Return to Video

WIPO Keynote

  • 0:03 - 0:06
    Voglio iniziare con una citazione di Jessica Litman.
  • 0:06 - 0:09
    Nel 1994, in un articolo intitolato
  • 0:09 - 0:12
    "The Exclusive Right to Read" (il diritto esclusivo di leggere)
  • 0:12 - 0:16
    Jessica scrisse: "All'inizio del secolo,
  • 0:16 - 0:19
    La legge sul diritto d'autore US era tecnica, incoerente
  • 0:19 - 0:22
    e difficile da capire.
  • 0:22 - 0:26
    Però non riguardava molta gente né molte cose."
  • 0:26 - 0:30
    "Per chi era autore o editore di libri
  • 0:30 - 0:33
    mappe, statistiche, dipinti, sculture, fotografie o partizioni,
  • 0:33 - 0:35
    un drammaturgo o un regista, o un tipografo
  • 0:36 - 0:39
    la legge sul diritto d'autore si applicava al proprio lavoro."
  • 0:40 - 0:46
    "Tuttavia i librai, gli editori di rotoli per pianole e di fonogrammi, i produttori di film,
  • 0:46 - 0:50
    i musicisti, studiosi, parlamentari e cittadini ordinari
  • 0:50 - 0:53
    potevano fare il loro mestiere senza mai imbattersi
  • 0:53 - 0:56
    in un problema di diritto d'autore."
  • 0:56 - 1:05
    90 anni dopo, la legge US sul copyright è diventata ancora più tecnica, incoerente e difficile da capire;
  • 1:05 - 1:10
    cosa più importante: riguarda tutti e tutto."
  • 1:11 - 1:16
    "La tecnologia, senza preoccuparsi della legge, ha sviluppato modalità
  • 1:16 - 1:20
    che inseriscono molteplici atti di riproduzione e trasmissione
  • 1:20 - 1:28
    - avvenimenti potenzialmente perseguibili sotto la regolamentazione del © - in banali transazioni quotidiane.
  • 1:28 - 1:36
    "La maggior parte di noi non può più passare una singola ora senza scontrarsi con la legge sul ©."
  • 1:41 - 1:47
    Nel 1906, quest'uomo, John Philip Souza, si recò in questo posto, il Congresso US
  • 1:47 - 1:51
    per parlare di questa tecnologia, che chiamava le "macchine parlanti".
  • 1:51 - 1:56
    Souza non era un fan delle macchine parlanti.
  • 1:56 - 2:01
    Ecco cosa aveva da dire: "Queste macchine parlanti stanno per rovinare
  • 2:01 - 2:04
    lo sviluppo artistico della musica in questo paese.
  • 2:04 - 2:08
    Quando ero ragazzo ... davanti ad ogni casa, le sere d'estate
  • 2:08 - 2:12
    trovavi giovani che si radunavano a cantare le ultime canzoni o quelle antiche.
  • 2:12 - 2:18
    Oggi, senti queste macchine infernali funzionare notte e giorno.
  • 2:18 - 2:22
    Non ci rimarrà una singola corda vocale", Souza disse,
  • 2:22 - 2:25
    "Le corde vocali verranno eliminate da un processo evolutivo,
  • 2:25 - 2:30
    come fu eliminata la coda dell'uomo quando discese dalla scimmia."
  • 2:30 - 2:35
    Questa è l'immagine sulla quale vi chiedo di concentrarvi, l'immagine dei giovani radunati
  • 2:35 - 2:38
    a cantare le ultime canzoni o quelle antiche.
  • 2:38 - 2:43
    È un'immagine della cultura. La potremmo chiamare, usando la terminologia informatica moderna,
  • 2:43 - 2:46
    una specie di cultura leggi-scrivi.
  • 2:46 - 2:52
    È una cultura dove la gente partecipa nella creazione e nella ri-creazione della propria cultura.
  • 2:52 - 2:58
    In quel senso, è una cultura leggi-scrivi. E Souza temeva che perdessimo la capacità
  • 2:58 - 3:03
    di partecipare a questa creatività leggi-scrivi a causa di queste "macchine infernali".
  • 3:03 - 3:08
    L'avrebbero tolta, spostata, e invece di essa, avremmo avuto il contrario
  • 3:08 - 3:13
    della creatività leggi-scrivi, ciò che potremmo chiamare, utilizzando la terminologia informatica moderna,
  • 3:13 - 3:16
    una specie di cultura di sola lettura.
  • 3:16 - 3:22
    Una cultura dove la creatività viene consumata, ma il consumatore non è un creatore.
  • 3:22 - 3:25
    Una cultura che, in questo senso, è top-down,
  • 3:25 - 3:30
    dove le corde vocali di milioni di persone ordinarie sono andate perse.
  • 3:31 - 3:35
    Se esaminate la cultura del 900
  • 3:36 - 3:38
    almeno in quel che chiamiamo "il mondo sviluppato",
  • 3:38 - 3:42
    è difficile non concludere che John Philip Souza aveva ragione.
  • 3:43 - 3:46
    Mai prima, nella storia della cultura umana,
  • 3:46 - 3:48
    la sua produzione era stata così concentrata
  • 3:48 - 3:51
    Mai prima era stata così tanto professionalizzata.
  • 3:52 - 3:57
    Mai prima la creatività dei creatori ordinari era stata così effettivamente spostata
  • 3:57 - 4:01
    e spostata, come Souza disse, a causa di queste "macchine infernali".
  • 4:01 - 4:06
    Una tecnologia di telediffusione e di dischi vinile
  • 4:07 - 4:10
    ha prodotto questa cultura passiva di consumo.
  • 4:10 - 4:13
    Questa tecnologia ha consentito un consumo efficiente
  • 4:13 - 4:18
    - ciò che potremmo chiedere "lettura" - ma è inefficace almeno in quel che chiameremmo
  • 4:18 - 4:22
    la produzione dilettante - quel che voglio chiamare "scrittura".
