Return to Video

Nella mente di un ex jihadista radicale

  • 0:01 - 0:05
    Oggi, sono qui di fronte a voi
    come un uomo che vive pienamente
  • 0:05 - 0:06
    nel qui e adesso.
  • 0:07 - 0:09
    Ma per un lungo periodo,
  • 0:09 - 0:10
    ho vissuto per la morte.
  • 0:12 - 0:14
    Ero un giovane uomo e credevo
  • 0:14 - 0:18
    che la Jihad dovesse essere compresa con i
    linguaggi della forza e della violenza.
  • 0:21 - 0:24
    Ho provato a riparare alle ingiustizie
    usando potere e aggressività.
  • 0:25 - 0:30
    Ero molto preoccupato per le
    sofferenze degli altri
  • 0:31 - 0:34
    e desideravo fortemente di recar loro
    sollievo.
  • 0:37 - 0:40
    Credevo che una Jihad violenta fosse
    nobile,
  • 0:40 - 0:42
    cavalleresca,
  • 0:42 - 0:43
    il miglior modo di aiutare.
  • 0:46 - 0:48
    Ora che molta della mia gente,
  • 0:48 - 0:49
    specialmente giovani,
  • 0:49 - 0:50
    è a rischio di radicalizzazione
  • 0:51 - 0:53
    attraverso gruppi come al-Qaeda,
  • 0:53 - 0:55
    lo Stato Islamico e altri,
  • 0:56 - 0:57
    quando questi gruppi affermano
  • 0:57 - 1:02
    che la loro brutalità e la loro violenza
    orribili sono la vera Jihad,
  • 1:02 - 1:07
    voglio dir loro che questa idea di Jihad
    è sbagliata,
  • 1:07 - 1:08
    completamente sbagliata,
  • 1:08 - 1:09
    come allora era la mia.
  • 1:11 - 1:14
    Jihad significa dare il meglio di sé.
  • 1:14 - 1:17
    Include fatica e spiritualità,
  • 1:17 - 1:19
    la purificazione di sé
  • 1:19 - 1:20
    e la devozione.
  • 1:22 - 1:25
    Si riferisce a una trasformazione positiva
  • 1:25 - 1:29
    attraverso la conoscenza, la saggezza
    e la celebrazione di Dio.
  • 1:29 - 1:33
    La parola Jihad significa tutto questo.
  • 1:35 - 1:39
    A volte può prendere le forme di una
    battaglia,
  • 1:39 - 1:41
    ma solo a volte,
  • 1:41 - 1:43
    ed entro certe rigide condizioni,
  • 1:44 - 1:46
    all'interno di regole e limiti.
  • 1:48 - 1:49
    Per l'Islam,
  • 1:49 - 1:54
    il beneficio di un gesto importa più del
    dolore o della fatica che esso comporta.
  • 1:55 - 1:57
    Soprattutto,
  • 1:57 - 2:02
    i versi del Corano legati alla Jihad
    o al combattimento
  • 2:02 - 2:07
    non cancellano i versi che parlano
    di perdono,
  • 2:07 - 2:09
    benevolenza
  • 2:09 - 2:10
    o pazienza.
  • 2:13 - 2:18
    Ma ora credo non ci siano circostanze
    sulla Terra
  • 2:18 - 2:20
    in cui si possa permettere una
    Jihad violenta,
  • 2:21 - 2:23
    perchè comporterebbe un male
    maggiore.
  • 2:26 - 2:28
    Ora l'idea della Jihad è stata deviata.
  • 2:28 - 2:32
    È stata distorta in lotta violenta
  • 2:32 - 2:35
    ovunque i musulmani siano in difficoltà,
  • 2:35 - 2:37
    ed è stata trasformata in terrorismo
  • 2:37 - 2:40
    da islamisti fascisti come al-Qaeda,
  • 2:40 - 2:41
    Stato Islamico e altri.
