Return to Video

Simon Berrow: Come salvaguardare uno squalo del quale non si conosce nulla?

  • 0:00 - 0:03
    Lo squalo elefante, o cetorino, è una creatura incredibile. E' magnifico.
  • 0:03 - 0:05
    Cresce fino a 10 m di lunghezza.
  • 0:05 - 0:07
    Alcuni dicono anche di più.
  • 0:07 - 0:09
    Può pesare fino a 2 tonnellate.
  • 0:09 - 0:11
    Alcuni dicono fino a 5 tonnellate.
  • 0:11 - 0:13
    È il secondo pesce più grande del pianeta.
  • 0:13 - 0:16
    È anche un animale innocuo che si nutre di plancton.
  • 0:16 - 0:18
    E si pensa che sia anche in grado
  • 0:18 - 0:21
    di filtrare 1 km cubo di acqua all'ora
  • 0:21 - 0:24
    e nutrirsi di 300 kg di zooplancton al giorno per sopravvivere.
  • 0:24 - 0:26
    Sono delle creature fantastiche.
  • 0:26 - 0:29
    Qui in Irlanda siamo molto fortunati. Ci sono moltissimi squali elefante
  • 0:29 - 0:31
    e moltissime opportunità per studiarli.
  • 0:31 - 0:33
    Parecchie centinaia di anni fa, questi squali
  • 0:33 - 0:35
    furono molto importanti per le comunità costiere
  • 0:35 - 0:38
    specialmente quelle intorno alla zona di Claddagh, Duff, Connemara,
  • 0:38 - 0:40
    in cui i pescatori di sussistenza salpavano
  • 0:40 - 0:42
    sui loro pescherecci e sulle loro barche,
  • 0:42 - 0:44
    andando a volte in mare aperto, altre verso un luogo detto Sunfish Bank,
  • 0:44 - 0:46
    situato a circa 30 miglia a ovest di Achill Island,
  • 0:46 - 0:48
    per catturare gli squali elefante.
  • 0:48 - 0:50
    Questa è un'incisione su legno del 1700-1800.
  • 0:50 - 0:53
    Avevano molta importanza questi squali, per l'olio estratto dal loro fegato.
  • 0:53 - 0:55
    Il fegato costituisce 1/3 delle loro dimensioni, ed è pieno di olio.
  • 0:55 - 0:57
    Si ricavano litri e litri di olio dal suo fegato.
  • 0:57 - 0:59
    Quell'olio serviva soprattutto per l'illuminazione
  • 0:59 - 1:01
    ma anche per curare le ferite e per altri usi.
  • 1:01 - 1:03
    Infatti, nel 1742, i lampioni
  • 1:03 - 1:05
    di Galway, Dublino e Waterford,
  • 1:05 - 1:07
    funzionavano con l'olio del pesce sole.
  • 1:07 - 1:09
    "Pesce sole" è un appellativo dello squalo elefante.
  • 1:09 - 1:11
    Erano animali incredibilmente importanti.
  • 1:11 - 1:14
    Esistono da tempi immemorabili e sono stati importanti per le comunità costiere.
  • 1:14 - 1:17
    Forse la fabbrica di lavorazione più nota al mondo di squali elefante
  • 1:17 - 1:19
    è quella di Achill Island.
  • 1:19 - 1:21
    Questa è Keem Bay, su Achill Island.
  • 1:21 - 1:24
    Gli squali entravano nella baia,
  • 1:24 - 1:27
    e i pescatori legavano una rete, che dal promontorio
  • 1:27 - 1:29
    si estendeva fino alla rete successiva.
  • 1:29 - 1:32
    Appena lo squalo arrivava e urtava la rete, questa gli si richiudeva addosso,
  • 1:32 - 1:34
    e impigliandolo spesso lo soffocava.
  • 1:34 - 1:37
    Altre volte i pescatori uscivano nelle loro piccole caracche
  • 1:37 - 1:39
    e lo uccidevano trafiggendolo al capo con una fiocina.
  • 1:39 - 1:42
    E poi trainavano le prede fino a Purteen Harbor,
  • 1:42 - 1:44
    le bollivano e ne usavano l'olio.
  • 1:44 - 1:47
    La carne dello squalo, privato delle pinne,
  • 1:47 - 1:51
    serviva anche come fertilizzante.
  • 1:51 - 1:53
    Si tratta forse della peggiore minaccia per tutti gli squali,
  • 1:53 - 1:55
    la pratica di amputargli le pinne.
  • 1:55 - 1:57
    Spesso il nostro terrore degli squali nasce dal film "Lo squalo".