  • 4:22 - 4:28
    Era una grande cultura per ascoltare, ma una tecnologia meno grande per parlare;
  • 4:28 - 4:34
    una grande tecnologia per scrivere, ma non una grande tecnologia per la creazione democratica.
  • 4:34 - 4:39
    Il 900 è stato quel secolo unico nella storia della cultura umana
  • 4:39 - 4:42
    in cui la cultura era diventata "in sola lettura",
  • 4:42 - 4:48
    in un contesto di creatività leggi/scrivi che risale agli inizi della cultura umana.
  • 4:48 - 4:53
    Bene, questa era l'introduzione all'argomento che voglio difendere qui oggi.
  • 4:53 - 4:58
    E quell'argomento invoca un'idea di cui il mio amico e collega Jamie Boyle
  • 4:58 - 5:01
    parla da più di dieci anni.
  • 5:01 - 5:07
    L'idea è che riconosciamo per prima che la creatività avviene in un'ecologia.
  • 5:07 - 5:13
    Un'ecologia, un ambiente che determina le condizioni di scambio.
  • 5:13 - 5:19
    2° punto: queste ecologie si differenziano in modo importante.
  • 5:19 - 5:24
    Ci sono diverse ecologie della creatività.
  • 5:24 - 5:30
    Alcune sono incentrate sul denaro
  • 5:30 - 5:34
    Altre non sono incentrate sul denaro.
  • 5:34 - 5:40
    E alcune abbinano il denaro e pratiche che non dipendono centralmente dal denaro
  • 5:40 - 5:44
    Sono ecologie diverse della creatività.
  • 5:44 - 5:48
    Pensate alle ecologie professionali della creatività,
  • 5:48 - 5:54
    ecologie per le quali i Beatles, o Dylan o John Philip Souza hanno creato.
  • 5:54 - 5:59
    Per queste ecologie, il controllo della creatività è importante
  • 5:59 - 6:04
    per assicurare il compenso necessario all'artista
  • 6:04 - 6:07
    per creare gli incentivi affinché quell'artista crei.
  • 6:07 - 6:11
    Queste ecologie professionali dipendono da
  • 6:11 - 6:15
    un sistema efficace ed efficiente di copyright.
  • 6:15 - 6:20
    Ma in quella che potremmo chiamare un'ecologia dilettante della creatività
  • 6:20 - 6:25
    e non intendo "dilettantesca", invece intendo un'ecologia
  • 6:25 - 6:28
    dove il creatore crea per l'amore della creatività
  • 6:28 - 6:33
    e non per il denaro. In quel tipo di ecologia,
  • 6:33 - 6:38
    un'ecologia che vive in quella che potremmo chiamare, seguendo Yochai Benkler,
  • 6:38 - 6:44
    l'economia della condivisione. È l'economia in cui vivono i bambini
  • 6:44 - 6:48
    o gli amici, o gli amanti -
  • 6:48 - 6:51
    in quei tipi di economia, per quelli -
  • 6:51 - 6:55
    la gente non utilizza il denaro per esprimere il valore
  • 6:55 - 7:00
    e per definire la condizioni del loro scambio.
  • 7:00 - 7:05
    Infatti se si introducesse il denaro in quelle economie della condivisione,
  • 7:05 - 7:09
    se ne cambierebbe radicalmente la natura.
  • 7:09 - 7:14
    Immaginate amici che invitassero l'altro a pranzo la settimana successiva
  • 7:14 - 7:17
    e la risposta fosse: "Certo - d'accordo per 50 dollari?"
  • 7:17 - 7:22
    O immaginate mollare soldi nel mezzo di questo tipo di relazione
  • 7:22 - 7:25
    la trasformeremmo in qualcosa di molto diverso.
  • 7:26 - 7:31
    Occorre riconoscere che la creatività, in molti contesti,
  • 7:31 - 7:34
    nel contesto che Souza romanticizzava,
  • 7:34 - 7:38
    è una creatività che esiste all'infuori di un'economia monetaria.
  • 7:38 - 7:44
    In questo senso, questa ecologia dilettante non dipende dal controllo
  • 7:44 - 7:50
    e dal copyright, bensì dipende dalla possibilità di un uso libero e della condivisione.
  • 7:50 - 7:55
    Infine, pensate all'ecologia scientifica
  • 7:55 - 8:00
    della creatività, dello scienziato, o del docente, o dello studioso.
  • 8:00 - 8:03
    Ecco un quadro molto interessante, questo studioso cinquecentesco
  • 8:03 - 8:06
    notate la sua espressione colpevole. E guardate in basso
  • 8:06 - 8:10
    cosa sta facendo esattamente: sta copiando da quel libro.
  • 8:10 - 8:14
    È soltanto un pirata dai tempi remoti, questo studioso qua, vero?
  • 8:14 - 8:18
    Perché ovviamente, lo studio avanzato è ed è sempre stato questa attività
  • 8:18 - 8:23
    di creare in un'economia mista di gratuito e di remunerato.
  • 8:23 - 8:28
    Qui i creatori provano amore per la loro creatività,
  • 8:28 - 8:32
    un amore che oltrepassa quanto vengono pagati.
  • 8:32 - 8:39
    Ma è quell'economia che definisce l'ecologia mista della conoscenza scientifica.
  • 8:39 - 8:43
    Questa ecologia non dipende dal controllo esclusivo, bensì
  • 8:43 - 8:49
    dall'uso libero e giusto (free and fair use) del lavoro creativo sul quale nuove opere vengono elaborate
  • 8:49 - 8:54
    poi diffuse. La chiave qui è di riconoscere che queste ecologie
  • 8:54 - 8:59
    coesistono e si completano l'una l'altra.
  • 8:59 - 9:07
    E qui sta il punto cruciale: un sistema di copyright deve sostenere
  • 9:07 - 9:13
    ciascuna di queste ecologie separate. Non basta che ne sostenga una
  • 9:13 - 9:18
    e distrugga le altre. Deve sostenere ognuna di esse, deve
  • 9:18 - 9:21
    sostenere l'ecologia professionale della creatività,
  • 9:21 - 9:24
    tramite incentivi adeguati e sufficienti.
