Return to Video

Salvare le lingue in pericolo

  • 0:02 - 0:05
    (Parla in wakhi) Per ciascuno
    è importante
  • 0:05 - 0:07
    conservare la propria lingua.
  • 0:07 - 0:10
    Perché oggi non riusciamo
    a parlare la nostra lingua in purezza.
  • 0:11 - 0:13
    (Parla la lingua del Mustang)
    Ora che abito qui
  • 0:13 - 0:14
    da almeno dieci anni
  • 0:14 - 0:16
    posso dire che
    dipende da noi,
  • 0:16 - 0:21
    dalla nostra capacità di insegnare ai
    nostri figli a parlare la nostra lingua,
  • 0:21 - 0:22
    di renderli consapevoli
  • 0:22 - 0:24
    dell'importanza della loro lingua
    e cultura
  • 0:24 - 0:28
    L'Alleanza per le lingue in pericolo
    è un organismo no profit
  • 0:28 - 0:31
    con sede a New York
    e lavoriamo in massima parte
  • 0:31 - 0:35
    con comunità di immigrati
    che parlano lingue in pericolo.
  • 0:35 - 0:39
    (Musica)
  • 0:42 - 0:46
    Ci sono così tante comunità,
    arrivate a New York soprattutto
  • 0:46 - 0:48
    negli ultimi 20, 30 anni,
  • 0:48 - 0:50
    portando la loro lingua
  • 0:50 - 0:52
    che a casa viene dimenticata.
  • 0:52 - 0:55
    Lavoriamo con loro
    per attestare quelle lingue,
  • 0:55 - 0:57
    per promuoverle
  • 0:57 - 1:00
    per cercare di capire meglio
    come sopravvivono
  • 1:00 - 1:03
    e che vita hanno queste lingue
  • 1:03 - 1:04
    qui a New York.
  • 1:04 - 1:11
    Tentiamo di educare anche il pubblico
    al valore della diversità linguistica
  • 1:11 - 1:13
    e spieghiamo quali pericoli corrono.
  • 1:13 - 1:17
    (Recitazione di gruppo)
  • 1:18 - 1:22
    Con la lingua navighiamo le possibilità
    che creiamo gli uni con gli altri.
  • 1:22 - 1:25
    Così se rispettiamo la nostra lingua,
  • 1:25 - 1:30
    rispettiamo i mezzi espressivi ancestrali
    e la conoscenza che ci viene da essi.
  • 1:30 - 1:36
    Tutto è cominciato 9 anni fa
    da una mia lezione
  • 1:36 - 1:38
    all'Università di New York
  • 1:38 - 1:42
    durante la quale portavo in giro
    per la città i ragazzi del dottorato
  • 1:42 - 1:46
    per lavorare a progetti sul campo
    relativi a lingue in pericolo.
  • 1:46 - 1:49
    Quando ho notato che gli studenti
    erano molto interessati
  • 1:49 - 1:51
    e, ancora più importante,
    che erano interessati
  • 1:51 - 1:53
    sia parte della comunità
    che alcuni singoli,
  • 1:53 - 1:56
    questo mi ha dato
    la sensazione che potesse funzionare.
  • 1:56 - 1:59
    Che si trattava di gruppi
    che dovevano essere connessi.
  • 1:59 - 2:02
    Ci sono comunità che
    parlano lingue in pericolo,
  • 2:02 - 2:04
    ci sono linguisti, e altre persone
  • 2:04 - 2:09
    che vogliono aiutare a promuovere
    e capire queste lingue.
  • 2:09 - 2:12
    Sono stato fortunato ad andare
    all'Università di New York.
  • 2:12 - 2:17
    è un ambiente eterogeneo per quanto
    concerne lingua, cultura e etnia,
  • 2:17 - 2:23
    puoi incontrarci molte persone
    da cui imparare.
  • 2:23 - 2:28
    Se si vuole lavorare ad una lingua
    vi si trovano i materiali.
  • 2:28 - 2:31
    Ci sono studenti dalla Croazia,
  • 2:32 - 2:34
    dall'India,
  • 2:34 - 2:37
    studenti da
    ogni parte del mondo.
  • 2:37 - 2:38
    (Sirena di nave)
