Retourner vers la vidéo

Discorso di Neil Gaiman ai laureati della University of the Arts 2012

  • 0:01 - 0:03
    Grazie
  • 0:03 - 0:05
    (risate)
  • 0:05 - 0:10
    Non avrei mai creduto di ritrovarmi a dare consigli
  • 0:10 - 0:16
    a persone laureate.
  • 0:16 - 0:20
    Io non mi sono mai laureato.
  • 0:20 - 0:22
    Non ho nemmeno iniziato.
  • 0:22 - 0:25
    Sono scappato da scuola appena ho potuto,
  • 0:25 - 0:28
    quando la prospettiva di altri 4 anni di apprendimento forzato,
  • 0:28 - 0:34
    prima di poter diventare lo scrittore che volevo essere, sembrava soffocante.
  • 0:34 - 0:36
    Sono andato fuori, nel mondo, ho scritto
  • 0:36 - 0:38
    e più scrivevo più sono diventato uno scrittore migliore.
  • 0:38 - 0:39
    E ho scritto ancora
  • 0:39 - 0:41
    e a nessuno sembrava dispiacere
  • 0:41 - 0:43
    che stavo improvvisando.
  • 0:43 - 0:45
    Leggevano quel che scrivevo e mi pagavano,
  • 0:45 - 0:47
    oppure non mi pagavano.
  • 0:47 - 0:48
    (risate)
  • 0:48 - 0:49
    E spesso mi commissionavano
  • 0:49 - 0:53
    di scrivere qualcos'altro per loro, il che mi ha lasciato
  • 0:53 - 0:58
    con un sano rispetto per le università
  • 0:58 - 1:01
    che in quelli tra i miei amici e familiari che sono stati all'università
  • 1:01 - 1:03
    era stato debellato da tempo.
  • 1:03 - 1:07
    Ripensando alla mia vita, il mio è stato un viaggio notevole
  • 1:07 - 1:09
    non sono sicuro di poterla chiamare carriera
  • 1:09 - 1:14
    perchè una carriera implicherebbe un qualche tipo di progetto di carriera
  • 1:14 - 1:16
    e io non ne ho mai avuto uno.
  • 1:16 - 1:20
    La cosa più simile a un progetto che avevo era una lista che feci quando avevo circa 15 anni,
  • 1:20 - 1:22
    di tutto ciò che volevo fare.
  • 1:22 - 1:24
    Volevo scrivere un romanzo per adulti,
  • 1:24 - 1:25
    un libro per bambini,
  • 1:25 - 1:26
    un fumetto, un film,
  • 1:26 - 1:28
    registrare un audiolibro,
  • 1:28 - 1:32
    scrivere un episodio di Doctor Who, e così via.
  • 1:32 - 1:33
    Non avevo una carriera,
  • 1:33 - 1:35
    facevo solo la cosa successiva sulla lista.
  • 1:35 - 1:40
    Così ho pensato di dirvi tutto ciò che avrei voluto sapere quando ho iniziato
  • 1:40 - 1:41
    e alcune cose che, ripensandoci,
  • 1:41 - 1:43
    sapevo già allora.
  • 1:43 - 1:47
    E vi darò anche il miglior consiglio che mi abbiano mai dato
  • 1:47 - 1:50
    e che non sono riuscito assolutamente a seguire.
  • 1:50 - 1:52
    Prima di tutto,
  • 1:52 - 1:55
    quando inizi una carriera artistica,
  • 1:55 - 1:59
    non hai idea di quel che stai facendo.
  • 1:59 - 2:02
    Questo è fantastico.
  • 2:02 - 2:05
    Le persone che sanno cosa stanno facendo conoscono le regole
  • 2:05 - 2:07
    e sanno cosa è possibile e cosa è impossibile.
  • 2:07 - 2:10
    Voi no, e non dovreste.
  • 2:10 - 2:14
    Le regole su ciò che è possibile e ciò che è impossibile nell'arte sono state fatte
  • 2:14 - 2:17
    da persone che non hanno messo alla prova i limiti del possibile
  • 2:17 - 2:19
    superandoli.
  • 2:19 - 2:21
    E voi potete.
  • 2:21 - 2:22
    Se non sai che è impossibile,
  • 2:22 - 2:24
    è più facile da fare.
