Italian subtitles

← Che cosa provoca gli attacchi di panico e come prevenirli - Cindy J. Aaronson

Get Embed Code
27 Languages

Showing Revision 10 created 10/30/2020 by Sara Frasconi.

  1. Il corpo diventa il suo stesso corsetto.
  2. Passato, presente e futuro
    coesistono come un'unica forza.

  3. Un'altalena senza gravità si alza in volo
    a un'altezza terrificante.

  4. I contorni delle persone
    e delle cose si dissolvono.

  5. Innumerevoli poeti e scrittori
    hanno provato a esprimere a parole

  6. l'esperienza di un attacco di panico,
  7. una sensazione così intensa
  8. che molte persone la scambiano
    per un infarto, un ictus,
  9. o un'altra crisi potenzialmente mortale.
  10. Anche se gli attacchi di panico
    non causano danni fisici duraturi,
  11. la paura di un altro attacco
    può limitare la vita quotidiana
  12. e causare altri attacchi di panico.
  13. Gli studi affermano
    che circa un terzo di noi

  14. ha almeno un attacco di panico nella vita.
  15. Non importa se si tratta
    del primo o del centesimo,
  16. o se vedete qualcun altro averne uno,
  17. nessuno vuole ripetere l'esperienza.
  18. Anche se imparare a conoscerli
    può mettere a disagio,
  19. è necessario,
  20. perché il primo passo per prevenire
    gli attacchi di panico è comprenderli.
  21. Un attacco di panico
    è una reazione ingigantita

  22. alla normale risposta fisiologica
    del corpo alla percezione del pericolo.
  23. Questa risposta parte dall'amigdala,
  24. la regione del cervello
    che elabora la paura.
  25. Quando avverte il pericolo, l'amigdala
    stimola il sistema nervoso simpatico,
  26. che scatena il rilascio di adrenalina.
  27. L'adrenalina provoca un aumento
    della frequenza cardiaca e respiratoria
  28. per apportare sangue e ossigeno
    ai muscoli delle braccia e delle gambe.
  29. Invia anche più ossigeno al cervello,
    rendendolo più vigile e reattivo.
  30. Durante un attacco di panico,

  31. questa risposta è ingigantita
    ben oltre ciò che sarebbe utile
  32. in una situazione di pericolo,
  33. causando battito accelerato,
    respiro affannoso e iperventilazione.
  34. Le alterazioni del flusso sanguigno
    provocano stordimento
  35. e intorpidimento alle mani e ai piedi.
  36. In genere, un attacco di panico
    dura circa dieci minuti.

  37. Poi la corteccia prefrontale
    subentra all'amigdala
  38. e stimola il sistema
    nervoso parasimpatico.
  39. Questo innesca il rilascio
    di un ormone chiamato acetilcolina,
  40. che diminuisce la frequenza cardiaca
    e calma gradualmente l'attacco di panico.
  41. In un attacco di panico,
    la percezione del pericolo del corpo

  42. è sufficiente a scatenare la reazione
    che avremmo davanti a una minaccia reale,
  43. o anche di più.
  44. Non sappiamo per certo perché succede,
  45. ma, a volte, stimoli esterni
    ci fanno ricordare traumi passati
  46. che possono scatenare
    un attacco di panico.
  47. Possono essere uno dei sintomi
    di disturbi d'ansia
  48. come il PTSD,
  49. il disturbo di ansia sociale,
  50. il DOC
  51. o altri disturbi d'ansia generalizzati.
  52. Gli attacchi di panico ricorrenti,
    la paura continua di nuovi attacchi
  53. e i cambiamenti comportamentali
    per cercare di evitarli
  54. possono portare alla diagnosi
    di un disturbo di panico.
  55. I due trattamenti principali
    per il disturbo di panico

  56. sono gli antidepressivi
  57. e la terapia cognitivo-comportamentale,
    detta anche TCC.
  58. Entrambi hanno un tasso
    di risposta di circa il 40%,
  59. anche se un paziente che risponde bene
    a uno, può non rispondere bene all'altro.
  60. Tuttavia, gli antidepressivi
    hanno effetti collaterali
  61. e il 50% dei pazienti ha una ricaduta
    quando smette di prenderli.
  62. La terapia, invece, è più duratura,
    con un tasso di ricaduta solo del 20%.
  63. Lo scopo di questo trattamento
    è aiutare i pazienti a sviluppare

  64. e mettere in pratica strategie concrete
    per ottenere il controllo fisico e mentale
  65. sui sentimenti e i pensieri
    associati agli attacchi di panico.
  66. La terapia inizia con la spiegazione
    delle cause fisiologiche di un attacco,

  67. ed è seguita da esercizi
    di respirazione e muscolari
  68. che aiutano a controllare
    consapevolmente la respirazione.
  69. Segue la ristrutturazione cognitiva,

  70. che mira a identificare
    e modificare i pensieri
  71. che sono comuni durante gli attacchi,
  72. come credere di non riuscire a respirare,
  73. di avere un infarto o di morire,
  74. e sostituirli con pensieri più corretti.
  75. La fase successiva del trattamento

  76. è l'esposizione alle sensazioni
    e alle situazioni corporee
  77. che scatenano, in genere,
    un attacco di panico.
  78. Lo scopo è di cambiare la convinzione,
  79. attraverso l'esperienza,
  80. che queste sensazioni
    e situazioni siano pericolose.
  81. Anche dopo la terapia,

  82. non è facile fare ciò
    mentre si è in preda a un attacco.
  83. Ma, con l'esercizio, queste strategie
    possono prevenire e attenuare gli attacchi
  84. e ridurre anche il controllo
    che il panico ha sulla vita delle persone.
  85. Al di fuori della terapia formale,

  86. molti trovano sollievo nelle stesse idee
    che la terapia mira a infondere:
  87. la paura non può farci del male,
  88. ma se ci aggrappiamo a questa,
    il panico aumenterà.
  89. Anche se non avete mai avuto
    un attacco di panico,
  90. capirli vi aiuterà a identificarne uno
    se si presenterà a voi stessi o ad altri,
  91. e riconoscerli è il primo passo
    per prevenirli.