Return to Video

IWOW - Part 3 - The Serpent and the Lotus

  • 0:03 - 0:13
    Prima della nascita della civiltà Occidentale e della lingua scritta, la scienza e la spiritualità non erano due cose separate.
  • 0:13 - 0:27
    Negli insegnamenti delle tradizioni antiche, la ricerca esterna per la conoscenza e per la sicurezza, erano bilanciate da un profondo senso di impermanenza, e da una intuitiva comprensione della spirale del cambiamento.
  • 0:27 - 0:36
    Non appena il pensiero scientifico divenne più dominante e l'informazione si moltiplicò, iniziò a verificarsi una frammentazione all'interno del nostro sistema di conoscenze.
  • 0:36 - 0:45
    La crescita della specializzazione, determino' l'incapacita' di vedere il grande disegno, e di percepire l'estetica del sistema nel suo complesso.
  • 0:45 - 0:50
    Nessuno si chiedeva: "ci farà bene tutto questo pensiero?"
  • 0:57 - 1:01
    L'antica conoscenza è qui in mezzo a noi, nascosta in bella vista.
  • 1:01 - 1:06
    Ma siamo troppo occupati dai nostri pensieri per riconoscerla.
  • 1:06 - 1:12
    Questa saggezza dimenticata, è la via per ripristinare l'equilibrio tra l'interno e l'esterno.
  • 1:12 - 1:15
    Lo Yin e lo Yang.
  • 1:15 - 1:23
    Tra la spirale del cambiamento e l'immobilita' alla nostra base.
  • 1:52 - 2:00
    Nella legenda Greca, Asclepio era il figlio di Apollo nonche' Dio della guarigione.
  • 2:00 - 2:10
    La sua saggezza e competenza per le cure erano insuperabili; si crede infatti, che abbia scoperto il segreto della vita e della morte stessa.
  • 2:10 - 2:21
    Nell'antica Grecia, i templi di cura di Asclepio riconobbero il potere della spirale primordiale, simbolizzandola con l'asta di Asclepio.
  • 2:21 - 2:33
    Si pensa che Ippocrate, il padre della medicina, il cui giuramento costituisce tutt'ora il codice morale della professione medica, ricevette il suo addestramento in un tempio Asclepiano.
  • 2:33 - 2:48
    Ai giorni nostri, il simbolo dell'energia evolutiva si riconosce con il logo dell'Associazione Medica Americana, e con quello di altre organizzazioni mediche nel mondo.
  • 2:48 - 2:57
    Nell'iconografia Egiziana, il serpente e l'uccello rappresentano la dualità e la polarità della natura umana.
  • 3:02 - 3:13
    Il serpente, diretto verso il basso, è la manifestazione della spirale, l'energia evolutiva del mondo.
  • 3:13 - 3:22
    L'uccello è la direzione verso l'alto; la corrente orientata verso l'alto verso il sole, o la punta della coscienza risvegliata;
  • 3:22 - 3:27
    il vuoto dell'Akasha.
  • 3:34 - 3:48
    Faraoni e Dei sono raffigurati con l'energia risvegliata attraverso il serpente Kundalini che si muove in alto, passando dalla spina e trafiggendo l'"Ajna chakra" (sesto chakra) tra i due occhi.
  • 3:48 - 3:52
    Cio' viene rappresentato con l'occhio di Horus.
  • 3:52 - 4:02
    Anche il "bindi", nella tradizione Indu', rappresenta il terzo occhio; la divina connessione con lo spirito.
  • 4:07 - 4:19
    La maschera del Re Tutankhamen è un classico esempio che mostra insieme i simboli del serpente e dell'uccello.
  • 4:19 - 4:24
    Le tradizioni Maya e Azteche, vengono combinati i simboli del serpente e dell'uccello in un solo Dio.
  • 4:24 - 4:27
    Quetzalcoati o Kukulkan.
  • 4:27 - 4:34
    Il Dio serpente piumato rappresenta la coscienza evolutiva risvegliata, o Kundalini risvegliato.
  • 4:34 - 4:41
    La persona che risveglia Quetzalcoati all'interno di se stesso, diventa una manifestazione vivente del divino.
  • 4:41 - 4:51
    Si dice che Quetzalcoati, o serpente di energia, ritornerà alla fine dei tempi.
  • 5:01 - 5:06
    I simboli del serpente e dell'uccello si possono trovare anche nel Cristianesimo.
  • 5:06 - 5:14
    Il loro vero significato e' ancora più mascherato, ma il significato è identico alle altre antiche tradizioni.
