Italian 字幕

← Il museo del futuro - il museo del mondo | Florian Pollack | TEDxLinz

获得嵌入代码
7种语言

Showing Revision 27 created 02/08/2020 by Nicoletta Pedrana.

  1. Vi chiedo un favore,
  2. il primo di oggi.
  3. Pensate all'ultima volta
  4. che siete stati in un museo
    e vi è piaciuto.
  5. Ve la ricordate?
  6. Alcuni di voi saranno andati
  7. per motivi artistici.
  8. C'è questo momento speciale,
    intimo, quasi mistico,
  9. in cui sedete davanti a un'opera d'arte,
  10. le parlate ed essa vi risponde,
    e la vostra vita si arricchisce,
  11. e uscite dal museo diversi
    da come siete entrati.
  12. Ci sono molti altri motivi
    per cui alla gente piacciono i musei.
  13. Il senso di comunità.
  14. Uno dei motivi principali
    per cui si va al museo
  15. è perché si vuol condividere
    questa passione per l'arte con gli altri.
  16. I pensionati che partecipano
    ai Friendship Party dei musei
  17. rientrano in questa categoria.
  18. Come i giovani che vanno per divertirsi.
  19. È uno dei motivi principali
    per cui la gente va al museo.
  20. O l'amore!
  21. Molti di voi -
  22. Scommetto che alcuni di voi
    non lo ammettono -
  23. ma molti di voi sono andati
    al museo coi loro cari,
  24. con persone che volevano impressionare,
  25. dimostrando loro di essere intelligenti.
  26. Con frasi come: "Guarda,
    questo è un Caravaggio".
  27. È molto importante.
  28. I musei sono molto romantici, davvero.
  29. Oppure quando arriva
    vostra zia Susie da Parigi.
  30. Arriva a Vienna e volete
    mostrarle la città.
  31. Dove andate? Ma è ovvio, al museo.
  32. "Vedi, zia Susie, questo
    è il museo, bla, bla, bla".
  33. Un motivo molto semplice
    per cui la gente va al museo
  34. è il tempo atmosferico.
  35. (Risate)
  36. Molti curatori, storici dell'arte
    e direttori di musei
  37. non ne sono felicissimi,
  38. ma quando fa molto freddo,
    piove molto o fa molto caldo,
  39. i musei sono sempre pieni.
  40. Questo è un nostro post
    su Facebook di quest'estate.
  41. Volevamo solo mostrare alla gente
    che temperature c'erano a Vienna.
  42. All'esterno c'erano tra i 36 e i 38 gradi,
  43. mentre nel Kunstkammer ci sono sempre,
    e intendo sempre, 20 gradi e mezzo.
  44. (Risate)
  45. Quindi capite che è uno dei motivi.
  46. Tra il 20 e il 25% dei visitatori
    dei musei di tutto il mondo
  47. sono bambini.
  48. Perché la gente viene
    al museo con i figli.
  49. Io ho portato i miei due nipoti
    e la mia nipotina -
  50. di tre, sei e nove anni -
  51. al Kunsthistorisches Museum
    solo tre settimane fa,
  52. e abbiamo preso un sacchetto
    di animali di plastica -
  53. quelli che adesso hanno tutti -
  54. e abbiamo cercato animali lì intorno
  55. e poi provato a fotografare i nostri
    assieme a quelli veri.
  56. Si sono divertiti, e quella di sei anni
    l'ha pubblicato su Facebook.
  57. Quindi, se vi comportate nel modo giusto
    con i bambini, loro adoreranno i musei.
  58. I bambini adorano dipingere.
  59. I bambini sono i primi
    ad apprezzare questo momento
  60. in cui i musei si distinguono
    per creatività.
  61. Tutti gli artisti, ovviamente, vanno
    al museo perché vogliono studiare l'arte.
