Return to Video

3 modi di pianificare per il periodo (molto) lungo

  • 0:01 - 0:04
    Ho "futurato",
    che è un termine che ho inventato
  • 0:04 - 0:05
    (Risate)
  • 0:05 - 0:07
    tre secondi fa circa.
  • 0:07 - 0:10
    Ho futurato per 20 anni circa,
  • 0:10 - 0:13
    e quando ho cominciato,
    mi sedevo con la gente
  • 0:13 - 0:16
    e dicevo: "Ehi, parliamo
    di cosa accadrà tra 10, 20 anni".
  • 0:16 - 0:18
    Loro dicevano: "Grande".
  • 0:18 - 0:20
    Ho visto quell'orizzonte temporale
  • 0:20 - 0:22
    diventare sempre più corto,
  • 0:22 - 0:24
    e ancora più corto.
  • 0:24 - 0:27
    Così tanto che quando ho incontrato
    un dirigente due mesi fa,
  • 0:27 - 0:30
    abbiamo iniziato la nostra conversazione
  • 0:30 - 0:33
    e lui ha detto: "Mi piace ciò che fai.
    Parliamo dei prossimi sei mesi".
  • 0:33 - 0:35
    (Risate)
  • 0:36 - 0:39
    Abbiamo tanti problemi da affrontare.
  • 0:39 - 0:42
    Sono problemi a livello di civilizzazione.
  • 0:44 - 0:47
    Il punto però è che
    non possiamo risolverli
  • 0:47 - 0:50
    usando gli schemi mentali
    che usiamo adesso
  • 0:50 - 0:51
    per provare a risolvere i problemi.
  • 0:52 - 0:54
    Sì, si sta facendo
    un gran lavoro tecnico,
  • 0:54 - 1:00
    ma c'è un problema che
    bisogna risolvere a priori, prima,
  • 1:00 - 1:02
    se vogliamo veramente
    progredire su quei grossi problemi.
  • 1:03 - 1:05
    "Il breve periodo".
  • 1:05 - 1:07
    Giusto? Non ci sono marce.
    Non ci sono braccialetti.
  • 1:07 - 1:11
    Non ci sono petizioni che si possano
    firmare contro il breve periodo.
  • 1:11 - 1:14
    Ho provato a lanciarne una
    e nessuno ha firmato.
  • 1:14 - 1:15
    Era strano.
  • 1:15 - 1:17
    (Risate)
  • 1:17 - 1:20
    Ma ci impedisce di fare così tanto.
  • 1:20 - 1:23
    Il breve periodo, per tante ragioni,
  • 1:23 - 1:26
    ha permeato ogni angolo
    e ogni fessura della nostra realtà.
  • 1:26 - 1:28
    Voglio che vi prendiate un momento
  • 1:28 - 1:31
    e pensiate solo a un problema
    a cui state pensando o lavorando.
  • 1:31 - 1:33
    Potrebbe essere personale o di lavoro
  • 1:33 - 1:36
    o una cosa per far progredire il mondo,
  • 1:36 - 1:38
    e pensate in quanto tempo
  • 1:38 - 1:40
    credete di ottenerne la soluzione.
  • 1:42 - 1:46
    Perché il breve termine
    impedisce agli amministratori
  • 1:46 - 1:49
    di comprare materiale
    anti-infortunistico molto costoso.
  • 1:50 - 1:52
    Sarebbe un investimento troppo costoso.
  • 1:52 - 1:54
    Così succede come
    con la Deepwater Horizon.
  • 1:54 - 1:57
    Il breve termine
    impedisce agli insegnanti
  • 1:57 - 2:01
    di passare del tempo prezioso
    in rapporto uno a uno con gli studenti.
  • 2:01 - 2:03
    Adesso in America,
  • 2:03 - 2:06
    uno studente delle superiori
    abbandona la scuola ogni 26 secondi.
  • 2:07 - 2:10
    Il breve termine
    impedisce al Congresso,
  • 2:10 - 2:13
    mi scuso se c'è qualcuno qui
    del Congresso,
  • 2:13 - 2:14
    (Risate)
  • 2:14 - 2:16
    ma non mi scuso poi tanto,
  • 2:16 - 2:19
    (Risate)
  • 2:19 - 2:22
    di mettere soldi in una vera legge
    sulle infrastrutture.