  • 2:24 - 2:26
    E poichè nessuno l'ha fatto prima
  • 2:26 - 2:27
    nessuno ha inventato regole
  • 2:27 - 2:32
    per impedire agli altri di rifare quella particolare cosa.
  • 2:32 - 2:39
    (applauso)
  • 2:39 - 2:43
    Secondo, se avete idea di quel che volete fare,
  • 2:43 - 2:45
    di quel che siete nati per fare,
  • 2:45 - 2:48
    allora andate e fatela.
  • 2:48 - 2:50
    Ed è molto più difficile di ciò che sembra
  • 2:50 - 2:53
    e a volte, alla fine, molto più facile di quanto potreste immaginare.
  • 2:53 - 2:56
    Perchè normalmente ci sono cose che dovete fare
  • 2:56 - 2:59
    prima di poter arrivare nel posto in cui volete essere.
  • 2:59 - 3:02
    Io volevo scrivere fumetti e romanzi e storie e film,
  • 3:02 - 3:04
    e così diventai un giornalista,
  • 3:04 - 3:07
    perchè i giornalisti hanno il permesso di fare domande
  • 3:07 - 3:09
    e di, semplicemente, andare a scoprire come funziona il mondo
  • 3:09 - 3:12
    E, tra l'altro, per fare queste cose dovevo scrivere
  • 3:12 - 3:14
    e scrivere bene.
  • 3:14 - 3:16
    Ed ero pagato per imparare come scrivere
  • 3:16 - 3:20
    economicamente, con vigore, e a volte in circostanze sfavorevoli
  • 3:20 - 3:23
    e con una scadenza.
  • 3:23 - 3:27
    A volte la strada per fare quel che sperate di fare sarà chiara.
  • 3:27 - 3:29
    E a volte sarà quasi impossibile
  • 3:29 - 3:31
    decidere se state facendo o no la cosa giusta.
  • 3:31 - 3:34
    perchè dovrete bilanciare i vostri obiettivi e le vostre speranze
  • 3:34 - 3:36
    con il procurarvi il pane,
  • 3:36 - 3:38
    pagare i debiti, trovare lavoro,
  • 3:38 - 3:40
    accontentarvi di ciò che potete avere.
  • 3:40 - 3:43
    Una cosa che per me funzionava
  • 3:43 - 3:47
    era immaginarmi dove volevo arrivare
  • 3:47 - 3:50
    cioè essere un autore, principalmente di narrativa,
  • 3:50 - 3:54
    creare bei libri, creare bei fumetti,
  • 3:54 - 3:56
    creare emozioni.
  • 3:56 - 3:58
    e mantenermi grazie alle mie parole,
  • 3:58 - 4:01
    immaginando che fosse una montagna,
  • 4:01 - 4:05
    una montagna distante, il mio obiettivo.
  • 4:05 - 4:09
    E sapevo che finchè io avessi continuato a camminare verso la montagna
  • 4:09 - 4:11
    sarebbe andato tutto bene.
  • 4:11 - 4:13
    E quando davvero non ero sicuro sul da farsi,
  • 4:13 - 4:15
    potevo fermarmi e pensare
  • 4:15 - 4:18
    se mi stava portando verso di lei o lontano da lei,
  • 4:18 - 4:20
    - la montagna.
  • 4:20 - 4:23
    Ho detto no a lavori di redazione per riviste
  • 4:23 - 4:26
    - lavori veri che avrebbero portato soldi veri -
  • 4:26 - 4:29
    perchè sapevo che, anche se ero tentato, per me
  • 4:29 - 4:32
    sarebbero significati allontanarsi dalla montagna.
  • 4:32 - 4:34
    E se quelle offerte di lavoro fossero arrivate prima
  • 4:34 - 4:36
    avrei potuto accettarle,
  • 4:36 - 4:38
    perchè sarebbero state comunque più vicine alla montagna
  • 4:38 - 4:41
    di quanto io non fossi allora.
  • 4:41 - 4:43
    Ho imparato a scrivere scrivendo.
  • 4:43 - 4:46
    Tendevo a fare qualunque cosa si prospettasse come un'avventura
  • 4:46 - 4:49
    e a fermarmi quando lo sentivo come un lavoro.
