YouTube

Got a YouTube account?

New: enable viewer-created translations and captions on your YouTube channel!

Italian subtitles

← Come la pornografia cambia il modo in cui gli adolescenti pensano al sesso

Get Embed Code
28 Languages

Showing Revision 25 created 01/16/2020 by Silvia Fornasiero.

  1. [In questa conferenza sono presenti
    contenuti per adulti]
  2. Sei anni fa,
  3. ho scoperto ciò che gli scienziati
    cercano di capire da anni:
  4. come si cattura l'attenzione
  5. di una stanza piena
    di adolescenti estremamente annoiati?
  6. A quanto pare, basta pronunciare
    la parola "pornografia".
  7. (Risate)

  8. Lasciate che vi racconti
    come l'ho scoperto.

  9. Nel 2012, mi trovavo in una classe
    piena di studenti delle superiori
  10. che frequentavano un programma
    del doposcuola a Boston.
  11. Ero il relatore ospite di quel giorno
  12. e dovevo ispirarli a pensare
    a quanto sarebbe stata eccitante
  13. una carriera nel settore
    della salute pubblica.
  14. Ma c'era un problema:
  15. osservandoli in viso,
  16. potevo vedere il loro sguardo
    che si appannava
  17. mentre si estraniavano.
  18. Poco importava che indossassi quello
    che credevo essere un abito fantastico.
  19. Stavo perdendo il mio pubblico.
  20. Poi, uno dei due adulti
    che collaboravano al programma disse:
  21. "Stai facendo una ricerca
    sulla pornografia, vero?
  22. Potresti parlar loro di quello."
  23. Tutto a un tratto,
    gli studenti di quella stanza
  24. eruppero in risate
    e si batterono il cinque.
  25. Ci furono anche urla sguaiate.
  26. Era bastato solo che qualcuno pronunciasse
    quella parola: pornografia.
  27. Quel momento si sarebbe rivelato
    un punto di svolta
  28. per me e la mia missione professionale:
  29. trovare soluzioni per eliminare
    la violenza sessuale e da appuntamento.
  30. All'epoca, mi occupavo
    da più di un decennio

  31. del problema apparentemente irrisolvibile
    della violenza da appuntamento.
  32. I dati dei Centri USA per la prevenzione
    e il controllo delle malattie
  33. mostrano che ogni anno, nel Paese,
    un giovane delle superiori su cinque
  34. è vittima di violenza e/o abuso sessuale
  35. da parte della persona con cui è uscito.
  36. La violenza da appuntamento è più diffusa
  37. del bullismo a scuola,
  38. del rischio concreto di suicidio
  39. e dei rischi dello svapo,
  40. all'interno dello stesso
    gruppo di riferimento.
  41. Le soluzioni, però, non si trovavano.
  42. Lavoravo con un gruppo di ricerca
    per trovare nuove risposte alla domanda:
  43. cosa causa l'abuso da appuntamento
    e come lo fermiamo?
  44. Uno degli studi di ricerca
    su cui stavamo lavorando
  45. comprendeva domande
    relative alla pornografia
  46. e i risultati mostravano
    qualcosa di inaspettato:
  47. l'11% delle adolescenti
    nel nostro campione
  48. affermava di essere stata
    minacciata o obbligata
  49. a compiere atti sessuali
    che il perpetratore aveva visto nei porno.
  50. La cosa mi ha incuriosita.
  51. La pornografia era forse la causa
    di parte delle violenze da appuntamento?

  52. Oppure era una semplice coincidenza
    che i fruitori di pornografia
  53. fossero anche più predisposti
    a relazioni malsane?
  54. Mi sono informata leggendo
    tutto ciò che sono riuscita a trovare
  55. nella letteratura peer-reviewed
  56. e compiendo io stessa una ricerca.
  57. Volevo sapere
  58. che tipo di materiale sessualmente
    esplicito guardassero i giovani,
  59. quanto spesso e perché,
  60. per capire se quel materiale
    fosse parte del motivo
  61. per cui così tanti di loro avevano
    appuntamenti apparentemente malsani.
  62. Nel farlo, cercavo di mantenere
    una mente aperta,