  • 2:22 - 2:24
    Così quello che abbiamo
    è il crollo del ponte I-35W
  • 2:24 - 2:26
    sul Mississipi alcuni anni fa,
  • 2:26 - 2:28
    con 13 morti.
  • 2:29 - 2:32
    Ma non è sempre stato così.
    Abbiamo fatto il Canale di Panama.
  • 2:33 - 2:35
    Abbiamo praticamente
    sradicato la polio nel mondo.
  • 2:35 - 2:38
    Abbiamo costruito la ferrovia
    transcontinentale; il Piano Marshall.
  • 2:39 - 2:42
    E non sono solo problemi
    di grandi infrastrutture.
  • 2:43 - 2:45
    Il suffragio femminile,
    il diritto di voto.
  • 2:45 - 2:48
    Ma nella nostra età del breve periodo,
  • 2:48 - 2:50
    dove tutto sembra accadere ora
  • 2:50 - 2:55
    e dove riusciamo a pensare solo
    fino al prossimo tweet o post,
  • 2:55 - 2:57
    diventiamo iper-reazionari.
  • 2:57 - 2:58
    Allora, cosa facciamo?
  • 2:59 - 3:02
    Prendiamo la gente che sta
    scappando dai paesi in guerra
  • 3:02 - 3:03
    e li perseguiamo.
  • 3:03 - 3:07
    Prendiamo i consumatori di droghe
    leggere e li rinchiudiamo a vita.
  • 3:07 - 3:10
    Costruiamo quartieri residenziali
    senza nemmeno pensare
  • 3:10 - 3:12
    a come la gente si sposterà
    tra casa e lavoro.
  • 3:12 - 3:14
    Sono soldi rapidi.
  • 3:15 - 3:17
    La realtà è che,
    per molti di questi problemi,
  • 3:17 - 3:20
    ci sono delle soluzioni tecniche,
  • 3:20 - 3:21
    ce ne sono tante.
  • 3:21 - 3:25
    Io chiamo queste soluzioni tecniche
    le strategie dei sacchi di sabbia.
  • 3:25 - 3:27
    Sapete che sta arrivando una tempesta,
  • 3:27 - 3:29
    l'argine è rotto, nessuno
    ha fatto degli stanziamenti,
  • 3:29 - 3:31
    circondi la casa con sacchi di sabbia.
  • 3:31 - 3:33
    E sapete cosa? Funziona.
  • 3:34 - 3:37
    L'allarme finisce,
    il livello dell'acqua scende,
  • 3:37 - 3:38
    togli i sacchi di sabbia
  • 3:38 - 3:41
    e fai così tempesta dopo tempesta
    dopo tempesta.
  • 3:42 - 3:44
    Ma c'è una cosa insidiosa.
  • 3:44 - 3:46
    La strategia dei sacchi di sabbia
  • 3:46 - 3:47
    ti può far rieleggere.
  • 3:48 - 3:50
    Una strategia dei sacchi,
  • 3:50 - 3:52
    può aiutarti a far quadrare il bilancio.
  • 3:54 - 3:57
    Ora, se vogliamo andare avanti
  • 3:57 - 4:00
    in un futuro diverso
    da quello che abbiamo adesso,
  • 4:00 - 4:02
    perché non abbiamo raggiunto il massimo,
  • 4:02 - 4:04
    il 2016 non è il massimo
    della civilizzazione.
  • 4:04 - 4:05
    (Risate)
  • 4:05 - 4:07
    C'è qualcosa di più che possiamo fare.
  • 4:07 - 4:12
    La mia idea è che se non cambiamo
    i nostri modelli e le nostre mappe mentali
  • 4:12 - 4:14
    di pensiero a breve termine,
  • 4:14 - 4:16
    questo non accadrà.
  • 4:16 - 4:19
    Quello che ho sviluppato
    è qualcosa chiamato "lungo percorso"
  • 4:19 - 4:21
    ed è una pratica.
  • 4:21 - 4:25
    Il lungo percorso non è un esercizio
    che si fa una sola volta.