  • 1:57 - 1:59
    Forse 5 o 6 persone all'anno
  • 1:59 - 2:01
    vengono uccise da uno squalo.
  • 2:01 - 2:04
    È successo di recente, vero? Solo un paio di settimane fa.
  • 2:04 - 2:07
    Noi uccidiamo100 milioni di squali all'anno.
  • 2:07 - 2:09
    Io non so quale sia il bilancio finale,
  • 2:09 - 2:12
    ma credo che gli squali abbiano più ragione di temere noi, che noi loro.
  • 2:12 - 2:14
    È stata un'industria ittica ben documentata.
  • 2:14 - 2:16
    Come vedete qui, raggiunse l'apice negli anni '50,
  • 2:16 - 2:18
    quando si uccidevano 1.500 squali all'anno.
  • 2:18 - 2:21
    Ma subì un rapido declino a causa di una scarsa regolamentazione,
  • 2:21 - 2:24
    che ha forse provocato una decimazione della specie
  • 2:24 - 2:26
    o cicli riproduttivi alterati.
  • 2:26 - 2:28
    In quel periodo sono stati uccisi circa 12.000 squali,
  • 2:28 - 2:31
    tendendo una fune di canapa letteralmente
  • 2:31 - 2:33
    dalla punta di Keem Bay
  • 2:33 - 2:35
    ad Achill Island.
  • 2:35 - 2:37
    Questo tipo di pesca proseguì fino agli anni '80,
  • 2:37 - 2:40
    specialmente in luoghi come Dunmore East, nella contea di Waterford.
  • 2:40 - 2:43
    Fino al 1985 sono stati uccisi 2.500-3.000 squali,
  • 2:43 - 2:45
    e molti da pescherecci norvegesi.
  • 2:45 - 2:48
    Qui non si vede, ma queste sono barche norvegesi per la caccia al cetorino,
  • 2:48 - 2:50
    e la linea nera sulla coffa
  • 2:50 - 2:52
    indica che pescano squali
  • 2:52 - 2:54
    e non balene.
  • 2:54 - 2:57
    L'importanza degli squali elefanti per le comunità costiere
  • 2:57 - 2:59
    viene attestata anche dal linguaggio.
  • 2:59 - 3:01
    Io non pretendo di parlare irlandese,
  • 3:01 - 3:04
    ma a Kerry erano spesso noti come "Ainmhide na seolta",
  • 3:04 - 3:06
    i mostri con le vele.
  • 3:06 - 3:09
    Un altro appellativo è "Liop an da lapa",
  • 3:09 - 3:12
    l'ingombrante bestia a due pinne.
  • 3:12 - 3:15
    "Liabhan mor" indica un grosso animale.
  • 3:15 - 3:17
    Il mio preferito è "Liabhan chor greine",
  • 3:17 - 3:19
    il grande pesce del sole.
  • 3:19 - 3:21
    Una bella definizione, molto evocativa.
  • 3:21 - 3:24
    A Tory Island, un luogo comunque bizzarro, erano noti come muldoon,
  • 3:24 - 3:26
    e nessuno sembra sapere perché.
  • 3:26 - 3:28
    Spero che in sala non ci sia nessuno di Tory Island. Luogo splendido.
  • 3:28 - 3:31
    Ma in generale, sull'isola
  • 3:31 - 3:33
    erano noti come pesce sole.
  • 3:33 - 3:36
    Ciò indica la loro abitudine di crogiolarsi in superficie sotto i raggi del sole.
  • 3:36 - 3:39
    È forte la preoccupazione che i cetorini siano stati decimati
  • 3:39 - 3:41
    in tutti i mari del mondo.
  • 3:41 - 3:43
    Alcuni dicono che non si tratti di una diminuzione.
  • 3:43 - 3:45
    Potrebbe trattarsi di una ridistribuzione del plancton.
  • 3:45 - 3:47
    Si ritiene che gli squali elefante sarebbero ottimi indicatori
  • 3:47 - 3:49
    dei cambiamenti climatici,
  • 3:49 - 3:51
    dato che registrano continuamente le condizioni del plancton,
  • 3:51 - 3:53
    nuotando con la bocca sempre aperta.
  • 3:53 - 3:56
    Ora sono nell'elenco delle specie vulnerabili dell'UICN.
  • 3:56 - 3:59
    In Europa si sta cercando di mettere fine alla loro pesca.
  • 3:59 - 4:02
    Ora c'è il divieto di catturarli e anche di portarli a riva,
  • 4:02 - 4:04
    inclusi quelli pescati non intenzionalmente.
