YouTube

Got a YouTube account?

New: enable viewer-created translations and captions on your YouTube channel!

Italian subtitles

← Un inno ai capelli naturali

Get Embed Code
29 Languages

Showing Revision 9 created 08/27/2019 by Anna Cristiana Minoli.

  1. Io sono del South Side di Chicago,
  2. e alle medie avevo
    un'amica del cuore, Jenny,
  3. che viveva nel Southwest Side
    di Chicago.
  4. Jenny era bianca,
  5. e se sapete qualcosa
    della segregazione razziale a Chicago,
  6. sapete anche che non ci sono
    molte persone di colore
  7. che vivono nel Southwest Side di Chicago.
  8. Ma Jenny era mia amica
  9. e quindi uscivamo spesso insieme
    dopo scuola e nei weekend.
  10. E un giorno eravamo
    nel suo soggiorno,
  11. parlando di cose da tredicenni,
  12. e la sorellina di Jenny, Rosie,
    era nella stanza con noi
  13. ed era seduta dietro di me
    giocherellando con i miei capelli,
  14. e non stavo facendo caso
    a quello che stava facendo.
  15. Ma ad un certo punto della conversazione,
  16. Rosie mi toccò sulla spalla.
  17. Disse: "Posso farti una domanda?"
  18. Risposi: "Certo, Rosie".

  19. "Sei nera?"

  20. (Risate)

  21. Imbarazzo totale.

  22. Silenzio.
  23. La mamma di Jenny e Rosie
    non era molto lontana.
  24. Era in cucina e aveva sentito
    la conversazione,
  25. ed era mortificata.
  26. Disse. "Rosie! Non puoi
    fare domande del genere."
  27. Jenny era un'amica
    e so che era davvero imbarazzata.
  28. Ero dispiaciuta per lei,
    ma non mi sentivo offesa.
  29. Capii che non era colpa di Rosie
    se dopo solo 10 anni su questa terra,
  30. vissuti nel Southwest Side di Chicago,
  31. non fosse sicura al 100%
    di come fosse una persona di colore.
  32. Mi sembra giusto.
  33. Ma quello che mi sorprese fu
  34. che in tutto il tempo che avevo trascorso
    con la famiglia di Jenny e Rosie --
  35. uscendo con loro,
  36. giocando con loro,
  37. interagendo addirittura fisicamente
    con loro --
  38. fu solo quando Rosie
    mise le sue mani tra i miei capelli
  39. che pensò di chiedermi se fossi nera.
  40. Fu la prima volta che capii
  41. quale fosse il ruolo dei miei capelli
    e quanto determinassero la mia etnia,
  42. e quanto giocassero un ruolo chiave
    nel modo in cui la società mi guarda.
  43. Garrett A. Morgan
    e Madame CJ Walker sono stati pionieri

  44. dell'industria dei prodotti
    per capelli afro nel primo '900.
  45. Sono famosi per aver inventato
    creme chimiche per capelli
  46. e strumenti per lisciarli
  47. pensati per alterare in modo permanente,
    o semipermanente,
  48. la consistenza dei capelli afro.
  49. Spesso quando pensiamo alla storia
    degli Afroamericani,
  50. pensiamo alle atrocità
  51. e alle molte ingiustizie
    che abbiamo sofferto
  52. in quanto persone di colore,
  53. a causa del colore della nostra pelle,
  54. quando in realtà, dopo la Guerra Civile,
  55. erano proprio i capelli
    di uomini e donne afroamericani
  56. la "caratteristica determinante"
    dello status di Negro,
  57. ancor più del colore della pelle.
  58. Quindi prima ancora di essere alla base
  59. dell'industria multimiliardaria
    dei prodotti per capelli,
  60. la nostra dipendenza
    per strumenti e prodotti,
  61. come la crema lisciante
    e il pettine a vapore,
  62. era più una questione di sopravvivenza
    e progresso in quanto razza
  63. nell'America post-schiavista.
  64. Negli anni,
    ci siamo abituati all'equazione:

  65. capelli più lisci e più lunghi
    uguale meglio e più bello.
  66. Siamo culturalmente ossessionati
  67. da quest'idea di avere
    quello che ci piace chiamare...
  68. "bei capelli".
  69. Ciò significa essenzialmente:
  70. più morbido il riccio,
    migliori i capelli.
  71. Abbiamo permesso
    che queste idee istituzionalizzate
  72. formassero un falso senso di gerarchia
  73. che avrebbe determinato quali fossero
    considerati bei capelli
  74. e quali no.
  75. Quel che è peggio
  76. è che abbiamo lasciato
    che queste false ideologie
  77. attaccassero la nostra percezione
    di noi stessi,
  78. e continuano a contagiare
    la nostra identità culturale
  79. di donne afroamericane anche oggi.
  80. Quindi cosa abbiamo fatto?