  • 4:49 - 4:53
    che significa che non sentivo la vita come un lavoro.
  • 4:53 - 4:59
    Terzo, quando inizi devi affrontare i problemi del fallimento.
  • 4:59 - 5:01
    Dovete essere forti,
  • 5:01 - 5:04
    per capire che non tutti i progetti sopravviveranno.
  • 5:04 - 5:07
    Una vita da freelance, una vita nell'arte,
  • 5:07 - 5:10
    è un po' come mettere messaggi in bottiglia su un'isola deserta
  • 5:10 - 5:14
    e sperare che qualcuno trovi una delle tue bottiglie
  • 5:14 - 5:15
    e la apra e la legga
  • 5:15 - 5:19
    e metta qualcosa in una bottiglia che cercherà di navigare fino a te
  • 5:19 - 5:23
    - apprezzamento o una commissione o soldi o affetto.
  • 5:23 - 5:27
    E devi accettare che potresti dover mandare in giro centinaia di cose
  • 5:27 - 5:30
    per ogni bottiglia che alla fine torna indietro.
  • 5:30 - 5:34
    I problemi del fallimento, i problemi dello scoraggiamento,
  • 5:34 - 5:36
    dell'essere senza speranza, della fame.
  • 5:36 - 5:38
    Vuoi che succeda tutto, e lo vuoi adesso
  • 5:38 - 5:40
    e le cose vanno male.
  • 5:40 - 5:44
    Il mio primo libro, un'opera di giornalismo che feci solo per soldi
  • 5:44 - 5:47
    e che mi era già valsa una macchina da scrivere elettrica
  • 5:47 - 5:51
    comprata con l'anticipo, avrebbe dovuto essere un bestseller.
  • 5:51 - 5:53
    Avrebbe dovuto portarmi un sacco di soldi,
  • 5:53 - 5:56
    se solo l'editore non fosse senza volere fallito
  • 5:56 - 5:58
    tra la prima stampa che fu un successo
  • 5:58 - 6:00
    e la seconda stampa che non accadde mai
  • 6:00 - 6:03
    e prima che mi pagasse i diritti.
  • 6:03 - 6:04
    Sarebbe successo.
  • 6:04 - 6:06
    E io ho fatto spallucce
  • 6:06 - 6:08
    e avevo ancora la mia macchina da scrivere elettrica
  • 6:08 - 6:10
    e abbastanza denaro per pagare l'affitto per un paio di mesi.
  • 6:10 - 6:13
    E decisi di fare del mio meglio nel futuro
  • 6:13 - 6:16
    per non scrivere libri solo per soldi.
  • 6:16 - 6:19
    Se non hai soldi non hai niente.
  • 6:19 - 6:22
    E se avessi fatto lavori di cui ero fiero, e non avessi avuto soldi,
  • 6:22 - 6:25
    almeno avrei avuto il mio lavoro.
  • 6:25 - 6:27
    Ogni tanto
  • 6:27 - 6:28
    mi dimentico quella regola
  • 6:28 - 6:31
    e ogni volta che lo faccio, l'universo mi dà un bel calcio
  • 6:31 - 6:33
    e mi rinfresca la memoria.
  • 6:33 - 6:36
    Non so se questo è un problema per qualcuno oltre a me
  • 6:36 - 6:38
    ma è vero che ogni volta che ho fatto qualcosa
  • 6:38 - 6:40
    e i soldi erano l'unica ragione per farla
  • 6:40 - 6:42
    non ne è mai valsa la pena,
  • 6:42 - 6:46
    a parte come esperienza amareggiante.
  • 6:46 - 6:48
    Di solito finiva che non prendevo neanche i soldi.
  • 6:48 - 6:50
    (risate)
  • 6:50 - 6:52
    Le cose che ho fatto perchè ero eccitato
  • 6:52 - 6:54
    e volevo vederle esistere nella realtà
  • 6:54 - 6:57
    non mi hanno mai deluso, e non ho mai rimpianto
  • 6:57 - 7:00
    il tempo che ho speso su nessuna di loro.
  • 7:00 - 7:02
    I problemi del fallimento sono duri.
  • 7:02 - 7:06
    I problemi del successo possono essere più duri,
  • 7:06 - 7:08
    perchè nessuno ti mette in guardia da questi.