  • 4:04 - 4:06
    Da noi, in Irlanda, non sono protetti.
  • 4:06 - 4:08
    Anzi, non godono proprio di alcuno status legislativo
  • 4:08 - 4:10
    nonostante la nostra importanza per la specie
  • 4:10 - 4:13
    e il contesto storico in cui si trovano gli squali elefante.
  • 4:14 - 4:16
    Noi sappiamo pochissimo su questi squali.
  • 4:16 - 4:18
    E molto di quello che sappiamo
  • 4:18 - 4:20
    si basa sulla loro abitudine a salire in superficie.
  • 4:20 - 4:22
    Noi cerchiamo di intuire il loro comportamento
  • 4:22 - 4:24
    da come agiscono in superficie.
  • 4:24 - 4:27
    Ho scoperto solo l'anno scorso, a una conferenza nell'Isola di Man,
  • 4:27 - 4:30
    quanto sia insolito vivere in un luogo
  • 4:30 - 4:33
    in cui i cetorini vengono spesso, regolarmente e prevedibilmente
  • 4:33 - 4:35
    a "crogiolarsi" in superficie.
  • 4:35 - 4:37
    È un'opportunità scientifica incredibile
  • 4:37 - 4:39
    vedere e essere a contatto con i cetorini,
  • 4:39 - 4:41
    che sono creature fantastiche.
  • 4:41 - 4:44
    È una grandissima opportunità per riuscire a studiarli e avvicinarli.
  • 4:44 - 4:47
    Perciò negli ultimi due anni - ma soprattutto l'anno scorso -
  • 4:47 - 4:50
    abbiamo iniziato a marcarli
  • 4:50 - 4:52
    per ottenere un'idea più chiara
  • 4:52 - 4:54
    sull'accuratezza degli avvistamenti e dei loro spostamenti.
  • 4:54 - 4:56
    Ci siamo concentrati soprattutto
  • 4:56 - 4:58
    sul North Donegal e il West Kerry,
  • 4:58 - 5:01
    le due zone in cui io ero principalmente operativo.
  • 5:01 - 5:03
    La marcatura è molto semplice, nessuna tecnologia sofisticata.
  • 5:03 - 5:05
    Usiamo un'asta molto lunga.
  • 5:05 - 5:07
    Una canna da pesca da riva
  • 5:07 - 5:09
    con un'etichetta all'estremità.
  • 5:09 - 5:12
    Si sale in barca e si marca lo squalo.
  • 5:12 - 5:14
    Ed è molto efficace.
  • 5:14 - 5:16
    La scorsa estate abbiamo marcato 105 squali.
  • 5:16 - 5:18
    50 in tre giorni, al largo
  • 5:18 - 5:20
    della Penisola di Inishowen.
  • 5:20 - 5:23
    Metà del lavoro consiste nell'avvicinarli, trovarsi nel posto giusto al momento giusto.
  • 5:23 - 5:25
    Ma si tratta di una tecnica molto semplice.
  • 5:25 - 5:27
    Vi mostro come funziona.
  • 5:27 - 5:29
    Utilizziamo una videocamera subacquea
  • 5:29 - 5:31
    per filmare lo squalo.
  • 5:31 - 5:33
    Vogliamo anche determinare il sesso dello squalo.
  • 5:33 - 5:36
    Ci siamo serviti anche di un paio di marcatori satellitari, di alta teconologia.
  • 5:36 - 5:38
    Sono dei marcatori
  • 5:38 - 5:40
    in grado di archiviare le informazioni.
  • 5:40 - 5:42
    Un marcatore satellitare funziona solo quando è fuori dall'acqua
  • 5:42 - 5:44
    e può mandare il segnale al satellite.
  • 5:44 - 5:47
    Ma, ovviamente, gli squali, i pesci, stanno principalmente sott'acqua.
  • 5:47 - 5:50
    Questa etichetta rileva la posizione dello squalo
  • 5:50 - 5:53
    a seconda dei tempi e del tramonto del sole,
  • 5:53 - 5:55
    della temperatura dell'acqua e della profondità.
  • 5:55 - 5:58
    E bisogna cercare di ricostruire il loro percorso.
  • 5:58 - 6:01
    Si programma l'etichetta in modo che si stacchi dallo squalo dopo un certo periodo,
  • 6:01 - 6:03
    in questo caso dopo 8 mesi,
  • 6:03 - 6:07
    e nel giorno stabilito l'etichetta si stacca, arriva in superficie, saluta il satellite,
  • 6:07 - 6:10
    e invia i dati, non tutti, ma sufficienti per i nostri scopi.
