YouTube

Got a YouTube account?

New: enable viewer-created translations and captions on your YouTube channel!

Italian subtitles

← Lo sporco segreto del capitalismo -- e una nuova soluzione

Get Embed Code
26 Languages

Showing Revision 23 created 10/29/2019 by Michele Gianella.

  1. Sono un capitalista,
  2. e dopo 30 anni di carriera nel capitalismo
  3. alla guida di tre dozzine di aziende,
  4. che hanno generato un fatturato
    di decine di miliardi di dollari,
  5. appartengo non solo all'un percento,
    ma allo 0,01 percento più ricco al mondo.
  6. E oggi condividerò con voi
    i segreti del nostro successo,
  7. perché i ricchi capitalisti come me
    non sono mai stati così ricchi.
  8. La domanda quindi è: "come facciamo?"
  9. Come riusciamo, ogni anno,
  10. ad accaparrarci una fetta
    sempre più grande di capitale?
  11. I ricchi sono forse
    più intelligenti di 30 anni fa?
  12. Lavoriamo forse
    più strenuamente di una volta?
  13. Siamo più alti, più belli?
  14. Sfortunatamente no.
  15. Fondamentalmente, la causa è una sola:
  16. l'economia.
  17. È tutto qui lo sporco segreto.
  18. C'è stato un tempo
    in cui le professioni economiche
  19. lavoravano nell'interesse pubblico;
  20. ma nell'era del neo-liberalismo,
  21. oggi,
  22. lavorano solo per le grosse corporazioni
  23. e per i miliardari,
  24. e questo costituisce un problema.
  25. Potremmo scegliere di mettere in atto
    politiche economiche
  26. che alzano le tasse ai ricchi,
  27. regolamentano le forti corporazioni,
    o alzano i salari dei lavoratori.
  28. Lo abbiamo già fatto, in precedenza.
  29. Ma gli economisti neoliberali ammonivano
  30. che tutte queste politiche
    erano un errore terribile,
  31. perché alzare le tasse
    soffoca la crescita economica,
  32. e qualsiasi controllo
    da parte del governo è inefficiente,
  33. e alzare i salari
    distrugge sempre posti di lavoro.
  34. E a causa di questo modo di pensare,
  35. negli ultimi 30 anni,
    e parlo dei soli Stati Uniti,
  36. l'un percento dei più ricchi
  37. si è impossessato
    di altri 21 trilioni di dollari,
  38. mentre il 50 percento più povero
    ha perso 900 miliardi.
  39. Un pattern di crescente disuguaglianza,
    che si ripete in tutto il mondo.
  40. Eppure, mentre famiglie borghesi
    sopravvivono a malapena
  41. con salari immutati da 40 anni,
  42. gli economisti neo-liberali
    continuano a predicare
  43. che l'unica risposta ragionevole
  44. al doloroso sconvolgimento
    dell'austerità e della globalizzazione
  45. è ulteriore austerità e globalizzazione.
  46. E allora, cosa dovrebbe fare la società?
  47. Beh, quello che dobbiamo fare è evidente.
  48. Abbiamo bisogno
    di una nuova teoria economica.
  49. L'economia è stata definita
    la "scienza triste".
  50. E per un motivo valido,
    perché per quanto la si insegni oggi,
  51. non è proprio una scienza,
  52. nonostante tutta quella
    impressionante matematica.
  53. Un crescente numero
    di studiosi e professionisti
  54. hanno infatti concluso
  55. che la teoria economica neo-liberale
    è pericolosamente sbagliata
  56. e che le attuali crisi
    di crescente disuguaglianza
  57. e crescente instabilità politica
  58. sono il diretto risultato
    di decenni di pessima teoria economica.
  59. Ora sappiamo che l'economia
    che mi ha reso ricco sfondato
  60. non è solo sbagliata, ma è pure arretrata.
  61. Perché a quanto pare,
  62. non è il capitale
    a generare crescita economica,
  63. ma la gente.
  64. E non è l'interesse personale
    a promuovere il bene pubblico,
  65. ma la reciprocità.
  66. E non è la competizione
    a garantirci prosperità,
  67. ma la cooperazione.
  68. Quel che ora riusciamo a capire
  69. è che una economia come questa,
    né giusta né inclusiva,
  70. non potrà mai sostenere
    gli alti livelli di cooperazione sociale
  71. necessari a far prosperare