  • 7:08 - 7:12
    Il primo problema di ogni tipo di seppur limitato successo
  • 7:12 - 7:14
    è la incrollabile convinzione che stai rubando qualcosa
  • 7:14 - 7:18
    e che da un momento all'altro ti scopriranno.
  • 7:18 - 7:22
    (risate)
  • 7:22 - 7:25
    E' la Sindrome dell'Impostore.
  • 7:25 - 7:29
    qualcosa che mia moglie Amanda ha battezzato La Polizia della Truffa.
  • 7:29 - 7:33
    Nel mio caso ero convinto che avrebbero bussato alla porta
  • 7:33 - 7:35
    e un uomo con una cartelletta
  • 7:35 - 7:38
    - non so perchè avesse una cartelletta
  • 7:38 - 7:41
    ma nella mia testa aveva sempre una cartelletta -
  • 7:41 - 7:44
    sarebbe stato lì per dirmi che era tutto finito
  • 7:44 - 7:45
    e che mi avevano scoperto
  • 7:45 - 7:48
    e che adesso avrei dovuto andarmi a trovare un lavoro vero
  • 7:48 - 7:52
    uno che non consistesse nell'inventare cose e poi scriverle
  • 7:52 - 7:54
    e leggere libri che volevo leggere.
  • 7:54 - 7:56
    E poi io sarei andato via in silenzio
  • 7:56 - 7:58
    e avrei trovato il genere di lavoro
  • 7:58 - 8:00
    per cui avrei dovuto alzarmi presto la mattina
  • 8:00 - 8:02
    e indossare una cravatta
  • 8:02 - 8:06
    e non inventarmi più cose.
  • 8:06 - 8:09
    I problemi del successo sono reali
  • 8:09 - 8:12
    e con un po' di fortuna, li proverete.
  • 8:12 - 8:15
    Il punto in cui smetti di dire di sì a tutto
  • 8:15 - 8:18
    perchè adesso le bottiglie che lanci nell'oceano tornano tutte indietro
  • 8:18 - 8:21
    e tu devi imparare a dire di no.
  • 8:21 - 8:26
    Ho osservato i miei coetanei e i miei amici e quelli più vecchi di me
  • 8:26 - 8:29
    e ho visto quanto tristi alcuni di loro erano.
  • 8:29 - 8:31
    Li ascoltavo mentre dicevano che non potevano più immaginare un mondo
  • 8:31 - 8:35
    in cui facevano quello che avevano sempre voluto fare,
  • 8:35 - 8:38
    perchè adesso dovevano guadagnare un certo tot di soldi ogni mese
  • 8:38 - 8:39
    solo per restare dov'erano.
  • 8:39 - 8:41
    Non potevano andare a fare le cose che contavano davvero
  • 8:41 - 8:43
    e che loro volevano fare davvero
  • 8:43 - 8:49
    e quella sembrava una tragedia tanto grande quanto tutti i problemi del fallimento.
  • 8:49 - 8:52
    E dopo quello, il più grande problema del successo
  • 8:52 - 8:54
    è che il mondo cospira
  • 8:54 - 8:57
    per farti smettere di fare ciò che fai
  • 8:57 - 8:58
    perchè hai successo.
  • 8:58 - 9:02
    Un giorno mi sono reso conto
  • 9:02 - 9:04
    che ero diventato qualcuno
  • 9:04 - 9:07
    che rispondeva alle email per professione
  • 9:07 - 9:10
    e scriveva come hobby.
  • 9:10 - 9:12
    Ho iniziato a rispondere a meno email
  • 9:12 - 9:16
    e fui sollevato dal vedere che scrivevo molto di più.
  • 9:17 - 9:22
    Quarto, spero facciate degli errori.
  • 9:22 - 9:26
    Se fate degli errori, significa che siete là fuori a fare qualcosa,
  • 9:26 - 9:29
    e gli errori in sè possono essere molto utili.
  • 9:29 - 9:33
    Una volta ho sbagliato a scrivere Caroline in una lettera
  • 9:33 - 9:36
    scambiando la A e la O
  • 9:36 - 9:38
    e ho pensato "Coraline
  • 9:38 - 9:41
    sembra quasi un nome vero."
