Italian titulky

← vimeo.com/.../436631998

Získať kód na vloženie
10 Languages

Ukazujem Revíziu 12 vytvorenú 02/01/2021 od Flavio Orlandi.

  1. Sono Karen Sacs,
    Dott.ssa e professoressa
  2. e Capo del Dipartimento
    di Amministrazione e Riabilitazione
  3. e l'istruzione post-secondaria
    alla San Diego State University.
  4. Sono qui da quasi 30 anni
    ho iniziato la mia carriera
  5. come insegnante di educazione speciale.
  6. Il primo anno che ho insegnato,
  7. è stato il primo anno in cui i miei studenti
    furono ammessi
  8. nella scuola pubblica
  9. a causa della gravità delle
    loro disabilità.
  10. Nel 1975 è stata approvata una legge che
    ammetteva agli studenti
  11. con disabilità molto significative
  12. per poter frequentare
    la scuola pubblica
  13. Quello fu il primo anno
    che iniziai ad insegnare.
  14. Eravamo in un piccolo stabile
    con circa 40 studenti,
  15. ed un gruppo di noi, nuovi
    insegnanti
  16. cercando di capire cosa
    fare con questi ragazzi
  17. di età dai 5 ai 22 , per la prima volta
    nella scuola pubblica.
  18. Così, quando insegnavo, questo era
    molto prima che l'ADA passasse,
  19. imparai molto sulla
    carenza di accessibilità.
  20. Infatti, insieme agli studenti
    ai quali insegnavo,
  21. cominciai l'insegnamento con
    i più grandi, gli adolescenti,
  22. e non avevo molto tempo
    con loro a scuola
  23. perchè avevano appena iniziato.
  24. E mi resi conto che avevano bisogno
  25. di apprendere come inserirsi
    in comunità,
  26. avevano bisogno di imparare
    come ottenere un lavoro,
  27. avevano bisogno di imparare
    tutte le abilità
  28. perchè hai così poco
    tempo per loro.
  29. E nel mio distretto scolastico
  30. avevano persone il cui lavoro
    era cercare lavoro per gli studenti,
  31. quindi creavano posti di lavoro
    e quando chiesi loro
  32. per un lavoro così per la nostra scuola,
  33. mi è stato detto che non ne
    avremmo avuto uno
  34. non idoneo
    per i nostri studenti.
  35. E, come potete immaginare,
  36. mi ha motivato a comprendere.
  37. Perchè sapevo che i miei studenti
    potevano lavorare.
  38. E così ho iniziato ad andare
    fuori ed incontrare
  39. alcuni uomini di affari
    nel vicinato,
  40. che mi hanno presentato
    altri uomini di affari,
  41. ed ho imparato come parlare
    ai datori di lavoro,
  42. ed è stato piacevole, qualcosa
    appreso
  43. Capire come fare l'Insegnante
    nel mio primo Progamma Speciale.
  44. La prova fu che
    i miei studenti potevano lavorare.
  45. Mi rivolgevo direttamente
    ai datori di lavoro,
  46. e loro mi hanno insegnato
    i trucchi del mestiere
  47. che ho insegnato ai miei studenti
  48. come affrontare tutto,
  49. e come poter ottenere
    le condizioni per
  50. fare un lavoro, ed è stato bello
  51. vedere uno studente
    ottenere un lavoro
  52. trovando qualcosa che
    gli piaceva fare
  53. per il quale era anche idoneo.
  54. E abbiamo famigliari che non
    hanno mai appreso questo
  55. che i loro figli e figlie
    potevano fare, eppure
  56. li vedevano fare bene
  57. e genitori che erano molto
    nervosi al riguardo
  58. avendoli coinvolti nella comunità
  59. erano così presi, che divennero
    i nostri più grandi consiglieri
  60. per espandere questo
    programma educativo
  61. Così ho capito che non importava
    dove io andassi
  62. cercavo di sensibilizzare
    la consapevolezza ed ancora più
  63. alzare le aspettative
  64. degli studenti pei i quali
    stavo lavorando
  65. e meglio, con i quali lavoravo.
  66. Quando arrivai nello Stato di San Diego,
  67. era per capire come meglio
    utilizzare la tecncologia assistita
  68. per unire le persone disabili
  69. sia che andassero a scuola
    o facessero un lavoro,
  70. accedendo alla loro comunità
    in qualche modo.
  71. Così la tecnologia assistita divenne
    la mia area di interesse
  72. ed ottenemmo un paio di
    sovvenzioni federali
  73. che mi finanziarono, me ed altri
    colleghi
  74. per sviluppare qualche cooperazione
    di comunità
  75. per supportare lo sviluppo
    di tecnologia assistita
  76. questo accadde nei primi giorni,
    penso che la ADA fosse appena passata,
  77. le comunità si stavano aprendo,
  78. i datori di lavoro divenivano
    più consapevoli,
  79. e cominciammo a reclutare gente
    dalla comunità
  80. realmente interessata ad aiutarci
    ad apporre delle modifiche,
  81. ad aiutare la gente ad accedere al lavoro
    che davvero volevano fare.
  82. Così cominciai ad insegnare un corso
    sulle applicazioni
  83. di tecnologia assistita.
  84. Insegnai con un ingegnere
    membro di Facoltà
  85. ed avevamo studenti dalla Educazione