  63. anche se in molti avevano già
    un'idea ben precisa in merito.
  64. Perché volevo mantenere
    una mente aperta sulla pornografia?
  65. Beh, sono una sociologa qualificata,
  66. quindi essere obiettiva è il mio lavoro.
  67. Inoltre, ho ciò che si definisce
    un atteggiamento positivo verso il sesso,
  68. ossia sostengo pienamente
    il diritto delle persone
  69. di vivere il sesso e la sessualità
    in qualsiasi modo dia loro appagamento,
  70. indipendentemente dalle pratiche,
  71. purché tutto avvenga col pieno consenso
  72. di ogni parte interessata.
  73. Detto questo, personalmente
    non ero attratta dalla pornografia.
  74. Ciò che avevo visto
    non mi aveva entusiasmata.
  75. Come madre di due figli quasi adolescenti,
  76. mi preoccupava
  77. l'impatto che la pornografia
    avrebbe potuto avere su di loro.
  78. Ho notato che mentre molte persone

  79. condannavano la pornografia,
  80. altre la difendevano a spada tratta
  81. per una serie di motivi.
  82. Così, attraverso i miei studi
    cercavo di capire
  83. se la pornografia fosse un male
    oppure un bene per le persone,
  84. se fosse misogina
    o desse potere alle donne.
  85. Non ho trovato una risposta univoca.
  86. Mi impensieriva molto
    un particolare studio longitudinale
  87. secondo il quale gli adolescenti
    che guardano pornografia
  88. sono più propensi a commettere
    atti di violenza sessuale.
  89. Ma l'impostazione dello studio
  90. non permetteva di trarre
    conclusioni definitive sul nesso causale.
  91. Inoltre, altri studi non ritenevano
  92. che la fruizione
    adolescenziale di pornografia
  93. fosse associata
    a determinati esiti negativi.
  94. Altri ancora, invece, riaffermavano
    quella connessione.
  95. Ma parlando con altri esperti,

  96. avvertivo la pressione di dover
    prendere posizione sulla pornografia,
  97. di dover sposare una delle due tesi.
  98. Mi dissero persino che era
    segno di debolezza mentale
  99. non riuscire a scegliere
    la risposta esatta sul tema.
  100. Era complicato,
  101. perché alla base c'è un'industria
  102. che sfrutta la voglia del pubblico
  103. di vedere donne, in modo particolare,
    che oltre a fare sesso,
  104. vengono strozzate,
    imbavagliate e schiaffeggiate.
  105. Donne su cui si sputa e si eiacula,
  106. che durante il sesso vengono ripetutamente
    offese e umiliate con vari epiteti,
  107. il tutto non sempre
    con il loro chiaro consenso.
  108. Molti concordano sul fatto
    che abbiamo un serio problema
  109. di misoginia, violenza sessuale
    e stupri in questo Paese.
  110. La pornografia probabilmente
    non aiuta la situazione.
  111. Per me, un problema fondamentale
    era che per oltre un secolo
  112. l'opposizione alla pornografia
    era servita come un pretesto
  113. per discriminare i gay, le lesbiche,
  114. i feticisti o chiunque avesse
    preferenze particolari.
  115. Per cui capivo perché, da un lato,
  116. fossimo molto preoccupati per il messaggio
    trasmesso dalla pornografia
  117. e dall'altro,
  118. fossimo altrettanto preoccupati
    di esagerare nel condannarlo.
  119. Per i due anni successivi,

  120. ho studiato ogni terrificante affermazione
    che sono riuscita a trovare
  121. sull'età media in cui si guarda
    la pornografia per la prima volta
  122. o sul suo impatto
    sul cervello e sulla sessualità.
  123. Ecco cosa ho scoperto.
  124. La pornografia online,
    gratis e accessibile,
  125. quella con cui è più probabile
    che entrino in contatto gli adolescenti,
  126. è una forma assolutamente terribile
    di educazione sessuale.
  127. (Risate)

  128. (Applausi)