  • 9:41 - 9:44
    Ricordate, qualunque sia la vostra disciplina
  • 9:44 - 9:46
    che siate un musicista o un fotografo,
  • 9:46 - 9:48
    un pittore o un fumettista,
  • 9:48 - 9:51
    uno scrittore, un ballerino, un cantante, un designer,
  • 9:51 - 9:54
    qualunque cosa facciate, avete una cosa che è unica:
  • 9:54 - 9:57
    avete la capacità di fare arte.
  • 9:57 - 10:01
    E per me, e per così tante delle persone che ho conosciuto
  • 10:01 - 10:03
    questo ci ha salvato la vita.
  • 10:03 - 10:05
    Ciò che davvero ci ha salvato la vita.
  • 10:05 - 10:06
    Ti accompagna nei periodi belli, e ti accompagna
  • 10:06 - 10:09
    durante gli altri.
  • 10:09 - 10:12
    A volte la vita è difficile, le cose vanno male,
  • 10:12 - 10:16
    nella vita, in amore, e negli affari e nelle amicizie
  • 10:16 - 10:20
    e nella salute e in tutti gli altri modi in cui la vita può andare male.
  • 10:20 - 10:25
    E quando le cose si fanno dure, questo è quello che dovreste fare:
  • 10:25 - 10:29
    Fate buona arte.
  • 10:29 - 10:31
    Non scherzo.
  • 10:31 - 10:32
    (risate)
  • 10:32 - 10:34
    Vostro marito scappa con un politico?
  • 10:34 - 10:36
    Fate buona arte.
  • 10:36 - 10:38
    (risate)
  • 10:38 - 10:42
    Vi sfracellate una gamba e poi ve la mangia un boa constrictor mutante?
  • 10:42 - 10:45
    Fate buona arte.
  • 10:45 - 10:48
    Il fisco è sulle vostre tracce? Fate buona arte.
  • 10:48 - 10:54
    Il gatto è esploso? Fate buona arte.
  • 10:54 - 10:57
    Qualcuno su internet pensa che ciò che fate
  • 10:57 - 10:59
    è stupido o malvagio o è già stato fatto?
  • 10:59 - 11:02
    Fate buona arte.
  • 11:02 - 11:04
    Probabilmente le cose si risolveranno,
  • 11:04 - 11:06
    alla fine il tempo farò passare il male,
  • 11:06 - 11:08
    e non importa neanche.
  • 11:08 - 11:11
    Fate ciò che solo voi potete fare al meglio.
  • 11:11 - 11:14
    Fate buona arte.
  • 11:14 - 11:16
    Fatela nei giorni no.
  • 11:16 - 11:20
    Fatela anche nei giorni sì.
  • 11:20 - 11:21
    E quinto, già che ci siete,
  • 11:21 - 11:23
    fate la vostra arte.
  • 11:23 - 11:25
    Fate le cose che solo voi potete fare.
  • 11:25 - 11:27
    La tentazione, all'inizio, è copiare
  • 11:27 - 11:29
    e non è una brutta cosa.
  • 11:29 - 11:30
    La maggior parte di noi trova la propria voce
  • 11:30 - 11:33
    dopo aver parlato come un sacco di altre persone.
  • 11:33 - 11:34
    (risate)
  • 11:34 - 11:38
    Ma una cosa che voi avete, e che non ha nessuno,
  • 11:38 - 11:45
    siete voi, la vostra voce, la vostra mente, la vostra storia, la vostra visione.
  • 11:45 - 11:48
    Quindi scrivete e disegnate e costruite e suonate
  • 11:48 - 11:51
    e ballate e vivete come solo voi potete fare.
  • 11:51 - 11:56
    Nel momento in cui vi sentito come se, forse,
  • 11:56 - 11:59
    state camminando nudi per la strada
  • 11:59 - 12:02
    esponendo troppo del vostro cuore e della vostra mente
  • 12:02 - 12:05
    e ciò che c'è dentro, mostrando troppo di voi stessi,
  • 12:05 - 12:11
    quello è il momento in cui potreste star iniziando a fare la cosa giusta.
  • 12:11 - 12:13
    Le cose che ho fatto che sono venute meglio
  • 12:13 - 12:15
    erano le cose su cui ero meno sicuro.