  • 5:14 - 5:29
    Nel Cristianesimo, l'uccello o la colomba spesso visti sopra la testa di Cristo, rappresentano lo Spirito Santo, o Kundalini-Shakti, essendo collegato al sesto chakra.
  • 5:29 - 5:38
    I mistici Cristiani chiamarono Kundalini con un altro nome: Spirito Santo.
  • 5:38 - 5:51
    In Giovanni 3:12 si dice "e come Mosè innalzò il serpente nel deserto, così bisogna che sia innalzato il figlio dell'uomo."
  • 5:51 - 6:03
    Gesù e Mosè risvegliarono la loro energia Kundalini unendo la coscienza risvegliata, alle forze inconsce rettilane che guidano la brama e il desiderio umano.
  • 6:03 - 6:12
    A Gesù fu detto di trascorrere quaranta giorni e quaranta notti nel deserto, e in quel periodo fu tentato da Satana.
  • 6:12 - 6:26
    Allo stesso modo, il Buddha fu tentato da "Mara" mentre meditava per raggiungere l'illuminazione sotto l'albero di "bodhi", o albero di saggezza.
  • 6:27 - 6:38
    Sia Cristo che Buddha hanno dovuto ignorare il richiamo dei piaceri sensoriali e mondani.
  • 6:38 - 6:51
    In qualsiasi racconto, il demonio è la personificazione dei propri attaccamenti materiali.
  • 7:01 - 7:11
    Se leggiamo la storia di Adamo ed Eva sotto la luce delle tradizioni Vediche ed Egiziane, notiamo che il serpente a guardia dell'albero della vita è Kundalini.
  • 7:11 - 7:27
    La mela rappresenta il richiamo e la tentazione al mondo sensoriale esterno, che ci distrae dalla conoscenza del mondo interno, l'albero della conoscenza interiore.
  • 7:33 - 7:45
    L'albero è semplicemente la rete di Nadi, o i meridiani energetici all'interno di noi, che formano letteralmente la struttura ad albero attraverso il corpo.
  • 7:45 - 8:00
    Nella nostra ricerca egoica di gratificazione esterna abbiamo tagliato fuori la nostra conoscenza del mondo interiore e la nostra connessione con Akasha, la sorgente di saggezza.
  • 8:07 - 8:15
    Molti dei miti storici riguardanti i draghi, possono essere letti come metafore delle energie interne delle culture a cui fanno riferimento.
  • 8:15 - 8:24
    In Cina, il drago è ancora un simbolo sacro rappresentante la felicità.
  • 8:24 - 8:36
    E come i faraoni egiziani, anche gli antichi imperatori cinesi che hanno risvegliato le loro energie evolutive venivano, rappresentati da un serpente alato, o da un drago.
  • 8:36 - 8:46
    Il totem reale dell'Imperatore di Giada o Imperatore Celestiale, mostrano un equilibrio tra "Ida" e "Pingala".
  • 8:46 - 9:00
    Lo Yin e lo Yang del Taoismo, risvegliano la ghiandola pineale, ciò che nel Taoismo viene chiamato "Dan Tian" superiore.
  • 9:07 - 9:11
    La natura è piena di diversi rilevatori di luce e meccanismi di assimilazione.
  • 9:11 - 9:19
    Per esempio, il riccio di mare può effettivamente vedere il suo corpo appuntito, che agisce come un grande occhio.
  • 9:19 - 9:28
    I ricci rilevano la luce che colpisce le loro spine, e la compara all'intensità dei fasci per ottenere un senso di ciò che li circonda.
  • 9:36 - 9:50
    Gli iguana verdi, ed altri rettili, hanno un occhio parietale (o ghiandola pineale) sopra le loro teste, che viene usato per verificare la presenza di predatori dall'alto.
  • 9:56 - 10:04
    La ghiandola pineale è una piccola ghiandola endocrina che aiuta a regolare i meccanismi di sonno e di veglia.
  • 10:04 - 10:12
    Anche se è sepolta nel profondo della nostra testa, la ghiandola pineale è sensibile alla luce.
  • 10:12 - 10:20
    Il filosofo Cartesio riconobbe che l'area della ghiandola pineale, o terzo occhio, era l'interfaccia tra la coscienza e la materia.
  • 10:20 - 10:23
    Nel corpo umano e' quasi tutto simmetrico.
  • 10:23 - 10:30
    Due occhi, due orecchie, due narici, anche il cervello ha due parti.