    una società moderna.
  72. Ma allora, dove abbiamo sbagliato?
  73. Beh, a quanto pare
    è diventato del tutto evidente
  74. che i presupposti a sostegno
    della teoria economica neoliberale
  75. sono semplicemente, oggettivamente falsi.
  76. Quindi oggi per prima cosa voglio parlare
    di alcuni di questi presupposti sbagliati;
  77. e poi voglio parlarvi di cosa,
    secondo la scienza, genera prosperità.
  78. Il primo assunto dell'economia neoliberale
  79. è che il mercato sia un sistema efficiente
    capace di autoregolarsi,
  80. il che significa che se qualcosa aumenta
    nell'economia - i salari ad esempio -
  81. qualcos'altro deve scendere -
    come il lavoro.
  82. Quindi, ad esempio, a Seattle, dove vivo,
  83. quando il primo ìsalario minimo nazionale,
    di 15 dollari, fu approvato nel 2014,
  84. i neo-liberali si stracciarono le vesti
    per il loro prezioso equilibrio perso.
  85. "Se alzate il costo della mano d'opera",
    dissero, "scenderà la domanda".
  86. "Migliaia di lavoratori a basso salario
    perderanno il lavoro";
  87. "I ristoranti chiuderanno".
  88. Solo che ...
  89. non è successo!
  90. Il tasso di disoccupazione
    è crollato drasticamente.
  91. Il settore della ristorazione,
    a Seattle, è esploso.
  92. Perché?
  93. Ma perché non esiste alcun equilibrio!
  94. Perché alzare i salari
    non ammazza i lavori, ma li crea;
  95. perché, per esempio,
  96. quando si chiede ai ristoratori
    di pagare adeguatamente i dipendenti -
  97. in modo che anche loro, ogni tanto,
    possano mangiare al ristorante -
  98. il settore della ristorazione
    non si restringe, ma si allarga.
  99. Mi sembra evidente!
  100. (Applausi)
  101. Grazie.
  102. E ora il secondo assunto:
  103. il prezzo di qualcosa
    corrisponde sempre al suo valore.
  104. In pratica, se tu guadagni
    50.000 dollari l'anno,
  105. e io guadagno 50 millioni
    di dollari l'anno,
  106. è perché produco un valore
    mille volte maggiore del tuo.
  107. Non vi sorprenderà scoprire
  108. che questo assunto
    è particolarmente apprezzato
  109. da quei dirigenti pagati
    50 milioni di dollari l'anno
  110. che però pagano ai dipendenti
    salari da fame.
  111. Per favore, ascoltate qualcuno
    che ha gestito dozzine di imprese:
  112. questa è un'assurdità.
  113. Le persone non vengono pagate
    quanto meritano.
  114. sono pagate quanto riescono a negoziare.
  115. E il fatto che la percentuale del PIL
    destinata ai salari si riduca,
  116. non è dovuto alla minore
    produttività dei lavoratori,
  117. ma al fatto che i datori di lavoro
    sono diventati più potenti.
  118. (Applauso)
  119. E fingendo che questo enorme squilibrio
    tra capitale e lavoro non esista,
  120. la teoria economica neo-liberale
  121. è essenzialmente diventata
    una rete di protezione per i ricchi.
  122. Il terzo assunto,
    di gran lunga il più nocivo,
  123. è un modello comportamentale
  124. che definisce gli esseri umani
    qualcosa chiamato "homo economicus",
  125. che in pratica significa che siamo, tutti,
  126. completamente egoisti,
    completamente razionali
  127. e incessantemente auto massimizzanti.
  128. Ma chiedetevi:
  129. vi sembra credibile
    che ogni volta che nella vostra vita
  130. avete fatto qualcosa di buono
    per qualcun altro,
  131. lo stavate facendo solamente
    per massimizzare la vostra utilità?
  132. È credibile che quando un soldato
    salta su una granata,
  133. per difendere un compagno,
  134. lo stia facendo esclusivamente
    per il proprio interesse?
  135. Se vi sembra una follia,
  136. contraria a qualsiasi ragionevole
    intuizione morale,
  137. è perché lo è.
  138. Ed è pure falsa, secondo
    le ultime scoperte scientifiche.
  139. Ma è questo il modello comportamentale
  140. al cuore, freddo e crudele,
    della teoria neo-liberale.
  141. Ed è tanto moralmente corrosivo
  142. quanto scientificamente sbagliato.