  • 9:25 - 9:29
    Però deve anche sostenere le ecologie dilettanti e scientifiche della creatività
  • 9:29 - 9:32
    tramite le libertà essenziali dalle quali esse dipendono.
  • 9:32 - 9:37
    O di nuovo, in modo più grafico, il copyright deve fare due cose, non soltanto una.
  • 9:37 - 9:42
    Deve fornire gli incentivi necessari ai professionisti
  • 9:42 - 9:48
    proteggendo le libertà necessarie alle creazioni dilettanti e scientifiche.
  • 9:48 - 9:58
    Queste ecologie mutano. Le tecnologie le fanno mutare,
  • 9:58 - 10:00
    le tecnologie di diffusione e del vinile le hanno cambiate
  • 10:01 - 10:04
    nel modo che Souza temeva. I governi le cambiano.
  • 10:04 - 10:07
    Pensate al rapporto del governo cinese
  • 10:08 - 10:11
    con il patrimonio culturale tibetano.
  • 10:11 - 10:20
    L'economia le cambia. Nel Settecento l'opera lirica regnava
  • 10:20 - 10:25
    e i cantanti erano trovatori. Nel Novecento l'economia ha incoronato
  • 10:25 - 10:28
    i trovatori, e l'opera lirica è stata sempre meno frequentata.
  • 10:28 - 10:37
    Queste ecologie mutano, e in modo interessante e ovvio l'internet
  • 10:37 - 10:42
    le ha cambiato drammaticamente, ha cambiato le ecologie
  • 10:42 - 10:47
    professionali della creatività tramite tecnologie come Napster
  • 10:47 - 10:50
    o Apple con la sua bottega musicale iTunes, producendo mercati
  • 10:50 - 10:56
    radicalmente nuovi. e una crescita radicale della diversità di culture accessibile.
  • 10:56 - 11:00
    la possibilità di comprare e consumare cultura prodotta
  • 11:00 - 11:07
    ovunque e in qualsiasi forma è l'opportunità che questa cultura digitale
  • 11:07 - 11:12
    ha prodotto per questa forma di creatività.
  • 11:12 - 11:16
    Nel contesto scientifico, vi è stato un cambiamento epocale
  • 11:16 - 11:20
    nel modo di produzione e di condivisione del sapere scientifico
  • 11:20 - 11:25
    grazie a listserv straordinari che facilitano la diffusione immediata
  • 11:25 - 11:29
    del sapere in certi campi, e a pubblicazioni libere
  • 11:29 - 11:32
    come la Public library of science che garantisce per sempre l'accesso libero
  • 11:32 - 11:36
    ai lavori preliminari, e a una diffusione crescente persino
  • 11:36 - 11:40
    di strutture blog che producono una possibilità radicalmente nuova
  • 11:40 - 11:44
    di diffondere ampiamente queste idee. E nella cultura dilettante,
  • 11:44 - 11:50
    c'è stata un'esplosione, tramite piattaforme come YouTube,
  • 11:50 - 11:55
    di ciò che chiamerei una specie di cultura "call and response" (chiama e rispondi)
  • 11:55 - 12:00
    che ha ridato vita alla cultura read/write (leggi/scrivi).
  • 12:01 - 12:03
    Voglio mostrarvene alcuni esempi,
  • 12:03 - 12:06
    per chiarire quel che intendo dire:
  • 12:06 - 12:07
    Tutti conoscono questo -
  • 12:10 - 12:14
    (musica) brano di Pachelbel, il canone in re?
  • 12:16 - 12:24
    Un adolescente, seduto nella sua camera, ne ha fatto un remix.
  • 12:24 - 12:31
    (musica del remix)
  • 12:31 - 12:37
    79 milioni di persone hanno guardato questo remix
  • 12:38 - 12:42
    e - cosa che per me è più importante, mentre 79 milioni di persono lo hanno guardato,
  • 12:42 - 12:48
    più di 2600 persone lo hanno reinterpretato, così,
  • 12:48 - 12:53
    scrivendo la propria versione per farla vedere da altri su YouTube.
  • 12:53 - 12:56
    Altro esempio - questo video:
  • 12:57 - 13:11
    (video)
  • 13:11 - 13:14
    ha ispirato qualcuno a produrre questo video:
  • 13:28 - 13:31
    che ha poi ispirato qualcuno a produrre questo video:
  • 13:47 - 13:51
    Altro esempio ancora. Tutti dovrebbero conoscere il Brad Pack
  • 13:51 - 13:58
    un gruppo di attori che si esibivano inizialmente al Breakfast Club
  • 13:58 - 14:03
    e hanno ispirato una certa cultura,
  • 14:03 - 14:09
    una certa generazione. La canzone Listomania, prodotta dal gruppo Phoenix,
  • 14:09 - 14:14
    è diventata una specie di icona culturale per una generazione.
  • 14:14 - 14:17
    Qualcuno ha deciso di prendere il video
  • 14:17 - 14:23
    del Breakfast Club e di usarlo per fare un remix video
  • 14:23 - 14:26
    per Listomania. Ecco il risultato:
  • 14:35 - 14:42
    Vedete che qui sono stati soltanto modificati i movimenti, sincronizzandoli con la musica
  • 14:42 - 14:57
    Poi qualcuno ha pensato di dover creare (una variazione?) proprio di questo. Così
  • 14:57 - 15:00
    Brooklyn ha deciso di iniziare,
  • 15:28 - 15:32
    E naturalmente, per non essere di resto, San Francisco decise di fare la stessa cosa
  • 15:58 - 16:06
    E ci sono ventine di queste variazioni su YouTube, da città in tutto il mondo (?)
  • 16:06 - 16:11
    create da gente che reinterpretano le stesse partiture originali e e crea
  • 16:11 - 16:16
    la propria versione in questa ecologia dilettante della creatività,
  • 16:16 - 16:20
    che condivide, ispirando altri a creare (...)