  62. Moltissime persone, che vogliono
    solo essere creative,
  63. ed essere illuminate
  64. dalla creatività secolare e millenaria,
  65. ovviamente, vanno al museo.
  66. I genitori vanno al museo
    per far riposare i bambini.
  67. Questa è una foto datata intorno al 1870.
  68. In Gran Bretagna i musei e la fotografia
  69. si diffusero molto presto.
  70. Molti musei sono poco illuminati
  71. perché le opere
    non tollerano molto la luce.
  72. Dopo circa 30 minuti
    in un luogo molto buio -
  73. lo noterete presto -
  74. il vostro corpo vi dirà di addormentarvi.
  75. Per cui troviamo continuamente
    dei bambini sdraiati da qualche parte,
  76. che dormono, al museo,
  77. mentre i genitori
    si godono il tempo libero.
  78. (Risate)
  79. Forse a qualcuno di voi
    piacciono i cani pazzi.
  80. I musei sono pieni di animali pazzi
    degli ultimi 5.000 anni.
  81. Insomma, i motivi per andare sono molti.
  82. Ma innanzitutto, perché vi parlo di musei?
  83. I musei sono strutture molto antiche,
  84. molti sono nati
    prima di ospedali, prigioni,
  85. del Parlamento,
  86. a volte anche delle università,
  87. spesso prima delle scuole.
  88. Sono molto antichi.
  89. Se parliamo di futuro, ovviamente
    dobbiamo conoscere il passato.
  90. Ecco perché stiamo parlando di musei.
  91. Il secondo motivo è personale.
  92. Lavoro in un museo.
  93. È sicuramente un incredibile privilegio.
  94. Lavoro letteralmente sotto -
  95. Lavoro letteralmente sotto Rembrandt,
  96. sotto uno dei suoi ultimi autoritratti.
  97. Eccolo qui -
  98. uno degli ultimi autoritratti.
  99. Ecco dove lavoro.
  100. (Risate)
  101. Rembrandt è sopra di me,
  102. poi abbiamo Rubens, Velázquez,
  103. e - no, Velázquez è da un'altra parte -
  104. abbiamo Vermeer.
  105. È un grandissimo privilegio lavorare qui.
  106. E in realtà, per pura coincidenza,
  107. oggi, il 17 ottobre, ma del 1891 -
  108. ossia 124 anni fa, ha aperto questo posto.
  109. Non possiamo far finta di niente.
  110. Stiamo pensando al passato, al presente
    e al futuro dei musei.
  111. L'anno prossimo festeggiamo
    il centoventicinquesimo anniversario,
  112. ecco perché ci domandiamo insistentemente
  113. quale vorremmo che sia il ruolo dei musei
    nella società, e quale può essere.
  114. Certo, quando il museo ha aperto,
  115. il mondo era completamente diverso.
  116. Siamo nel 1891.
  117. Questo è un dipinto della cerimonia
    d'apertura, con l'imperatore Franz Joseph,
  118. che sembrava quasi aprire al pubblico
    la sua collezione privata.
  119. Non è stato il primo museo della storia.
  120. I musei sono nati circa 200 anni prima,
  121. a fine Seicento,
  122. poi nel Settecento, in epoca Illuminista,
  123. ne hanno aperti altri con lo scopo
    di istruire la gente.
  124. Era un'iniziativa atta
    a coinvolgere più gente possibile.
  125. Il concetto base era, a quanto si diceva:
  126. "Beh, questa è arte suprema,
  127. ci fa conoscere benissimo il passato;
  128. voglio donarla a tutti.
  129. Tutti dovrebbero avere
    accesso a questi luoghi".
  130. Allora aprì il British Museum
  131. nel 1753,
  132. in pieno Illuminismo.
  133. Il Louvre aprì nel 1793.
  134. In un periodo di rivoluzione.
  135. Si pensava letteralmente: "Forza!
  136. Qui c'è un tesoro incredibile,
    entrate e condividetelo con noi".