  • 2:42 - 2:44
    Ma io ho capito
  • 2:44 - 2:48
    che la vera Jihad è fare del proprio
    meglio
  • 2:48 - 2:52
    per rafforzare e vivere quelle qualità
    che Dio ama:
  • 2:52 - 2:55
    onestà, attendibilità,
  • 2:55 - 2:57
    compassione, benevolenza,
  • 2:57 - 2:59
    affidabilità, rispetto,
  • 2:59 - 3:00
    veridicità-
  • 3:00 - 3:03
    valori umani che molti di noi
    condividono.
  • 3:06 - 3:08
    Sono nato in Bangladesh,
  • 3:08 - 3:10
    ma cresciuto in Inghilterra.
  • 3:10 - 3:12
    Qui sono andato a scuola.
  • 3:12 - 3:15
    Mio padre era un professore universitario,
  • 3:15 - 3:17
    e ci trasferimmo per il suo lavoro.
  • 3:18 - 3:23
    Nel 1971 eravamo in Bangladesh quando
    tutto cambiò.
  • 3:24 - 3:28
    La Guerra d'Indipendenza ci scosse
    terribilmente,
  • 3:28 - 3:30
    oppose famiglia a famiglia,
  • 3:30 - 3:31
    vicino a vicino.
  • 3:31 - 3:34
    A 12 anni ho sperimentato la guerra,
  • 3:34 - 3:36
    l'indigenza nella mia famiglia,
  • 3:37 - 3:40
    la morte orribile di 22 dei miei parenti,
  • 3:41 - 3:44
    e l'assassinio di mio fratello maggiore.
  • 3:47 - 3:49
    Sono stato testimone di uccisioni...
  • 3:51 - 3:54
    di animali che si cibavano dei corpi
    nelle strade,
  • 3:54 - 3:56
    della fame che mi circondava,
  • 3:56 - 3:58
    della gratuita, orrida violenza-
  • 3:58 - 3:59
    della violenza insensata.
  • 4:02 - 4:04
    Ero un giovane uomo,
  • 4:04 - 4:07
    un adolescente, affascinato dalle idee.
  • 4:07 - 4:09
    Volevo imparare,
  • 4:09 - 4:11
    ma non potei andare a scuola per
    4 anni.
  • 4:13 - 4:14
    Dopo la Guerra d'Indipendenza,
  • 4:14 - 4:17
    mio padre fu messo in prigione
    per 2 anni e mezzo,
  • 4:18 - 4:20
    ed ero solito fargli visita ogni settimana
  • 4:21 - 4:23
    e mi istruivo da solo.
  • 4:24 - 4:27
    Mio padre fu rilasciato nel 1973
  • 4:28 - 4:30
    e andò in Inghilterra come rifugiato,
  • 4:30 - 4:31
    e noi lo seguimmo presto.
  • 4:33 - 4:34
    Avevo 17 anni.
  • 4:34 - 4:37
    Queste esperienze mi diedero
  • 4:37 - 4:41
    un'acuta consapevolezza delle atrocità
    e delle ingiustizie del mondo.
  • 4:42 - 4:44
    E avevo un forte desiderio-
  • 4:44 - 4:46
    un desiderio bruciante, profondo-
  • 4:46 - 4:47
    di sanare le ingiustizie
  • 4:47 - 4:49
    e di aiutare le vittime oppresse.
  • 4:51 - 4:53
    Mentre ero al College nel Regno Unito,
  • 4:53 - 4:58
    ho incontrato altri che mi hanno mostrato
    come canalizzare quel desiderio
  • 4:59 - 5:00
    e aiutare tramite la mia religione.
  • 5:02 - 5:03
    E fui radicalizzato,
  • 5:03 - 5:06
    abbastanza da ritenere giusta la violenza,
  • 5:08 - 5:10
    da ritenerla persino una virtù in certe
    occasioni.
  • 5:12 - 5:16
    Quindi fui coinvolto nella Jihad in
    Afghanistan.
  • 5:16 - 5:20
    Volevo proteggere la popolazione musulmana
    afghana dall'esercito sovietico.
