:06
    Si tratta di una sistemazione sicura per
    persone con disabilità cognitive.
  • 9:06 - 9:11
    Le istituzioni ancora esistono e anche
    nella comunità servono sostenitori che
  • 9:11 - 9:17
    si assicurino che le persone possano
    vivere in un ambiente sicuro e accogliente
  • 9:17 - 9:23
    incluso nelle loro case. Vidi questo
    quando mio fratello morì
  • 9:23 - 9:28
    di cancro ai polmoni per la sua
    dipendenza dalle sigarette dov'era
  • 9:28 - 9:34
    stato internato da bambino.
  • 9:34 - 9:37
    Ma anche nei suoi ultimi giorni
    ci sono stati crudeltà e violenza
  • 9:37 - 9:43
    nella casa, che era ciò da cui
    volevamo proteggerlo quando
  • 9:43 - 9:48
    lo spostammo dall'istituto a una
    residenza assistita.
  • 9:48 - 9:51
    La maggiore necessità era la
    necessità della minoranza.
  • 9:51 - 9:53
    Di nuovo, dobbiamo ascoltare il cuore,
    capire cos'è giusto e trovare la strada
  • 9:53 - 9:59
    giusta per dare voce ai i nostri diritti.
  • 9:59 - 10:04
    ADA, IDEA, 504, Voting Rights Act,
    l'emendamento al Fair Housing Act.
  • 10:04 - 10:08
    Ci sono molte leggi che ci proteggono,
    ma ognuna di esse necessita di
  • 10:08 - 10:14
    pianificazione individuale e alleati che
    le difendano. A voi tutti sostenitori,
  • 10:14 - 10:22
    a voi giovani che state leggendo
    o guardando questo, il testimone è
  • 10:22 - 10:27
    stato passato ed è importante che le
    nuove generazioni subentrino e
  • 10:27 - 10:32
    continuino con i nostri amati e difficili
    da ottenere diritti per i disabili,
  • 10:32 - 10:40
    che sono i nostri diritti civili.
  • 10:40 - 10:45
    Spero che la gente possa pensare
    in un'ottica più ampia su quello di cui
  • 10:45 - 10:50
    abbiamo bisogno come comunità e
    spingere tutti nella stessa direzione
  • 10:50 - 10:55
    per una causa comune a favore di una
    minoranza nella comunità, ma tutti ne
  • 10:55 - 10:59
    trarremo beneficio quando otterremo
    l'accessibilità.
  • 10:59 - 11:03
    Ho messo musica a sostegno della firma
    dell'ADA, in occasione del suo decimo
  • 11:03 - 11:08
    anniversario.
  • 11:08 - 11:14
    Nel tempo ho capito il potere
    della musica.
  • 11:14 - 11:18
    Può comunicare con l'intera comunità.
    Fa uscire il sostenitore che è in noi e
  • 11:18 - 11:25
    ci unisce. La vedova di Martin Luther
    King Jr disse il giorno
  • 11:25 - 11:30
    del servizio nazionale, il giorno
    di Martin Luther King, che dobbiamo
  • 11:30 - 11:35
    prendere parte al movimento a favore
    dei diritti civili del '60 e del movimento
  • 11:35 - 11:39
    per i diritti dei disabili degli anni '70.
    Fu la musica che ci unì in comunità
  • 11:39 - 11:41
    perchè cantammo uniti e spero che
    la musica non vada mai persa come
  • 11:41 - 11:48
    strumento di unione.
    Se c'è una cosa di cui abbiamo bisogno ora
  • 11:48 - 11:52
    è sapere che siamo vicini alle persone con
    discapacità,
  • 11:52 - 11:56
    che tutti condividiamo le stesse storie in
    modi diversi di discriminazione
  • 11:56 - 12:01
    ed esclusione e i nostri diritti
    sono protetti dalle stesse leggi.
  • 12:01 - 12:06
    Spero che la cultura continui a tenerci
    uniti e ci dia voce attraverso mille modi
  • 12:06 - 12:12
    così che la gente possa esprimere
    la verità e la speranza.
  • 12:12 - 12:17
    La speranza è ciò di cui abbiamo
    più bisogno adesso e quello che
  • 12:17 - 12:20
    l'ADA ci ha dato è stato un
    grande segnale di speranza.
  • 12:20 - 12:25
  • 12:25 - 12:30
  • 12:30 - 12:34
  • 12:34 - 12:40
  • 12:40 - 12:46
Title:
vimeo.com/.../436612411
Video Language:
English
Team:
ABILITY Magazine
Duration:
13:20

Italian subtitles

Incomplete

Revízie Compare revisions