  • 12:15 - 12:17
    Le storie che ero convinto sarebbero o ben riuscite
  • 12:17 - 12:21
    o, più probabilmente, il genere di fallimenti imbarazzanti
  • 12:21 - 12:25
    di cui la gente avrebbe discusso fino alla fine dei tempi
  • 12:25 - 12:28
    Avevano sempre una cosa in comune: ripensandoci adesso
  • 12:28 - 12:31
    le persone spiegano perchè erano successi annunciati
  • 12:31 - 12:34
    e mentre ci stavo lavorando io non ne avevo idea.
  • 12:34 - 12:36
    Non ce l'ho ancora.
  • 12:36 - 12:38
    E dove sarebbe il divertimento nel fare qualcosa
  • 12:38 - 12:39
    se sapessi già che funzionerà?
  • 12:39 - 12:43
    E a volte le cose che ho fatto non sono andate bene.
  • 12:43 - 12:46
    Ci sono mie storie che non hanno mai ristampato.
  • 12:46 - 12:49
    Alcune non hanno mai lasciato casa mia.
  • 12:49 - 12:53
    Ma ho imparato da loro tanto quanto ho imparato da quelle che hanno funzionato.
  • 12:53 - 12:59
    Ok, sesto: vi svelerò un po' di sapienza segreta da freelancer.
  • 12:59 - 13:02
    La sapienza segreta è sempre buona e utile
  • 13:02 - 13:06
    per chiunque progetti di creare arte per altre persone,
  • 13:06 - 13:08
    o entrare un mondo freelance di qualunque tipo.
  • 13:08 - 13:10
    L'ho imparato nel mondo dei fumetti,
  • 13:10 - 13:13
    ma funziona anche in altri campi, ed è questo.
  • 13:13 - 13:19
    Le persone vengono assunte perchè, in qualche modo, vengono assunte.
  • 13:19 - 13:20
    (risate)
  • 13:20 - 13:24
    Nel mio caso, feci qualcosa che oggi sarebbe facile da scoprire
  • 13:24 - 13:25
    e che mi causerebbe un sacco di guai
  • 13:25 - 13:28
    e quando iniziai in quei tempi pre-internet
  • 13:28 - 13:30
    mi sembrava una strategia di carriera sensata.
  • 13:30 - 13:34
    Quando mi fu chiesto per chi avessi scritto,
  • 13:34 - 13:35
    mentii.
  • 13:35 - 13:38
    (risate)
  • 13:38 - 13:41
    Elencai una manciata di riviste che suonavano probabili
  • 13:41 - 13:43
    ed ero sicuro di me e ottenni ingaggi.
  • 13:43 - 13:53
    (acclamazioni)
  • 13:53 - 13:56
    Poi divenne per me un motivo d'onore l'aver scritto
  • 13:56 - 13:58
    qualcosa per ognuna delle riviste che avevo elencato
  • 13:58 - 14:01
    per ottenere quel primo lavoro.
  • 14:01 - 14:02
    Così che non avevo davvero mentito
  • 14:02 - 14:05
    ero solo stato diversamente abile cronologicamente.
  • 14:05 - 14:07
    (risate)
  • 14:07 - 14:10
    Ma si ottiene un lavoro in qualunque modo si ottiene un lavoro.
  • 14:10 - 14:14
    Ma le persone continuano a lavorare, nel mondo dei freelance
  • 14:14 - 14:17
    - e il mondo oggi è sempre più freelance -
  • 14:17 - 14:20
    perchè il loro lavoro è buono
  • 14:20 - 14:22
    e perchè è facile andarci d'accordo
  • 14:22 - 14:25
    e perchè consegnano il lavoro in tempo.
  • 14:25 - 14:29
    E non ti servono neanche tutti e tre.
  • 14:29 - 14:32
    Due su tre va bene.
  • 14:32 - 14:33
    (risate)
  • 14:33 - 14:37
    La gente tollera la tua antipatia
  • 14:37 - 14:39
    se il tuo lavoro è buono e lo consegni in tempo.
  • 14:39 - 14:41
    (risate)
  • 14:41 - 14:45
    La gente perdona il ritardo del tuo lavoro
  • 14:45 - 14:46
    se è buono e tu gli piaci.