  • 16:20 - 16:23
    È questo che intendo con "remix". Però quel che vorrei che voi riconosciate
  • 16:23 - 16:27
    è che è la stessa cosa che Souza evocava con nostalgia romantica
  • 16:27 - 16:31
    quando parlava dei giovani che si radunavano a cantare le canzoni
  • 16:31 - 16:34
    moderne e antiche. Ma oggi, questo radunarsi
  • 16:34 - 16:39
    non avviene più nei cortili, bensì tramite questa piattaforma digitale gratuita
  • 16:39 - 16:42
    che incoraggia la gente di tutto il mondo a partecipare
  • 16:42 - 16:46
    a questo atto di reinterpretazione culturale e a condividerlo
  • 16:46 - 16:51
    in un'ecologia che non si basa sui soldi, ma è un'ecologia
  • 16:51 - 16:54
    che si basa invece su questa attività di condivisione.
  • 16:55 - 16:57
    L'internet ha cambiato queste 3 ecologie della creatività.
  • 16:57 - 17:02
    Ma la questione cui questa organizzazione si deve confrontare è:
  • 17:02 - 17:07
    "Il copyright ha seguito il cambiamento in queste ecologie?
  • 17:07 - 17:11
    Ha seguito i cambiamenti mentre influenzavano
  • 17:11 - 17:16
    queste 3 ecologie?" Secondo me, la risposta a questa domanda è
  • 17:16 - 17:18
    molto semplice: No.
  • 17:18 - 17:24
    Il copyright ha fallito. Ha fallito nel garantire incentivi adeguati
  • 17:24 - 17:28
    nella cultura professionale, e ha fallito nel proteggere
  • 17:28 - 17:33
    le libertà necessarie nella cultura dilettante, critica o scientifica.
  • 17:33 - 17:38
    Ha fallito in tutti e due i suoi scopi e il suo fallimento non è
  • 17:38 - 17:45
    un incidente. Il suo fallimento è un'implicazione dell'architettura
  • 17:45 - 17:47
    del copyright quale ci è stato tramandato.
  • 17:47 - 17:52
    Questa architettura non ha senso nel contesto di un ambiente digitale.
  • 17:52 - 17:57
    L'architettura che provoca l'applicazione della legge sul diritto d'autore
  • 17:57 - 18:00
    quando viene prodotta una copia non ha senso in un ambiente
  • 18:00 - 18:07
    numerico: Regolamenta troppo, e in modo troppo scadente.
  • 18:07 - 18:10
    Pensate all'esempio semplice di un libro nello spazio fisico.
  • 18:10 - 18:13
    Se questi sono tutti gli usi di un libro nello spazio fisico,
  • 18:13 - 18:17
    un insieme importante di questi usi non sono tecnicamente regolamentati
  • 18:17 - 18:20
    dalla legge sul diritto d'autore nello spazio fisico.
  • 18:20 - 18:22
    Leggere un libro non è un "fai use" del libro,
  • 18:22 - 18:26
    è un uso libero del libro, perché leggere un libro non produce una copia
  • 18:26 - 18:29
    Regalare un libro a qualcuno non è un "fai use" del libro,
  • 18:29 - 18:32
    è un uso libero del libro, perché regalare un libro a qualcuno non produce una copia
  • 18:32 - 18:35
    Vendere un libro è specificamente rimosso dall'applicazione della legge sul diritto d'autore
  • 18:35 - 18:38
    in molte giurisdizioni, inclusi gli Stati Uniti,
  • 18:38 - 18:40
    è un uso libero del libro, perché vendere un libro non produce una copia
  • 18:40 - 18:43
    Nessuna giurisdizione al mondo regolamenta l'atto di dormire su un libro
  • 18:43 - 18:45
    perché dormire su un libro non produce una copia
  • 18:45 - 18:52
    Questi atti non regolamentati sono bilanciati da un insieme di atti regolamentatati necessari
  • 18:52 - 18:56
    per creare incentivi adatti per la creazione di grandi opere nuove.
  • 18:56 - 19:00
    Poi nella tradizione americana, vi è un sottile strato di eccezioni,
  • 19:00 - 19:03
    atti che altrimenti sarebbero regolamentati dalla legge
  • 19:03 - 19:06
    ma che secondo la legge devono rimanere liberi
  • 19:06 - 19:09
    affinché la cultura possa costruire sulla base di queste opere creative
  • 19:09 - 19:12
    senza essere ostacolata dalla legge. Entra in scena l'internet,
  • 19:12 - 19:16
    dove - poiché è una piattaforma digitale - ogni singolo uso
  • 19:17 - 19:22
    produce una copia. E passiamo da questo equilibrio tra usi regolamentati e non,
  • 19:22 - 19:27
    e "fair uses", alla presunzione di regolamentazione di ogni singolo uso,
  • 19:27 - 19:30
    soltanto perché la piattaforma tramite cui accediamo
  • 19:30 - 19:33
    alla nostra cultura è cambiata. È la conseguenza
  • 19:33 - 19:40
    di un'architettura, dell'architettura della legge sul diritto d'autore e delle tecnologie digitali.
  • 19:40 - 19:42
    È questa architettura che ha causato quel che Jessica descriveva
  • 19:42 - 19:46
    quando diceva "un mondo dove non possiamo passare nemmeno un'ora
  • 19:46 - 19:51
    senza scontrarci con la legge sul diritto d'autore", e lo scontro no è un problema
  • 19:51 - 19:56
    di una data generazione che non riesce ad imparare a rispettare le regole,
  • 19:56 - 20:01
    è un problema della struttura di questo sistema di regolamentazione.