  • 6:10 - 6:12
    E questo è l'unico modo in cui studiare
  • 6:12 - 6:15
    il loro comportamento e i loro movimenti quando sono in immersione.
  • 6:15 - 6:18
    Abbiamo tracciato un paio di mappe.
  • 6:18 - 6:21
    Su questa è tracciato il percorso di due squali che parte da Kerry -
  • 6:21 - 6:24
    in pratica uno ha passato tutto il tempo, gli ultimi 8 mesi, in acque irlandesi.
  • 6:24 - 6:26
    A Natale aveva raggiunto il limite della piattaforma.
  • 6:26 - 6:28
    Qui ce n'è una che non abbiamo ancora analizzato in dettaglio
  • 6:28 - 6:30
    con la temperatura di superficie e la profondità,
  • 6:30 - 6:32
    comunque il secondo squalo ha passato la maggior parte del tempo
  • 6:32 - 6:34
    nella zona delle acque del Mar d'Irlanda.
  • 6:34 - 6:36
    Lo scorso anno, colleghi dell'Isola di Man
  • 6:36 - 6:38
    hanno marcato uno squalo
  • 6:38 - 6:41
    che, in 90 giorni, ha nuotato dall'Isola di Man fino alla Nuova Scozia.
  • 6:41 - 6:44
    Parliamo di 9.500 km. Mai avremmo pensato che fosse possibile.
  • 6:44 - 6:46
    Un altro collega negli Stati Uniti
  • 6:46 - 6:49
    ha marcato circa 20 squali al largo delle coste del Massachusetts, senza successo.
  • 6:49 - 6:51
    Sa solo dove li ha marcati
  • 6:51 - 6:53
    e dove le etichette si sono staccate.
  • 6:53 - 6:55
    E si sono staccate nei Caraibi
  • 6:55 - 6:57
    e perfino in Brasile.
  • 6:57 - 6:59
    E noi pensavamo che i cetorini fossero animali da zone temperate
  • 6:59 - 7:01
    e che vivessero solo alle nostre latitudini.
  • 7:01 - 7:04
    Al contrario, i fatti ci dimostrano che questi squali attraversano anche l'Equatore.
  • 7:04 - 7:06
    Sono proprio queste semplici cose
  • 7:06 - 7:08
    che sitamo cercando di scoprire sui cetorini.
  • 7:08 - 7:11
    Un fatto che io ritengo
  • 7:11 - 7:13
    davvero sorprendente e bizzarro
  • 7:13 - 7:16
    è quanto sia minima la diversità genetica tra gli squali.
  • 7:16 - 7:19
    Io non sono un genetista, e non voglio fingere di capire la genetica.
  • 7:19 - 7:22
    È per questo che la collaborazione è importante.
  • 7:22 - 7:24
    Io sono uno che lavora sul campo.
  • 7:24 - 7:26
    Mi prendono gli attacchi di panico se devo passare troppe ore
  • 7:26 - 7:29
    in laboratorio, col camice - fatemi uscire!
  • 7:29 - 7:32
    Per questo lavoriamo coi genetisti, che ci capiscono.
  • 7:32 - 7:34
    E così, dopo aver analizzato i tratti genetici dei cetorini,
  • 7:34 - 7:37
    hanno scoperto una diversità incredibilmente bassa.
  • 7:37 - 7:39
    Guardate questa prima linea,
  • 7:39 - 7:42
    e vedrete che tutte queste specie differenti sono in realtà molto simili.
  • 7:42 - 7:44
    Fondamentalmente significa che sono tutti squali
  • 7:44 - 7:46
    provenienti da un antenato comune.
  • 7:46 - 7:49
    Se osservate la diversità dei nucleotidi,
  • 7:49 - 7:52
    che sono sprattutto i tratti genetici provenienti dai genitori,
  • 7:52 - 7:55
    vedrete che lo squalo elefante, se guardate il primo studio,
  • 7:55 - 7:57
    presentava un grado di diversità inferiore
  • 7:57 - 7:59
    rispetto alle altre specie di squalo.
  • 7:59 - 8:01
    Vedete che lo studio risale al 2006.
  • 8:01 - 8:04
    Prima del 2006 non sapevamo nulla sulla variabilità genetica dei cetorini.
  • 8:04 - 8:07
    Non sapevamo se si distinguevano in popolazioni differenti,
  • 8:07 - 8:09
    se c'erano sottopopolazioni.