  81. Siamo andate dal parrucchiere
    ogni sei o otto settimane,
  82. senza eccezioni,
  83. per sottoporre i nostri scalpi
    a liscianti chimici aggressivi
  84. iniziando molto presto --
  85. a volte a otto, a 10 anni --
  86. con conseguenti perdita di capelli,
  87. alopecia,
  88. a volte addirittura
    bruciature allo scalpo.
  89. Sottoponiamo i nostri capelli
    a 230°C o anche più,
  90. quasi quotidianamente,
  91. per mantenere il look liscio.
  92. O copriamo i nostri capelli
    con parrucche ed extension,
  93. e lasciamo respirare le nostre radici
    solo in privato
  94. e nessuno sa
    quello che succede davvero lì sotto.
  95. Abbiamo adottato queste pratiche
    nelle nostre stesse comunità,

  96. quindi non ci si può meravigliare
    del perché la tipica immagine
  97. di una donna nera in carriera,
  98. specialmente nell'America aziendale
  99. sia più o meno così,
  100. piuttosto che così.
  101. E di sicuro non è così.
  102. Lo scorso settembre,

  103. una corte federale ha giudicato legale
  104. la possibilità per un'azienda
    di scegliere
  105. se assumere una persona o meno
  106. a seconda che questa abbia,
    oppure no, i dreadlock.
  107. Nel caso specifico,
  108. il responsabile assunzioni
    per Mobile, Alabama
  109. è stato registrato mentre diceva:
  110. "Non dico che siano in disordine,
  111. ma...
  112. sai di cosa parlo."
  113. Be', di cosa stava parlando?
  114. Pensava che fossero brutti?
  115. O forse erano un po' troppo
    Afrocentrici
  116. e pro-look-nero per i suoi gusti.
  117. O forse non si tratta di Afrocentrismo,
  118. e solo che è un po' troppo "urbano"
  119. per l'ambiente professionale.
  120. Forse aveva un dubbio genuino
    che facessero "paura"
  121. e che avrebbero intimidito i clienti.
  122. Tutte queste parole
    sono troppo spesso associate
  123. al pregiudizio legato
    alle acconciature naturali.
  124. E questo...
  125. Questo deve cambiare.
  126. Nel 2013, un documento ufficiale

  127. pubblicato dal Deloitte Center
    for Leadership and Inclusion,
  128. ha studiato 3000 persone
    con ruoli di alto dirigente esecutivo
  129. sulla copertura di posti di lavoro
  130. basata su aspetto, sostegno,
    affiliazioni e interessi.
  131. Quando si pensa alla copertura
    basata sull'aspetto,
  132. lo studio ha rivelato
  133. che il 67% delle donne
    di colore è assunto
  134. in base al suo aspetto.
  135. Nel totale dei partecipanti che hanno
    ammesso di basarsi sull'aspetto
  136. l'82% ha definito relativamente
    o molto importante
  137. per loro fare così
    per il loro avanzamento professionale.
  138. Questa è Ursula Burns.

  139. La prima donna Afroamericana, AD
    di un'azienda nella Fortune 500 --
  140. Xerox.
  141. È nota per il suo look,
  142. quello che vedete qui.
  143. Cappelli afro corti,
    ben tagliati e ben curati.
  144. Ursula Burns è quella
    che ci piace chiamare
  145. una "ragazza naturale".
  146. E sta aprendo la strada
    e mostrando cosa possono fare
  147. le donne afroamericane
    che vogliono fare carriera
  148. ma che vogliono mantenere
    un'acconciatura naturale.
  149. Ma oggi, gran parte
    delle donne Afroamericane

  150. quelle che consideriamo leader,
    icone e modelli,
  151. scelgono un look liscio.
  152. Adesso,
  153. forse è perché lo vogliono --
  154. è davvero così
    che si sentono al meglio --
  155. ma forse --
  156. e ci scommetto --
  157. una parte di loro
    si è sentita obbligata a farlo
  158. per raggiungere il successo
    a cui sono arrivate.
  159. C'è un movimento per i capelli naturali
    che sta dilagando qui