  137. Poi i tempi sono cambiati,
  138. per cui alcuni degli altri musei
    aperti nei decenni successivi
  139. partivano da idee in qualche modo diverse.
  140. Forse era più un:
  141. "Io ho il potere, e ti do l'opportunità
    di vedere le mie opere, per un po'".
  142. Come questo, l'Altes Museum di Berlino,
  143. del 1830.
  144. O questo,
  145. il Metropolitan Museum
    di New York, del 1870.
  146. Quest'ultimo è molto interessante.
  147. Innanzitutto, ha 10 milioni
    di visitatori l'anno.
  148. 10 milioni di persone visitano
    questo museo con opere di grandi maestri.
  149. Poi, è il museo più grande del mondo,
  150. e quello che fanno -
    tutti vedono quello che fanno.
  151. E di sicuro
  152. è un luogo chiave per la filantropia.
  153. Gli americani hanno inventato
    la filantropia.
  154. Quindi non è solo il potere
  155. che esercita il principio "Io ho
    la conoscenza e la do anche a te,
  156. così anche tu sarai colto".
  157. C'è anche un aspetto di filantropia
    che dice: "Ho troppi soldi sul mio conto,
  158. ne voglio dare una parte ad altre persone
  159. perché possano vivere questi momenti
    incredibili e preziosi".
  160. Che cos'è cambiato?
  161. Siamo nel 2015, abbiamo fatto
    un salto nel futuro.
  162. Cos'è cambiato da allora?
  163. Beh, le persone che avevano aperto
    quei musei, all'epoca,
  164. sono scomparse.
  165. Sono cambiati l'intero sistema politico
    e l'intera struttura societaria.
  166. La globalizzazione è un elemento cruciale
  167. in termini di autenticità.
  168. Se globalizzazione significa anche
  169. che tutto è accessibile dovunque,
  170. il vero Bruegel è accessibile
    solo in questo posto.
  171. Il vero Gauguin, Picasso, o chi volete,
  172. è accessibile solo in un posto.
  173. Questo va in parte
    contro la globalizzazione.
  174. Certo, il turismo è cambiato,
    l'immigrazione è cambiata.
  175. Oggi ci sono le Nazioni Unite,
  176. che nel 1984 hanno detto:
  177. "Ognuno ha il diritto
    di partecipare liberamente
  178. alla vita culturale della comunità,
  179. per apprezzare le arti,
  180. e per usufruire del progresso scientifico
    e dei suoi vantaggi".
  181. Questa è la Dichiarazione
    dei Diritti Umani delle Nazioni Unite.
  182. È sicuramente importante.
  183. Queste persone hanno pensato
    che è importante avere accesso all'arte
  184. per vivere una vita libera.
  185. L'immigrazione, il turismo,
  186. molte cose sono cambiate
    negli ultimi decenni,
  187. dopo l'apertura di questi grandi musei.
  188. Il numero di visitatori
    è aumentato sensibilmente.
  189. Il numero di musei che hanno aperto
    è aumentato sensibilmente.
  190. Il 90% dei musei europei ha aperto
    dopo la seconda guerra mondiale.
  191. È una crescita importante,
    ecco perché ve ne parlo.
  192. Per questo riteniamo i musei
    parti fondamentali della nostra società.
  193. Bene, questo è il passato, il modo
    in cui siamo arrivati qui.
  194. Ma qual è l'argomento chiave
    al giorno d'oggi? Qual è la sfida?
  195. Quali sono le domande che ci poniamo,
  196. alle quali proviamo a rispondere oggi?
  197. Il primo è l'accessibilità.
  198. Chi può entrare in un museo?
  199. In molti Paesi, i musei sono gratuiti.
  200. In ancora più Paesi,
  201. i musei magari non costano tantissimo,
  202. ma per l'ingresso si pagano
    tra i 15 e i 25 euro.
  203. Quindi non è gratis,
    è un piccolo investimento.