  129. Ma questo non è il suo scopo

  130. e probabilmente non avvelena
    le loro menti sin da subito,
  131. né li rende fruitori compulsivi,
  132. come vorrebbero farci credere
    alcuni ideologi.
  133. Sono poche le persone che non guardano
    pornografia durante l'adolescenza.
  134. Tra le matricole
    universitarie diciottenni,
  135. il 93% dei ragazzi e il 62% delle ragazze
  136. ha guardato un porno almeno una volta.
  137. Anche se si ama sostenere
  138. che Internet ha reso
    la pornografia onnipresente
  139. o che in pratica porta ogni ragazzino
    in possesso di uno smartphone
  140. a cercare pornografia,
  141. i dati non confermano queste tesi.
  142. Secondo uno studio nazionale,
  143. nel 2000, il 16% dei ragazzi
    tra i 10 e i 13 anni
  144. dichiarava di aver visto pornografia
    nell'anno precedente.
  145. Nel 2010 quella percentuale era aumentata,
  146. ma solo fino al 30%.
  147. Dunque non erano tutti.
  148. I problemi che abbiamo
    con gli adolescenti e la violenza sessuale

  149. non sono dovuti solo alla pornografia.
  150. Secondo uno studio recente,
  151. gli adolescenti sono più esposti
    a immagini sessualmente connotate
  152. attraverso canali diversi
    dalla pornografia.
  153. Pensate a tutti quei videogiochi
    sessualmente connotati,
  154. ai programmi televisivi
    o ai video musicali.
  155. La causa dei problemi potrebbe essere
    l'esposizione costante a media violenti,
  156. invece di o in aggiunta alle immagini
    sessualmente connotate.
  157. Se ci concentriamo unicamente
    sui potenziali danni della pornografia,
  158. potremmo perdere di vista
    problemi più grandi.
  159. Potremmo non riuscire a capire l'origine
  160. della violenza sessuale e da appuntamento,
  161. che sono i veri problemi
    della salute pubblica.
  162. Detto questo, anche i miei studi

  163. confermano che gli adolescenti
    ricorrono alla pornografia
  164. come educazione e informazione sessuale.
  165. E lo fanno perché non riescono
    a trovare altrove
  166. informazioni attendibili e concrete.
  167. Negli USA, in meno del 50% degli Stati
  168. è prevista l'educazione sessuale a scuola,
  169. compreso l'insegnamento
    su come evitare la violenza sessuale.
  170. Inoltre, meno della metà di quegli Stati
  171. richiede che le informazioni date
    siano accurate dal punto di vista medico.
  172. Nel programma del doposcuola a Boston,

  173. quei ragazzi volevano davvero
    parlare di sesso
  174. e volevano davvero parlare di pornografia.
  175. Desideravano parlarne
  176. molto più di quanto non volessero parlare
    di violenza sessuale o da appuntamento.
  177. Allora abbiamo capito
  178. che potevamo trattare tutti gli argomenti
    di cui avremmo parlato normalmente
  179. presentandoli come insegnamenti
    relativi a relazioni sane,
  180. come, ad esempio, qual è
    la definizione di consenso sessuale,
  181. o come capire se si sta facendo del male
    a qualcuno durante un rapporto sessuale,
  182. o ancora, quali sono i limiti
    da non superare quando si flirta.
  183. Potevamo discutere di tutte queste cose
  184. prendendo la pornografia
    come punto di partenza
  185. della nostra conversazione.
  186. Un po' come quando si dà
    ai bambini un dolcetto
  187. in cui si è segretamente nascosta
    della sana verdura.
  188. (Risate)

  189. Potevamo parlare ai ragazzi
    di cose salutari, quelle che fanno bene,

  190. facendole passare per un argomento
  191. di cui erano convinti di voler parlare.
  192. Abbiamo anche scoperto qualcosa
    che in realtà non stavamo cercando:
  193. c'è un modo fantastico per parlare
    con gli adolescenti della pornografia.
  194. È sufficiente
  195. attenersi ai fatti scientifici;
  196. ammettere ciò che sappiamo
    e ciò che non sappiamo
  197. sull'impatto della pornografia;
  198. parlare dei risultati non univoci
  199. o dei punti deboli nell'impostazione
    degli studi che sono stati condotti;
  200. invitare gli adolescenti
    a diventare fruitori critici
  201. degli studi scientifici sulla pornografia,
  202. oltre che della pornografia stessa.
  203. È un sistema che segue
    lo sviluppo degli adolescenti.
  204. Agli adolescenti piace
    mettere in discussione le cose
  205. e amano essere spronati
    a pensare con la propria testa.
  206. E abbiamo capito,
    attraverso alcuni esperimenti