  • 5:21 - 5:23
    E credevo che quella fosse Jihad:
  • 5:23 - 5:25
    il mio dovere sacro,
  • 5:25 - 5:27
    che sarebbe stato premiato da Dio.
  • 5:32 - 5:34
    Diventai un predicatore.
  • 5:36 - 5:41
    Ero uno dei pionieri della Jihad violenta
    in Inghilterra.
  • 5:41 - 5:43
    Reclutavo,
  • 5:43 - 5:44
    raccoglievo fondi, addestravo.
  • 5:45 - 5:48
    Confondevo la vera Jihad
  • 5:48 - 5:52
    con quella perversione presentata
    dai fascisti islamisti-
  • 5:54 - 5:57
    quella gente che usa l'idea di jihad
  • 5:57 - 6:01
    per giustificare la propria brama di
    potere, autorità e controllo sulla terra:
  • 6:02 - 6:06
    una perversione perpetuata oggi da
    gruppi fascisti islamisti
  • 6:06 - 6:09
    come al-Qaeda, ISIS e altri.
  • 6:10 - 6:12
    Per un lasso di tempo di circa 15 anni
  • 6:13 - 6:17
    ho combattuto per brevi periodi
  • 6:18 - 6:20
    in Kashmir e a Burma,
  • 6:20 - 6:21
    oltre che in Afghanistan.
  • 6:25 - 6:28
    Il nostro intento era quello di cacciare
    gli invasori,
  • 6:29 - 6:32
    per dare sollievo alle vittime oppresse
  • 6:33 - 6:36
    e ovviamente per stabilire
    uno Stato islamico,
  • 6:36 - 6:38
    un Califfato per volontà di Dio.
  • 6:39 - 6:40
    Lo feci apertamente.
  • 6:41 - 6:44
    Non infransi alcuna legge.
  • 6:44 - 6:48
    Ero fiero e grato di essere inglese,
  • 6:48 - 6:49
    lo sono ancora.
  • 6:49 - 6:53
    E non fui ostile a quello che
    è il mio Paese,
  • 6:54 - 6:57
    non fui ostile ai cittadini non musulmani,
  • 6:58 - 6:59
    e non lo sono tuttora.
  • 7:02 - 7:04
    Durante una battaglia in Afghanistan,
  • 7:04 - 7:07
    io e alcuni inglesi creammo un legame
    speciale
  • 7:08 - 7:11
    con un quindicenne afghano,
  • 7:11 - 7:12
    Abdullah,
  • 7:13 - 7:15
    un ragazzo innocente, amorevole e
    adorabile
  • 7:15 - 7:17
    che era sempre desideroso di accontentare.
  • 7:19 - 7:20
    Era povero.
  • 7:21 - 7:23
    E i ragazzi come lui hanno incarichi
    umili nel campo.
  • 7:24 - 7:26
    Sembrava abbastanza felice,
  • 7:26 - 7:28
    ma non potevo aiutarlo-
  • 7:28 - 7:30
    i suoi genitori dovevano averlo perso.
  • 7:32 - 7:35
    E avranno sognato un futuro migliore
    per lui.
  • 7:38 - 7:40
    Una vittima delle circostanze coinvolta
    in una guerra,
  • 7:40 - 7:42
    spinta su di lui
  • 7:43 - 7:45
    dalle crudeli circostanze del tempo.
  • 7:49 - 7:53
    Un giorno raccolsi questo involucro
    di un mortaio inesploso da una trincea,
  • 7:54 - 7:58
    e lo depositai in un rifugio improvvisato
    col fango.
  • 7:59 - 8:02
    Ed ebbi una breve, inutile schermaglia-
  • 8:02 - 8:03
    erano sempre inutili-
  • 8:04 - 8:08
    e tornai poche ore dopo per scoprire
    che lui era morto.
  • 8:09 - 8:12
    Aveva provato a recuperare esplosivo
    da quell'involucro.
