Return to Video

Come avere un miglior dialogo politico

  • 0:01 - 0:04
    Avrete probabilmente l'impressione,
    come tutti quasi,
  • 0:04 - 0:07
    che nel nostro paese
    la polarizzazione stia peggiorando,
  • 0:08 - 0:11
    che la divisione fra destra e sinistra
  • 0:11 - 0:15
    sia la peggiore che ognuno di noi
    ricordi da sempre.
  • 0:15 - 0:20
    Ma potreste anche chiedervi, a ragione,
    se la ricerca sostenga questa intuizione.
  • 0:21 - 0:25
    E in breve, la risposta è purtroppo sì.
  • 0:27 - 0:29
    Studio dopo studio, scopriamo
  • 0:29 - 0:33
    che liberali e conservatori
    si sono allontanati sempre di più.
  • 0:33 - 0:38
    Si rinchiudono sempre di più
    nei propri bunker ideologici,
  • 0:38 - 0:42
    seguendo notizie diverse, parlando
    solo con persone della stessa opinione
  • 0:42 - 0:46
    e scegliendo sempre più
    di vivere in parti diverse del paese.
  • 0:47 - 0:50
    E penso che la cosa più allarmante
  • 0:50 - 0:54
    sia vedere questo astio crescente
    da entrambi i lati.
  • 0:54 - 0:56
    Liberali e conservatori,
  • 0:56 - 0:58
    democratici e repubblicani,
  • 0:58 - 1:01
    si disprezzano l'un l'altro
    non si piacciono sempre di più.
  • 1:02 - 1:04
    Lo potete notare in vari aspetti.
  • 1:04 - 1:08
    Non vogliono fare amicizia,
    o mettersi insieme.
  • 1:08 - 1:11
    Se scoprono la differenza politica,
    trovano l'altro meno attraente.
  • 1:11 - 1:14
    Sempre più vogliono evitare
    che i propri figli sposino
  • 1:14 - 1:16
    un sostenitore dell'altro partito,
  • 1:16 - 1:18
    un dato particolarmente scioccante.
  • 1:20 - 1:22
    Sapete, nel mio laboratorio,
    con gli studenti con cui lavoro
  • 1:22 - 1:26
    capita di parlare a proposito
    di una specie di modello sociale.
  • 1:26 - 1:29
    Sono un appassionato di cinema,
    e quindi spesso mi chiedo:
  • 1:30 - 1:32
    "questo modello in cui ci troviamo,
    a che genere appartiene?"
  • 1:33 - 1:36
    Quindi in che film ci troviamo
    con questa polarizzazione politica?
  • 1:37 - 1:40
    Be', potrebbe essere un film catastrofico.
  • 1:41 - 1:43
    Certo assomiglia a una catastrofe.
  • 1:43 - 1:45
    Potrebbe essere un film di guerra.
  • 1:46 - 1:47
    Anche questo ci sta.
  • 1:47 - 1:51
    Ma alla fine penso sempre
    che siamo in un film di apocalisse zombie.
  • 1:51 - 1:53
    (Risate)
  • 1:53 - 1:55
    Giusto? Conoscete il genere.
  • 1:55 - 1:58
    C'è gente che gira in branchi,
  • 1:58 - 1:59
    senza pensare individualmente,
  • 1:59 - 2:01
    rapita dalla mentalità di massa,
  • 2:01 - 2:04
    mentre cerca di diffondere la malattia
    e distruggere la società.
  • 2:05 - 2:08
    E probabilmente pensate, come faccio io,
  • 2:08 - 2:11
    di essere i buoni in questo film di zombie
  • 2:11 - 2:15
    e che tutto l'odio e la polarizzazione
    si diffondano dall'altra parte,
  • 2:15 - 2:17
    perché noi siamo Brad Pitt, giusto?
  • 2:18 - 2:21
    Siamo integerrimi, liberi pensatori
  • 2:21 - 2:23
    che si aggrappano
    a ciò che è loro caro,
  • 2:23 - 2:27
    non certo dei pedoni
    nell'esercito dei morti viventi.
  • 2:27 - 2:28
    Ci mancherebbe.
  • 2:28 - 2:29
    Assolutamente no.
  • 2:30 - 2:32
    Ma ecco il problema:
  • 2:32 - 2:34
    in quale film pensate
    che loro pensino di essere?
