Italian subtitles

← Misuriamo ciò che custodiamo | Anne-Marie Brook | TEDxWellington

Get Embed Code
11 Languages

Showing Revision 16 created 09/28/2019 by Elena Montrasio.

  1. Capite l'importanza della luce
    e della verità, vero?
  2. Immaginatene un mondo privo.
  3. Sono qui per dirvi che, di entrambe,
    abbiamo ancora maggior bisogno.
  4. Comincerò con un storia vera
  5. su ciò che accade
  6. quando gran parte del mondo
    opera nell'oscurità.
  7. In un caldo giorno di ottobre del 2018,
  8. un giornalista saudita
    di nome Jamal Kashoggi
  9. entrò nel consolato saudita a Istanbul
  10. per ritirare i documenti necessari
    per sposare la sua fidanzata turca.
  11. Lei lo aspettò fuori per ore.
  12. Non lo rivide più.
  13. Forse vi ricorderete di questo caso,
  14. dato che le prime pagine
    di tutto il mondo ne parlarono.
  15. Da diverse investigazioni sappiamo
  16. che agenti del governo saudita
    entrarono nel consolato,
  17. uccisero il signor Kashoggi
  18. e ne fecero a pezzi il corpo.
  19. Fatemi chiarire ciò che ho appena detto.
  20. Agenti di governo uccisero un giornalista
    per mettere a tacere le sue verità.
  21. Questi eventi sono sia scioccanti
    che sorprendentemente comuni.
  22. Ma sono abbastanza sicura
    che se il governo saudita avesse saputo
  23. che questo caso avrebbe cavalcato
    le prima pagine di tutto il mondo,
  24. restandoci per delle settimane,
  25. non l'avrebbe fatto.
  26. Volevano commettere
    i loro crimini nell'oscurità
  27. e non alla luce del sole
    sotto gli occhi di tutti.
  28. Ciò fa sorgere delle domande.
  29. E se potessimo far risplendere
    una luce più luminosa
  30. sulle ingiustizie del mondo
    e sui comportamenti scorretti?
  31. E se facendo ciò potessimo
    spingere tutti i governi
  32. a trattare le persone con più rispetto
  33. e ad ascoltare le voci delle loro critiche
    invece di farle tacere?
  34. Questo è il mondo
    che sto cercando di costruire.
  35. Vorrei vi prendeste un attimo,
  36. e vi invito a chiudere gli occhi,
  37. per porvi questa domanda:
  38. di cosa avete bisogno
    voi e le vostre famiglie
  39. per vivere dignitosamente e soddisfare
    le vostre potenzialità di esseri umani?
  40. Forse pensate a cibo sano
    o a un tetto sopra la testa,
  41. all'accesso alla sanità o all'istruzione,
  42. o a un buon lavoro,
    o alla sicurezza sociale,
  43. oppure pensate alla libertà
    di essere voi stessi,
  44. parlare senza paura di essere arrestati,
    torturati, imprigionati o peggio.
  45. Queste cose non sono un lusso,
    sono diritti umani.
  46. Sono stati definiti e sanciti
    in leggi internazionali sui diritti umani.
  47. I Paesi hanno promesso di rispettarli.
  48. Ma finora,
  49. nessuno ha monitorato
    quanto faccia ogni Paese
  50. per assicurarsi che ogni persona
    possa godere di ogni diritto umano.
  51. Quando l'ho scoperto,
    ne sono rimasta sorpresa.
  52. Per 20 anni sono stata un'economista.
  53. A metà degli anni 2000,
    lavoravo all'OCSE a Parigi
  54. dando direttive economiche ai governi.
  55. Adoravo il mio lavoro.
  56. Trovavo interessante osservare gli Stati
    attraverso gli occhi di un economista
  57. e capire quale suggerimento dare.
  58. Ma c'era un problema.
  59. In ciascuno Stato c'erano
    violazioni dei diritti umani.
  60. Leggevo dei maltrattamenti
    dei Curdi in Turchia
  61. e dei Rom in Slovacchia,
  62. e cercavo sempre dei modi
  63. per provare a inserire nei miei rapporti
    queste violazioni dei diritti umani.
  64. Ma non potevo andare oltre,
  65. perché quando gli economisti
    danno consigli
  66. devono sempre basarsi
    su prove empiriche,
  67. e ho scoperto che manca
    un database esaustivo
  68. che tenga conto del comportamento
    di uno Stato in tema di diritti umani.
  69. Questo è un problema.
  70. Questo era un problema.
  71. Quando valuti la situazione mondiale,
  72. è probabile che prima controllerai
    i temi su cui hai dei dati:
  73. reddito pro capite,
    economia e flussi finanziari,
  74. emissioni di carbonio .