  • 8:12 - 8:15
    Quello esplose, e lui morì di morte
    violenta,
  • 8:15 - 8:20
    spazzato via in pezzi da quello stesso
    congegno che per me era stato innocuo.
  • 8:21 - 8:23
    Allora cominciai a chiedermi.
  • 8:25 - 8:28
    Come poteva questa morte servire a
    un obiettivo?
  • 8:30 - 8:32
    Perchè lui era morto e io ero vivo?
  • 8:34 - 8:35
    Andai avanti.
  • 8:35 - 8:37
    Combattei in Kashmir.
  • 8:37 - 8:39
    Reclutai anche per le Filippine,
  • 8:39 - 8:41
    per la Bosnia e la Cecenia.
  • 8:43 - 8:44
    E le domande crebbero.
  • 8:46 - 8:48
    Dopo a Burma,
  • 8:48 - 8:50
    mi imbattei nei combattenti Rohingya,
  • 8:50 - 8:52
    che erano a malapena adolescenti,
  • 8:52 - 8:54
    nati e cresciuti nella giungla,
  • 8:54 - 8:56
    trasportavano mitra e lanciagranate.
  • 9:00 - 9:05
    Incontrai due 13enni dai modi gentili
    e dalle voci delicate.
  • 9:07 - 9:08
    Vedendomi,
  • 9:08 - 9:10
    mi implorarono di portarli
    in Inghilterra.
  • 9:17 - 9:19
    Volevano solo andare a scuola,
  • 9:20 - 9:21
    quello era il loro sogno.
  • 9:24 - 9:26
    La mia famiglia-
  • 9:26 - 9:27
    i miei figli della stessa età-
  • 9:27 - 9:29
    vivevano in una casa nel Regno Unito,
  • 9:30 - 9:31
    andavano a scuola,
  • 9:31 - 9:33
    vivevano una vita sicura.
  • 9:34 - 9:35
    E non potevo immaginare
  • 9:35 - 9:39
    quanto questi due giovani avessero
    parlato con altri
  • 9:39 - 9:41
    dei loro sogni di una vita simile.
  • 9:43 - 9:45
    Vittime delle circostanze:
  • 9:46 - 9:48
    questi due giovani,
  • 9:48 - 9:51
    che dormivano sul terreno ruvido,
    guardando le stelle,
  • 9:51 - 9:54
    cinicamente sfruttati dai loro capi
  • 9:54 - 9:56
    per la loro personale brama di gloria
    e potere.
  • 9:58 - 10:01
    Vidi giovani come loro
    uccidersi l'un l'altro
  • 10:01 - 10:03
    durante conflitti tra gruppi rivali.
  • 10:05 - 10:08
    Ed era così ovunque...
  • 10:09 - 10:12
    Afghanistan, Kashmir, Burma,
  • 10:12 - 10:13
    Filippine, Cecenia;
  • 10:14 - 10:19
    gretti signori della guerra che usavano
    i giovani e vulnerabili per uccidere
  • 10:19 - 10:20
    in nome della Jihad.
  • 10:22 - 10:24
    Musulmani contro Musulmani.
  • 10:26 - 10:30
    Non proteggevano nessuno da invasori
    o occupanti;
  • 10:30 - 10:32
    non davano sollievo agli oppressi.
  • 10:34 - 10:36
    I bambini venivano usati,
  • 10:36 - 10:37
    sfruttati cinicamente;
  • 10:37 - 10:39
    le persone morivano nei conflitti
  • 10:39 - 10:42
    che stavo sostenendo in nome della Jihad.
  • 10:45 - 10:47
    E oggi continua a essere così.
  • 10:52 - 10:55
    Comprendendo che quella violenta Jihad
  • 10:55 - 11:00
    in cui mi ero impegnato all'estero
  • 11:01 - 11:03
    era così diversa-
  • 11:05 - 11:10
    una specie di scisma tra ciò che avevo
    sperimentato e
  • 11:10 - 11:12
    ciò che pensavo fosse un sacro
    dovere-
  • 11:13 - 11:16
    dovetti riflettere sulle mie attività
    qui nel Regno Unito.