  143. Perché se diamo per scontato
  144. che gli esseri umani
    siano fondamentalmente egoisti,
  145. e poi osserviamo il mondo
  146. e tutta l'inequivocabile
    prosperità che contiene,
  147. allora logicamente ne segue
    che deve essere vero
  148. che miliardi di atti
    di egoismo individuali
  149. magicamente si trasformino
    in prosperità e nel bene comune.
  150. Se noi umani siamo meri
    massimizzatori egoisti,
  151. allora l'egoismo è causa
    della nostra prosperità.
  152. Secondo questa logica economica,
  153. l'avarizia è positiva,
  154. la crescente disuguaglianza è efficiente,
  155. e l'unico scopo delle corporazioni
  156. deve essere quello
    di arricchire gli azionisti,
  157. perché fare altrimenti
    rallenterebbe la crescita economica
  158. e danneggierebbe l'intera economia.
  159. Ed è questo Vangelo di egoismo
  160. a formare il fondamento ecologico
    dell'economia neo-liberale,
  161. un modo di pensare
    che ha prodotto politiche economiche
  162. che hanno permesso a me
    e ai miei amici ricchi dell'un percento
  163. di intercettare, negli ultimi 40 anni,
    tutti i benefici della crescita.
  164. Ma...
  165. Se invece accettiamo
    le ultime ricerche empiriche,
  166. la vera scienza -
  167. che correttamente rappresenta
    gli esseri umani
  168. come creature estremamente cooperative,
    reciproche e istintivamente morali -
  169. allora, logicamente, ne segue
  170. che deve essere la cooperazione,
    e non l'egoismo,
  171. a causare la nostra prosperità.
  172. E non è il nostro egoismo,
    ma piuttosto la nostra reciprocità innata,
  173. a costituire il superpotere
    economico dell'umanità.
  174. Quindi, al cuore di questa nuova economia
  175. c'è una storia che ci permette
    di essere il nostro "noi" migliore.
  176. E a differenza della vecchia economia,
    questa è una storia virtuosa
  177. che ha anche la virtù di essere vera.
  178. Ora...
  179. Voglio sottolineare
    che questa nuova economia
  180. non è qualcosa che ho immaginato
    o mi sono inventato.
  181. Le sue teorie e i suoi modelli
    sono state concepite e perfezionate
  182. nelle università di tutto il mondo
  183. basandosi su alcune delle migliori,
    e più recenti, ricerche economiche:
  184. teoria della complessità, dell'evoluzione,
  185. psicologia, antropologia
    e altre discipline.
  186. E anche se questa nuova economia
    non ha ancora un "testo sacro",
  187. o un nome comunemente accettato,
  188. in linea generale
  189. la sua spiegazione
    per la creazione della prosperità
  190. è più o meno questa:
  191. il capitalismo di mercato
    è un sistema evolutivo,
  192. nel quale la prosperità emerge
    grazie a un ciclo di feedback positivo
  193. tra il crescente ammontare di innovazione
    e quello della domanda del consumatore.
  194. L'innovazione è il processo
    con il quale risolviamo problemi umani,
  195. la domanda è il meccanismo del mercato
    per selezionare le innovazioni utili.
  196. E più problemi risolviamo,
    più prosperiamo.
  197. Ma più prosperiamo,
  198. più i problemi e le soluzioni
    si fanno complessi.
  199. E questa crescente complessità tecnica
  200. richiede livelli sempre più alti
    di cooperazione sociale ed economica
  201. per produrre quei prodotti
    sempre più altamente specializzati
  202. che definiscono un'economia moderna.
  203. Ora, la vecchia economia
    aveva ragione - ovviamente -
  204. a evidenziare il ruolo della concorrenza
    nel funzionamento del mercato;
  205. ma quello che non riesce a vedere, oggi,
  206. e che è questa competizione si svolge
    tra gruppi internamente molto cooperativi:
  207. competizione tra aziende,
    competizione tra reti di aziende,
  208. competizione tra nazioni.
  209. E chiunque abbia mai gestito
    un business di successo
  210. sa che creare un gruppo di successo
    includendo i talenti di tutti