  • 8:09 - 8:11
    E, ovviamente, sono dati preziosi per capire
  • 8:11 - 8:13
    le dimensioni della popolazione e le condizioni degli animali.
  • 8:14 - 8:16
    Les Noble, ad Aberdeen,
  • 8:16 - 8:18
    ha ritenuto tutto ciò piuttosto incredibile,
  • 8:18 - 8:21
    pertanto ha condotto un altro studio
  • 8:21 - 8:24
    servendosi di microsatelliti,
  • 8:24 - 8:27
    che sono molto più costosi e richiedono molto più tempo.
  • 8:27 - 8:30
    Ma, con sua grande sorpresa, ha ottenuto risultati pressoché identici.
  • 8:30 - 8:32
    Quindi sembra proprio
  • 8:32 - 8:35
    che i cetorini, per ragioni non note, presentino una diversità molto bassa.
  • 8:35 - 8:37
    Si è pensato a una specie di confluenza genetica
  • 8:37 - 8:39
    risalente a 12.000 anni fa
  • 8:39 - 8:42
    che ha portato a una diversità molto bassa.
  • 8:42 - 8:44
    Tuttavia, se osserviamo lo squalo balena,
  • 8:44 - 8:47
    l'altro grande squalo che si nutre si plancton,
  • 8:47 - 8:49
    la sua diversità è molto maggiore.
  • 8:49 - 8:51
    Quindi non si trova una logica comune.
  • 8:51 - 8:53
    Non si è rilevata alcuna differenziazione genetica
  • 8:53 - 8:56
    tra i cetorini che popolano i vari oceani del pianeta.
  • 8:56 - 8:58
    Quindi, sebbene gli squali elefante si trovino in tutti i mari,
  • 8:58 - 9:00
    non è possibile individuare differenze genetiche
  • 9:00 - 9:03
    tra quelli del Pacifico, dell'Atlantico, di Nuova Zelanda, Irlanda o Sud Africa.
  • 9:03 - 9:05
    Fondamentalmente sembrano identici.
  • 9:05 - 9:08
    E comunque è sorprendente. Nessuno se lo immaginerebbe.
  • 9:08 - 9:10
    Io non lo capisco. E nemmeno fingo di capirlo.
  • 9:10 - 9:12
    Sospetto che la maggior parte dei genetisti non lo capiscano,
  • 9:12 - 9:14
    ma loro ci danno le cifre.
  • 9:14 - 9:16
    Si può stimare la dimensione di una popolazione
  • 9:16 - 9:18
    sulla base delle diversità genetiche.
  • 9:18 - 9:21
    Rus Hoelzel ha calcolato un numero plausibile:
  • 9:21 - 9:23
    8.200 esemplari.
  • 9:23 - 9:25
    È tutto:
  • 9:25 - 9:27
    8.000 esemplari al mondo.
  • 9:27 - 9:29
    Vi direte: "E' assurdo. Non è possibile".
  • 9:29 - 9:31
    L'analisi di Les, più dettagliata,
  • 9:31 - 9:33
    parla di circa 9.000 esemplari.
  • 9:33 - 9:36
    E l'utilizzo di microsatelliti diversi ha dato risultati diversi.
  • 9:36 - 9:39
    Ma la media di tutti questi studi ammonta
  • 9:39 - 9:41
    a circa 5.000 esemplari.
  • 9:41 - 9:43
    Personalmente non ci credo,
  • 9:43 - 9:45
    ma io sono scettico di natura.
  • 9:45 - 9:47
    Comunque, giocando un po' con le cifre,
  • 9:47 - 9:50
    probabilmente si parla di una popolazione effettiva di circa 20.000 esemplari.
  • 9:50 - 9:52
    Ricordate quanti se ne uccidevano al largo di Achill
  • 9:52 - 9:55
    tra gli anni '50 e '70?
  • 9:55 - 9:57
    Quindi lo studio ci sta dicendo
  • 9:57 - 10:00
    che la specie è a rischio di estinzione
  • 10:00 - 10:02
    poiché la popolazione attuale è ridottissima.
  • 10:02 - 10:05
    Inoltre, di quei 20.000, si ritiene che 8.000 siano femmine.
  • 10:05 - 10:08
    Esistono solo 8.000 esemplari di cetorino femmina al mondo?
  • 10:08 - 10:10
    Non lo so. Io non ci credo.
  • 10:10 - 10:12
    Il problema di questi studi
  • 10:12 - 10:14
    è il numero limitato di campioni.