  • 10:30 - 10:33
    Ma c'è un area del cervello che non è specchiata.
  • 10:33 - 10:40
    Questa è la ghiandola pineale, insieme al centro energetico che la circonda.
  • 10:40 - 10:46
    A livello fisico vengono prodotte naturalmente dalla ghiandola pineale molecole uniche come il DMT.
  • 10:46 - 10:58
    Il DMT viene anche prodotto naturalmente al momento della nascita e della morte, agendo letteralmente come unico ponte tra il mondo dei vivi e quello dei morti.
  • 10:58 - 11:09
    Si produce DMT naturalmente anche durante stati di intensa meditazione e Samhadi, o attraverso mezzi enteogenici.
  • 11:09 - 11:23
    Per esempio, l'Ayahuasca è usata nelle tradizioni sciamaniche nel Sud America per rimuovere il velo tra il mondo interno, e quello esterno.
  • 11:23 - 11:32
    La parola pineale ha le stesse radici di "pigna", poichè la ghiandola pineale esibisce un simile modello di fillotassi spirale.
  • 11:32 - 11:41
    Questo modello, anche noto come il "fiore della vita", è comune nelle opere d'arte antiche raffiguranti illuminati o esseri risvegliati.
  • 11:41 - 11:54
    L'immagine della pigna presente nelle opere d'arte, rappresenta il risveglio del terzo occhio; la punta della coscienza che sblocca il fiorire dell'energia evolutiva.
  • 11:54 - 12:06
    La pigna rappresenta il fiorire dei chakra alti, che vengono attivati quando Sushumna si innalza verso l'Ajna chakra, il terzo occhio.
  • 12:06 - 12:16
    Nella mitologia Greca gli adoratori di Dionisio trasportavano un tirso (grande bastone avvolto da una spirale di vitigni con sopra una pigna).
  • 12:16 - 12:31
    Di nuovo, rappresentando l'energia Dionisiaca, ovvero Kundalini-Shakti che viaggia su per la spina dorsale verso la ghiandola pineale nel sesto chakra.
  • 12:31 - 12:39
    Nel cuore del Vaticano potremmo aspettarci di trovare una grande scultura rappresentante Gesù o Maria, ma invece troviamo la statua di una pigna gigante.
  • 12:39 - 12:47
    Il che mostra che nel Cristianesimo potrebbero esserci conoscenze riguardanti i chakra e Kundalini; tuttavia, non si sa per quale ragione vengano nascoste alle masse di fedeli.
  • 12:47 - 13:00
    La spiegazione ufficiale della chiesa è che la pigna è un simbolo della rigenerazione, e rappresenta la nuova vita in Cristo.
  • 13:09 - 13:14
    Il filosofo e mistico del tredicesimo secolo Meister Eckhart disse:
  • 13:14 - 13:25
    "L'occhio con cui vedo Dio e l'occhio con cui Dio vede me è lo stesso".
  • 13:25 - 13:47
    Nella bibbia di Re Giacomo si dice "la luce del corpo e' l'occhio; se dunque il tuo occhio è puro, tutto il tuo corpo sarà nella luce."
  • 13:47 - 13:52
    Il Buddha dice: "il corpo è un occhio".
  • 13:52 - 13:57
    In uno stato di Samadhi, si è contemporaneamente colui che vede e colui che si vede.
  • 13:57 - 14:01
    Noi siamo l'universo consapevole di se stesso.
  • 14:13 - 14:26
    Quando Kundalini è attivato, stimola il sesto chakra ed il centro pineale, e quest'area inizia a riacquisire alcune delle sue funzioni evolutive.
  • 14:26 - 14:35
    La meditazione nell'oscurità è stata usata per migliaia di anni come un modo per attivare il sesto chakra nell'area della ghiandola pineale.
  • 14:35 - 14:41
    L'attivazione di questo centro permette alle persone di vedere la luce interiore.
  • 14:41 - 14:57
    Che sia un proverbiale yogi o uno sciamano ritiratosi nella profondità di una grotta, o che sia un iniziato Taoista o Maya, o un monaco Tibetano, tutte le tradizioni incorporano un periodo di tempo durante il quale si va verso l'oscurità.
  • 14:57 - 15:04
    La ghiandola pineale è la porta per sperimentare direttamente la propria energia sottile.
  • 15:04 - 15:17
    l filosofo Nietzche disse "se fissi l'abisso abbastanza a lungo, probabilmente troverai che è l'abisso a fissare te"
  • 15:17 - 15:26
    I "dolmen", o porte tombali, sono tra le strutture più antiche rimanenti sulla terra.