  • 20:03 - 20:11
    A 15 anni di questa rivoluzione, mentre stiamo facendo la guerra
  • 20:11 - 20:14
    - beh, negli US abbiamo fatto molte guerre, però la guerra particolare qui a
  • 20:14 - 20:20
    la guerra del copyright - contro le implicazioni di questa nuova tecnologia,
  • 20:20 - 20:23
    una guerra che il mio amico, il fu Jack Valenti, ex-capo della
  • 20:23 - 20:27
    Motion Pictures Association of America descriveva come
  • 20:27 - 20:33
    la sua propria "guerra al terrorismo", dove pare che i terroristi in questa guerra
  • 20:33 - 20:42
    siano i nostri figli, dopo 15 anni di questa guerra al terrorismo, dobbiamo alla fine riconoscere
  • 20:42 - 20:46
    il fallimento non dei nostri bambini, bensì di questa architettura.
  • 20:46 - 20:53
    E dobbiamo sistemarla. Come faremo?
  • 20:53 - 20:58
    Attraverso l'Atlantico per venire all'OMPI e dire che
  • 20:58 - 21:03
    l'OMPI deve dirigere questa riforma. E questa riforma ha due
  • 21:03 - 21:07
    componenti: a breve e a lungo termine. A breve termine,
  • 21:07 - 21:13
    l'OMPI dovrebbe incoraggiare attivamente sistemi di licenze volontarie
  • 21:13 - 21:21
    che creano un equilibrio migliore tra le ecologie tradizionali
  • 21:21 - 21:24
    della produzione culturale nell'ambito professionale
  • 21:24 - 21:29
    e le ecologie dilettante e scientifica della creatività
  • 21:29 - 21:32
    che ho identificato. Era questo l'obiettivo del progetto
  • 21:32 - 21:36
    che ho contribuito a fondare, il progetto Creative Commons,
  • 21:36 - 21:41
    che mirava a concepire un modo semplice in cui autori ed aventi diritti
  • 21:41 - 21:45
    potessero contrassegnare i loro contenuti con le libertà che desideravano assegnare ad esse.
  • 21:45 - 21:50
    Perciò anziché l'automatico Tutti diritti riservati, questo era un modello Alcuni diritti riservati
  • 21:50 - 21:53
    dove il titolare del copyright si riservava certi diritti
  • 21:53 - 21:58
    e ne conferiva altri al pubblico. Ottenete questa licenza
  • 21:58 - 22:01
    andando sul nostro sito, o su numerosi siti che l'hanno implementata
  • 22:01 - 22:06
    indipendentemente, e selezionando gli usi o le libertà che vorreste autorizzare.
  • 22:06 - 22:09
    Vorreste permettere ad altri di fare un uso commerciali della vostra opera?
  • 22:09 - 22:12
    Volete permettere ad altri di farvi modifiche, e se ne fanno,
  • 22:12 - 22:16
    volete imporre che pubblichino la loro opera modificata
  • 22:16 - 22:19
    sotto una licenza simile, quel che chiamiamo "condividere allo stesso modo".
  • 22:19 - 22:23
    Queste scelte producono una licenza. `E la cosa che da riconoscere è
  • 22:23 - 22:28
    il modo in cui queste licenze diverse sostengono queste ecologie diverse
  • 22:28 - 22:33
    in modi diversi. Così, la licenza più semplice e più libera, di sola attribuzione,
  • 22:33 - 22:37
    sostiene ciascuna di queste ecologie, perché produce risorse libere
  • 22:37 - 22:40
    che queste ecologie possono sfruttare per fare qualsiasi cosa
  • 22:40 - 22:44
    ogni persona in queste ecologie vuole. La licenza "non commerciale"
  • 22:44 - 22:49
    sostiene l'ecologia dilettante della creatività,
  • 22:49 - 22:53
    permettendo alle persone di sapere che la propria opera verrà usata da altri
  • 22:53 - 22:58
    secondo le regole della condivisione, e non secondo quelle della compravendita.
  • 22:58 - 23:04
    In quell'ambito non commerciale abbiamo aggiunto quel che chiamiamo un "CC+ protocol"
  • 23:04 - 23:10
    che offre l'opzione di munire, con un clic, di una licenza per scopi commerciali
  • 23:10 - 23:14
    un'opera rilasciata al mondo sotto condizioni non commerciale.
  • 23:14 - 23:18
    Così, potete rilasciare una fotografia permettendo alla gente di utilizzarla e di condividerla
  • 23:18 - 23:22
    in modo non commerciale, però avere un modo semplice e senza costi di transazione
  • 23:22 - 23:27
    di indicare un link a un'ente licenziante che potrebbe licenziare la stessa opera
  • 23:27 - 23:32
    per scopi commerciali. La licenza "condividere allo stesso modo" è proiettata per facilitare
  • 23:32 - 23:35
    la collaborazione nella cultura sia professionale sia dilettante.
  • 23:35 - 23:40
    Per questa ci siamo ispirati al sistema operativo GNU-Linux
  • 23:40 - 23:44
    che è licenziato sotto una licenza copyleft simile
  • 23:44 - 23:48
    che autorizza sviluppi sia commerciali sia non commerciali
  • 23:48 - 23:52
    e abbiamo esteso questo alla cultura. Poi proprio quest'anno, abbiamo rilasciato
  • 23:52 - 23:56
    un insieme di protocolli per facilitare l'indicazione che un'opera è nel pubblico dominio
  • 23:56 - 24:01
    o per rinunciare a diritti che potrebbero esistere altrimenti, affinché l'opera possa sostenere
  • 24:01 - 24:04
    ciascuna di queste ecologie diverse in modi diversi.
  • 24:04 - 24:08
    Lo scorso anno è stato tra i più importanti nella storia di questa organizzazione.
  • 24:08 - 24:13
    Al Jazeera ha annunciato che un immenso archivio di materiali video
  • 24:13 - 24:16
    sui conflitti nel Medio Oriente sarebbe reso disponibile sotto
  • 24:16 - 24:21
    una licenza "solo attribuzione". Significa che potete prendere le registrazioni video grezze
  • 24:21 - 24:26
    e utilizzarle in un film, trasmetterla in TV, o in applicazioni commerciali,
  • 24:26 - 24:29
    a patto che attribuiate semplicemente la fonte ad Al Jazeera.
