Return to Video

disabilità- Victoria Rodríguez-Roldán

  • 0:00 - 0:02
    Sono Victoria Rodríguez-Saldán
  • 0:02 - 0:07
    e sono Responsabile
    Policy Manager dell'AIDS United
  • 0:07 - 0:11
    il nostro scopo è mettere fine
    all'epidemia di HIV
  • 0:11 - 0:14
    sono una grande sostenitrice
    della disabilità
  • 0:14 - 0:18
    proprio perché anche io sono
    disabile mentale
  • 0:18 - 0:22
    e una cosa che porto con me tutta la vita,
  • 0:22 - 0:28
    per cercare di spiegare il mondo
    della disabilità in un modo più inclusivo
  • 0:28 - 0:32
    per tutte le disalibità
    della salute mentale e dello sviluppo
  • 0:32 - 0:36
    quindi non solo per le disabilità
    fotogeniche.
  • 0:36 - 0:40
    quando è stata approvata la Legge
    ADA in USA,avevo un anno.
  • 0:40 - 0:44
    oggi ho 31 anni e festeggiamo il 30esimo
    anniversario
  • 0:44 - 0:48
    non ho ricordi, sono cresciuta così
  • 0:48 - 0:51
    il mio primo ricordo dell'ADA
    è stata mia mamma che era diabetica,
  • 0:51 - 0:56
    parlando di come conservare insulina
  • 0:56 - 1:00
    nel frigo di lavoro
  • 1:00 - 1:04
    Mi ricordo che parlava
    di questa nuova cosa chiamata ADA .
  • 1:04 - 1:08
    sapete che le persone
    a casa parlano di lavoro.
  • 1:08 - 1:13
    Ma l' ADA ...io avevo
    il mio proprio concetto mentale.
  • 1:13 - 1:19
    su chi è una persona disabile
  • 1:19 - 1:24
    finché io stesso ho dovuto scontrarmi
    con il sentirmi diversa,
  • 1:24 - 1:29
    dovuto al fatto di essere transgender
    e alla mia salute mentale,
  • 1:29 - 1:34
    e ricevere lo stesso trattamento
    quando ero nella facoltà di legge.
  • 1:34 - 1:38
    che non avuto.Fare legge è sempre
    un'esperienza interessante,
  • 1:38 - 1:41
    per le matricole dura 3 anni.
  • 1:41 - 1:45
    però devo ammettere che una delle cose
    che mi motivano
  • 1:45 - 1:50
    per quanto riguarda le disabilità,
    è vedere quanto....
  • 1:50 - 1:57
    trattiamo le persone con
    disabilità con pietà e dispiacere
  • 1:57 - 2:01
    o come persone spaventose che hanno
    bisogno di essere chiuse.
  • 2:01 - 2:04
    Spesso la disabilità fisica è
    motivo di compassione.
  • 2:04 - 2:08
    mentre le disabilità mentali fanno paura,
    ''chiudiamoli''.
  • 2:08 - 2:11
    Perché queste persone girano
    liberamente per la città?
  • 2:11 - 2:15
    e avendolo visto e avendo temuto
  • 2:15 - 2:21
    intimorita di confessare il mio
    orientamento sessuale a lavoro
  • 2:21 - 2:24
    che è molto per una persona trans
    uscire allo scoperto
  • 2:24 - 2:29
    come per chi ha una disabilità mentale.
  • 2:29 - 2:33
    Credo che dobbiamo cambiare
    totalmente
  • 2:33 - 2:39
    il pensiero che la società ha
    su ciò che è normale e non normale
  • 2:39 - 2:46
    e come questo funziona per quanto riguarda
    l'includere tutte le disabilità
  • 2:46 - 2:51
    Potrei dire che una delle cose
    che più ha avuto impatto su di me
  • 2:51 - 2:55
    è stato quando sono uscita
    dalla facoltà di diritto.
  • 2:55 - 3:00
    mi hanno dato un beneficio
    e poco prima di laurearmi, e
  • 3:00 - 3:07
    la Vicepreside di Facoltà, Sherry Abbott,
    mi aiutò
  • 3:07 - 3:11
    perché avevo un sacco di problemi
  • 3:11 - 3:13
    legati alla mia disabilità.
  • 3:13 - 3:17
    questo non sarebbe stato possibile se
    non ci fosse stata l' ADA.
  • 3:17 - 3:21
    qualche mese più tardi,
    quando ho iniziato la mia carriera,
  • 3:21 - 3:25
    ho iniziato con un programma al
  • 3:25 - 3:28
    Dipartimento di Lavoro degli Stati Uniti
  • 3:28 - 3:31
    Se non fosse stato per l'iniziativa
    del governo federale
  • 3:31 - 3:33
    parzialmente ispirata all'ADA,
  • 3:33 - 3:37
    per garantire alle persone disabili che
  • 3:37 - 3:40
    siano assunte dal governo federale
  • 3:40 - 3:47
    allora forse non avrei iniziato
    diritti civili a Washington
  • 3:47 - 3:50
    Per questo, per me ha fatto la differenza