    Speciale, dalla Riabilitazione,
  86. da Ingegneria...
  87. avevamo anche gente dalla
    comunità,
  88. avevamo terapisti fisici professionali,
  89. c'erano persone
    che avevano venduto l'attrezzatura,
  90. vi erano varie tipologie di ingegneri
    che tenevano le lezioni,
  91. e noi tutti insieme
  92. cercammo di capire
    le varie possibilità durante l'incontro
  93. con le persone con disabilità
  94. ed una tecnologia assistita che
    li accomunava alle
  95. attività da voler fare.
  96. Scoprimmo che faceva
    grande differenza
  97. e dava alla gente il controllo
    delle loro vite.
  98. Ed una delle attività che
    facemmo in classe
  99. era fare il sondaggio sull'accessibilità
    ADA
  100. e questo era così illuminante per me
    e per i miei studenti
  101. e per la gente nella nostra comunità,
  102. che lavoravano con noi.
  103. Alcuni studenti uscivano
    conducevano sondaggi
  104. capendo quanto fossero o non fossero
    accessibili
  105. i loro quartieri.
  106. Sono andati nei negozi,
  107. sono andati nei ristoranti,
  108. ed hotels, ed ogni tipo di posto
  109. dove avrebbero voluto entrare
    nei loro quartieri
  110. e quello che abbiamo trovato, per tutti,
  111. è non vedere i posti allo stesso modo.
  112. Avere il sondaggio ADA
    come riferimento
  113. e come una guida di supporto per guardare
    dove poter intervenire e modificare
  114. perchè parte dell'incarico
  115. non era solo il sondaggio
    e cosa ci fosse di sbagliato
  116. e dove la gente poteva fare
    dei miglioramenti,
  117. ma anche consigliare in modo attivo,
  118. e far capire alle persone
  119. che avevano un intero mercato
    li fuori
  120. al quale non avevano pensato.
  121. E spingere quel mercato
    nel loro commercio
  122. dovevano renderlo più accessibile.
  123. Era tutto così emozionante,
    ancora insegno alla classe
  124. e ancora conduco il sondaggio ADA
    sull'accessibilità, e per fortuna
  125. è andata sempre meglio e abbiamo
    visto i miglioramenti,
  126. ma troviamo sempre cose che
    possono essere migliorate.
  127. Ho visto molti
    cambiamenti positivi,
  128. negli accessi fisici
    negli edifici,
  129. ma anche nella comunicazione
    elettronica e digitale
  130. e tutto questo ha fatto davvero
    una grande differenza.
  131. Penso che quello che accada sempre sia,
  132. che non facciamo queste
    considerazioni in anticipo.
  133. Troppo spesso è dopo i fatti
  134. anche all'Università, sia che
  135. si introducono un nuovo softawre,
    nuove tecnologie, nuove piattaforme,
  136. che utilizziamo,
  137. Chiedo sempre in anticipo
  138. cosa mi dite
    in merito all'accessibilità?
  139. la risposta è sempre
    inevitabilmente
  140. "ci arriveremo".
  141. "Ci arriveremo dopo".
  142. Ho visto questo cambiamento
    e le persone alla ricerca
  143. dei problemi di accessibilità in anticipo
  144. Ma credo che succeda davvero...
    deve accadere di più.
  145. E l'idea del design universale
    deve essere pensato in anticipo,
  146. Ed è molto più inclusivo
  147. è anche
    molto più conveniente.
  148. Penso che entrare prima
    nella mentalità delle persone
  149. e ho avuto la possibilità di lavorare
  150. con gli studenti di architettura,
    per esempio, ed essere in grado di
  151. presentarli agli individui
    con disabilità ha dato loro
  152. avviso che non si tratta di
    conformità
  153. non si tratta solo di conformità
    e di applicare dei codici
  154. Ma una volta incontrate le persone
  155. che accedevano alla
    comunità in modi diversi,
  156. li ha aiutati a pensare a
    progettare in modo nuovo.
  157. E li ha incoraggiati a
    considerare la loro creatività
  158. su come realizzare i loro progetti,
  159. se questi fossero edifici, o
    paesaggi esterni,
  160. qualunque cosa fosse, loro
    avrebbero dovuto renderli
  161. più accessibili per un maggiore
    numero di persone.
  162. Quello che vorrei vedere è
    disabilità
  163. presente nelle discussioni varie.
  164. Penso, troppo spesso, che
  165. gli argomenti
    sulla diversità,
  166. di questo momento
    spesso lasciano la disabilità
  167. fuori dall'equazione.
  168. E la diversità in ogni aspetto
    e con ogni tipo di identità
  169. che sia di sesso, età, etnia...
    ogni aspetto
  170. dove trovare persone con disabilità.
  171. E infatti, chiunque di noi può partecipare
  172. al gruppo di disabilità, in qualsiasi momento
    e la maggior parte di noi a un certo punto
  173. nelle nostre vite.
    Così penso che
  174. essere proattivi
    e eolistici sulla disabilità
  175. sia critico e deve fare parte
    delle conversazioni

  176. sulle diversità.