Italian subtitles

← Come le emozioni cambiano la forma del cuore

Get Embed Code
30 Languages

Showing Revision 3 created 11/11/2019 by Elisabetta Siagri.

  1. Nessun altro organo,
  2. forse nessun altro oggetto
    nella vita dell'uomo,
  3. è tanto permeato di metafore
    e significato quanto il cuore.
  4. Nel corso della storia,
  5. il cuore è stato simbolo
    della nostra vita emotiva.
  6. È stato considerato da molti
    come sede dell'anima,
  7. depositario delle nostre emozioni.
  8. La parola "emozione" deriva, in parte,
    dal verbo francese "émouvoir",
  9. che significa "agitare".
  10. E forse è logico che le emozioni
    siano legate a un organo
  11. caratterizzato dal suo movimento agitato.
  12. Ma qual è il collegamento?

  13. È reale o solo metaforico?
  14. In quanto specialista del cuore,
  15. sono qui oggi per raccontarvi
    che questo legame è reale.
  16. Imparerete che le emozioni
  17. possono avere e hanno
    un effetto fisico diretto sul cuore umano.
  18. Ma prima di approfondire,

  19. parliamo un po' del cuore metaforico.
  20. Il simbolismo del cuore emotivo
    dura ancora oggi.
  21. Se chiedessimo alle persone
    quale immagine associano all'amore,
  22. senza dubbio il cuore di Valentino
    sarebbe in cima alla lista.
  23. La forma del cuore, chiamata cardioide,
  24. è comune in natura.
  25. Si trova nelle foglie, nei fiori
    e nei semi di molte piante,
  26. compreso il silfio,
  27. usato per il controllo delle nascite
    nel Medioevo
  28. e forse è il motivo per cui
    il cuore è associato
  29. al sesso e all'amore romantico.
  30. Qualunque sia la ragione,

  31. i cuori hanno cominciato ad apparire
    in dipinti di amanti nel XIII secolo.
  32. Nel tempo, le immagini
    si sono tinte di rosso,
  33. il colore del sangue,
  34. un simbolo di passione.
  35. Nella Chiesa Cattolica Romana,
  36. la forma a cuore è diventata nota
    come Sacro Cuore di Gesù.
  37. Decorato con spine e fonte di luce eterea,
  38. è diventato emblema dell'amore monastico.
  39. Questa associazione tra il cuore
    e l'amore ha resistito alla modernità.
  40. Quando Barney Clark, dentista in pensione
    con problemi cardiaci all'ultimo stadio,
  41. ricevette il primo cuore artificiale
    permanente nello Utah nel 1982,
  42. pare che sua moglie di 39 anni
    chiese ai medici:
  43. "Sarà ancora in grado di amarmi?"
  44. Oggi sappiamo che il cuore
    non è la fonte dell'amore

  45. o di altre emozioni, di per sé;
  46. gli antichi si sbagliavano.
  47. Eppure, sempre di più,
    siamo arrivati a capire
  48. che i collegamenti tra cuore
    e emozioni sono molto stretti.
  49. Il cuore potrebbe non essere
    la fonte dei nostri sentimenti,
  50. ma è molto sensibile a questi.
  51. In un certo senso, una testimonianza
    della nostra vita emotiva
  52. è scritta nei nostri cuori.
  53. Paura e dolore, ad esempio,
    possono causare seri problemi cardiaci.
  54. I nervi che controllano processi inconsci
    come il battito cardiaco
  55. sentono l'angoscia
  56. e innescano una reazione maladattiva
    di attacco o fuga
  57. che fa restringere i vasi sanguigni,
  58. galoppare il cuore
  59. e aumentare la pressione,
  60. generando danni.
  61. In altre parole,
  62. è sempre più chiaro
  63. che il cuore è incredibilmente sensibile
    al nostro sistema emotivo,
  64. al nostro cuore metaforico, se volete.
  65. C'è una malattia cardiaca,
    scoperta per la prima volta 20 anni fa