  • 15:26 - 15:35
    Molte sono risalenti al periodo Neolitico del 3000-4000 prima di Cristo, ne esistono alcune nell'europa occidentale che hanno circa 7000 anni.
  • 15:35 - 15:47
    Il "dolmen" era usato per entrare in una meditazione perpetua, come sistema per l'uomo di passare dal mondo interno al mondo esterno.
  • 15:47 - 16:00
    Continuando a meditare in totale oscurità si inizia ad osservare l'energia interna o luce, dal momento in cui il terzo occhio si attiva.
  • 16:00 - 16:16
    I ritmi circadiani, che sono governati dalle fasi del sole e della luna, non controllano più le funzioni del corpo; viene quindi stabilito un nuovo ritmo.
  • 16:16 - 16:21
    Il settimo chakra, per migliaia di anni, è stato rappresentato dal simbolo del "OM"
  • 16:21 - 16:28
    Un simbolo costituito dai segni Sanscriti rappresentanti gli elementi.
  • 16:28 - 16:34
    Quando Kundalini si eleva al di sopra del sesto chakra, va a creare una aura energetica.
  • 16:34 - 16:44
    Le auree compaiono costantemente nelle raffigurazioni religiose in diverse tradizioni, e in differenti parti del mondo.
  • 17:31 - 17:42
    L'aura, o rappresentazione di una fiamma energetica, attorno ad un essere risvegliato, è praticamente comune a tutte le religioni in ogni parte del mondo.
  • 17:42 - 17:55
    Il processo evolutivo di risveglio dei chakra non è di proprietà di un gruppo o di una religione, esso è il processo naturale di tutti gli esseri umani sul pianeta.
  • 18:07 - 18:15
    Il chakra della corona è la connessione con il divino; è al di sopra della dualità.
  • 18:15 - 18:21
    Al di sopra del nome e della forma.
  • 18:21 - 18:28
    Akhenaten era un faraone la cui moglie era Nefertiti.
  • 18:28 - 18:32
    Ci si riferisce ad esso come il figlio del sole.
  • 18:32 - 18:42
    Egli scoprì "Aten", la parola di Dio dentro di se, fondendo Kundalini con la coscienza.
  • 18:47 - 19:00
    Nell'iconografia Egiziana, ancora una volta la coscienza risvegliata, è rappresentata dal disco solare che si vede sopra le teste degli dei o degli esseri risvegliati.
  • 19:03 - 19:13
    Nelle tradizioni Indù e Yogiche, questa aura è chiamata "Sahasrara" (settimo chakra), il loto dai mille petali.
  • 19:17 - 19:23
    Il Buddha è associato al simbolo del loto.
  • 19:23 - 19:29
    Il modello fillotassi e' lo stesso modello che può essere trovato in un fiore di loto.
  • 19:29 - 19:31
    Esso E' lo schema del "fiore del di vita".
  • 19:31 - 19:33
    Il "seme della vita".
  • 19:33 - 19:37
    E' il modello fondamentale nel quale tutte le forme si adattano.
  • 19:37 - 19:48
    Esso è la forma dello spazio stesso, una delle proprieta' dell'Akasha.
  • 19:54 - 20:02
    Ci fu un periodo della storia in cui il simbolo del "fiore della vita" era molto comune in tutto il mondo.
  • 20:02 - 20:13
    Il "fiore della vita" viene trovato con leoni a guardia di esso, nella maggior parte dei luoghi sacri in Cina e in altre parti dell'Asia.
  • 20:16 - 20:27
    I 64 esagrammi dell'"I Ching" spesso circondano il simbolo Yin-Yang che è un'altra rappresentazione del "fiore della vita".
  • 20:27 - 20:37
    All'interno del fiore della vita vi è una geometria di base in cui si formano tutti i solidi platonici; essenzialmente tutte le forme che esistono.
  • 20:37 - 20:45
    L'antico "fiore della vita" inizia con la geometria della stella di David o esagramma.
  • 20:45 - 20:49
    O in 3D queste sarebbero le strutture del tetraedro.
  • 20:49 - 21:01
    Questo simbolo è uno yantra, una sorta di programma che esiste all'interno dell'universo; la macchina che genera il nostro mondo frattale.
  • 21:01 - 21:05
    Gli yantra sono stati usati come strumenti per il risveglio della coscienza per migliaia di anni.
  • 21:05 - 21:17
    La forma visuale dello yantra è una rappresentazione esterna di un processo interno di rivelazione sprituale.
