YouTube

Got a YouTube account?

nou: permite crearea traducerilor și subtitrărilor de către spectatori pe canalul tău de YouTube!

Italian subtitrări

← David Goldblatt: Un monumento all'apartheid a Fietas | Art21 "Extended Play"

Obține codul încorporat
7 Languages

Showing Revision 1 created 03/23/2019 by Maria Elena Sampietro.

  1. [DAVID GOLDBLATT] Siamo diretti a ovest--
  2. al momento ci dirigiamo a sud,
  3. ma stiamo andando a ovest della città in un sobborgo chiamato Fietas.
  4. [Fietas era una comunità variegata
    con un gran numero di indiani.]
  5. [Durante l'apartheid i residenti
    furono trasferiti con la forza.]
  6. Il suo nome ufficiale è Pageview,
  7. ma divenne noto ai residenti come Fietas.
  8. Nessuno sa con certezza da dove venga il nome
  9. e se ha un significato,
    cosa significa,
  10. ma quello era il nome affettivo della zona.
  11. Quando iniziai a fotografare qui nel '76,
  12. la comunità era ancora essenzialmente intatta.
  13. Ecco la moschea della ventitreesima strada.
  14. Alcune delle case qui sono le abitazioni indiane originali
  15. mentre altre vennero costruite dal Dipartimento di Sviluppo Comunitario.
  16. Eravamo splendidi nella nostra abilità di inventare il significato delle parole.
  17. Il Dipartimento di Sviluppo Comunitario venne qui e distrusse la loro comunità.
  18. Per esempio, tutto questo fu costruito dal Dipartimento di Sviluppo Comunitario.
  19. E come potete vedere, ora sono delle piccole fortezze,
  20. come lo sono così tante delle nostre case a Johannesburg.
  21. Una comunità bianca di operai, qui accanto,
  22. incitava al loro allontanamento.
  23. I bianchi non volevano gente di colore
    che vivesse accanto a loro.
  24. La cosa era esplicita fino a questo punto
  25. e ciò che accadde qui è emblematico di quello che avvenne in quasi ogni città del Sudafrica.
  26. --[SALMA PATEL] Entrando dal retro,
    si poteva comprare la carne
  27. [ride]
  28. --ho avuto un'infanzia meravigliosa, lo sai!
  29. Ricordo David che veniva in bici...
  30. arrivava e pedalava.
  31. E mi chiedevo, "perché lo fa?"
  32. Allora stavo andando a scuola
  33. e vidi quest'uomo fotografare tutte queste rovine.
  34. Nel mio piccolo mondo di allora, questa era casa,
  35. e non capivo veramente la reale portata
    dei trasferimenti forzati.
  36. A causa delle ideologie razziste
    del regime dell'apartheid,
  37. questa zona fu distrutta.
  38. Il Fietas Museum è un ottimo modo
    di capire l'esproprio delle terre,
  39. la distruzione di nuclei familiari e di una comunità.
  40. Queste sono le fotografie di Paul Weinberg.
  41. Paul e io abbiamo una lunga storia.
  42. Ha fatto questo intero viaggio con me,
    come con David
  43. li conosco da così tanti anni.
  44. Questi due fotografi sono stati molto generosi
  45. a semplicemente donare le loro foto al Fietas Museum.
  46. Se non fosse stato per le loro fotografie,
  47. non avremmo alcun archivio illustrato dei miei avi
  48. e della mia comunità.
  49. Questa mostra la quattordicesima
    strada nel suo momento di splendore.
  50. Come potete vedere, aveva
    gli elementi essenziali di una buona città.
  51. Sarebbe a dire: densità, varietà e complessità.
  52. Era una comunità di culture mescolate.
  53. Esiste un concetto indiano chiamato
    "upar makaan neeche dukaan",
  54. che significa "alloggi al piano di sopra
    e attività commerciali al piano di sotto"
  55. è un modo molto astuto di usare lo spazio
  56. e la gente che fu trasferita
    di forza da quest'area --
  57. specialmente in questa specifica strada--
    erano commercianti.
  58. [GOLDBLATT] Bianchi, neri--
  59. ogni genere di persone--
    venivano da ogni parte della zona
  60. per fare acquisti qui,
    nella quattordicesima strada.
  61. Le strade erano molto strette.
  62. e capii che il modo migliore di venire
    qui a fare foto era in bicicletta.
  63. Arrivavo con una bici con un paio di cestini
  64. così da poter portare una
    fotocamera di grande formato,
  65. o una Hasselblad
  66. e un po' di pellicola e un treppiede leggero.
  67. Quindi venivo qui e fotografavo la gente, i negozi...
  68. tutto ciò che volevo.
  69. Conobbi Ozzie Docrat,
  70. uno degli uomini indiani
    che avevano un negozio qui.
  71. Aveva un negozio qui lungo la strada
    che si chiamava "Subway Grocers".
  72. Se c'era un'importante partita di cricket,
    internazionale,
  73. lui esponeva il punteggio sul marciapiede,
  74. in modo che i passanti potessero vederlo.
  75. Conosceva gli autisti dei tram che passavano.
  76. e non era impossibile che un autista
    fermasse il proprio tram
  77. ed entrasse a dire: "Ozzie, hai sbagliato
    il punteggio, bello!"
  78. "ora sono questo-a-questo."
  79. Era un posto molto popolare e lui era
    un uomo molto popolare.
  80. La sua casa era qui.
  81. Proprio qui
  82. e questo era il centro della casa.
  83. Era in cemento armato, perché
    doveva sostenere la cisterna.
  84. Quando le pale caricatrici vennero
    qui a distruggere tutto nel 1977,
  85. Non riuscirono ad abbatterlo,
  86. è cemento armato.
  87. Quindi ora rimane qui come
    folle monumento all'apartheid
  88. Lui dovette trasferirsi a Lenasia,
  89. Che è il sobborgo indiano che fu allestito fuori città
  90. per assorbire queste persone dislocate.
  91. Il governo costruì la cosiddetta "Oriental Plaza",
  92. un centro commerciale che dicevano
  93. avrebbe poi sostituito i negozi
    che stavano distruggendo qui.
  94. Un giorno, era una domenica mattina,
  95. venni qui in bicicletta
  96. e c'era Ozzie Docrat.
  97. Ci salutammo e io gli dissi:
  98. "Sa, Signor Docrat,"
  99. "Non so dirle quanto mi vergogni
    di ciò che si sta facendo qui,"
  100. "a Lei, in mio nome, in quanto elettore bianco."
  101. Poi gli dissi: "Sa, ho un problema,"
  102. "perché stanno abbattendo gli edifici e
    non riesco a ricordare cosa ci fosse lì."
  103. E lui disse: "Signor Goldblatt,"
  104. "mi sento come se fossi stato dal dentista"
  105. "e mi fossi fatto estrarre dei denti"
  106. "e ora passassi la lingua tra gli spazi"
  107. "e tentassi di ricordare la forma di quel che c'era prima."
  108. Era un'affermazione straordinaria.