  • 2:39 - 2:41
    New York è un posto unico.
  • 2:41 - 2:44
    Arriva lo stesso numero di immigrati
    da ogni parte del mondo,
  • 2:44 - 2:47
    di poche città nel mondo
    si può dire lo stesso.
  • 2:47 - 2:49
    Abbiamo una comunità africana
    numerosa e varia.
  • 2:49 - 2:54
    e numerosissime e variegate comunità
    himalayane, filippine
  • 2:54 - 2:56
    di Europei.
  • 2:56 - 2:59
    Per questo sento
    che New York è realmente
  • 2:59 - 3:03
    la città del mondo con più
    diversità linguistica e etnica.
  • 3:06 - 3:09
    L'Alleanza delle lingue in pericolo
    ha aiutato a creare
  • 3:09 - 3:12
    una mappa linguistica del Queens,
    una mappa di lingua aneddotica
  • 3:12 - 3:15
    per un libro dal titolo
    "Nonstop Metropolis"
  • 3:15 - 3:18
    di Rebecca Solnit
    e Joshua Jelly-Schapiro.
  • 3:18 - 3:22
    È piena di diversi atlanti affascinanti
  • 3:22 - 3:24
    che guardano ai diversi aspetti
    della città.
  • 3:24 - 3:27
    Il Queens perché è conosciuto
    per la diversità linguistica.
  • 3:27 - 3:30
    La zona intorno Jackson Heights
  • 3:30 - 3:34
    è quella più variegata dal punto di vista
    delle lingue di tutti gli Stati Uniti.
  • 3:34 - 3:38
    Così questa mappa ha un focus
    sul Queens e sulle sue lingue.
  • 3:38 - 3:44
    Abbiamo tracciato le lingue
    rappresentate nei sistema bibliotecario,
  • 3:44 - 3:46
    tipo le lingue ufficiali nazionali
  • 3:46 - 3:47
    dello stesso colore.
  • 3:47 - 3:51
    All'interno delle comunità
    tutte le lingue non ufficiali,
  • 3:51 - 3:53
    quelle regionali, le parlate locali,
  • 3:53 - 3:55
    che in molti casi non sono
    neanche riconosciute
  • 3:55 - 3:57
    come lingue ufficiali in patria
  • 3:57 - 4:00
    e sono quelle le lingue in pericolo,
  • 4:00 - 4:02
    quelle che ci interessano.
  • 4:02 - 4:05
    (Parla Tok pisin)
    La lingua di mia madre è il Tawala.
  • 4:07 - 4:10
    Ho dimenticato un po' della lingua
  • 4:10 - 4:11
    perché mi trovo qui a New York.
  • 4:12 - 4:14
    Solo due persone conoscono la lingua,
  • 4:14 - 4:15
    io e mia madre.
  • 4:16 - 4:18
    Entro la fine del secolo
    perderemo qualcosa
  • 4:18 - 4:21
    tra la metà e il 90%
    delle lingue del mondo.
  • 4:21 - 4:24
    Possiamo solo immaginare cosa
    perderemo con esse, vero?
  • 4:24 - 4:27
    Non solo le parole e la grammatica
  • 4:27 - 4:31
    ma anche tutto ciò che veniva veicolato
    tramite quelle lingue.
  • 4:31 - 4:35
    Le canzoni, le storie, i proverbi,
    la conoscenza dell'ambiente,
  • 4:35 - 4:40
    il sapere su come i popoli erano
    storicamente in relazione tra di essi.
  • 4:40 - 4:44
    (Musica)
  • 4:44 - 4:47
    Si potrebbe dire:
    "D'accordo, le lingue vanno e vengono,
  • 4:47 - 4:50
    Non è... Non è così grave".
  • 4:50 - 4:55
    Ma è grave quando muoiono davvero
    e noi non facciamo niente per impedirlo.
  • 4:55 - 4:57
    Sai, quando sai parlare solo inglese
  • 4:57 - 5:00
    o spagnolo, o cinese, allora...
  • 5:01 - 5:05
    Ti verrà in mente, che in realtà
    hai perso qualcosa di tuo
  • 5:05 - 5:09
    e qualcosa di estraneo ti ha costretto
    a farlo, giorno dopo giorno.
  • 5:10 - 5:12
    quando pensiamo alle ricchezze