  204. Forse paragonato a un cinema con popcorn
    e Coca Cola di piccole dimensioni,
  205. non è tantissimo, ma è sempre
    un piccolo investimento.
  206. E cosa dire di chi è seduto a Linz,
  207. entra nella pagina web
    del Metropolitan Museum di New York
  208. e guarda un'opera d'arte da lì?
  209. Sono anche loro dei visitatori.
  210. Anche loro vogliono gustare l'arte.
  211. Questo è un elemento,
  212. una piccola parte,
  213. di un dipinto molto famoso
    del Kunsthistorisches Museum,
  214. dal titolo "La torre di Babele",
    di Pieter Bruegel il Vecchio.
  215. È grande più o meno così,
  216. e se vi trovate di fronte,
    provate qualcosa.
  217. È un dipinto incredibile.
  218. È antichissimo -
    ha quasi quattrocento anni.
  219. Sin da subito ha avuto una fama enorme,
  220. tuttavia, se andate su Google Art Project,
  221. vedete cose che non si vedono
    quando l'avete di fronte dal vivo.
  222. Il contributo della tecnologia
  223. è la possibilità di guardare
    il vostro computer dovunque,
  224. potete assaporare quest'opera
  225. forse meglio di quanto possiate dal vivo.
  226. È strano da dire, l'autentico
    contro il non autentico,
  227. ma è qualcosa
  228. che cambierà il mondo dei musei
    drasticamente in futuro:
  229. dove le persone possono accedere ai musei,
  230. come vengono organizzate le mostre.
  231. Su questi temi la tecnologia,
  232. così come la capacità delle persone
    di accedere da qualsiasi parte del mondo,
  233. cambieranno ciò che facciamo.
  234. Un'altra cosa che cambia
    sono le aspettative della gente.
  235. Come ho detto prima, qualcuno
    viene per passione,
  236. qualcuno per il cibo,
  237. qualcuno per gli animali.
  238. Il 45% di chi va alla Tate Modern
  239. lo fa per motivi sociali.
  240. Questo è Chris Dercon, allora
    direttore del Tate Modern,
  241. uno dei luoghi più di successo
  242. d'Europa,
  243. in cui sono rimasti un po' demoralizzati
  244. quando hanno scoperto che il 45%
    del loro pubblico viene per motivi sociali
  245. perché hanno messo insieme
    tutta quest'arte,
  246. lavorano molto sull'organizzazione
    e sui vari aspetti del museo,
  247. ma qualcuno continua ad andarci
    solo per uscire con gli amici.
  248. È un dato di fatto, che va affrontato.
  249. Creiamo degli spazi aperti.
  250. Creiamo dei luoghi che invoglino a venire
  251. e a condividere bei momenti con gli amici.
  252. Altro elemento significativo
  253. è il background culturale,
    storico, linguistico e religioso.
  254. Se confrontiamo il mondo d'oggi
    con quello di cinquant'anni fa,
  255. le cose sono cambiate.
  256. Chi può sapere, oggi,
    perché questo signore -
  257. che per la cronaca è Massimiliano I,
  258. sovrano di un grande impero -
  259. Perché tiene in mano un melograno?
  260. Probabilmente non è mai stato in Israele
    o in Medio Oriente per poterlo prendere.
  261. Che cosa significa?
  262. È difficile trovar qualcuno che lo sappia.
  263. La signora in alto -
  264. La trovo un'immagine veramente toccante.
  265. Sta morendo, o è già morta.
  266. Alcuni di voi, forse,
    non hanno capito che è Cleopatra.
  267. Come mai non avete capito che è lei?
  268. Probabilmente perché pensavate
    che Cleopatra avesse i capelli neri.
  269. Beh, all'epoca la dipingevano
    con i capelli biondi
  270. perché credevano che stesse meglio così.
  271. Chi può saperlo oggi?
  272. Chi non avrebbe paura
  273. di una donna con una spada
    accanto a una testa mozzata?