  66. chiamata "cardiomiopatia takotsubo"
    o "sindrome del cuore spezzato",
  67. in cui il cuore si indebolisce fortemente
    in risposta a un intenso stress o dolore,
  68. come la fine di una relazione
    o la morte di una persona cara.
  69. Come mostrano queste immagini,
    il cuore in lutto al centro
  70. sembra molto diverso
    dal cuore normale a sinistra.
  71. Sembra sbalordito
  72. e spesso assume
    la forma distintiva di un "takotsubo"
  73. sulla destra,
  74. un vaso giapponese
    con una base ampia e un collo stretto.
  75. Non sappiamo esattamente perché succeda,
  76. e la sindrome si risolve di solito
    in qualche settimana.
  77. Tuttavia, nel periodo acuto,
  78. può causare arresti cardiaci,
  79. aritmie pericolose,
  80. perfino la morte.
  81. Per esempio, il marito
    di una mia paziente anziana

  82. era morto da poco.
  83. Lei era triste, certo, ma lo accettava.
  84. Forse era perfino un po' sollevata.
  85. Era stata una malattia molto lunga;
    soffriva di demenza.
  86. Ma una settimana dopo il funerale,
    guardò la sua foto
  87. e pianse.
  88. Poi sviluppò un dolore al petto,
    accompagnato da fiato corto,
  89. vene del collo distese, sudorazione,
  90. affanno evidente
    mentre era seduta su una sedia,
  91. tutti segni di un attacco cardiaco.
  92. Arrivò in ospedale,
  93. dove un'ecografia confermò
    quello che sospettavamo:
  94. il suo cuore si era indebolito a meno
    della metà della sua normale capacità
  95. e aveva assunto la caratteristica forma
    di un takotsubo.
  96. Ma nessun altro test era fuori norma,
  97. nessun segno di arterie ostruite
    da nessuna parte.
  98. Due settimane dopo,
    il suo stato emotivo era tornato normale
  99. e un'ecografia confermò
  100. lo stesso per il cuore.
  101. Questa cardiomiopatia è stata collegata
    a molte situazioni stressanti,

  102. compreso parlare in pubblico,
  103. (Risate)

  104. (Applausi)

  105. Litigi domestici, perdite al gioco,

  106. anche una festa a sorpresa.
  107. (Risate)

  108. È stata anche associata
    a disordini sociali,

  109. come dopo un disastro naturale.
  110. Ad esempio, nel 2004,
  111. un intenso terremoto devastò un distretto
    nella più grande isola del Giappone.
  112. Rimasero uccise più di 60 persone
    e i feriti furono migliaia.
  113. Sulla scia di questa catastrofe,
  114. i ricercatori scoprirono
    che i casi di cardiomiopatia takotsubo
  115. erano aumentati di 24 volte nel distretto
    un mese dopo il terremoto,
  116. rispetto a un periodo simile
    l'anno precedente.
  117. Le localizzazioni di questi casi
  118. erano strettamente correlate
    all'intensità della scossa.
  119. In quasi tutti i casi, i pazienti
    vivevano vicino all'epicentro.
  120. Curiosamente, la cardiomiopatia takotsubo
    è stata vista anche in episodi felici,

  121. ma sembra che il cuore
    reagisca diversamente,
  122. gonfiandosi nella parte centrale,
    per esempio, e non alle estremità.
  123. Perché diverse cause emotive
    generino diversi cambiamenti cardiaci
  124. rimane un mistero.
  125. Ma oggi, forse come ode
    agli antichi filosofi,
  126. possiamo dire che, anche se le emozioni
    non provengono dal cuore,
  127. il cuore emotivo si sovrappone
  128. con la sua controparte biologica,
  129. in modi misteriosi e sorprendenti.
  130. Le malattie cardiache,
    compresa la morte improvvisa,