  • 10:14 - 10:16
    Non si hanno abbastanza campioni a disposizione
  • 10:16 - 10:18
    per analizzare in maniera dettagliata
  • 10:18 - 10:20
    i tratti genetici.
  • 10:20 - 10:23
    Ma allora, dove troviamo i campioni
  • 10:23 - 10:25
    per le analisi genetiche?
  • 10:25 - 10:27
    Una fonte ovvia sono gli squali morti
  • 10:27 - 10:29
    portati a riva dalle correnti.
  • 10:29 - 10:32
    In Irlanda troviamo due o tre squali spiaggiati all'anno,
  • 10:32 - 10:34
    se siamo fortunati.
  • 10:34 - 10:36
    Un'altra fonte è costituita dalle catture accidentali.
  • 10:36 - 10:39
    Ne trovavamo molti impigliati nelle reti da posta.
  • 10:39 - 10:42
    Ora questa pesca è vietata. Buone notizie per gli squali.
  • 10:42 - 10:44
    Alcuni rimangono presi nelle reti a strascico.
  • 10:44 - 10:47
    Questo squalo è stato sbarcato ad Howth poco prima di Natale.
  • 10:47 - 10:50
    Illegalmente, perché le leggi dell'U.E. lo proibiscono,
  • 10:50 - 10:53
    ed è stato venduto per 8 euro al kg come taglio per bistecche.
  • 10:53 - 10:56
    Hanno persino messo la ricetta sul muro, prima di venire a sapere che era illegale.
  • 10:56 - 10:59
    E sono anche stati multati.
  • 10:59 - 11:01
    Se osservate gli studi che vi ho mostrato,
  • 11:01 - 11:04
    il totale dei campioni, in tutto il mondo,
  • 11:04 - 11:06
    al momento è di 86.
  • 11:06 - 11:08
    È un lavoro molto importante,
  • 11:08 - 11:10
    e possono suscitare le domande più corrette
  • 11:10 - 11:12
    per capire le dimensioni della popolazione,
  • 11:12 - 11:15
    le sottopopolazioni e la loro struttura,
  • 11:15 - 11:18
    ma il limite è la carenza di campioni.
  • 11:18 - 11:20
    Quando noi marchiamo i nostri squali
  • 11:20 - 11:23
    lo facciamo in questo modo, velocemente, dalla prua di un gommone.
  • 11:23 - 11:25
    A volte gli squali reagiscono.
  • 11:25 - 11:28
    Una volta, a Malin Head, nel Donegal,
  • 11:28 - 11:31
    uno squalo ha colpito la fiancata con la coda,
  • 11:31 - 11:34
    credo, più che altro, sorpreso dalla vicinanza dell'imbarcazione
  • 11:34 - 11:36
    piuttosto che dall'inserimento dell'etichetta.
  • 11:36 - 11:39
    Tutto bene, comunque. Ci siamo solo bagnati.
  • 11:39 - 11:41
    Poi, quando io ed Emmett siamo tornati
  • 11:41 - 11:43
    a Malin Head, al molo,
  • 11:43 - 11:46
    io ho notato del muco nero sulla prua del gommone.
  • 11:46 - 11:48
    E mi sono ricordato - io ho passato molto tempo sui pescherecci commerciali -
  • 11:48 - 11:50
    che i pescatori mi dicevano che si poteva sempre capire
  • 11:50 - 11:52
    quando un cetorino era stato preso nella rete
  • 11:52 - 11:54
    perché si lascia dietro un muco nero.
  • 11:54 - 11:56
    Ho pensato quindi che quello provenisse dallo squalo.
  • 11:56 - 11:58
    Ora avevamo interesse
  • 11:58 - 12:00
    a raccogliere campioni di tessuto per la genetica
  • 12:00 - 12:02
    perché ne riconoscevamo il grande valore.
  • 12:02 - 12:04
    E utilizzavamo i metodi tradizionali,
  • 12:04 - 12:06
    come la balestra che mi vedete tenere in mano,
  • 12:06 - 12:09
    che serve a raccogliere campioni da balene e delfini per analisi genetiche.
  • 12:09 - 12:11
    Ho provato quella e molte altre tecniche.
  • 12:11 - 12:13
    Il risultato erano solo frecce spezzate
  • 12:13 - 12:15
    perché la pelle dello squalo è molto dura.
  • 12:15 - 12:17
    Non avremmo mai ottenuto dei campioni in quel modo.
  • 12:17 - 12:20
    Non avrebbe funzionato.
  • 12:20 - 12:23
    Quindi, quando ho notato il muco nero sul gommone,
  • 12:23 - 12:26
    ho pensato: "Se ti arrangi con quel che il mondo ti offre ..."
