Retourner vers la vidéo

Salute Mentale di Immigrati e Rifugiati

  • 0:04 - 0:05
    Salve, sono Suzan Song.
  • 0:05 - 0:09
    Direttrice del reparto di
    Neuropsichiatria Infantile
  • 0:09 - 0:10
    della George Washington University
  • 0:10 - 0:12
    e Consulente per la Tutela Umanitaria
  • 0:12 - 0:15
    dei reduci da migrazione forzata
    a livello globale o locale.
  • 0:15 - 0:17
    C'è stata una crescita enorme
  • 0:17 - 0:19
    nel numero di sfollati nel mondo,
  • 0:19 - 0:23
    inclusi rifugiati, richiedenti asilo,
    immigrati senza documenti
  • 0:23 - 0:25
    e minori non accompagnati.
  • 0:25 - 0:28
    Ci sono più di 65 milioni di persone
    nel mondo
  • 0:28 - 0:32
    attualmente sfollate a causa di guerre,
    conflitti armati o persecuzioni.
  • 0:32 - 0:36
    Nel 2018, in tutto il mondo,
    erano 31 milioni i bambini sfollati
  • 0:36 - 0:38
    a causa di violenze e conflitti.
  • 0:38 - 0:40
    Se questo trend continuerà,
  • 0:40 - 0:43
    una persona su cento sarà un rifugiato
    nel prossimo futuro.
  • 0:43 - 0:46
    Sfortunatamente, molti rifugiati
    e reduci da migrazioni forzate,
  • 0:46 - 0:48
    non riceveranno
    alcuna assistenza psichiatrica,
  • 0:49 - 0:52
    a causa della scarsità dei servizi,
    mancanza di qualità
  • 0:52 - 0:54
    e allo stigma sui disturbi mentali.
  • 0:55 - 0:57
    I rifugiati fuggono
    dal loro paese d'origine
  • 0:57 - 0:59
    perché temono persecuzioni
  • 0:59 - 1:03
    basate su razza, religione,
    nazionalità, opinione politica
  • 1:03 - 1:06
    o appartenenza
    a uno specifico gruppo sociale.
  • 1:06 - 1:08
    I rifugiati chiedono protezione
    mentre sono oltreoceano
  • 1:08 - 1:11
    e ricevono il permesso
    di entrare negli USA,
  • 1:11 - 1:14
    ma anche chi cerca asilo
    ha motivo di temere persecuzioni.
  • 1:14 - 1:17
    Ma cercano protezione anche
    mentre sono all'interno degli USA.
  • 1:17 - 1:19
    Rifugiati e persone colpite da conflitti
  • 1:19 - 1:23
    hanno dal 15 al 30% di possibilità
    di manifestare PTSD e depressione,
  • 1:24 - 1:29
    paragonato al 3,5% colpito da PTSD
    tra la popolazione non rifugiata.
  • 1:29 - 1:31
    Indicatori di cattiva salute mentale
  • 1:31 - 1:35
    sono esposizione alla tortura
    e una serie di eventi traumatici.
  • 1:35 - 1:39
    Tortura, separazione dalla famiglia,
    procedure d'asilo stressanti,
  • 1:39 - 1:41
    isolamento e svantaggi
    nel paese ospitante,
  • 1:41 - 1:43
    peggiorano la salute mentale.
  • 1:43 - 1:47
    L'ambiente post-migratorio,
    la detenzione prolungata,
  • 1:47 - 1:49
    il permesso di soggiorno incerto,
  • 1:49 - 1:53
    scarso accesso ai servizi
    e limitazioni a scuola e lavoro,
  • 1:53 - 1:55
    peggiorano la salute mentale.
  • 1:55 - 1:57
    Questi sono solo alcuni
    dei problemi mentali
  • 1:57 - 2:00
    che le persone in fuga affrontano,
  • 2:00 - 2:03
    inclusi lutti e traumi complessi,
  • 2:03 - 2:07
    disperazione, isolamento,
    rabbia e sfiducia.
  • 2:07 - 2:10
    Molta gente reagisce in modo normale
  • 2:10 - 2:12
    a esperienze eccezionali.
  • 2:12 - 2:15
    Col tempo, molti rifugiati
    mostrano pochi o nessun sintomo.
  • 2:16 - 2:18
    Alcuni mostrano un graduale recupero,
  • 2:18 - 2:20
    e una piccola parte diventa cronica.
  • 2:21 - 2:25
    Dobbiamo saper distinguere
    tra sofferenze legate alle situazioni
  • 2:25 - 2:27
    e un vero e proprio disturbo mentale.
  • 2:27 - 2:30
    Lo facciamo tramite interazioni dinamiche
  • 2:30 - 2:33
    delle esposizioni
    a esperienze traumatiche passate,
  • 2:33 - 2:34
    fattori stressanti in corso
  • 2:34 - 2:37
    e il sistema sociale in cui si è immersi.
  • 2:38 - 2:40
    Gli psichiatri aiutano queste persone
  • 2:40 - 2:44
    con un approccio clinico di integrazione
    insieme a rifugiati e richiedenti asilo.
  • 2:44 - 2:47
    A livello politico, valutando gli asili
  • 2:47 - 2:50
    e a livello di supporto,
    promuovendo equità di accesso,
  • 2:51 - 2:54
    sostenibilità dei servizi per i rifugiati
    e persone costrette a emigrare,
  • 2:54 - 2:57
    e collaborando
    con comunità inter-disciplinari,
  • 2:57 - 3:00
    come avvocati, educatori e politici
  • 3:00 - 3:01
    per garantire un sistema sicuro,
  • 3:01 - 3:04
    su cui rifugiati
    e reduci da migrazione forzata
  • 3:04 - 3:05
    possono contare.
Titre:
Salute Mentale di Immigrati e Rifugiati
Description:

La Dott.ssa Suzan Song, Direttrice del reparto di Psichiatria Infantile della George Washington University, ci parla delle cure mentali per immigrati e rifugiati. I dati ci dicono che i rifugiati, così come tutti coloro che sono colpiti da conflitti, hanno una prevalenza dal 15 al 30% di PTSD e depressione, paragonata al 3,5% del resto della popolazione.

Date un'occhiata ai nostri strumenti per curare stress e trauma delle persone immigrate senza documenti: https://bit.ly/ImmRefYT2021

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------

L'American Psychiatric Association (APA), fondata nel 1844, è l'organizzazione sanitaria più antica degli USA. Rappresenta inoltre la più grande organizzazione psichiatrica al mondo, con più di 37.400 medici specializzati nella diagnosi, cura, prevenzione e ricerca delle malattie mentali. L'obiettivo di APA è quello di rendere accessibili diagnosi psichiatriche e cure.
Per saperne di più: www.psychiatry.org.

plus » « moins
Langue de la vidéo:
English
Équipe:
Amplifying Voices
Projet :
Mental Health
Durée:
03:13

sous-titres en Italian

Révisions Comparer les révisions