  131. sono da tempo state segnalate in individui
    che vivono intensi disturbi emotivi
  132. o subbugli nel cuore metaforico.
  133. Nel 1942,
  134. il fisiologo di Harvard Walter Cannon
    pubblicò l'articolo "La Morte Voodoo,"
  135. in cui descriveva
    casi di morte per spavento
  136. in persone che credevano
    di essere state maledette,
  137. come da uno stregone
    o per aver mangiato frutti proibiti.
  138. In molti casi, la vittima, senza speranza,
    moriva improvvisamente.
  139. Questi casi avevano in comune
    la convinzione delle vittime
  140. che ci fosse una forza esterna
    a causare la loro morte,
  141. e contro cui non potevano combattere.
  142. Questa perdita di controllo percepita,
    affermava Cannon,
  143. causava una reazione fisiologica
    non attenuata,
  144. in cui i vasi sanguigni
    si restringevano a tal punto
  145. che il volume del sangue
    calava terribilmente,
  146. la pressione sanguigna precipitava,
  147. il cuore si indeboliva
  148. e gli organi soffrivano enormi danni
    per carenza di ossigeno.
  149. Cannon credeva che le morti voodoo

  150. si limitassero a persone
    indigene o "primitive".
  151. Ma negli anni, questi tipi di morti
    si sono verificate
  152. in qualunque tipo di persona moderna.
  153. Oggi, morire di dolore
    succede tra coniugi e fratelli.
  154. I cuori spezzati sono letteralmente
    e figurativamente mortali.
  155. Queste associazioni sono vere
    anche per gli animali.

  156. In uno studio affascinante del 1980
    pubblicato sulla rivista "Science",
  157. i ricercatori avevano nutrito dei conigli
    con diete ad alto colesterolo
  158. per studiarne gli effetti
    sulle malattie cardiovascolari.
  159. Scoprirono che alcuni conigli
    sviluppavano molte più malattie di altri,
  160. ma non riuscivano a spiegare il perché.
  161. I conigli avevano diete,
    ambiente e genetica simili.
  162. Pensarono che avesse a che fare
  163. con la frequenza di interazione
    tra il tecnico e i conigli.
  164. Quindi ripeterono la ricerca,
  165. dividendo i conigli in due gruppi.
  166. Entrambi i gruppi furono alimentati
    con diete ad alto colesterolo.
  167. Ma, in un gruppo, i conigli
    furono rimossi dalle gabbie,
  168. coccolati, gli parlavano, ci giocavano,
  169. e nell'altro gruppo, i conigli
    rimasero nelle loro gabbie
  170. da soli.
  171. A un anno, con l'autopsia,
  172. i ricercatori scoprirono
    che i conigli del primo gruppo,
  173. che avevano interagito
    con gli esseri umani,
  174. avevano il 60% in meno di disturbi
    aortici dei conigli dell'altro gruppo,
  175. nonostante livelli simili di colesterolo,
    pressione e battito cardiaco.
  176. Oggi, la cura del cuore
    è meno terreno per filosofi,

  177. che si soffermano
    sul significato metaforico del cuore,
  178. e più terreno per medici come me,
  179. che usano tecnologie
    che anche un secolo fa,
  180. per l'esaltazione dello status
    del cuore nella cultura,
  181. erano considerate tabù.
  182. Così facendo, il cuore è stato trasformato
  183. da oggetto quasi soprannaturale
    impregnato di metafore e significato
  184. in una macchina
    che può essere manipolata e controllata.
  185. Ma il punto chiave è:
  186. queste manipolazioni, ora lo sappiamo,
  187. devono essere integrate
    con un'attenzione alla vita emotiva
  188. che il cuore, per migliaia di anni,
    si credeva contenesse.
  189. Considerate, per esempio,
    il "Lifestyle Heart Trial",

