Return to Video

Il potere profondo di una scusa sincera

  • 0:02 - 0:06
    Negli ultimi anni,
    abbiamo contestato gli uomini.
  • 0:07 - 0:08
    Bisognava farlo.
  • 0:08 - 0:10
    (Applausi)
  • 0:10 - 0:13
    Ma ultimamente mi sono ritrovata a pensare
  • 0:13 - 0:16
    che dobbiamo fare
    qualcosa di ancora più difficile.
  • 0:16 - 0:20
    Come direbbe il mio amico Tony Porter,
  • 0:20 - 0:24
    dobbiamo trovare un modo
    per fare appello agli uomini.
  • 0:25 - 0:30
    Mio padre iniziò ad abusare sessualmente
    di me quando avevo cinque anni.
  • 0:30 - 0:33
    Veniva nella mia stanza
    nel cuore della notte.
  • 0:34 - 0:36
    Sembrava in trance.
  • 0:36 - 0:39
    L'abuso continuò
    fino a quando non compii dieci anni.
  • 0:40 - 0:42
    Quando provai a oppormi,
  • 0:42 - 0:45
    quando finalmente riuscii a dirgli di no,
  • 0:45 - 0:47
    iniziò a picchiarmi.
  • 0:47 - 0:48
    Mi chiamava "stupida".
  • 0:48 - 0:50
    Diceva che ero una bugiarda.
  • 0:51 - 0:54
    L'abuso sessuale cessò
    quando compii dieci anni,
  • 0:54 - 0:57
    ma non finì mai per davvero.
  • 0:57 - 0:59
    Mi cambiò.
  • 1:00 - 1:04
    Provavo costantemente ansia,
    colpa e vergogna,
  • 1:04 - 1:06
    senza sapere il perché.
  • 1:06 - 1:09
    Odiavo il mio corpo, odiavo me stessa.
  • 1:09 - 1:11
    Mi ammalavo spesso,
  • 1:11 - 1:12
    non riuscivo a pensare,
  • 1:12 - 1:14
    non mi ricordavo le cose.
  • 1:14 - 1:18
    Ero attratta da uomini e donne pericolosi
  • 1:18 - 1:22
    ai quali permettevo,
    anzi invitavo, a trattarmi male,
  • 1:22 - 1:26
    perché mio padre mi aveva insegnato
    che questo era l'amore.
  • 1:27 - 1:31
    Per tutta la vita, ho aspettato
    che mio padre mi chiedesse scusa.
  • 1:32 - 1:33
    Non lo ha mai fatto.
  • 1:33 - 1:35
    Si rifiutava di farlo.
  • 1:35 - 1:38
    Ma poi, con i recenti scandali
    che hanno travolto gli uomini famosi,
  • 1:38 - 1:41
    man mano che venivano esposti,
  • 1:41 - 1:43
    ho realizzato una cosa:
  • 1:43 - 1:46
    non avevo mai sentito un uomo
  • 1:46 - 1:51
    che aveva commesso
    uno stupro o una violenza fisica
  • 1:51 - 1:55
    scusarsi pubblicamente con la sua vittima.
  • 1:56 - 1:58
    Iniziai a riflettere
  • 1:58 - 2:04
    su quali potessero essere
    delle scuse profonde e sincere.
  • 2:08 - 2:12
    E iniziò ad accadere qualcosa di strano:
  • 2:12 - 2:14
    iniziai a scrivere,
  • 2:14 - 2:18
    e la voce di mio padre
    si manifestò attraverso di me.
  • 2:18 - 2:21
    Mi disse cosa aveva fatto
  • 2:21 - 2:22
    e perché l'aveva fatto.
  • 2:22 - 2:25
    Iniziò a scusarsi.
  • 2:25 - 2:28
    Mio padre è morto da quasi 31 anni,
  • 2:28 - 2:29
    eppure, in queste scuse
  • 2:29 - 2:32
    che ho dovuto scrivere per lui,
  • 2:32 - 2:36
    ho scoperto il potere di una scusa
  • 2:36 - 2:41
    e ho trovato un modo per superare
    la crisi che stiamo affrontando
  • 2:41 - 2:45
    con gli uomini e tutte le donne
    di cui hanno abusato.
  • 2:45 - 2:49
    Una scusa è un impegno sacro.
  • 2:50 - 2:52
    Richiede completa onestà,
  • 2:53 - 2:56
    introspezione profonda e tempo.
  • 2:56 - 2:58
    Non può essere precipitosa.
  • 2:58 - 3:01
    Ho scoperto che ci sono quattro passi