  • 24:29 - 24:33
    La Casa Bianca ha rilasciato i suoi contenuti sotto una licenza Creative Commons,
  • 24:33 - 24:37
    Wikipedia ha adottato le licenze Creative Commons
  • 24:37 - 24:41
    come infrastruttura di tutti i suoi materiali sotto licenza.
  • 24:41 - 24:44
    Perciò l'anno scorso abbiamo visto la più grande crescita di Creative Commons
  • 24:44 - 24:51
    sin dal suo inizio: le licenze contrassegnano ora almeno 350 milioni di oggetti online.
  • 24:51 - 24:56
    Secondo me, organizzazioni come l'OMPI, e l'OMPI in particolare
  • 24:56 - 25:00
    devono adottare questa architettura: non soltanto Creative Commons,
  • 25:00 - 25:06
    bensì ciascuna di queste architetture che importano e asseriscono il valore della
  • 25:06 - 25:10
    licenza sul copyright. Certo, il Creative Commons non è
  • 25:10 - 25:13
    un'alternativa al copyright, esso si basa sul copyright.
  • 25:13 - 25:18
    E' una licenza semplice, valida e tradizionale il cui fine primario era quello
  • 25:18 - 25:23
    di supportare queste ecologie di creatività.
  • 25:23 - 25:29
    Ma nel sostenerle, sostiene anche gli incroci
  • 25:29 - 25:34
    con le ecologie professionali della creatività. E queste licenze
  • 25:34 - 25:38
    sono valide e possono essere imposte, come abbiamo scoperto la settimana scorsa in un tribunale belga,
  • 25:38 - 25:46
    che ha attribuito a questo gruppo un risarcimento di € 4500 perché la loro
  • 25:46 - 25:49
    opera era stata utilizzata in un modo incompatibile con la licenza Creative Commons
  • 25:49 - 25:55
    sotto la quale era stata rilasciata. Quindi la licenza protegge gli autori e garantisce che le loro opere
  • 25:55 - 26:01
    vengano utilizzate come loro intendevano, e mantiene il meccanismo di imposizione del copyright
  • 26:01 - 26:04
    aperto per quelli che violano o vanno oltre queste condizioni.
  • 26:04 - 26:08
    Secondo me, questi sistemi volontari non bastano.
  • 26:08 - 26:12
    Oltre ad essi, ci occorrono cambiamenti
  • 26:12 - 26:16
    nella legge, ed è questo il necessario cambiamento a lungo termine.
  • 26:16 - 26:21
    Di nuovo, secondo me, l'OMPI deve dirigere questo cambiamento a lungo termine.
  • 26:21 - 26:26
    E sostengo molto fortemente il suggerimento fatto
  • 26:26 - 26:32
    dal Direttore Generale, cioè che nel contesto di questo esame a lungo termine
  • 26:32 - 26:36
    L'OMPI dovrebbe supportare qualcosa come la commissione Blue Sky,
  • 26:36 - 26:42
    un gruppo che ha la libertà di individuare quale architettura di copyright ha senso
  • 26:42 - 26:47
    nell'era digitale, liberata dall'attuale impostazione di copyright
  • 26:47 - 26:52
    che abbiamo ereditato dalla fase analoga della cultura.
  • 26:52 - 26:58
    Secondo me, le conclusioni di tale commissione offriranno raccomandazioni
  • 26:58 - 27:03
    per gli elementi di qualsiasi sistema di copyright: stipuleranno che il sistema debba essere semplice.
  • 27:03 - 27:06
    Se il copyright regolamenterà i 15enni, deve essere qualcosa che i 15enni
  • 27:06 - 27:16
    possano capire. Attualmente, non lo capiscono. Veramente nessuno capisce l'intera estensione o la complessità del diritto d'autore (della legge sul copyright).
  • 27:16 - 27:23
    Lo studio intensamente da 15 anni e faccio tuttora errori fondamentali e ovvi.
  • 27:23 - 27:27
    Il copyright va rifatto per renderlo semplice. E può essere rifatto
  • 27:27 - 27:31
    per renderlo semplice, se questo fosse un obiettivo della riforma.
  • 27:31 - 27:36
    Numero 2: deve essere efficiente. Il copyright è un sistema di proprietà,
  • 27:36 - 27:40
    Ma è anche il sistema piu' inappropriato esistente.
  • 27:40 - 27:46
    Il concetto più semplice dei sistemi di proprietà è sapere chi possiede cosa.
  • 27:46 - 27:49
    Nel sistema attuale non possiamo sapere chi possiede cosa
  • 27:49 - 27:54
    perché il sistema è stato elaborato per rinunciare all'infrastruttura necessaria
  • 27:54 - 28:01
    per sapere chi possiede cosa. Il solo rimedio a questo problema è di procedere verso
  • 28:01 - 28:06
    una versione moderna delle formalità, non al momento della creazione,
  • 28:06 - 28:11
    ma almeno per mantenere i diritti sotto copyright. E in questo, sono felice di
  • 28:11 - 28:18
    riconoscere che la RIAA ed io concordiamo sull'importanza delle formalità in un'architettura digitale
  • 28:18 - 28:23
    per il copyright nel 21o secolo. La RIAA ha espressamente sostenuto l'idea
  • 28:23 - 28:27
    di considerare le formalità come un modo di garantire l'efficienza del copyright
  • 28:27 - 28:29
    e secondo me, questo suggerimento è assolutamente corretto.
  • 28:29 - 28:35
    Numero 3: la legge deve essere mirata. Questo significa che deve regolamentare selettivamente.