  • 12:26 - 12:28
    L'ho raschiato dalla prua
  • 12:28 - 12:31
    e l'ho messo in una provetta con dell'alcol per mandarlo al genetista.
  • 12:31 - 12:33
    Ho raschiato il muco e l'ho spedito ad Aberdeen,
  • 12:33 - 12:35
    e ho detto loro: "Provate con questo".
  • 12:35 - 12:37
    Mi hanno fatto aspettare dei mesi.
  • 12:37 - 12:39
    Solo perchè avevamo una conferenza sull'Isola di Man.
  • 12:39 - 12:41
    Ma io continuavo a mandare email:
  • 12:41 - 12:43
    "Sei riuscito ad analizzare il muco?".
  • 12:43 - 12:45
    E lui mi rispondeva: " Sì, sì, sì. Non ancora, non ancora, non ancora".
  • 12:45 - 12:47
    Ma pensava che avrebbe fatto meglio a darmi retta,
  • 12:47 - 12:49
    dato che non mi conosceva,
  • 12:49 - 12:51
    altrimenti avrebbe fatto una figuraccia se non l'avesse analizzato.
  • 12:51 - 12:54
    Ed è rimasto incredulo vedendo che dal muco si otteneva del DNA.
  • 12:54 - 12:56
    Hanno approfondito, fatto delle analisi,
  • 12:56 - 12:58
    e hanno scoperto che, sì, in effetti era DNA di squalo elefante,
  • 12:58 - 13:01
    quello che si otteneva dal muco.
  • 13:01 - 13:03
    Erano davvero emozionati.
  • 13:03 - 13:06
    È stato denominato "muco dello squalo di Simon",
  • 13:06 - 13:09
    e io ho pensato: "Sai cosa? Posso partire da qui".
  • 13:09 - 13:11
    Quindi ci siamo detti: "Usciamo in mare
  • 13:11 - 13:13
    e raccogliamo del muco".
  • 13:13 - 13:17
    Dopo aver speso 3.500 [euro] in etichette satellitari,
  • 13:19 - 13:22
    ho deciso di investirne 7,95 - il prezzo è ancora visibile -
  • 13:22 - 13:25
    nella ferramenta locale di Kilrush,
  • 13:25 - 13:27
    per un manico di spazzolone,
  • 13:27 - 13:30
    e ancora meno per delle pezze per pulire il forno.
  • 13:30 - 13:33
    Quindi ho avvolto le pezze intorno all'estremità del manico.
  • 13:33 - 13:35
    Ero davvero disperato.
  • 13:35 - 13:38
    Volevo avere l'opportunità
  • 13:38 - 13:40
    di trovare degli squali.
  • 13:40 - 13:42
    Questo accadeva in agosto,
  • 13:42 - 13:44
    ma il picco delle presenze si ha tra giugno e luglio.
  • 13:44 - 13:46
    E li si vede di rado.
  • 13:46 - 13:49
    Devi trovarti nel punto giusto al momento giusto per vederli ad agosto.
  • 13:49 - 13:51
    Eravamo veramente disperati.
  • 13:51 - 13:54
    Appena abbiamo sentito che c'erano squali a Blasket ci siamo precipitati,
  • 13:54 - 13:56
    e ne abbiamo trovato qualcuno.
  • 13:56 - 13:58
    Perciò facendo passare il bastone sotto lo squalo
  • 13:58 - 14:00
    quando passava accanto al gommone
  • 14:00 - 14:02
    - ecco qui uno squalo che passa sotto il gommone -
  • 14:02 - 14:04
    siamo riusciti a raccoglierne il muco.
  • 14:04 - 14:06
    Eccolo qui.
  • 14:06 - 14:09
    Guardate questo stupendo muco nero.
  • 14:09 - 14:12
    Nel giro di mezz'ora
  • 14:12 - 14:15
    abbiamo ottenuto 5 campioni, da 5 squali diversi,
  • 14:15 - 14:18
    sottoposti al metodo di campionatura del "muco di squalo di Simon".
  • 14:18 - 14:20
    (Risate)
  • 14:20 - 14:25
    (Applausi)
  • 14:25 - 14:28
    Io lavoro su balene e delfini, in Irlanda, da 20 anni,
  • 14:28 - 14:30
    e con loro la faccenda è più complessa.
  • 14:30 - 14:32
    Forse avete visto le riprese della megattera
  • 14:32 - 14:34
    che abbiamo trovato circa 2 mesi fa al largo di County Wexford.