    delle nostre lingue,
  • 5:12 - 5:14
    di qualsiasi lingua,
  • 5:14 - 5:19
    dovremmo pensare che le ricchezze
    si moltiplicano per 6000 volte
  • 5:19 - 5:20
    in ogni lingua
  • 5:20 - 5:25
    e perderla è come perdere un museo,
    come disse un famoso linguista.
  • 5:27 - 5:29
    Nel mondo ci sono 7.000 lingue
  • 5:32 - 5:34
    3.000 di queste scompariranno
    nel prossimo secolo
  • 5:36 - 5:38
    Ogni 14 giorni una lingua muore.
  • 5:39 - 5:42
    Registrare le lingue crea
    una traccia permanente,
  • 5:43 - 5:49
    soprattutto oggi nell'era digitale
    una traccia in realtà è più preziosa
  • 5:49 - 5:51
    e più facile da maneggiare, direi.
  • 5:51 - 5:55
    La traccia linguistica in via ottimale
    dovrebbe servire a molti scopi.
  • 5:55 - 5:58
    Quindi, buona per i linguisti
    che studiano la lingua,
  • 5:58 - 6:02
    o anche per gli oratori
    che vogliano far rivivere la lingua,
  • 6:02 - 6:08
    è buona per capire
    la letteratura orale, le storie
  • 6:08 - 6:12
    e altri aspetti ai quali oggi
    neanche pensiamo,
  • 6:12 - 6:17
    ma che potrebbero avere un gran valore
    a pensarci tra 50 o 100 anni.
  • 6:17 - 6:20
    (Canzone)
  • 6:21 - 6:25
    L'archiviazione attiva deve sempre
    tener conto dei diversi attori,
  • 6:25 - 6:26
    i diversi...
  • 6:26 - 6:29
    e specialmente della comunità
    di cui sono espressione.
  • 6:29 - 6:33
    Non prenderlo da questa e
    metterlo in una cassetta digitale
  • 6:33 - 6:36
    ma pensarlo piuttosto
    come mezzo per facilitare
  • 6:36 - 6:40
    l'accesso alla lingua della comunità.
  • 6:40 - 6:44
    Se sei in un paese dove
    la lingua dominante è l'inglese
  • 6:44 - 6:50
    devi impararlo, ma nessuno dirà:
    "L'uomo può parlare una sola lingua,
  • 6:50 - 6:52
    non può farcela con due".
  • 6:52 - 6:53
    Certo che può.
  • 6:53 - 6:55
    Se vai in Europa o vieni in India,
  • 6:55 - 6:58
    le persone parlano tre o quattro lingue.
  • 6:58 - 7:00
    È solo la prospettiva.
  • 7:00 - 7:06
    Cambia la prospettiva e potrai avere
    un'America multilinguista e più felice.
Tytuł:
Salvare le lingue in pericolo
Opis:

Ho prodotto questo video, in collaborazione con l'Alleanza per le lingue in pericolo, per far conoscere le lingue in pericolo. L'Alleanza per le lingue in pericolo è proprio questo...un gruppo che tiene sotto controllo le lingue che stanno per sparire per sempre. #endangeredlanguages #languagesofnnyc

more » « less
Video Language:
English
Team:
Amplifying Voices
Projekt:
Endangered Languages
Duration:
07:14
Chiara Rossini edited włoski subtitles for Saving Endangered Languages
sonia sabina nobile edited włoski subtitles for Saving Endangered Languages
sonia sabina nobile edited włoski subtitles for Saving Endangered Languages
sonia sabina nobile edited włoski subtitles for Saving Endangered Languages
sonia sabina nobile edited włoski subtitles for Saving Endangered Languages
sonia sabina nobile edited włoski subtitles for Saving Endangered Languages
sonia sabina nobile edited włoski subtitles for Saving Endangered Languages
sonia sabina nobile edited włoski subtitles for Saving Endangered Languages

Italian subtitles

Revisions Compare revisions