Italian subtítulos

← Il mito egizio della morte di Osiride - Alex Gendler

Obtener código incrustado.
27 idiomas

Mostrar Revisión28 creada 10/03/2020 por Elisabetta Siagri.

  1. Era il banchetto più sontuoso
    che l'Egitto avesse mai visto.
  2. Il dio guerriero Seth
    e la sua sposa, la dea Nefti,
  3. avevano adornato
    un meraviglioso salone per l'evento
  4. al cui centro avevano posto
    un magnifico sarcofago di legno.
  5. Avevano invitato
    tutti gli dèi più importanti,
  6. numerose divinità minori
    e sovrani stranieri.
  7. Ma nessuno creò tanto scalpore
  8. quanto il fratello maggiore
    di Seth e Nefti, Osiride,
  9. il dio che governava l'Egitto
    e aveva donato prosperità a tutti.
  10. Seth lanciò una sfida:
  11. avrebbe donato il sarcofago
    a chi ci fosse entrato perfettamente.
  12. Gli ospiti si accalcarono per provare,
    ma nessuno ebbe successo.
  13. Infine toccò a Osiride.
  14. Non appena si adagiò, tutti videro
    che ci entrava perfettamente.
  15. L'ennesima vittoria del dio
    che non poteva sbagliare mai.
  16. Allora Seth chiuse di colpo il coperchio,
    lo sigillò con Osiride all'interno
  17. e lo gettò nel Nilo.
  18. Il sarcofago era una bara.
  19. Seth l'aveva costruito apposta
    per intrappolare il fratello
  20. e aveva organizzato il banchetto
    per attirarlo con l'inganno.
  21. Seth era sempre stato invidioso
    del glorioso dominio del fratello
  22. e sperava di prendere il suo posto
    come sovrano d'Egitto.
  23. Il Nilo trasportò la bara fino al mare
    dove rimase per giorni alla deriva,
  24. prima di approdare vicino Biblo,
    dove un enorme cedro le crebbe intorno.
  25. Lo spirito del dio
    conferì all'albero un'aura divina
  26. e quando il re di Biblo se ne accorse,
  27. ordinò di tagliarlo
    e di trasportarlo al palazzo reale.
  28. A sua insaputa,
  29. il più potente dio egizio
    era intrappolato all'interno del tronco.
  30. Il trionfo di Seth sembrava ormai certo,
    ma non aveva considerato le sue sorelle.
  31. Nefti, la sposa di Seth,
    era anche sua sorella,
  32. mentre l'altra sorella, la dea Iside,
  33. era la moglie di loro fratello Osiride.
  34. Iside era determinata a trovare Osiride,
  35. e assoldò Nefti all'insaputa di Seth.
  36. Le sorelle si trasformarono in falchi
    e viaggiarono in lungo e in largo.
  37. Alcuni bambini che avevano visto
    la bara galleggiare fino a riva,
  38. le indirizzarono
    al palazzo reale di Biblo.
  39. Iside assunse nuove sembianze
    e si avviò verso il palazzo.
  40. La regina era così affascinata
    dalla dea sotto mentite spoglie
  41. da affidarle la cura del neonato principe.
  42. Iside volle rendere il bimbo immortale
    con un bagno nelle fiamme ardenti.
  43. Quando la regina, sgomenta, vide la scena,
  44. Iside rivelò la sua identità
    e reclamò l'albero.
  45. Quando aprì la bara
    dopo averla estratta dal tronco,
  46. Osiride era morto.
  47. In lacrime, riportò il corpo in Egitto,
    lo nascose in una palude
  48. e partì alla ricerca
    di un modo per risuscitarlo.
  49. Ma mentre era lontana,
  50. Seth scovò il corpo e lo fece a pezzi,
  51. disperdendoli in tutto l'Egitto.
  52. Iside aveva perso Osiride
    per la seconda volta,
  53. ma non si diede per vinta.
  54. Lo cercò ovunque nel regno
    a bordo di una barca di papiro.
  55. Una dopo l'altra, rintracciò le parti
    del corpo smembrato del marito
  56. in ogni provincia d'Egitto,
  57. e celebrò un funerale per ognuna.
  58. Alla fine, riuscì a ritrovare
    tutti i pezzi tranne uno,
  59. il pene, che era stato ingoiato
    da un pesce del Nilo.
  60. Operando su quello che aveva,
    Iside ricompose e resuscitò il marito.
  61. Ma, senza pene, Osiride era incompleto.
  62. Non poteva restare tra i vivi,
  63. e non gli era concesso riprendere
    il suo ruolo come sovrano d'Egitto.
  64. Avrebbe invece regnato sul Duat,
    il regno dei morti.
  65. Prima di lasciare il mondo però,
    lui e Iside concepirono un figlio
  66. destinato a tramandare
    l'eredità di Osiride
  67. e, un giorno, a vendicarlo.