  • 11:18 - 11:20
    Dovevo valutare la mia predicazione,
  • 11:20 - 11:22
    il reclutamento, i fondi,
  • 11:22 - 11:23
    l'addestramento,
  • 11:23 - 11:26
    ma soprattutto la radicalizzazione-
  • 11:27 - 11:29
    quel mandare i giovani a combattere
    e morire
  • 11:29 - 11:30
    che stavo praticando-
  • 11:30 - 11:32
    era tutto completamente sbagliato.
  • 11:36 - 11:39
    Fui coinvolto in una violenta Jihad
    a metà degli anni '80,
  • 11:40 - 11:41
    che cominciò in Afghanistan.
  • 11:43 - 11:46
    E finì che era l'anno 2000.
  • 11:47 - 11:49
    Ero totalmente assorto in questo.
  • 11:49 - 11:51
    Intorno a me la gente sosteneva,
  • 11:51 - 11:52
    applaudiva,
  • 11:52 - 11:54
    persino celebrava ciò che
    facevamo in nome loro.
  • 11:56 - 11:58
    Ma quando imparai a
    uscirne,
  • 11:58 - 12:01
    completamente disilluso, nel 2000,
  • 12:01 - 12:02
    erano passati 15 anni.
  • 12:05 - 12:06
    Cos'è che non va?
  • 12:09 - 12:12
    Eravamo impegnati a parlare di virtù,
  • 12:13 - 12:16
    ed eravamo accecati dalla causa.
  • 12:20 - 12:25
    E non ci siamo dati l'opportunità di
    sviluppare un carattere virtuoso.
  • 12:26 - 12:30
    Ci dicevamo che stavamo combattendo
    per gli oppressi,
  • 12:30 - 12:32
    ma erano guerre invincibili.
  • 12:34 - 12:37
    Siamo diventati il vero strumento delle
    morti che si sono verificate,
  • 12:37 - 12:41
    complici nel creare ulteriore miseria
  • 12:41 - 12:44
    per il bene egoista di pochi crudeli.
  • 12:52 - 12:53
    Con il tempo,
  • 12:54 - 12:55
    un tempo davvero lungo,
  • 12:57 - 12:58
    ho aperto gli occhi.
  • 13:00 - 13:01
    Ho cominciato a osare
  • 13:03 - 13:05
    sfidare la realtà,
  • 13:05 - 13:06
    a riflettere,
  • 13:07 - 13:09
    ad affrontare le difficili domande.
  • 13:10 - 13:12
    Entrai in contatto con la mia anima.
  • 13:22 - 13:23
    Cosa avevo imparato?
  • 13:25 - 13:29
    Che le persone che si impegnano nello
    jihadismo violento,
  • 13:31 - 13:34
    che le persone trascinate
    in questi estremismi,
  • 13:35 - 13:37
    non sono tanto diversi da chiunque altro.
  • 13:38 - 13:41
    Ma credo che queste persone possano
    cambiare.
  • 13:42 - 13:45
    Possono riguadagnare i loro cuori
    e risanarli
  • 13:45 - 13:48
    riempiendoli dei valori umani
    che guariscono.
  • 13:55 - 13:57
    Quando ignoriamo le realtà,
  • 13:57 - 14:03
    ci rendiamo conto di accettatre ciò che
    ci viene detto senza essere critici.
  • 14:06 - 14:09
    E ignoriamo i doni e i vantaggi che
    molti di noi vorrebbero
  • 14:09 - 14:12
    anche solo per un momento nella vita.
  • 14:16 - 14:19
    Ho preso parte ad azioni che credevo
    corrette.
  • 14:22 - 14:26
    Ma ora comincio a chiedermi come so
    tutto questo.
  • 14:28 - 14:32
    Ho detto senza sosta agli altri di
    accettare la verità,
  • 14:32 - 14:35
    ma non ho dato al dubbio il giusto peso.