  75. È molto difficile per qualunque governo
  76. mettere i diritti umani al cuore
    del proprio operato,
  77. se non si hanno i dati necessari.
  78. Quindi, non potei ignorare questa lacuna.
  79. Qualche anno dopo,
    dopo essere tornata in Nuova Zelanda,
  80. ricordo che ero a casa
    con mio figlio ancora piccolo,
  81. e dopo averlo messo a letto
    per il pisolino pomeridiano,
  82. sentii il bisogno di tornare al computer
  83. dove stavo ricercando chi si occupasse
    di misurare i diritti umani.
  84. Stavo contattando gli esperti mondiali,
    ponendo loro delle domande.
  85. Perché i diritti umani non stavano
    venendo sistematicamente misurati?
  86. Poteva essere fatto?
  87. Molte delle email che ho mandato
    non hanno ricevuto risposta.
  88. Ma molte invece sì.
  89. Alcune persone mi dissero
  90. che quest'idea di monitorare
    sistematicamente i diritti umani
  91. era buona, ma troppo ambiziosa.

  92. Solo due persone mi dissero
    che era impossibile, ridicola addirittura.
  93. Non ero troppo preoccupata.
  94. La mia filosofia era di andare
    dove si trovava l'energia.
  95. E seguendo quest'energia
  96. ho raggiunto due studiosi
    di diritti umani molto arguti,
  97. che condividevano la mia visione:
  98. Susan Randolph e Chad Clay.
  99. Insieme fondammo
    la Human Rights Measurement Initiative,
  100. o HRMI (si pronuncia "hermi") in breve.
  101. Anche prima che la HRMI avesse
    un dollaro di finanziamento
  102. lavoravamo con professionisti
    di diritti umani da tutto il mondo
  103. per assicurarci di elaborare dei dati
  104. che riflettessero accuratamente
    la situazione in loco dei diversi Paesi.
  105. Il nostro fine è assicurare
    che possiate vedere più
  106. dei pochi casi nelle prime pagine,
    come quello del signor Kashoggi,
  107. che fanno notizia.
  108. Stiamo accendendo più luci nel mondo.
  109. Mi sento privilegiata e onorata
    di poter fare il lavoro che faccio,
  110. perché so che in molti Paesi del mondo
  111. i difensori dei diritti umani mettono
    a rischio le loro vite ogni giorno
  112. solo per documentare
    le ingiustizie che vedono.
  113. Sono dunque molto lieta che la HRMI
    stia aiutando ad amplificare le voci
  114. di queste straordinarie persone
  115. affinché il loro lavoro
    abbia un'eco maggiore.
  116. E sono molto lieta
    che la visione collettiva della HRMI
  117. non sia solo una visione;
    è ora uno sforzo collettivo.
  118. Abbiamo già centinaia di professionisti
    di diritti umani nel mondo
  119. che contribuiscono su base volontaria
    con il loro tempo e le loro conoscenze
  120. ad aiutare ad accendere più luce
    e a colmare il vuoto informativo,
  121. così da prestare più attenzione
    a ciò che conta davvero.
  122. Come misuriamo i risultati
    sui diritti umani nei vari Paesi?
  123. Per ora, abbiamo
    due principali metodologie.
  124. Per prima cosa, se possibile, usiamo
    le statistiche pubbliche disponibili.
  125. Per i diritti alla qualità di vita,
  126. come il diritto a cibo, istruzione,
    salute, abitazione e lavoro,
  127. questo ci dà
    una grande copertura del Paese.
  128. Questa mappa mostra, in blu, i 169 Paesi
  129. dove stiamo monitorando le prestazioni
    nazionali sul diritto alla salute.
  130. Molti indicatori statistici
    che stiamo controllando sono gli stessi
  131. usati per monitorare obiettivi di sviluppo
    sostenibile alle Nazioni Unite
  132. Ma c'è una differenza:
    noi non guardiamo solo le statistiche.
  133. Facciamo qualcosa di molto più vitale.
  134. Le convertiamo in cifre che abbiano senso
    da un punto di vista dei diritti umani.
  135. Per fare ciò, abbiamo adottato
    un pluripremiato approccio
  136. sviluppato dai cofondatori della HRMI,
    Susan, e le sue colleghe.
  137. Ciò che fa, è giudicare ogni Paese
    secondo parametri diversi
  138. in base al livello di reddito
    di quel Paese.
  139. Così sia i Paesi più ricchi
    che quelli più poveri
  140. ottengono punteggi bassi
  141. se non usano le loro risorse disponibili
  142. in modo altrettanto efficace
    di altri Stati a pari reddito,
  143. ad esempio, per realizzare
    buoni risultati sulla salute.