  190. pubblicato sulla rivista britannica
    "The Lancet" nel 1990.
  191. A 48 pazienti con disturbi coronarici
    moderati o gravi
  192. furono assegnati casualmente
    trattamenti classici
  193. o uno stile di vita serrato accompagnato
    da una dieta vegetariana con pochi grassi,
  194. attività aerobica moderata,
  195. supporto psicologico di gruppo
  196. e consigli sulla gestione dello stress.
  197. I ricercatori scoprirono
    che i pazienti con questo stile di vita
  198. riducevano del 5% l'arteriosclerosi.
  199. I pazienti di controllo, invece,
  200. avevano il 5% in più
    di arteriosclerosi a un anno
  201. e il 28% in più a cinque anni.
  202. Raddoppiava anche il tasso
    di episodi cardiaci
  203. come infarti,
    interventi di bypass coronarico
  204. e decessi legati a malattie cardiache.
  205. Un fatto interessante:

  206. alcuni pazienti del gruppo di controllo
    adottarono dieta ed esercizio fisico
  207. che erano intensi quasi quanto quelli
    del gruppo con l'altro stile di vita.
  208. Le malattie cardiache
    aumentavano comunque.
  209. Dieta ed esercizio non erano sufficienti
    a far regredire i disturbi coronarici.
  210. Ai controlli sia a uno che a cinque anni,
  211. la gestione dello stress
    fu più intensamente correlata
  212. con la regressione dei disturbi coronarici
  213. dell'esercizio.
  214. Senza dubbio,
    questo e altri studi sono piccoli,

  215. e, certo, correlazione
    non significa causalità.
  216. È sicuramente possibile
    che lo stress porti ad abitudini malsane,
  217. e questo è il vero motivo
    dell'aumento dei rischi cardiovascolari.
  218. Ma come per l'associazione
    del fumo al cancro ai polmoni,
  219. quando tanti studi
    mostrano la stessa cosa,
  220. e quando ci sono meccanismi
    che spiegano la causalità,
  221. sembra un capriccio negare
    che una causalità esista.
  222. Quello che molti medici hanno concluso
    è quello che ho imparato anch'io
  223. nei miei quasi 20 anni come cardiologo:
  224. il cuore emotivo interseca
    la sua controparte biologica
  225. in modi misteriosi e sorprendenti.
  226. Eppure, la medicina oggi continua
    a concettualizzare il cuore come macchina.

  227. Questa concettualizzazione
    ha avuto i suoi grandi benefici.
  228. La cardiologia, il mio settore,
  229. è senza dubbio uno
    dei più grandi successi scientifici
  230. degli ultimi 100 anni.
  231. Stent, pacemaker, defibrillatori,
    bypass coronarici,
  232. trapianti di cuore,
  233. sono tutte cose create
    dopo la Seconda Guerra Mondiale.
  234. Tuttavia, è possibile

  235. che ci stiamo avvicinando ai limiti
    delle capacità della medicina scientifica
  236. per combattere i disturbi cardiaci.
  237. Il tasso di riduzione
    della mortalità cardiovascolare
  238. è rallentato molto nell'ultimo decennio.
  239. Dovremo cambiare paradigma
  240. per continuare a fare il tipo di progressi
    a cui ci siamo abituati.
  241. In questo paradigma, i fattori
    psicosociali dovranno essere il centro
  242. del modo di vedere i problemi cardiaci.
  243. Sarà tutto in salita,

  244. e rimane un terreno
    ampiamente inesplorato.
  245. L'"American Heart Association"
    ancora non contempla lo stress emotivo
  246. tra i rischi modificabili
    dei disturbi cardiaci,
  247. forse perché il colesterolo
    è tanto più facile da ridurre
  248. del disagio sociale ed emotivo.
  249. C'è un modo migliore, forse,

  250. se riconosciamo
    che quando diciamo "cuore spezzato",
  251. talvolta stiamo parlando
    di un vero cuore spezzato.
  252. Dobbiamo prestare molta più attenzione
    al potere e all'importanza delle emozioni
  253. nel prenderci cura del cuore.
  254. Ho imparato che lo stress emotivo

  255. è spesso questione di vita o di morte.
  256. Grazie.

  257. (Applausi)