YouTube

Got a YouTube account?

New: enable viewer-created translations and captions on your YouTube channel!

Italian subtitles

← Barbara Kruger: Part of the Discourse | Art21 "Extended Play"

Get Embed Code
10 Languages

Showing Revision 3 created 02/04/2018 by Serena.Turci.

  1. ["Barbara Kruger: Parte del Discorso"]
  2. Com'è che ogni tela con dei pigmenti
  3. viene chiamata arte?
  4. Ci sono così tanti modi per fare arte.
  5. Alcuni sono più accessibili al pubblico di altri
  6. Da giovane andavo nelle mostre d'arte
  7. ed ero totalmente intimidita!
  8. Certe opere si devono decifrare.
  9. Per me l'accessibilità è importante,
  10. perchè ero quell'osservatore che non capiva--
  11. che non conosceva i codici.
  12. Performa mi si è avvicinato
  13. e parlando è saltato fuori lo skatepark.
  14. E mi dico: "Sarebbe meraviglioso."
  15. "Il denaro parla"
  16. " I valori di chi?"
  17. Queste sono solo parole al vento,
  18. e domande che a volte ci facciamo
  19. che non chiediamo ma dovremmo chiedere.
  20. Sono cresciuta a Newark, nel New Yearsey.
  21. Mia madre e mio padre
  22. non avevano una laurea.
  23. Vivevamo in un appartamento di tre stanze
  24. e io dormivo in soggiorno.
  25. Ho sempre saputo come da dove venivo,
  26. ciò che abbiamo e ciò che ci è precluso

  27. determina chi possiamo essere nel mondo.
  28. Sono venuta qui a New York.
  29. Sono stata alla Parson per un anno.
  30. Ho iniziato a lavorare come contabile
  31. poi ho lavorato in un call center.
  32. Vivendo a Newark e poi a New York
  33. non leggi le notizie ma le vedi accadere
  34. in metropolitana e dovunque.
  35. Così ho saputo che assumevano al Condé Nast
  36. Sono stata fortunata
  37. Mi hanno assunto come secondo designer.
  38. Se la gente non notava le tue pagine
  39. ti licenziavano.
  40. Ritagliare le foto
  41. Scegliere i caratteri
  42. All'inizio volevo fare il direttore artistico
  43. ma era un mondo del tutto diverso.
  44. Non contavo nulla in quell'ambiente.
  45. Mi sono presa una pausa
  46. e mi sono chiesta cosa significa considerarsi un artista.
  47. Ricordo che dicevo alla gente,
  48. "Sono un artista se uso un pennarello e incollo cose?"
  49. "No, non lo sei."
  50. Ho capito che potevo usare la fluidità
  51. nel mio lavoro di designer.
  52. Mi piacciono i caratteri incisivi
  53. la nitidezza dei font tipo il sans serif
  54. Il rosso cattura l'attenzione.
  55. Non potevo permettermi di fare stampe a colori.
  56. Cercavo vecchie riviste nelle librerie,
  57. e le modificavo in bianco e nero.
  58. Per noi nell' '81-'83,
  59. mostrare il proprio lavoro significava essere parte del Discorso
  60. Quando abbiamo iniziato a parlare del mio team
  61. e il nostro lavoro veniva venduto
  62. pensai che se il mio lavoro stava acquisendo lo status di merce, dovevo affrontarlo.
  63. Le qestioni di potere, valore,
  64. Sfortunatamente non invecchiano mai.
  65. L'architettura è il mio primo amore.
  66. Trasformo le idee in spazio.
  67. So quali aree prendere in considerazione
  68. per attivare uno spazio con immagini e testo.
  69. "Pensa come noi"
  70. "Odia come noi", "Abbi paura come noi".
  71. Voglio che il mio lavoro crei articoli di giornale.
  72. [MANIFESTANTE] Diritto alla vita, il tuo nome è bugia
  73. -non t'importa se le donne muoiono.
  74. [KRUGER] Ho creato "Il tuo corpo è un campo di battaglia" per spingere la gente a protestare
  75. Questo per i diritti riproduttivi delle donne.
  76. Quando contattai Planned Parenthood per offrire i miei servizi
  77. non avevano la minima idea di chi fossi
  78. Dissero che stavano lavorando con un'agenzia pubblicitaria
  79. Ok, va bene.
  80. Così ho usato un tipografo di nome Quirky.
  81. Stampavo tutti questi poster con lui.
  82. Sono uscita verso l'una o le due del mattino
  83. e ho affisso tutti i poster per la città.
  84. Ovviamente, sono una femminista.
  85. Ma non ho mai considerato il genere o la sessualità in modo separato dalle questioni di classe
  86. e mai le questioni di classe come separate da quelle di razza.
  87. Qualcosa su cui dovremmo riflettere
  88. è ciò che ci rende quelli che siamo nel mondo in cui viviamo
  89. e quanto la cultura ci formi e ci freni.
  90. Ci sono stereotipi dell'artista
  91. o del musicista.
  92. Questi sono gli stereotipi più gentili.
  93. La gente mi chiede se può passare dal mio studio
  94. e io dico "vuoi che mi metta un berretto,
  95. così mi puoi fotografare con una tavolozza?"
  96. Rispondo di no, no.
  97. Non voglio essere quel tipo di persona.
  98. Ci sono già abbastanza immagini di me.
  99. Non abbiamo bisogno di un milione di foto.
  100. Cosa significa inquadrare con una macchina fotografica qualcuno,
  101. penso ci sia brutalità in quest'atto.
  102. "Tu"
  103. "Sai che le donne hanno avuto per tutti questi secoli la funzione"
  104. "di specchi dal potere magico e delizioso"
  105. "di riflettere raddoppiata la figura dell'uomo"
  106. È una citazione da Virginia Woolf.
  107. Dovevo assolutamente usarla.