  144. Questo approccio è geniale,
  145. non solo perché misura
    le performance degli Stati
  146. sulla base di come questi diritti umani
    sono definiti dal diritto internazionale,
  147. ma anche perché è semplicemente logico.
  148. Ha senso elevare a standard più alti
    gli Stati con alti redditi,
  149. per i loro risultati sulla sanità,
  150. rispetto agli Stati più poveri, giusto?
  151. In secondo luogo, raccogliamo da noi
    i dati sui diritti civili e politici.
  152. Questi diritti includono molte cose,
  153. dagli omicidi alle torture
    ai diritti di voto e di libertà di parola.
  154. Sarete sorpresi di scoprire
    che sono tutte cose
  155. che le statistiche ufficiali
    non monitorano.
  156. Abbiamo dunque reclutato esperti
    di Amnesty International,
  157. organizzazioni come Human Rights Watch,
  158. e insieme abbiamo sviluppato un sondaggio
    per poter raccogliere queste informazioni
  159. dalle persone che stanno monitorando
    questi eventi in loco in ogni Stato.
  160. Siamo molto felici di come il sondaggio
    stia funzionando.
  161. Per ora, disponiamo di dati
    per questi 19 Paesi
  162. e questo numero cresce ogni anno.
  163. Soprattutto, le persone ci dicono
  164. che i nostri punteggi riflettono
    accuratamente la situazione in loco
  165. nei Paesi sui quali sono informati.
  166. Lasciate che vi mostri la comprensione
    che ci offrono i nostri dati,
  167. condividendo con voi una domanda.
  168. Quali di questi Paesi lavora meglio
  169. per rispettare il diritto di libertà
    dalle esecuzioni extragiudiziali?
  170. Giordania, Venezuela, Arabia Saudita,
    Stati Uniti o Messico?
  171. Ora, mentre ci pensate,
  172. lasciate che vi dia
    qualche informazione in più.
  173. Intanto, una definizione:
  174. gli omicidi extragiudiziali sono omicidi
    commessi da agenti governativi
  175. come quello accaduto al signor Kashoggi,
  176. ma più comunemente accadono
    durante sparatorie con la polizia.
  177. E permettetemi di dirvi di più riguardo
    alla fonte di questi punteggi.
  178. A febbraio e a marzo di quest'anno,
  179. abbiamo mandato il nostro sondaggio
    a persone che monitorano i diritti umani
  180. in tutti e cinque gli Stati, e in altri,
  181. e ogni persona ci ha comunicato quanto
    pensi stia andando bene il proprio paese
  182. rispettando questo e gli altri diritti.
  183. Noi usiamo tecniche statistiche
    davvero sofisticate
  184. per assicurare che le diverse risposte
    di queste persone
  185. possano essere confrontate tra di loro.
  186. Allora, avete chiaro in testa
  187. quale pensate sia la risposta
    a questa domanda?
  188. La risposta è la Giordania.
  189. E qui potete vedere i risultati
    di tutti e cinque gli Stati.
  190. Le piccole linee verticali
    che vedete sono la nostra miglior stima
  191. del punteggio per ogni Paese.
  192. Gli Stati con bande di incertezza
    più larghe, come l'Arabia Saudita,
  193. ci dicono che siamo meno certi
    di quale sia il vero punteggio,
  194. forse perché c'è stato meno accordo
  195. tra gli intervistati che hanno compilato
    il questionario in Arabia Saudita.
  196. Bande di incertezza più strette
    come il Messico
  197. ci dicono che siamo più sicuri
    di quale sia il punteggio per quel Paese.
  198. La sovrapposizione delle bande
    è importante.
  199. Possiamo essere certi che la Giordania
    lavora meglio del Venezuela
  200. perché le loro bande non si sovrappongono.
  201. Siamo meno certi di quale sia
    esattamente la graduatoria relativa
  202. dei Paesi che seguono.
  203. Di certo questo è solo un sottogruppo
    di tutti i Paesi di cui abbiamo i dati.
  204. Lasciatemi aggiungere qualcos'altro.
  205. Qui vedete la Nuova Zelanda, l'Australia,
    la Corea del Sud e il Regno Unito.
  206. Nessun Paese ottiene un punteggio perfetto
  207. perché in ogni Paese,
    anche in Nuova Zelanda,
  208. c'è margine di miglioramento.
  209. Come ci sono utili queste informazioni?
  210. L'HRMI non è organizzazione di difesa,
  211. infatti non diciamo ai governi
    cosa potrebbero fare in modo diverso.