  • 14:46 - 14:47
    (risate)
  • 14:47 - 14:50
    E non devi essere bravo come chiunque altro
  • 14:50 - 14:53
    se sei puntuale ed è sempre un piacere parlare con te.
  • 14:53 - 14:56
    (risate)
  • 14:56 - 15:05
    (applauso)
  • 15:05 - 15:08
    Così quando ho accettato di fare questo discorso
  • 15:08 - 15:11
    Ho pensato a quale fosse il miglior consiglio che mi avessero mai dato
  • 15:11 - 15:15
    e ho realizzato che, in effetti, è un consiglio
  • 15:15 - 15:18
    che non sono riuscito a seguire
  • 15:18 - 15:19
    e mi venne da Stephen King.
  • 15:19 - 15:22
    Fu 20 anni fa, al top del successo
  • 15:22 - 15:23
    - il successo iniziale -
  • 15:23 - 15:27
    di Sandman, il fumetto che scrivevo.
  • 15:27 - 15:29
    (applauso) Oh, grazie.
  • 15:29 - 15:30
    Scrivevo un fumetto che la gente amava
  • 15:30 - 15:32
    e che prendevano sul serio
  • 15:32 - 15:34
    e a Stephen King piaceva Sandman
  • 15:34 - 15:37
    e il mio romanzo con terry Pratchett, Good Omens,
  • 15:37 - 15:39
    e vide la follia che avevo intorno
  • 15:39 - 15:41
    - le lunghe code per gli autografi, tutte quelle cose -
  • 15:41 - 15:43
    e il suo consiglio a me fu questo.
  • 15:43 - 15:46
    Disse: "E' fantastico,
  • 15:46 - 15:49
    dovresti godertela."
  • 15:49 - 15:52
    E io non me la sono goduta.
  • 15:52 - 15:54
    Il miglior consiglio che ho ricevuto, l'ho ignorato.
  • 15:54 - 15:57
    Invece, mi sono preoccupato.
  • 15:57 - 15:59
    Mi sono preoccupato per la scadenza successiva,
  • 15:59 - 16:01
    l'idea successiva,
  • 16:01 - 16:03
    la storia successiva.
  • 16:03 - 16:05
    Non c'è stato un momento nei successivi 14 o 15 anni
  • 16:05 - 16:07
    in cui non stessi scrivendo qualcosa nella mia testa
  • 16:07 - 16:08
    o pensandoci su.
  • 16:08 - 16:11
    E non mi sono mai fermato a pensare:
  • 16:11 - 16:14
    "Questo è davvero divertente."
  • 16:14 - 16:16
    Vorrei essermela goduta di più.
  • 16:16 - 16:18
    E' stato un viaggio incredibile,
  • 16:18 - 16:20
    ma ci sono state parti del viaggio che mi sono perso,
  • 16:20 - 16:22
    perchè ero troppo preoccupato per le cose che andavano male,
  • 16:22 - 16:25
    per quello che sarebbe successo, per godermi ciò che mi stava accadendo.
  • 16:25 - 16:28
    Questa è stata la lezione più dura per me, penso:
  • 16:28 - 16:31
    lasciarsi andare, e godersi il viaggio.
  • 16:31 - 16:34
    Perchè il viaggio ti porta in notevoli
  • 16:34 - 16:37
    e inaspettati luoghi.
  • 16:37 - 16:40
    E qui, su questo pulpito, oggi per me
  • 16:40 - 16:42
    è uno di quei luoghi
  • 16:42 - 16:46
    e mi sto divertendo immensamente.
  • 16:46 - 16:57
    (applauso)
  • 16:57 - 16:59
    A dire il vero quello l'ho scritto tra parentesi.
  • 16:59 - 17:01
    In caso non mi fossi divertito, non l'avrei detto.
  • 17:01 - 17:05
    (risate)
  • 17:05 - 17:08
    A tutti i laureati di oggi:
  • 17:08 - 17:11
    Vi auguro fortuna, la fortuna è utile.
  • 17:11 - 17:13
    Spesso scoprirete che più lavorate duramente
  • 17:13 - 17:15
    e più saggiamente
  • 17:15 - 17:17
    e più sarete fortunati.
  • 17:17 - 17:20
    Ma c'è la fortuna, e aiuta.