  • 4:25 - 4:28
    Sono sicuro che tutti qui
    prima o poi avete fatto una riunione
  • 4:28 - 4:30
    con un sacco di post-it,
    lavagne bianche,
  • 4:30 - 4:32
    e avete fatto,
  • 4:32 - 4:35
    nessun offesa per i consulenti qui
    che l'hanno fatto,
  • 4:35 - 4:37
    e avete fatto
    un piano a lungo termine
  • 4:37 - 4:39
    che vi siete scordati
    dopo due settimane.
  • 4:41 - 4:44
    Giusto? O dopo una settimana.
    Se va bene, tre mesi.
  • 4:45 - 4:48
    È una pratica perché non è
    necessariamente una cosa che si fa.
  • 4:48 - 4:52
    È un processo in cui si devono rivedere
    dei diversi modi di pensare
  • 4:52 - 4:55
    per ogni decisione importante
    su cui si lavora.
  • 4:55 - 4:57
    Voglio parlare di questi
    tre modi di pensare.
  • 4:58 - 5:01
    Primo: il pensiero transgenerazionale.
  • 5:01 - 5:04
    Amo i filosofi:
  • 5:04 - 5:05
    Platone, Socrate, Habermas, Heidegger.
  • 5:05 - 5:07
    Sono cresciuto con loro.
  • 5:08 - 5:10
    Ma facevano tutti una cosa
  • 5:10 - 5:12
    che non sembrava esattamente un affare
  • 5:12 - 5:14
    finché non ho iniziato a guardarci dentro.
  • 5:14 - 5:16
    Prendevano tutti
  • 5:16 - 5:19
    come unità di misura
    per la loro intera realtà
  • 5:19 - 5:21
    di ciò che significava
    essere virtuosi e buoni,
  • 5:22 - 5:23
    la durata di una vita,
  • 5:24 - 5:25
    dalla nascita alla morte.
  • 5:26 - 5:28
    Ma c'è un problema con queste questioni:
  • 5:28 - 5:29
    ci si accumulano sulla testa,
  • 5:29 - 5:32
    perché il solo modo che conosciamo
    di fare qualcosa di buono al mondo
  • 5:32 - 5:34
    è farlo tra la nostra nascita e la morte.
  • 5:34 - 5:36
    Siamo programmati a fare questo.
  • 5:36 - 5:39
    Se andate nel reparto
    di auto aiuto di una libreria
  • 5:39 - 5:40
    c'è tutto sul fai da te.
  • 5:41 - 5:43
    Il che è grandioso,
  • 5:43 - 5:46
    se non hai a che fare
    con una di quelle grandi questioni.
  • 5:48 - 5:50
    E così, con il pensiero
    transgenerazionale,
  • 5:51 - 5:54
    che è veramente una specie
    di etica transgenerazionale,
  • 5:54 - 5:58
    si è in grado di espandere
    il modo di pensare a questi problemi,
  • 5:58 - 6:00
    qual è il proprio ruolo
    nell'aiutare a risolverli.
  • 6:02 - 6:06
    Questo non è solo qualcosa che deve
    essere fatto al Consiglio di Sicurezza.
  • 6:06 - 6:10
    Questo è qualcosa che si può fare
    sempre in un modo personale.
  • 6:10 - 6:14
    Una volta ogni tanto, se sono fortunato,
    io e mia moglie andiamo fuori a cena.
  • 6:14 - 6:17
    Abbiamo tre bambini sotto i sette anni,
  • 6:17 - 6:20
    potete quindi immaginare
    come sia una cena tranquilla.
  • 6:20 - 6:21
    (Risate)
  • 6:21 - 6:27
    Ci sediamo e tutto quello che voglio
    è solo mangiare e rilassarmi.
  • 6:27 - 6:29
    I miei bambini hanno un'idea
    completamente diversa
  • 6:29 - 6:31
    di quello che vogliamo fare.
  • 6:31 - 6:33
    Quindi la mia prima idea
  • 6:33 - 6:35
    è la mia strategia
    dei sacchi di sabbia, giusto?
  • 6:35 - 6:38
    È mettere la mano in tasca,
    tirar fuori l'iPhone
  • 6:38 - 6:39
    e dargli "Frozen"
  • 6:39 - 6:42
    o qualsiasi altro gioco
    che va per la maggiore.
  • 6:43 - 6:46
    Poi mi fermo
  • 6:47 - 6:52
    e devo mettermi questa specie di cappello
    del pensiero transgenerazionale.