  • 14:41 - 14:46
    La convinzione che le persone possano
    cambiare viene dalla mia esperienza,
  • 14:46 - 14:47
    dal mio percorso.
  • 14:49 - 14:50
    Attraverso profonde letture,
  • 14:50 - 14:52
    riflessioni,
  • 14:52 - 14:54
    contemplazione, conoscenza di sé,
  • 14:54 - 14:55
    ho scoperto,
  • 14:55 - 15:01
    ho capito che il mondo islamista fatto
    di 'noi' e 'loro' è falso e ingiusto.
  • 15:05 - 15:08
    Considerando le incertezze in tutto
    ciò che abbiamo affermato,
  • 15:09 - 15:11
    delle verità inviolabili,
  • 15:11 - 15:12
    delle verità incontestabili,
  • 15:15 - 15:18
    ho sviluppato una comprensione più varia.
  • 15:24 - 15:29
    Ho capito che in un mondo popolato da
    varietà e contraddizione,
  • 15:30 - 15:31
    da stolti predicatori,
  • 15:31 - 15:34
    solo gli stolti predicatori come ero io
  • 15:34 - 15:40
    non vedono il paradosso nell'affermare
    l'autenticità di miti e finzioni.
  • 15:41 - 15:46
    Quindi ho compreso la vitale importanza
    della conoscenza di sé,
  • 15:46 - 15:47
    della consapevolezza politica
  • 15:48 - 15:53
    e della necessità di una conoscenza
    profonda e ampia
  • 15:53 - 15:55
    dei nostri impegni e delle nostre azioni,
  • 15:55 - 15:56
    di come toccano gli altri.
  • 15:59 - 16:00
    Oggi la mia supplica,
  • 16:00 - 16:04
    soprattutto per quelli che credono
    davvero nello jihadismo islamista...
  • 16:06 - 16:09
    è di rifiutare l'autorità dogmatica;
  • 16:10 - 16:14
    di abbandonare la rabbia, l'odio
    e la violenza;
  • 16:15 - 16:17
    di imparare a sanare i torti
  • 16:17 - 16:22
    senza giustificare comportamenti crudeli,
    ingiusti e futili.
  • 16:25 - 16:28
    Create invece poche cose belle
    e utili
  • 16:28 - 16:29
    che ci sopravvivano.
  • 16:33 - 16:35
    Avvicinatevi al mondo e alla vita
  • 16:35 - 16:36
    con amore.
  • 16:38 - 16:39
    Imparate a sviluppare
  • 16:39 - 16:40
    o a nutrire i vostri cuori
  • 16:41 - 16:44
    perchè vedano bontà, bellezza e
    verità negli altri e nel mondo.
  • 16:45 - 16:48
    Quel modo di interessarci più a noi
    stessi
  • 16:49 - 16:50
    usiamolo verso gli altri,
  • 16:51 - 16:52
    verso le nostre comunità,
  • 16:52 - 16:54
    e, per me, verso Dio.
  • 16:55 - 16:57
    Questa è la Jihad,
  • 16:57 - 16:58
    la mia vera Jihad.
  • 16:59 - 17:00
    Grazie.
  • 17:00 - 17:03
    (Applausi)
Title:
Nella mente di un ex jihadista radicale
Speaker:
Manwar Ali
Description:

"Ho vissuto a lungo per la morte", dice Manwar Ali, un ex jihadista radicale che ha partecipato a violente campagne armate in Medio Oriente e in Asia negli anni '80. In questa toccante conferenza, riflette sulla sua esperienza con il radicalismo e fa un potente appello diretto a chiunque sia coinvolto in gruppi islamisti che affermano che violenza e brutalità sono nobili e virtuose; abbandonate la rabbia e l'odio, dice, e coltivate invece i vostri cuori perchè vedano la bontà, la bellezza e la verità negli altri.

more » « less
Video Language:
English
Team:
TED
Project:
TEDTalks
Duration:
17:22

Italian subtitles

Revisions