Italian subtitles

← La storia della plastica in breve

Get Embed Code
32 Languages

Showing Revision 12 created 10/22/2020 by Michele Gianella.

  1. Oggi, la plastica è ovunque.
  2. Tutta questa plastica
    deriva da un piccolo oggetto
  3. che non è neanche fatto di plastica.
  4. Per secoli, le palle da biliardo
    sono state fatte di avorio,

  5. ricavato dalle zanne di elefante.
  6. Ma quando, a causa della caccia eccessiva,
  7. il numero di elefanti
    diminuì, nel XIX secolo,
  8. i produttori di palle da biliardo
    iniziarono a cercare delle alternative,
  9. offrendo ingenti ricompense.
  10. Così, nel 1863 John Wesley Hyatt,
    un americano, accettò la sfida.
  11. Nel corso dei cinque anni successivi,
    inventò un nuovo materiale, la celluloide,
  12. ottenuto dalla cellulosa,
  13. un composto che si trova
    nel legno e nella paglia.
  14. Ben presto, Hyatt scoprì che la celluloide
    non era la soluzione al problema:

  15. il materiale non era abbastanza pesante
    e non rimbalzava nel modo giusto.
  16. Ma poteva essere colorato e decorato
  17. per imitare dei materiali più costosi,
  18. come il corallo, il guscio di tartaruga,
    l'ambra e la madreperla.
  19. Aveva creato il materiale
    che divenne noto come la prima plastica.
  20. La parola "plastica" può indicare
    qualsiasi materiale fatto di polimeri,

  21. grosse molecole composte
    da subunità identiche ripetute.
  22. Comprende quindi
    tutti i tipi di plastica artificiale
  23. e molti dei materiali
    che si trovano negli organismi viventi.
  24. Ma di solito, quando si usa
    la parola "plastica",
  25. si fa riferimento a materiali di sintesi.
  26. La caratteristica che li accomuna
    è che inizialmente sono molli e malleabili
  27. e possono essere modellati
    in una forma specifica.
  28. Anche se fu riconosciuta ufficialmente
    come la prima plastica,

  29. la celluloide era altamente infiammabile,
    quindi pericolosa da produrre.
  30. Così, gli inventori iniziarono
    a cercare delle alternative.
  31. Nel 1907, un chimico combinò il fenolo,
    un prodotto di scarto del catrame,
  32. con la formaldeide,
  33. creando la bachelite,
    un polimero nuovo e resistente.
  34. La bachelite era molto meno infiammabile
    rispetto alla celluloide
  35. ed era molto più facile
    trovare le materie prime per produrla.
  36. La bachelite fu solo l'inizio.

  37. Negli anni '20, i ricercatori
    misero sul mercato il polistirene,
  38. una plastica spugnosa usata come isolante.
  39. Dopo poco ci fu il cloruro di polivinile,
    o vinile, flessibile ma resistente.
  40. Con i polimeri acrilici si crearono
    pannelli trasparenti infrangibili
  41. che sembravano di vetro.
  42. E negli anni '30, il nylon
    divenne protagonista:
  43. un polimero progettato per sembrare seta,
    ma molto più resistente.
  44. Dal 1933, il polietilene divenne
    uno dei tipi di plastica più versatili,
  45. e viene ancora usato per fare di tutto,
  46. dalle buste della spesa
    ai flaconi di shampoo,
  47. ai giubbotti antiproiettile.
  48. Nuove tecnologie di produzione

  49. accompagnarono
    questa esplosione di materiali.
  50. Con l'invenzione di una tecnica
    chiamata "stampaggio a iniezione"
  51. fu possibile mettere la plastica fusa
    dentro a stampi di ogni forma,
  52. dove la plastica solidificava rapidamente.
  53. Fu così possibile creare
    nuovi tipi di prodotti con nuove forme,
  54. e fu un modo per produrre plastica
    su vasta scala a basso costo.
  55. Gli scienziati speravano
    che questo nuovo materiale economico
  56. potesse rendere accessibili a più persone
    prodotti che prima erano troppo costosi.
  57. Invece, la plastica fu utilizzata
    nella Seconda Guerra Mondiale.

  58. Durante la guerra, negli Stati Uniti
    la produzione di plastica quadruplicò.
  59. I soldati indossavano
    elmi foderati di plastica
  60. e impermeabili idrorepellenti in vinile.
  61. Le cabine di pilotaggio
    erano fatte di plexiglass,
  62. una plastica infrangibile;
  63. e i piloti usavano paracadute in nylon,
    un materiale resistente.
  64. In seguito,

  65. le aziende produttrici di plastica
    fiorite durante la guerra
  66. si interessarono ai prodotti di consumo.
  67. La plastica iniziò
    a sostituire altri materiali
  68. quali legno, vetro e tessuto,
  69. in mobili, vestiti, scarpe,
    televisioni e radio.
  70. Con questo materiale versatile
    si sono prodotti nuovi tipi di confezioni,
  71. progettati soprattutto per tenere il cibo,
    e altri prodotti, freschi più a lungo.
  72. Di colpo, abbiamo avuto sacchi
    della spazzatura di plastica,
  73. pellicola trasparente,
  74. bottiglie di plastica comprimibili,
    confezioni da asporto
  75. e contenitori di plastica
    per la frutta, la verdura e la carne.
  76. Nel giro di pochi decenni,
    questo materiale poliedrico

  77. ha inaugurato il periodo ormai noto
    come il "secolo della plastica".
  78. E anche se questo periodo
    ha portato comodità e convenienza,
  79. ha anche provocato
    terribili problemi ambientali.
  80. Molti tipi di plastica
    derivano da fonti non rinnovabili.
  81. Inoltre, gli involucri di plastica
    sono stati ideati per essere monouso,
  82. ma alcune plastiche
    si decompongono solo dopo secoli,
  83. creando un enorme accumulo di rifiuti.
  84. Ora dobbiamo puntare su innovazioni
    che cerchino di risolvere questi problemi,

  85. diminuendo l'uso della plastica,
    creando plastiche biodegradabili
  86. e trovando nuovi metodi
    per riciclare la plastica già esistente.