  • 6:52 - 6:55
    Non lo faccio al ristorante
    perché sarebbe bizzarro,
  • 6:55 - 6:56
    ma devo...
  • 6:56 - 6:59
    l'ho fatto una volta, ecco perché so
    che sarebbe bizzarro.
  • 6:59 - 7:00
    (Risate)
  • 7:00 - 7:04
    Devi pensare a una cosa
    del tipo: "Ok, lo posso fare.
  • 7:04 - 7:06
    Ma cosa insegnerà loro?"
  • 7:07 - 7:10
    Cosa vuol dire invece
    se prendo della carta
  • 7:10 - 7:12
    o mi metto a conversare con loro?
  • 7:12 - 7:15
    È dura. Non è facile,
    e lo sto rendendo molto personale.
  • 7:15 - 7:16
    È veramente più traumatico
  • 7:16 - 7:19
    di alcuni dei grandi problemi
    nel mondo su cui lavoro,
  • 7:19 - 7:21
    intrattenere i miei figli a cena.
  • 7:22 - 7:25
    Ma quello che fa è collegarmi
    con loro, qui nel presente con me,
  • 7:25 - 7:26
    ma anche,
  • 7:26 - 7:29
    e questo è il punto cruciale dell'etica
    del pensiero transgenerazionale,
  • 7:29 - 7:33
    imposta il modo in cui loro
    interagiranno con i loro figli
  • 7:33 - 7:35
    e con i loro figli e i loro figli.
  • 7:36 - 7:38
    Secondo: pensare ai tipi di futuro.
  • 7:39 - 7:41
    Quando pensiamo al futuro,
  • 7:41 - 7:42
    tra 10, 15 anni,
  • 7:43 - 7:45
    datemi un'idea di come sarà il futuro.
  • 7:46 - 7:49
    Non dovete darla a me
    ma pensateci.
  • 7:49 - 7:51
    Quello che probabilmente vedrete
  • 7:51 - 7:53
    è attraverso la lente della cultura
  • 7:53 - 7:56
    che domina il nostro pensiero
    sul futuro in questo momento:
  • 7:56 - 7:57
    la tecnologia.
  • 7:58 - 7:59
    Quando pensiamo ai problemi,
  • 7:59 - 8:02
    li filtriamo sempre attraverso
    la lente della tecnologia,
  • 8:02 - 8:05
    un'utopia tecno-centrica,
    e non c'è nulla di male in questo
  • 8:05 - 8:08
    ma è qualcosa a cui dobbiamo
    seriamente pensare
  • 8:08 - 8:11
    se vogliamo progredire
    su questi problemi maggiori,
  • 8:11 - 8:13
    perché non è sempre stato così. Giusto?
  • 8:13 - 8:16
    Gli antichi avevano
    il loro modo di pensare
  • 8:17 - 8:18
    su cos'era il futuro.
  • 8:20 - 8:24
    La Chiesa aveva sicuramente la sua idea
    su come avrebbe potuto essere il futuro,
  • 8:24 - 8:28
    e si poteva anche pagare
    il viatico per il proprio futuro. Giusto?
  • 8:28 - 8:29
    Fortunatamente per l'umanità,
  • 8:29 - 8:32
    c'è stata la rivoluzione scientifica.
  • 8:32 - 8:33
    Da lì abbiamo avuto la tecnologia,
  • 8:33 - 8:35
    ma quel che è successo...
  • 8:35 - 8:37
    A proposito, questa non è una critica.
  • 8:38 - 8:41
    Amo la tecnologia.
  • 8:41 - 8:43
    Tutto in casa mia mi risponde:
  • 8:43 - 8:45
    dai miei figli alle mie casse, tutto.
  • 8:45 - 8:48
    (Risate)
  • 8:48 - 8:53
    Ma abbiamo consegnato il nostro futuro
    dagli alti prelati a Roma
  • 8:53 - 8:57
    agli alti prelati della Silicon Valley.
  • 8:58 - 9:01
    Quando pensiamo: "Bene,
    come ci occupiamo del clima
  • 9:01 - 9:03
    o della povertà o dei senzatetto,
  • 9:03 - 9:06
    la nostra prima reazione è pensarci
    attraverso la lente della tecnologia.