  • 17:20 - 17:24
    Siamo in un mondo che sta cambiando, ora.
  • 17:24 - 17:27
    se siete in un qualunque campo artistico,
  • 17:27 - 17:30
    perchè la natura della distribuzione sta cambiando.
  • 17:30 - 17:33
    I modelli con cui i creatori mandano il loro lavoro fuori nel mondo
  • 17:33 - 17:35
    e riescono a mantenersi un tetto sopra la testa
  • 17:35 - 17:37
    e comprarsi da mangiare mentre fanno tutto ciò,
  • 17:37 - 17:39
    stanno tutti cambiando.
  • 17:39 - 17:42
    Ho parlato con persone in cima alla catena alimentare
  • 17:42 - 17:44
    nella pubblicazione e vendita di libri,
  • 17:44 - 17:46
    in musica, in tutte quelle aree,
  • 17:46 - 17:49
    e nessuno sa come saranno le cose
  • 17:49 - 17:52
    tra due anni, tanto meno tra dieci.
  • 17:52 - 17:54
    I canali distributivi che le persone hanno costruito
  • 17:54 - 17:57
    nell'ultimo secolo più o meno, stanno cambiando
  • 17:57 - 18:00
    per la stampa, le arti visive, i musicisti,
  • 18:00 - 18:03
    per i creativi di ogni genere.
  • 18:03 - 18:05
    Che da un lato è intimidante
  • 18:05 - 18:10
    e dall'altro, immensamente liberatorio.
  • 18:10 - 18:12
    Le regole, le assunzioni, che ora dobbiamo usare
  • 18:12 - 18:16
    su come far conoscere il tuo lavoro e cosa fare poi,
  • 18:16 - 18:19
    si stanno rompendo.
  • 18:19 - 18:23
    I guardiani dei cancelli stanno lasciando i loro cancelli.
  • 18:23 - 18:27
    Potete essere creativi quanto volete, per far conoscere il vostro lavoro.
  • 18:27 - 18:31
    YouTube e Internet e qualunque cosa venga dopo YouTube e Internet
  • 18:31 - 18:32
    vi possono portare più spettatori
  • 18:32 - 18:35
    che tutta la televisione di sempre.
  • 18:35 - 18:37
    Le vecchie regole si stanno sgretolando
  • 18:37 - 18:40
    e nessuno sa quali sono le nuove regole.
  • 18:40 - 18:43
    Quindi fatevi le vostre regole.
  • 18:43 - 18:45
    Qualcuno di recente mi ha chiesto come fare
  • 18:45 - 18:47
    qualcosa che pensava sarebbe stato difficile,
  • 18:47 - 18:49
    in questo caso registrare un audiolibro.
  • 18:49 - 18:55
    E io le ho suggerito di fare finta di essere qualcuno che potesse farlo.
  • 18:55 - 18:56
    (risate)
  • 18:56 - 19:00
    Non far finta di farlo, ma di essere qualcuno in grado di farlo.
  • 19:00 - 19:03
    Lei si è appesa un promemoria con scritto questo sul muro dello studio
  • 19:03 - 19:06
    e ha detto che le è servito.
  • 19:06 - 19:10
    Quindi siate saggi, perchè il mondo ha bisogno di più saggezza
  • 19:10 - 19:14
    e se non potete essere saggi, fate finta di essere qualcuno che è saggio
  • 19:14 - 19:17
    e poi comportatevi come farebbe lui.
  • 19:17 - 19:29
    (applauso)
  • 19:29 - 19:32
    Q ora andate, e fate errori interessanti,
  • 19:32 - 19:34
    fate errori sorprendenti,
  • 19:34 - 19:37
    fate errori gloriosi e fantastici.
  • 19:37 - 19:38
    Infrangete le regole.
  • 19:38 - 19:41
    Lasciate il mondo più interessante grazie alla vostra presenza.
  • 19:41 - 19:44
    Fate buona arte.
  • 19:44 - 19:46
    Grazie.
  • 19:46 - 19:54
    (applauso)
Titre:
Discorso di Neil Gaiman ai laureati della University of the Arts 2012
Description:

Italian subtitles

plus » « moins
Langue de la vidéo:
English
Durée:
19:55
Camilla Da Vinci added a translation

sous-titres en Italian

Révisions