  • 28:35 - 28:41
    Se pensiamo alla differenza tra prendere copie intere dell'opera di un terzo,
  • 28:41 - 28:45
    e fare un remix di quell'opera, e alla differenza tra gli ambiti professionale e dilettante
  • 28:45 - 28:50
    Scusatemi, sono un universitario, quindi non posso fare a meno di pensare in matrici come questa,
  • 28:51 - 28:55
    abbiamo una matrice del genere. Attualmente, il copyright pretende di regolamentare tutti
  • 28:55 - 29:01
    gli ambiti. Ma questa presunzione non fa senso. Certo, il copyright deve regolamentare
  • 29:01 - 29:08
    efficacemente ed efficientemente, per impedire che i professionisti piratino copie delle opere
  • 29:08 - 29:13
    sotto copyright di altri. Questo va regolamentato come campo centrale
  • 29:13 - 29:19
    della regolamentazione del copyright. Però altrettanto evidentemente, i remix di opere altrui fati da dilettanti
  • 29:19 - 29:23
    dovrebbero essere liberi dalla regolamentazione del copyright: non "fair use" (uso ragionevole), bensì "free use" (uso libero).
  • 29:23 - 29:28
    Il presupposto dovrebbe essere che tale uso è fuori dall'applicazione del copyright,
  • 29:28 - 29:34
    e questo presupposto dovrebbe guidare e incoraggiare questa costruzione dilettante in base al
  • 29:34 - 29:39
    nostro passato culturale. Poi nel mezzo ci sono casi che sono più ibridi e complicati,
  • 29:39 - 29:45
    per i quali la legge deve attentamente individuare su come assicurare che gli incentivi siano protetti,
  • 29:45 - 29:50
    garantendo, in contempo, le libertà. Però lo scopo di questo modello è di comprendere
  • 29:50 - 29:54
    che l'obbiettivo deve essere di deregolamentare un ambito significativo della cultura
  • 29:54 - 30:00
    relativa all'architettura attuale del copyright, e di concentrare la regolamentazione laddove può avere un effetto positivo.
  • 30:00 - 30:04
    Numero 4: la legge deve essere efficace, deve funzionare realmente,
  • 30:04 - 30:11
    ossia, fare in modo che gli artisti vengano pagati. E come ve lo dirà qualsiasi artista, il sistema attuale di copyright
  • 30:11 - 30:14
    non lo fa molto bene.
  • 30:14 - 30:19
    Infine, numero 5: deve essere realistico quanto alla capacità della legge
  • 30:19 - 30:23
    di regolamentare il comportamento umano. Se pensate al problema della condivisione P2P
  • 30:23 - 30:28
    di file a livello internazionale, a quel che la gente descrive come pirateria,
  • 30:28 - 30:35
    dopo un decennio di questa guerra, una guerra totalmente fallita,
  • 30:35 - 30:39
    il cui obiettivo era l'eliminazione della "pirateria" del copyright,
  • 30:39 - 30:44
    so che la risposta di alcuni a una guerra totalmente fallita, forse
  • 30:44 - 30:49
    di alcuni nella mia parte del mondo, è di continuare una guerra ancora più efficace
  • 30:49 - 30:54
    contro il nemico, di alzare la posta in gioco, di punire con maggior vigore
  • 30:54 - 30:58
    per vincere la guerra. Suggerisco di adottare la strategia opposta,
  • 30:58 - 31:04
    di trovare un modo di concordare la pace e di adottare proposte
  • 31:04 - 31:07
    dove le licenze obbligatorie sono licenze collettive volontarie
  • 31:07 - 31:12
    che raggiungono gli obiettivi del copyright di pagare gli artisti
  • 31:13 - 31:19
    senza le conseguenze insufficienti del regime attuale.
  • 31:19 - 31:26
    Dovremmo riconoscere che se avessimo impostato questi sistemi dieci anni fa,
  • 31:26 - 31:31
    quando furono suggeriti inizialmente da persone che proponevano di modificare il regime esistente
  • 31:31 - 31:35
    durante questi ultimi dieci anni gli artisti avrebbero ricevuto più denaro
  • 31:35 - 31:40
    di quanto ne hanno ricevuto sotto il sistema attuale, perché nel sistema attuale, la condivisione di file via P2P
  • 31:40 - 31:45
    non ricompensa nessuno, salvo gli avvocati che intentano processi per mettere fine alla condivisione di file via P2P.
  • 31:45 - 31:49
    Le ditte avrebbero visto una maggiore concorrenza, poiché più persone sarebbero state incoraggiate a partecipare
  • 31:49 - 31:55
    ad un comportamento costruito su questo tipo di uso creativo, perché le regole sarebbero state più chiare.
  • 31:55 - 32:01
    Però per me, come padre di tre bambini piccoli, l'aspetto più importante
  • 32:01 - 32:05
    è che non avremmo avuto una generazione di delinquenti che sono cresciuti
  • 32:05 - 32:09
    sentendosi dire da noi che sono delinquenti e interiorizzando l'idea
  • 32:09 - 32:13
    che sono delinquenti, e vivendo la loro vita secondo questa idea interiorizzata.
  • 32:13 - 32:18
    Lo scopo di questa commissione Cielo Azzurro sarà di iniziare un processo di almeni 5 anni
  • 32:18 - 32:23
    per preparare quel che potremmo considerare come Berna 2, oppure vi incoraggerei a venire a Boston
  • 32:23 - 32:27
    e a farlo in Boston come Boston 1, ma potrebbero cominciare a pensare a un sistema
  • 32:27 - 32:33
    che potesse funzionare nel contesto di questa cultura digitale. Permettetemi di concludere con un'ultima
  • 32:33 - 32:38
    riflessione. Una volta sono stato invitato a partecipare a un evento
  • 32:38 - 32:43
    alla Association of the Bar della città di New York. Bill Patry, che mi pare parlerà
  • 32:43 - 32:50
    dopo, era a quell'evento assieme a me. La sala per quell'evento era questa bellissima sala
  • 32:50 - 32:55
    con questi tendaggi di velluto rosso e questo tappeto rosso. E presenziavano tante persone
  • 32:55 - 32:59
    molto diverse, da artisti e creatori ad almeno alcuni giuristi
  • 32:59 - 33:08
    tutti desiderosi di sapere come il sistema del fair use (uso ragionevole) potesse sostenere la propria forma di creatività digitale.