  • 9:07 - 9:12
    Attenti, non vi sto spingendo
    verso questo tizio.
  • 9:12 - 9:14
    Mi piace Joel, non fraintendetemi,
  • 9:14 - 9:16
    ma non sto dicendo
    di andare da lui.
  • 9:16 - 9:18
    Sto dicendo che dobbiamo ripensare
  • 9:18 - 9:23
    la nostra assunzione di base che è
    guardare il futuro solo in un senso,
  • 9:23 - 9:25
    attraverso la lente
    del pensiero dominante.
  • 9:25 - 9:27
    Perché i nostri problemi
    sono così grandi
  • 9:27 - 9:30
    che dobbiamo aprirci.
  • 9:30 - 9:34
    Ecco perché faccio tutto il possibile
    per non parlare di futuro.
  • 9:34 - 9:36
    Parlo di tipi di futuro.
  • 9:37 - 9:39
    Apre di nuovo la conversazione.
  • 9:39 - 9:41
    Così, sei seduto e pensi
  • 9:41 - 9:44
    a come spingersi avanti
    su questi problemi maggiori;
  • 9:44 - 9:46
    potrebbe essere a casa,
  • 9:46 - 9:48
    potrebbe essere al lavoro,
  • 9:48 - 9:51
    o potrebbe essere su scala globale.
  • 9:51 - 9:55
    Non impedirti di pensare a qualcosa
    al di là della soluzione tecnologica
  • 9:55 - 9:59
    perché adesso siamo più preoccupati
    dell'evoluzione tecnologica
  • 9:59 - 10:01
    che dell'evoluzione morale.
  • 10:01 - 10:03
    Se non correggiamo questo,
  • 10:03 - 10:05
    non riusciremo a uscire
    dal pensiero a breve termine
  • 10:05 - 10:07
    e arrivare dove vogliamo essere.
  • 10:07 - 10:10
    Infine, il pensiero del Telos.
    Ha radici greche.
  • 10:11 - 10:13
    L'obiettivo sommo, lo scopo sommo.
  • 10:13 - 10:15
    In ultima analisi si tratta
    di una domanda:
  • 10:16 - 10:17
    per quale fine?
  • 10:18 - 10:21
    Quand'è stata l'ultima volta
    che vi siete chiesti: per quale fine?
  • 10:21 - 10:25
    E quando ve lo siete chiesti,
    quanto lontano siete andati?
  • 10:26 - 10:29
    Perché a lungo non è più abbastanza.
  • 10:30 - 10:31
    Tre, cinque anni non incidono.
  • 10:31 - 10:34
    Sono 30, 40, 50, 100 anni.
  • 10:35 - 10:37
    Nel poema epico di Omero, l'Odissea,
  • 10:37 - 10:40
    Odisseo aveva la risposta
    alla domanda "quale fine".
  • 10:40 - 10:42
    Era Itaca.
  • 10:42 - 10:44
    Era quest'audace visione
    di ciò che voleva:
  • 10:44 - 10:45
    ritornare da Penelope.
  • 10:45 - 10:48
    Vi posso dire, per il lavoro
    che sto facendo,
  • 10:48 - 10:50
    ma anche intuitivamente:
    abbiamo perso la nostra Itaca.
  • 10:51 - 10:54
    Abbiamo perso il nostro "per quale fine",
    e siamo su questa ruota per criceti.
  • 10:54 - 10:57
    Sì, stiamo provando
    a risolvere questi problemi,
  • 10:57 - 11:00
    ma cosa c'è dopo
    la soluzione del problema?
  • 11:00 - 11:03
    Se non si definisce cosa viene dopo,
    la gente non si muoverà.
  • 11:04 - 11:07
    Gli affari, questo
    non riguarda solo gli affari,
  • 11:07 - 11:10
    ma gli affari che lavorano con continuità,
    che rompono con il breve termine,
  • 11:10 - 11:12
    non sorprende siano attività familiari.
  • 11:12 - 11:16
    Sono transgenerazionali. Sono Telos.
    Loro pensano ai diversi tipi di futuro.