  211. funziona quasi sempre meglio
    che ammucchiare un po' di cretini egoisti.
  212. Quindi, come possiamo lasciarci
    alle spalle il neo-liberalismo
  213. e costruire una società pù sostenibile,
  214. più prosperosa
  215. e più equa?
  216. La nuova economia suggerisce
    solo cinque regole generali.
  217. La prima è che le economie di successo
    non sono giungle, ma giardini.
  218. E i mercati, come i giardini,
    devono essere curati.
  219. Il mercato è la più grande tecnologia
    sociale mai inventata
  220. per risolvere problemi umani:
  221. ma liberi da norme sociali
    e regole democratiche,
  222. i mercati inevitabilmente creano
    più problemi di quanti ne risolvano.
  223. Il cambiamento climatico,
    e la grande crisi finanziaria del 2008,
  224. sono due facili esempi.
  225. La seconda regola
  226. è che l'inclusione
    crea crescita economica.
  227. Quindi l'idea neo-liberale
    che l'inclusione sia un lusso,
  228. da concedersi solo se c'è crescita,
  229. è sia sbagliata che antiquata.
  230. L'economia è la gente che la fa.
  231. Includere più gente in più modi
  232. è il motor della crescita economica,
    nelle economie di mercato.
  233. Il terzo principio
  234. è che lo scopo delle corporazioni
    non è solo di arricchire gli azionisti.
  235. La più grande truffa,
    nella vita economica contemporanea,
  236. è l'idea neo-liberale
  237. che l'unico scopo delle corporazioni,
    e la sola responsabilità dei dirigenti,
  238. sia arricchire sé stessi e gli azionisti.
  239. La nuova economia deve, e può, insistere
  240. sul fatto che lo scopo delle corporazioni
  241. è di migliorare il benessere
    di tutti i soggetti interessati:
  242. clienti, lavoratori, comunità
    e azionisti allo stesso modo.
  243. Quarta regola:
  244. l'avarizia non è positiva.
  245. Essere rapace non ti rende un capitalista,
  246. ti rende un sociopatico!
  247. (Risate)
  248. (Applausi)
  249. In un'economia come la nostra, che dipende
    dalla cooperazione su larga scala,
  250. la sociopatia fa male tanto agli affari
    quanto alla società.
  251. E quinta e ultima regola:
  252. a differenza delle leggi della fisica,
  253. le leggi dell'economia sono una scelta.
  254. La teoria economica neo-liberale
  255. si è venduta come una
    immutabile legge della natura,
  256. quando in realtà sono norme sociali,
  257. e narrazioni costruite su pseudoscienza.
  258. Se vogliamo veramente un'economia
    più equa, prosperosa e sostenibile,
  259. se vogliamo democrazie
    e società civili funzionanti,
  260. dobbiamo elaborare una nuova economia.
  261. Ed ecco la buona notizia:
  262. se vogliamo una nuova economia,
  263. non dobbiamo fare altro
    che scegliere di averla.
  264. Grazie.
  265. (Applauso)
  266. Grazie.
  267. Moderatrice: Nick, sono sicuro
    che ti fanno spesso questa domanda:
  268. se sei così insoddisfatto
    del sistema economico,
  269. perché non donare tutto il tuo patrimonio
    e unirti al restante 99 percento?
  270. NH: Sì, certo: me la fanno molto spesso.
  271. Se ci tieni così tanto alle tasse,
    perché non ne paghi di più?
  272. E se ci tieni così tanto ai salari,
    perché non paghi di più?
  273. E lo potrei fare.
  274. Il problema è che non farebbe
    molta differenza,
  275. e ho scoperto una strategia che funziona,
    letteralmente, centomila volte meglio.
  276. Moderatrice: OK.
  277. NH: Usare i miei soldi
    per costruire narrative e promuovere leggi
  278. che impongano ai ricchi di pagare le tasse
    e retribuire meglio i lavoratori.
  279. (Applausi)
  280. Quindi, ad esempio, il salario minimo
    di 15 dollari che abbiamo messo a punto
  281. ha aiutato 30 millioni di lavoratori.
  282. Quindi funziona meglio.
  283. Moderatrice: Fantastico.
  284. Moderatrice: Se cambi idea,
    qualche volontario lo troviamo.
  285. NH: Ok, grazie. Moderatrice: Grazie mille.