  • 21:17 - 21:30
    E' la musica nascosta dell'universo che viene resa visibile, composta dall'intersecazione di forme geometriche e modelli di interferenza.
  • 21:39 - 21:54
    Ogni chakra è un loto, uno yantra, un centro fisiologico attraverso il quale il mondo può essere sperimentato.
  • 22:16 - 22:29
    Uno yantra tradizionale, come quelli che troviamo nella tradizione Tibetana, è ricoperto da ricchi strati di significato, qualche volta incorporano una completa visione del cosmo e del mondo.
  • 22:29 - 22:37
    Lo yantra è un modello in costante evoluzione, che lavora attraverso il potere della ripetizione o interazione di un ciclo.
  • 22:37 - 22:52
    Il potere dello yantra è pressoche' perso nel mondo moderno, perchè noi ne ricerchiamo il significato solo nelle forme esterne anziche' collegarlo alle energie interne attraverso la meditazione.
  • 22:59 - 23:04
    C'è una buona ragione per cui, preti, monaci e yogi di solito sono celibi.
  • 23:04 - 23:11
    Al giorno d'oggi solo pochi praticanti sanno il motivo per cui si pratica il celibato, perchè il vero scopo è stato perso.
  • 23:11 - 23:24
    Semplicemente, se usiamo la nostra energia per produrre spermatozoi o uova in eccesso, allora non ce ne rimane abbastanza da usare per far sorgere Kundalini che attiva i chakra più alti.
  • 23:24 - 23:34
    Kundalini è energia vitale, ma anche energia sessuale.
  • 23:34 - 23:49
    Quando la consapevolezza diventa meno focalizzata sulle esigenze animali, ma viene focalizzata in oggetti riflettenti i chakra superiori, quella energia fluisce in alto per la spina dorsale attraversando quei chakra.
  • 23:49 - 24:01
    Molte delle pratiche tantriche insegnano come padroneggiare l'energia sessuale in modo da poterla usare per un evoluzione spirituale più alta.
  • 24:07 - 24:12
    Il nostro stato di coscienza crea le giuste condizioni per far modo che l'energia sia capace di crescere.
  • 24:12 - 24:16
    Entrare in uno stato di coscienza non richiede tempo.
  • 24:16 - 24:20
    Come dice Eckhart Tolle: "la consapevolezza e la presenza accadono sempre nell'adesso"
  • 24:20 - 24:28
    Se stai provando a far succedere qualcosa, allora stai creando resistenza a ciò che è.
  • 24:28 - 24:38
    E' la rimozione di tutte le resistenze che permette all'evoluzione energetica di essere sbloccata.
  • 24:38 - 24:44
    Nell'antica tradizione Yogica, le posture erano usate per preparare il corpo alla meditazione.
  • 24:44 - 24:54
    L'hatha yoga non fu mai inteso solamente come un regime di esercizio, ma come un modo per connettere il proprio mondo interiore con quello esteriore.
  • 24:54 - 25:01
    La parola Sanskrita "hatha" significa: sole "ha", e luna "tha".
  • 25:01 - 25:14
    Nell'originale yoga sutra di Patanjali lo scopo degli otto rami dello yoga, è lo stesso deglilo scopo degli otto rami dello yoga otto sentieri del Buddha; liberare se stessi dalla sofferenza.
  • 25:14 - 25:21
    Quando le polarità del mondo duale sono bilanciate, nasce una terza cosa.
  • 25:21 - 25:28
    Troviamo la misteriosa Sezione Aurea che sblocca le forze evolutive della natura.
  • 25:28 - 25:36
    Questa sintesi dei cicli del sole e della luna è la nostra energia evolutiva.
  • 25:43 - 25:49
    Dato che adesso gli umani sono identificati per lo più esclusivamente con i propri pensieri e con il mondo esterno,
  • 25:49 - 25:59
    è raro che un individuo aspiri all'equilibrio delle forze interne ed esterne, che permetterebbero a Kundalini di risvegliarsi naturalmente.
  • 25:59 - 26:07
    Per coloro identificati solo con l'illusione, Kundalini rimarrà per sempre una metafora,
  • 26:07 - 26:20
    un idea, più che un'esperienza diretta con la propria energia e la propria coscienza.
Title:
IWOW - Part 3 - The Serpent and the Lotus
Description:

more » « less
Video Language:
English
Team:
Awaken the World
Project:
Inner Worlds, Outer Worlds
Duration:
26:30

Italian subtitles

Revisions