  • 11:16 - 11:20
    Questa è una pubblicità
    di Patek Philippe. Esistono da 175 anni,
  • 11:20 - 11:23
    e la cosa incredibile è
    che loro incarnano letteralmente
  • 11:23 - 11:25
    il senso di lungo-termine
    del loro marchio,
  • 11:25 - 11:29
    perché, tra l'altro, non si possiede
    mai veramente un Patek Philippe,
  • 11:29 - 11:30
    non io di sicuro,
  • 11:30 - 11:31
    (Risate)
  • 11:31 - 11:34
    a meno che qualcuno non voglia
    gettare sul palco 25.000 dollari.
  • 11:34 - 11:37
    Semplicemente ce ne prendiamo cura
    per la prossima generazione.
  • 11:39 - 11:41
    Allora è importante ricordare,
  • 11:41 - 11:44
    il futuro, lo consideriamo un sostantivo.
  • 11:44 - 11:47
    No. Dev'essere consideriato come verbo.
  • 11:47 - 11:48
    Richiede azione.
  • 11:48 - 11:50
    Richiede che ci si spinga dentro.
  • 11:50 - 11:52
    Non è una cosa che ci cade sulla testa.
  • 11:52 - 11:54
    È qualcosa su cui abbiamo
    il completo controllo.
  • 11:54 - 11:57
    Ma in una società a breve termine,
    finiamo per credere di non averlo.
  • 11:57 - 11:59
    Ci sentiamo in trappola.
  • 11:59 - 12:00
    Possiamo accettarlo.
  • 12:02 - 12:04
    Adesso comincio a essere più tranquillo
  • 12:05 - 12:07
    sul fatto che a un certo punto,
  • 12:08 - 12:10
    nell'inevitabile futuro,
  • 12:11 - 12:12
    morirò.
  • 12:13 - 12:17
    Ma per questi nuovi modi
    di pensare e di agire
  • 12:17 - 12:21
    sia nel mondo esterno
    che con la mia famiglia a casa,
  • 12:21 - 12:24
    per quello che lascio ai miei figli,
    sono più tranquillo.
  • 12:24 - 12:28
    È qualcosa con cui molti
    di noi sono tanto a disagio,
  • 12:28 - 12:29
    ma ve lo dico,
  • 12:30 - 12:31
    pensateci.
  • 12:31 - 12:34
    Applicate questo tipo
    di pensiero e supererete
  • 12:34 - 12:36
    ciò che è inevitabilmente
    molto spiacevole.
  • 12:36 - 12:40
    E tutto comincia realmente
    facendosi questa domanda:
  • 12:41 - 12:43
    qual è il vostro lungo percorso?
  • 12:44 - 12:47
    Ma vi chiedo, quando ve lo chiederete,
  • 12:47 - 12:49
    ora o stanotte o dietro il volante
  • 12:49 - 12:52
    o in sala riunioni o in sala operativa:
  • 12:54 - 12:57
    andate oltre il lungo percorso,
  • 12:57 - 13:00
    veloci, qual è il mio lungo percorso
    nei prossimi 3 o 5 anni?
  • 13:00 - 13:03
    Provate ad andare
    oltre la vostra vita se potete
  • 13:03 - 13:06
    perché questo vi fa fare
    cose un po' più grandi
  • 13:06 - 13:08
    di quello che pensavate possibile.
  • 13:09 - 13:12
    Sì, lì fuori ci sono problemi enormi.
  • 13:14 - 13:16
    Con questo processo,
    con questo modo di pensare,
  • 13:17 - 13:19
    penso possiamo fare la differenza.
  • 13:19 - 13:22
    Penso potete fare la differenza,
  • 13:22 - 13:23
    e io credo in voi.
  • 13:23 - 13:25
    Grazie.
  • 13:25 - 13:30
    (Applausi)
Title:
3 modi di pianificare per il periodo (molto) lungo
Speaker:
Ari Wallach
Description:

Sempre più frequentemente prendiamo decisioni basate su obiettivi e guadagni a breve termine -- un approccio che rende il futuro più incerto e meno sicuro. Come possiamo imparare a pensare e pianificare un futuro migliore sul lungo periodo ... per esempio, un periodo lungo tre generazioni? Ari Wallach ci spiega tre tattiche per un pensiero che vada al di là dell'immediato.

more » « less
Video Language:
English
Team:
TED
Project:
TEDTalks
Duration:
13:42

Italian subtitles

Revisions