  • 14:34 - 14:37
    Si pensa sempre di poter lasciare un proprio retaggio al mondo,
  • 14:37 - 14:39
    e io avevo in mente le megattere che saltano fuori dall'acqua
  • 14:39 - 14:41
    e i delfini.
  • 14:41 - 14:43
    Ma a volte certe cose ti capitano all'improvviso
  • 14:43 - 14:45
    e tu le devi afferrare al volo.
  • 14:45 - 14:47
    Quindi questo sarà forse il mio retaggio:
  • 14:47 - 14:49
    il muco di squalo di Simon.
  • 14:49 - 14:51
    Quest'anno abbiamo più fondi
  • 14:51 - 14:54
    per proseguire la raccolta di campioni.
  • 14:54 - 14:56
    E una cosa molto utile è l'ausilio
  • 14:56 - 14:59
    di videocamere subacquee - ecco la mia collega Joanne che la utilizza -
  • 14:59 - 15:01
    con le quali puoi effettivamente vedere sotto lo squalo.
  • 15:01 - 15:04
    Cerchiamo di individuare le appendici tipiche dei maschi,
  • 15:04 - 15:07
    che pendono all'esterno, nella zona posteriore del corpo.
  • 15:07 - 15:09
    In tal modo è facile determinare il sesso degli esemplari.
  • 15:09 - 15:11
    Se possiamo determinare il sesso dello squalo
  • 15:11 - 15:13
    prima di raccoglierne il muco,
  • 15:13 - 15:16
    possiamo dire al genetista se appartiene a un maschio o a una femmina,
  • 15:16 - 15:18
    dato che al momento, geneticamente, non c'è modo
  • 15:18 - 15:20
    di distinguere un maschio da una femmina.
  • 15:20 - 15:22
    Io lo trovo del tutto sconcertante.
  • 15:22 - 15:25
    Non sanno quali elementi primari cercare,
  • 15:25 - 15:27
    e riuscire a individuare il sesso di uno squalo
  • 15:27 - 15:29
    ha assunto enorme importanza
  • 15:29 - 15:32
    per monitorarne il commercio,
  • 15:32 - 15:36
    sia per i cetorini che per le altre specie,
  • 15:36 - 15:38
    poiché il commercio di qualsiasi squalo è illegale.
  • 15:38 - 15:40
    Ma vengono ancora catturati e messi sul mercato.
  • 15:40 - 15:42
    Quindi, da biologo sul campo,
  • 15:42 - 15:44
    desidero solamente incontrare questi esemplari.
  • 15:44 - 15:46
    E imparare tutto quello che posso.
  • 15:46 - 15:49
    Spesso sono incontri molto brevi, limitati dalle stagioni.
  • 15:49 - 15:52
    E tutto quello che desidero è imparare tutto il possibile al più presto.
  • 15:52 - 15:54
    E non è fantastico
  • 15:54 - 15:57
    poter offrire questi campioni,
  • 15:57 - 16:00
    queste opportunità ad altre discipline, per esempio alla genetica,
  • 16:00 - 16:03
    che ne può ricavare molto di più.
  • 16:03 - 16:05
    Come dicevo,
  • 16:05 - 16:08
    queste cose ci arrivano in modi insapettati. Prendiamole al volo!
  • 16:08 - 16:10
    Io lo considero il mio lascito alla scienza.
  • 16:10 - 16:13
    Spero di poter ottenere qualcosa di più memorabile e romantico prima di morire.
  • 16:13 - 16:16
    Ma per adesso sono grato di ciò che ho.
  • 16:16 - 16:18
    E occhio agli squali!
  • 16:18 - 16:21
    Se siete interessati, abbiamo un nuovo sito web sugli squali elefante.
  • 16:21 - 16:24
    Grazie. Grazie per la vostra attenzione.
  • 16:24 - 16:26
    (Applausi)
Title:
Simon Berrow: Come salvaguardare uno squalo del quale non si conosce nulla?
Speaker:
Simon Berrow
Description:

È il secondo pesce più grande del pianeta, è in via di estinzione, e noi non ne sappiamo praticamente nulla. A TEDxDublin Simon Berrow descrive l'affascinante squalo elefante ("Grande Pesce del Sole" in lingua irlandese) e l'incredibile maniera, oltretutto davvero low-tech, in cui egli sta cominciando a scoprire come salvarlo dall'estinzione.

more » « less
Video Language:
English
Team:
TED
Project:
TEDTalks
Duration:
16:26
Elena Montrasio added a translation

Italian subtitles

Revisions