  160. e anche in alcune parti d'Europa.
  161. Milioni di donne provano
    quello che significa
  162. ritrovare i propri capelli
  163. e tagliano anni e anni
    di punte secche e rovinate
  164. per ritornare al riccio naturale.
  165. Lo so perché sono stata sostenitrice
    e ambasciatrice di questo movimento
  166. per circa tre anni ormai.
  167. Dopo 27 anni di calore eccessivo
    e sostanze chimiche aggressive,
  168. i miei capelli iniziavano a mostrare
    gravi segni di usura.
  169. Si spezzavano,
  170. si assottigliavano,
  171. apparivano estremamente
    secchi e fragili.
  172. Tutti quegli anni passati a inseguire
    quell'idea di bellezza convenzionale
  173. che abbiamo visto prima
  174. iniziavano a costare caro.
  175. Volevo fare qualcosa al riguardo,
  176. e ho iniziato quella che ho chiamato
    la "No Heat Challenge",
  177. astenendomi dall'usare
    la piastra sui capelli
  178. per sei mesi.
  179. E da brava millennial,
  180. l'ho documentato sui social media.
  181. (Risate)

  182. Come quando mi sono tagliata
    a malincuore

  183. dai sette ai 10 cm dei miei amati capelli.
  184. Quando non riuscivo a padroneggiare
    queste acconciature naturali,
  185. e quando ho avuto difficoltà
    ad accettarle
  186. e a pensare che fossero belle.
  187. Ho mostrato come la consistenza
    dei miei capelli iniziasse a cambiare.
  188. Condividendo il mio percorso
    apertamente,

  189. ho scoperto che non ero sola
  190. e che c'erano migliaia e migliaia
    di altre donne
  191. che desideravano fare lo stesso.
  192. Mi contattavano e mi dicevano,
  193. "Cheyenne, come hai realizzato
    quell'acconciatura naturale
  194. che ho visto l'altro giorno?
  195. Quali prodotti hai iniziato a usare
  196. che potrebbero andar bene
    per i miei capelli
  197. quando cominciano a cambiare?"
  198. Oppure: "Quali sono alcune
    delle abitudini
  199. che dovrei adottare
    per tornare ad avere dei capelli sani?"
  200. Ma ho scoperto
    che c'erano anche molte donne
  201. che esitavano a fare il primo passo
  202. perché erano paralizzate dalla paura.
  203. Paura dell'ignoto --
  204. Come diventerebbero?
  205. Come si sentirebbero
    con queste acconciature naturali?
  206. E cosa ancora più importante per loro,
  207. come le vedrebbero gli altri?
  208. Negli ultimi tre anni

  209. di conversazioni con molte mie amiche
  210. e con perfetti estranei
    da ogni parte del mondo,
  211. ho scoperto alcune cose
    molto importanti
  212. sul come le donne Afroamericane
    si identifichino con i loro capelli.
  213. E quando ripenso
  214. a quel responsabile delle assunzioni
    di Mobile, Alabama,
  215. direi: "In realtà, no.
  216. Non sappiamo di cosa stai parlando."
  217. Ma ecco alcune cose che sappiamo.
  218. Sappiamo che quando le donne di colore
    accettano e amano i loro capelli naturali,
  219. questo aiuta a cambiare
    anni di idee
  220. che nero allo stato naturale
    non è bello,
  221. o deve essere nascosto o coperto.
  222. Sappiamo che le donne di colore
    esprimono la loro individualità
  223. e si sentono più forti
  224. quando cambiano regolarmente
    pettinatura.
  225. E sappiamo anche
  226. che quando ci invitano ad avere
    i nostri capelli naturali al lavoro,
  227. questo rinforza la nostra unicità
  228. e ci aiuta a realizzarci e ad avanzare
    in campo professionale.
  229. Vi lascio così.

  230. In un momento di tensione
    razziale e sociale,
  231. fare parte di questo movimento
  232. o altri similari
  233. ci aiuta a innalzarci
    sopra i confini dello status quo.
  234. Quindi quando vedete una donna
    con le trecce e i dred lungo la schiena,
  235. o notate una collega
  236. che ha smesso di lisciarsi i capelli
    per venire al lavoro,
  237. non limitatevi ad avvicinarvi,
    ad ammirarla
  238. e a chiederle se potete toccarli --
  239. (Risate)

  240. Apprezzatela davvero.

  241. Lodatela.
  242. Cavolo, battetele il cinque
    se è quello che vi sentite di fare.
  243. Perché questo --
  244. questo è più di un'acconciatura.
  245. Si tratta di amor proprio e autostima.
  246. Si tratta di essere abbastanza coraggiose
  247. da non restare imprigionate
    nelle aspettative degli altri.
  248. E sapere che decidere
    di allontanarsi dalla norma
  249. non definisce chi siamo,
  250. ma semplicemente rivela chi siamo.
  251. E in ultimo,

  252. essere coraggiosi è più facile
  253. se possiamo contare
    sulla compassione del prossimo.
  254. Quindi d'ora in poi,
  255. spero che potremo contare su di voi.
  256. Grazie.

  257. (Applausi)