  207. in cui abbiamo parlato alle classi
    di consenso, rispetto e pornografia,
  208. che intimorire gli adolescenti
    imponendo un particolare punto di vista
  209. o costringerli ad accettare una tesi
    senza contraddittorio sulla pornografia
  210. probabilmente non solo non funziona,
  211. ma di certo non rappresenta nemmeno
  212. quel comportamento rispettoso
    e basato sul consenso
  213. che vogliamo insegnare loro.
  214. Il nostro approccio, che chiamiamo
    "alfabetizzazione pornografica",
  215. consiste nell'esporre
    la verità sulla pornografia
  216. così come la conosciamo,
  217. considerando anche il costante variare
    delle conoscenze sul tema.
  218. Quando le persone sentono che teniamo
    un corso di 18 ore in nove lezioni
  219. per istruire gli adolescenti
    sulla pornografia,
  220. penso che credano
    che ci mettiamo lì con i ragazzi
  221. e cerchiamo di insegnare loro
    come guardare i porno,
  222. che non è ciò che facciamo.
  223. O magari credono che siamo
    un gruppo di attivisti anti-pornografia
  224. che vuole convincerli
  225. che guardare porno sarebbe
    la cosa peggiore per la loro salute.
  226. Neanche questo è vero.
  227. La nostra arma segreta consiste
    nell'evitare di giudicare.

  228. Non pensiamo che i giovani
    dovrebbero guardare la pornografia,
  229. ma ci interessa soprattutto
    che imparino a pensare in modo critico
  230. se e quando lo fanno.
  231. Il numero di richieste
    per i nostri corsi e programmi
  232. provenienti da tutto
    il Paese e dall'estero
  233. dimostra che ci sono
    molti genitori e insegnanti
  234. che vogliono davvero affrontare
    in modo più realistico e sfaccettato
  235. questo tema con gli adolescenti.
  236. Abbiamo ricevuto richieste
    dallo Utah al Vermont,
  237. dall'Alabama e dalle Hawaii.
  238. Quel programma del doposcuola

  239. mi ha fatto capire che alla sola menzione
    della parola "pornografia"
  240. i ragazzi erano pronti a discutere
  241. di ciò che volevano
    o non volevano vedere nei porno,
  242. di ciò che volevano
    o non volevano fare durante il sesso,
  243. di ciò che era degradante per le donne,
  244. o ingiusto verso gli uomini o razzista.
  245. Di tutto, insomma.
  246. Esprimevano opinioni molto articolate.
  247. Erano proprio le cose di cui noi attivisti
    della prevenzione della violenza
  248. volevamo sentirli discutere.
  249. Come insegnanti, dopo la lezione
    ci può capitare di pensare:

  250. "È davvero triste
    che uno dei ragazzi della classe
  251. sia convinto che tutte le donne
    raggiungano l'orgasmo col sesso anale".
  252. Mentre la settimana successiva
    può capitare di pensare:
  253. "Sono felice che quel ragazzo omosessuale
  254. abbia detto che vedere la sua sessualità
    rappresentata nella pornografia
  255. gli ha salvato la vita".
  256. Oppure: "C'è quella ragazza
  257. che ha detto di sentirsi
    più a suo agio nel proprio corpo
  258. dopo aver visto qualcuno che le assomiglia
    essere oggetto di desiderio
  259. in un qualche porno soft".
  260. Oggi il mio ruolo di attivista
    della prevenzione della violenza è questo:

  261. faccio ricerca su e parlo di pornografia.
  262. Anche se sarebbe più facile
    se i fatti della vita fossero univoci,
  263. le mie conversazioni con gli adolescenti
    sulla pornografia mi hanno insegnato
  264. che il loro interesse rimane vivo
  265. proprio perché permettiamo loro
    di affrontare la complessità del tema
  266. e perché siamo onesti
    sulle verità scientifiche.
  267. Questi adolescenti
    non saranno ancora adulti,
  268. ma vivono in un mondo di adulti
  269. e sono pronti ad affrontare
    conversazioni da adulti.
  270. Grazie.

  271. (Applausi)