  274. E che cos'è la vicenda
    di Giuditta e Oloferne?
  275. È un episodio conosciuto? No, non lo è.
  276. Quindi quello che musei
    e gallerie devono fare ora
  277. è essere più smart
    e più preposte
  278. ad aiutare la gente
    a comprendere queste immagini,
  279. aiutarla ad avere accesso
    a queste incredibili opere d'arte
  280. delle quali per molti secoli la gente
    ha saputo il significato,
  281. poi però le cose sono cambiate.
  282. La divinità più suprema che rapisce
    una donna trasformandosi in una nuvola.
  283. Ok, ma bisogna sapere di cosa
    si tratta per capire il quadro.
  284. O forse non è obbligatorio,
    ma può comunque essere interessante.
  285. Tutta questa -
  286. tutta questa iconografia religiosa
    che si trova nei musei
  287. è difficile da spiegare a moltissimi
    di coloro che frequentano i musei.
  288. Dato che il 50% dei turisti proviene
    da culture completamente diverse,
  289. ci vuole del tempo,
  290. ci devono dare del tempo
    per spiegare loro chi tortura chi,
  291. e perché, alla fine,
  292. questo povero ragazzino
    deve indossare un vestito da donna.
  293. Ve lo dico dopo.
  294. Quando furono scritte le linee guida
    del Kunsthistorisches Museum di Vienna,
  295. intorno al 1870,
  296. dicevano, in breve:
  297. "Quando entri, ti devi sentire
    piccolo e insignificante".
  298. Gli architetti sono stati bravissimi,
    per cui funziona ancora oggi.
  299. E ci sono in effetti molte barriere
    che il pubblico deve superare.
  300. Ci sono quelle fisiche.
  301. È difficile entrare
    per chi ha problemi a camminare.
  302. È difficile entrare
    per chi è su una sedia a rotelle.
  303. È difficile accedere all'arte
    per gli ipovedenti,
  304. o per gli ipoudenti -
    per altri tipi di arte.
  305. Per questo in tutto il mondo,
    tutti i musei e tutti i curatori
  306. stanno lavorando molto duramente
    per ridurre le barriere,
  307. per dare alle persone
    un accesso più facile a questi musei.
  308. Le barriere non sono solo fisiche,
  309. c'è anche la barriera del pensare:
    "Sono abbastanza intelligente"?
  310. Se entro con la zia Susie di Parigi,
    e lei mi chiede qualcosa come:
  311. "Che cosa pensi del Rinascimento"?
  312. Proverò vergogna se non so
    molto del Rinascimento?
  313. È probabile.
  314. Questa è un'altra grande sfida
    dei musei di oggi,
  315. ridurre le barriere,
    rendere le cose più facili.
  316. Un'ultima cosa di cui voglio
    parlare è la tecnologia.
  317. Questo è probabilmente
    il primo selfie della storia,
  318. di un tal Parmigianino, del 1523.
  319. Lo dipinse per essere invitato
    a lavorare dal Papa.
  320. Se voi foste la Gioconda,
    vedreste il mondo in questo modo.
  321. Pensate che la gente sia così?
  322. Perché tutti si mettono di fronte
    alla Gioconda in questa posizione,
  323. per farsi un selfie.
  324. Ecco un'altra grande sfida.
  325. Ciò che vogliamo ottenere, in sostanza,
  326. è che la gente capisca la passione
  327. che abbiamo per queste opere.
  328. Vogliamo che le persone si sentano legate
    all'arte, si sentano legate tra di loro,
  329. e che quando escono dal museo
  330. si sentano arricchite
  331. rispetto a quando sono entrate,
  332. che sia per sentirsi più colte,
    più appassionate o per essersi divertite,
  333. basta andarsene avendo ottenuto qualcosa.
  334. Vi ringrazio molto per l'attenzione.
  335. (Applausi)