    per chiedere scusa
  • 3:01 - 3:04
    e, se vi va, mi piacerebbe elencarveli.
  • 3:04 - 3:08
    Il primo passo è dire,
    nel dettaglio, cosa avete fatto.
  • 3:09 - 3:11
    La descrizione non può essere vaga.
  • 3:11 - 3:13
    "Scusa se ti ho fatto del male"
  • 3:13 - 3:15
    o "Scusa se ho abusato sessualmente di te"
  • 3:15 - 3:16
    non basta.
  • 3:16 - 3:20
    Dovete dire cos'è successo davvero.
  • 3:20 - 3:23
    "Sono venuto nella tua stanza
    nel cuore della notte
  • 3:23 - 3:25
    e ti ho abbassato le mutandine".
  • 3:26 - 3:28
    "Ti ho sminuita perché ero geloso di te
  • 3:28 - 3:30
    e volevo che ti sentissi inferiore".
  • 3:30 - 3:34
    La liberazione è nei dettagli.
  • 3:34 - 3:37
    Una scusa è una rievocazione.
  • 3:37 - 3:39
    Collega il passato al presente.
  • 3:39 - 3:43
    Afferma che quello che è successo
    è successo davvero.
  • 3:44 - 3:48
    Il secondo passo è chiedervi perché.
  • 3:49 - 3:52
    I sopravvissuti
    sono tormentati dal perché.
  • 3:52 - 3:57
    Perché? Perché mio padre voleva abusare
    sessualmente della figlia primogenita?
  • 3:57 - 4:01
    Perché mi sbatteva
    la testa contro il muro?
  • 4:04 - 4:05
    Mio padre
  • 4:06 - 4:10
    nacque molto tempo dopo i suoi fratelli.
  • 4:11 - 4:14
    Era un incidente
    che divenne "il miracolo".
  • 4:14 - 4:18
    Era adorato e trattato come un prodigio.
  • 4:19 - 4:22
    Ma l'adorazione non è amore.
  • 4:22 - 4:24
    L'adorazione è la proiezione
  • 4:24 - 4:26
    del desiderio altrui
    che appariate perfetti
  • 4:26 - 4:27
    su di voi.
  • 4:28 - 4:31
    Mio padre doveva vivere
    all'altezza di questo ideale impossibile
  • 4:31 - 4:33
    e non gli fu mai permesso
    di essere se stesso.
  • 4:33 - 4:35
    Non gli fu mai permesso
    di esprimere affetto,
  • 4:35 - 4:39
    vulnerabilità, curiosità o dubbio.
  • 4:39 - 4:41
    Non gli fu mai permesso di piangere.
  • 4:41 - 4:44
    Di conseguenza, fu costretto
    a seppellire tutti quei sentimenti,
  • 4:44 - 4:47
    che finirono per metastatizzarsi.
  • 4:47 - 4:51
    Quei sentimenti repressi
    divennero in seguito l'Uomo Ombra,
  • 4:51 - 4:53
    privo di controllo,
  • 4:53 - 4:57
    e che riversò quel torrente su di me.
  • 4:58 - 5:02
    Il terzo passo è aprire il vostro cuore
  • 5:02 - 5:07
    e provare quello che ha provato la vittima
    mentre abusavate di lei.
  • 5:07 - 5:09
    Dovete lasciare
    che il vostro cuore si spezzi.
  • 5:09 - 5:11
    Dovete provare l'orrore, il tradimento
  • 5:11 - 5:15
    e l'impatto a lungo termine
    dell'abuso sulla vostra vittima.
  • 5:16 - 5:19
    Dovete sedervi con la sofferenza
    che avete causato.
  • 5:20 - 5:21
    Ovviamente, il quarto passo
  • 5:21 - 5:25
    è prendersi la responsabilità
    delle proprie azioni
  • 5:25 - 5:26
    e fare ammenda.
  • 5:27 - 5:33
    Ma perché qualcuno vorrebbe affrontare
    un processo così estenuante e umiliante?
  • 5:33 - 5:36
    Perché vorreste mettervi a nudo?
  • 5:37 - 5:41
    Perché è l'unica cosa
    che vi renderà liberi.
  • 5:41 - 5:44
    È l'unica cosa che renderà libera
    la vostra vittima.
  • 5:44 - 5:47
    Non avete distrutto
    solo la vostra vittima,
  • 5:47 - 5:49
    avete distrutto voi stessi.