  212. Ma voi potete usare i nostri dati
    per questo scopo.
  213. Diciamo che il vostro Paese
    ha un punteggio basso
  214. quindi è in fondo a questa graduatoria,
  215. e volete spostarlo da quella parte.
  216. Cosa potete fare?
  217. Sono sicura che le possibilità
    sono infinite, ma discutiamone alcune.
  218. Potete incoraggiare il vostro Paese
    a intraprendere il duro ma vitale compito
  219. di riaddestrare delle forze dell'ordine.
  220. Potete incontrarvi
    con gruppi vulnerabili o di minoranza
  221. e accettare il loro consiglio
    su come riformare le istituzioni.
  222. Potete guardare le leggi e le politiche
    dei vostri vicini più avanzati
  223. e scegliere di fare meglio.
  224. Abbiamo una tabella così
    per otto diversi diritti politici e civili
  225. e per ognuno di questi,
    per ogni Paese e ogni diritto,
  226. raccogliamo anche informazioni
    su cosa portano i loro punteggi.
  227. Supponiamo che vogliate sapere
  228. perché gli Stati Uniti hanno un rendimento
    così scarso su questo diritto.
  229. Scoprirete che parte del motivo
  230. è perché ci sono troppe sparatorie
    della polizia a persone di colore.
  231. I nostri esperti americani ci dicono
  232. che le persone più a rischio
    di omicidi extragiudiziali negli U.S.A.
  233. sono gli afroamericani,
  234. gli ispanici,
  235. i nativi americani
  236. e i bambini detenuti al confine.
  237. La panoramica che ho condiviso
    dal nostro database
  238. è solamente una delle migliaia
    che potete trovare
  239. e questo ancora prima che estendessimo
    il sondaggio agli altri Paesi del mondo.
  240. So che tutto ciò può sembrare
    abbastanza pesante.
  241. Perché lo è.
  242. Sono felice di condividere
  243. che abbiamo notizie davvero buone
  244. anche nel database della HRMI.
  245. Ecco qui un buon grafico dell'Africa.
  246. Ogni sezione colorata vi mostra
    uno dei diritti della Qualità di Vita
  247. e potete vedere che c'è stato un lento
    ma graduale miglioramento
  248. nel rendimento, in media,
    del continente africano.
  249. E ci sono altre buone notizie
  250. perché i dati della HRMI mostrano
    un miglioramento graduale della tendenza
  251. nell'adempimento di questi diritti
    in tutte le zone del mondo.
  252. È davvero una storia positiva
    per i diritti umani.
  253. La adoro e mi riempie di speranza.
  254. Une cosa che ho notato
  255. da quando ho spostato la mia carriera
    da economista a cofondatrice della HRMI
  256. è che quando
    incontro vecchi amici e gli racconto
  257. che ora misuro le prestazioni
    per i diritti umani delle Nazioni
  258. a volte ricevo sguardi spaesati.
  259. Quando raccontavo che aiutavo
    a migliorare le prestazioni economiche
  260. ricevevo più accenni di consenso.
  261. E lo capisco.
  262. L'economia è davvero ben misurata,
    la gente è abituata a sentirne parlare.
  263. Invece i diritti umani
    sono stati quasi ignorati, sottovalutati
  264. e trascurati per molto tempo.
  265. Cambiamo tutto questo!
  266. Accendere una luce sui diritti umani
  267. e favorire un cambiamento massiccio
    nel modo in cui il nostro mondo opera
  268. è una grande sfida collaborativa globale
  269. e voi potete aiutare.
  270. Noi abbiamo cominciato ad accendere
    una luce nel vostro Paese.
  271. Su cosa potete agire?
  272. Cosa chiederete ai vostri leader?
  273. Quali altri paesi
    possono ispirare il vostro
  274. a rispettare meglio i diritti umani?
  275. E se i leader convocassero
    i propri consulenti esigendo risposte?
  276. E se non dicessero solo: 'Ditemi
    come migliorare le prestazioni economiche'
  277. ma anche 'Ditemi come migliorare
    le prestazioni sui diritti umani'?
  278. Le cifre non sono attraenti
    come le storie.
  279. Non tirano fuori i sentimenti più profondi
  280. allo stesso modo.
  281. Ma entrambi aiutano a illuminare il nostro
    mondo mostrandoci il cammino.
  282. I numeri ci aiutano a capire
    cosa deve essere cambiato, e come.
  283. Costruiamo un mondo
    dove gli Stati competano,
  284. non solo nello sport
    o per vedere chi è il più ricco,
  285. ma per vedere chi tratta meglio le persone
  286. Misuriamo ciò che custodiamo.
  287. Grazie.
  288. (Applausi)