  • 33:08 - 33:15
    Nel diritto americano, il fair use ha 4 componenti, quindi gli organizzatori dell'evento
  • 33:15 - 33:20
    avevano deciso di chiedere a 4 giuristi di parlare per 15 minuti su ciascuno di questi 4 elementi.
  • 33:20 - 33:25
    E la teoria era che dopo un'ora, il pubblico avrebbe capito la legge del fair use
  • 33:25 - 33:30
    e sarebbe ripartito a creare in conformità con la legge. Però mentre stavo seduto lì a guardare il pubblico
  • 33:30 - 33:35
    la reazione dopo un'ora assomigliava piuttosto a questo. E quella reazione
  • 33:35 - 33:41
    mi condusse a una specie di sogno ad occhi aperti: mentre guardavo questa sala, iniziai a chiedermi
  • 33:41 - 33:46
    cosa mi ricordava. Perché sapevo che c'era qualcosa che questa stanza mi ricordava
  • 33:46 - 33:51
    con i suoi colori e la sua teatralità. E capii che mi ricordava qualcosa che facevo un tempo
  • 33:51 - 33:56
    da ragazzo. Subito dopo il college ho viaggiato a lungo in questa parte del mondo
  • 33:56 - 34:03
    concentrandomi su questo sistema di governo. E pensavo, mentre ero seduto lì
  • 34:03 - 34:07
    a guardare quella sala, cominciai a chiedermi trasognato quando, nella storia
  • 34:07 - 34:13
    del sistema sovietico, sarebbe stato possibile convincere i membri del Politburo
  • 34:13 - 34:18
    che il sistema era fallito. Quando, nella storia? 1976 era di gran lunga troppo presto:
  • 34:18 - 34:23
    nel 1976 il sistema tirava avanti abbastanza bene. 1989 era troppo tardi: se non l'avevano capito
  • 34:23 - 34:27
    nel 1989, non l'avrebbero mai capito, no? Allora quando, tra
  • 34:27 - 34:31
    il 1976 e il 1989 avrebbero potuto capirlo? Cosa più importante:
  • 34:31 - 34:36
    cosa avreste potuto dir loro per convincerli che l'idea romantica con la quale
  • 34:36 - 34:41
    erano cresciuti era fracassata e bruciata, e che continuare con il sistema sovietico avrebbe
  • 34:41 - 34:49
    rivelato un certo tipo di pazzia? Perché mentre ascoltavo questo dibattito tra giuristi,
  • 34:49 - 34:54
    almeno quelli tra noi negli Stati Uniti che partecipano a questo dibattito,
  • 34:54 - 34:58
    giuristi che mantengono che nulla è cambiato, che le stesse regole valgono,
  • 34:58 - 35:02
    che sono i pirati ad essere i devianti - forse hanno ragione su questo - ma che sono i pirati
  • 35:02 - 35:09
    ad essere i devianti, incomincio a credere che siamo noi ad essere pazzi, qui.
  • 35:09 - 35:14
    Il sistema di copyright non potrebbe mai funzionare
  • 35:14 - 35:20
    nell'architettura digitale dell'internet. O forzerà la gente a smettere di creare, oppure
  • 35:20 - 35:25
    provocherà una rivoluzione. E secondo me, tutte e due le opzioni sono inaccettabili.
  • 35:25 - 35:33
    Noi, particolarmente in questa sede, dobbiamo riconoscere che fuori sta crescendo un movimento per l'abolizione del copyright.
  • 35:33 - 35:38
    Gente che pensano che il copyright era forse una buona idea per altri secoli
  • 35:38 - 35:44
    però non ha alcun senso nell'era moderna. Sono contro l'abolizionismo.
  • 35:44 - 35:49
    In questo, mi sento più vicino a Gorbaciov che a Ieltsin.
  • 35:49 - 35:53
    Mi sento come un vecchio comunista che cerca di preservare questo sistema
  • 35:53 - 36:00
    in un'era nuova. E faccio la guerra a questi due estremismi. Perché entrambi
  • 36:00 - 36:05
    porteranno alla distruzione del valore fondamentale del copyright.
  • 36:05 - 36:12
    Se e soltanto se, secondo me, l'OMPI dirige questo dibattito, avremo una chance
  • 36:12 - 36:17
    di evitare questi estremismi. La maggior parte della gente del mondo non tiene
  • 36:17 - 36:22
    a preservare il copyright. Perciò, un'ultima preghiera, se siete in quel campo,
  • 36:22 - 36:27
    cosa non molto verosimile se siete qui, però un'ultima preghiera: tutti, dobbiamo riconoscere
  • 36:27 - 36:31
    che non uccideremo queste tecnologie. Possiamo soltanto farne dei delitti.
  • 36:31 - 36:37
    Non impediremo ai nostri figli di essere creativi in un modo in cui io, perlomeno, non ero creativo
  • 36:37 - 36:41
    quando sono cresciuto nel secolo scorso, possiamo soltanto cacciare la loro creatività nella clandestinità.
  • 36:41 - 36:46
    Non li renderemo passivi. Possiamo soltanto farne dei pirati.
  • 36:46 - 36:52
    E la questione che ci dobbiamo porre è se questo è un bene per le società libere.
  • 36:52 - 36:58
    In America, i bambini vivono in un'era di proibizione. Tantissime attività delle loro vite sono
  • 36:58 - 37:03
    tecnicamente contro la legge, e vivono le loro vite contro la legge.
  • 37:03 - 37:11
    Ma quel modo di vivere la vita corrode e corrompe il potere della legge
  • 37:11 - 37:18
    in una democrazia. Questo ente deve portare il sistema del copyright fuori
  • 37:18 - 37:25
    da quel regime di violazioni che corrompono la legge. E dopo 15 anni, vi chiedo con urgenza
  • 37:25 - 37:29
    di almeno cominciare insieme questo processo. Grazie tante.
Titolo:
WIPO Keynote
Descrizione:

more » « less
Video Language:
English
Duration:
37:40

Italian subtitles

Revisioni Compare revisions