  • 5:49 - 5:54
    Nessuno perpetra violenza
    su un'altra persona
  • 5:54 - 5:57
    senza subire le ripercussioni
    delle proprie azioni.
  • 5:57 - 6:04
    Crea uno spirito oscuro e contaminato
  • 6:04 - 6:07
    che si diffonde per tutta la vostra vita.
  • 6:08 - 6:11
    Le scuse che ho scritto mi hanno insegnato
  • 6:11 - 6:13
    che dobbiamo adottare
    una prospettiva diversa
  • 6:13 - 6:16
    per comprendere il problema
    della violenza degli uomini
  • 6:16 - 6:20
    a cui siamo sopravvissute
    io e un miliardo di altre donne.
  • 6:20 - 6:23
    Pensiamo subito alla punizione.
  • 6:23 - 6:25
    È il nostro primo istinto,
  • 6:25 - 6:30
    ma, sebbene la punizione
    a volte si riveli efficace,
  • 6:30 - 6:33
    da sola non basta.
  • 6:33 - 6:34
    Mio padre mi puniva.
  • 6:35 - 6:36
    Mi chiudevo in me stessa
  • 6:36 - 6:38
    ed ero distrutta.
  • 6:38 - 6:42
    Penso che la punizione tempri,
    ma non insegni.
  • 6:42 - 6:45
    L'umiliazione non è una rivelazione.
  • 6:45 - 6:50
    Dobbiamo creare un processo
    che possa includere una punizione,
  • 6:50 - 6:53
    per mezzo del quale apriamo una porta
  • 6:53 - 6:58
    attraverso la quale gli uomini possano
    diventare qualcosa e qualcun altro.
  • 6:58 - 7:00
    Ho odiato mio padre per moltissimi anni.
  • 7:00 - 7:03
    Volevo che morisse,
    che finisse in prigione.
  • 7:03 - 7:07
    Ma è stata quella rabbia a tenermi legata
    alla storia di mio padre.
  • 7:08 - 7:13
    Quello che volevo davvero non era solo
    che mio padre venisse fermato.
  • 7:13 - 7:14
    Volevo che cambiasse,
  • 7:14 - 7:16
    che si scusasse.
  • 7:16 - 7:18
    Ecco cosa vogliamo.
  • 7:18 - 7:20
    Non vogliamo distruggere gli uomini,
  • 7:20 - 7:23
    non vogliamo che vengano soltanto puniti.
  • 7:23 - 7:28
    Vogliamo che vedano noi,
    le vittime a cui hanno fatto del male
  • 7:28 - 7:30
    e vogliamo che si pentano
  • 7:30 - 7:31
    e che cambino.
  • 7:31 - 7:34
    Credo davvero che questo sia possibile.
  • 7:34 - 7:38
    E credo davvero che questa
    sia la strada da seguire.
  • 7:38 - 7:41
    Ma occorre che gli uomini
    si uniscano a noi.
  • 7:41 - 7:44
    Occorre che gli uomini siano coraggiosi
  • 7:44 - 7:47
    e prendano parte a questa trasformazione.
  • 7:48 - 7:52
    Ho passato la maggior parte
    della mia vita a contestare gli uomini
  • 7:52 - 7:54
    e sono qui,
  • 7:55 - 7:57
    ora,
  • 7:57 - 8:00
    a rivolgervi un appello.
  • 8:01 - 8:02
    Grazie.
  • 8:02 - 8:04
    (Applausi)
  • 8:05 - 8:06
    Grazie.
  • 8:07 - 8:08
    Grazie, grazie.
  • 8:08 - 8:10
    (Applausi)
Title:
Il potere profondo di una scusa sincera
Speaker:
Eve Ensler
Description:

"Una scusa sincera va ben oltre il rimorso", afferma la leggendaria drammaturga Eve Ensler. In questo intervento schietto e straziante, ci racconta di come abbia trasformato la sua personale esperienza di abuso in saggezza. Ci spiega quello che i perpetratori possono fare e dire per pentirsi sinceramente e ci propone un percorso in quattro passi su come dare inizio al processo. (Questo intervento contiene argomenti per adulti).

more » « less
Video Language:
English
Team:
TED
Project:
TEDTalks
Duration:
08:23

Italian subtitles

Revisions