  • 3:50 - 3:54
    avere un contratto equo a lavoro
    e così via
  • 3:54 - 3:59
    É questione di come noi...
  • 3:59 - 4:02
    ormai abbiamo un'intera generazione
    di persone come me,
  • 4:02 - 4:05
    che siamo 30enni o
    20enni ,
  • 4:05 - 4:08
    tutti millenial e zoomers.
  • 4:08 - 4:13
    non abbiamo ricordo dei giorni bui
    prima della legge ADA.
  • 4:13 - 4:15
    Però non possiamo dire
    semplicemente:
  • 4:15 - 4:19
    '' Benissimo, la legge è stata fatta,
    adesso torniamo a casa e festeggiamo.''
  • 4:19 - 4:24
    perché c'è molto lavoro da fare, ancora.
  • 4:24 - 4:29
    i disabili si trovano ancora
    a lottare, ogni giorno.
  • 4:29 - 4:31
    affinché vengano riconosciuti i
    propri diritti
  • 4:31 - 4:36
    Se andassimo a Washington
    a scoprire le barriere architettoniche
  • 4:36 - 4:41
    potremmo trovarne una decina
    nel raggio di un miglio.
  • 4:41 - 4:44
    E questo è un problema
  • 4:44 - 4:46
    ed è la verità
  • 4:46 - 4:51
    Voglio parlare delle disabilità attrattive
    e non
  • 4:51 - 4:54
    Quando si parla di disabilità
    la gente spesso
  • 4:54 - 4:58
    costruisce un'immagine mentale
    d'ispirazione pornografica
  • 4:58 - 5:01
    di una persona fotogenica
    sulla sedie a rotelle,
  • 5:01 - 5:05
    e hanno punti in più se sono
    eterosessuali e bianchi ,
  • 5:05 - 5:09
    però non vogliono parlare,
    né escludere l'immagine,
  • 5:09 - 5:11
    di quella bella immagine di gruppo,
  • 5:11 - 5:17
    della persona che balbetta,
    quella che soffre di dolore cronico
  • 5:17 - 5:22
    e non può lavorare per questo,
    la persona con disabilità mentale
  • 5:22 - 5:26
    che ha sofferto di psicosi
    o di altro.
  • 5:26 - 5:29
    Quando parliamo di salute mentale,
  • 5:29 - 5:33
    cerchiamo di porre fine allo stigma
    e alle altre conseguenze.
  • 5:33 - 5:38
    Spesso ci concentriamo sull'idea di:
  • 5:38 - 5:42
    ''parliamo di persone
    che erano depresse,
  • 5:42 - 5:46
    che grazie al Prozac
    si sono sentite meglio'',
  • 5:46 - 5:50
    però non si parla di quelli
    che sono chiusi in istituti,
  • 5:50 - 5:52
    di quelli che soffrono di psicosi,
  • 5:52 - 5:55
    o di disturbo bipolare.
  • 5:55 - 6:01
    dobbiamo mettere in chiaro che
    tutti i disabili sono importanti,
  • 6:01 - 6:04
    con il rischio di sembrare un cliché,
  • 6:04 - 6:07
    non solo quelli che ci piacciono di più.
  • 6:07 - 6:11
    Direi che, fondamentalmente,
    c'è bisogno di un cambiamento
  • 6:11 - 6:16
    nel modo in cui le leggi federali trattano
    le persone con disabilità mentali.
  • 6:16 - 6:20
    Dobbiamo
    porre fine all'istituzionalizzazione
  • 6:20 - 6:24
    c'è bisogno di una assistenza
    medica universale,
  • 6:24 - 6:28
    perché le persone non dovrebbero
    dipendere dall'avere un lavoro
  • 6:28 - 6:33
    per avere accesso a un'assistenza
    sanitaria accessibile.
  • 6:33 - 6:37
    Penso anche, come un
    cambiamento più grande
  • 6:37 - 6:40
    l'idea fondamentale che le persone
  • 6:40 - 6:42
    con disabilità mentali o di sviluppo
  • 6:42 - 6:45
    possiedano diritti
  • 6:45 - 6:49
    Fondamentalmente cambiare la cultura e
    anche chiedere aiuto alla gente.
  • 6:49 - 6:53
    Mi piace dire alle persone:
    ''usufruisci del tuo privilegio''
  • 6:53 - 6:57
    Come i cartelli che hanno messo nella
    metropolitana di New York
  • 6:57 - 7:00
    che dicono:
    ''Se vedi qualcosa, dì qualcosa".
  • 7:00 - 7:04
    Questo vale anche ora,
    se vedi discriminazioni , dillo.
  • 7:04 - 7:07
    non aspettare che
    lo dica un disabile
  • 7:07 - 7:11
    stanco di lottare,
    per se stesso, ma dillo!
  • 7:11 - 7:16
    ma valutalo, sii un alleato.
    subtitles: Dilorenzo Chiara
Title:
disabilità- Victoria Rodríguez-Roldán
Video Language:
English
Team:
ABILITY Magazine
Duration:
07:16

Italian subtitles

Revízie Compare revisions