  • 2:35 - 2:37
    Giusto?
  • 2:37 - 2:39
    Be', sicuramente
    credono di essere i buoni
  • 2:39 - 2:41
    nel film di apocalisse zombie, giusto?
  • 2:41 - 2:44
    Potete scommettere
    che credono di essere Brad Pitt
  • 2:44 - 2:46
    mentre gli zombie siamo noi.
  • 2:49 - 2:51
    E chi dice che si sbaglino?
  • 2:52 - 2:56
    In verità credo
    che siamo tutti parte del problema.
  • 2:56 - 2:59
    Il lato positivo è che possiamo tutti
    essere parte della soluzione.
  • 3:00 - 3:02
    Quindi cosa possiamo fare?
  • 3:03 - 3:08
    Cosa possiamo fare per erodere
    la polarizzazione nella vita quotidiana?
  • 3:08 - 3:11
    Cosa possiamo fare
    per connettere e comunicare
  • 3:11 - 3:13
    con la nostra controparte politica?
  • 3:14 - 3:18
    Queste sono proprio le domande
    da cui io e il mio collega Matt Feinberg
  • 3:18 - 3:20
    fummo affascinati qualche anno fa,
  • 3:20 - 3:22
    quando iniziammo a studiare l'argomento.
  • 3:23 - 3:26
    Una delle prima cose che scoprimmo
  • 3:26 - 3:29
    che credo sia davvero utile
    per comprendere la polarizzazione
  • 3:29 - 3:31
    fu la realizzazione
  • 3:31 - 3:35
    che, sotto la divisione politica
    del nostro paese, ce ne sia una morale.
  • 3:35 - 3:40
    Una delle scoperte più solide
    nella storia della psicologia politica
  • 3:40 - 3:44
    è la tendenza identificata
    da Jon Haidt e Jesse Graham,
  • 3:44 - 3:45
    entrambi psicologi,
  • 3:45 - 3:49
    secondo cui liberali e conservatori
    approvano differenti valori
  • 3:49 - 3:50
    in differenti gradazioni.
  • 3:51 - 3:56
    Per esempio, scopriamo che i liberali
    approvano valori come uguaglianza,
  • 3:56 - 4:00
    equità, protezione dai pericoli fisici
  • 4:00 - 4:02
    più di quanto facciano i conservatori.
  • 4:02 - 4:07
    E questi appoggiano valori
    come lealtà, patriottismo,
  • 4:07 - 4:11
    rispetto per autorità
    e integrità morale
  • 4:11 - 4:13
    più di quanto facciano i liberali.
  • 4:14 - 4:18
    Io e Matt iniziammo a pensare
    che questa divisione morale
  • 4:18 - 4:21
    sarebbe potuta risultare utile
    per capire in che modo
  • 4:21 - 4:24
    liberali e conservatori parlino
    l'uno con l'altro
  • 4:24 - 4:26
    e perché così spesso
    sembrino ignorare
  • 4:26 - 4:27
    le parole dell'altro.
  • 4:27 - 4:29
    Così conducemmo uno studio
  • 4:29 - 4:32
    in cui incaricammo alcuni liberali
  • 4:32 - 4:35
    di scrivere un testo
    che fosse in grado
  • 4:35 - 4:39
    di mostrare a un conservatore
    i lati positivi del matrimonio gay.
  • 4:40 - 4:43
    Scoprimmo fu che i liberali
    tendevano a impostare un argomento
  • 4:43 - 4:47
    basata su valori liberali
    come uguaglianza ed equità.
  • 4:47 - 4:49
    Perciò dicevano cose come:
  • 4:49 - 4:52
    "Ognuno dovrebbe avere il diritto
    di amare chiunque desideri"
  • 4:52 - 4:55
    e "I gay d'America
  • 4:55 - 4:58
    meritano gli stessi diritti
    degli altri americani."
  • 4:58 - 5:02
    In generale, scoprimmo
    che il 69% dei liberali
  • 5:02 - 5:07
    nel componimento del testo si appellava
    a uno dei valori morali più liberali,
  • 5:07 - 5:11
    e solo il 9% usava
    uno dei valori cari ai conservatori,
  • 5:11 - 5:14
    nonostante l'obiettivo fosse
    di convincere proprio quest'ultimi.
  • 5:14 - 5:18
    Quando studiammo i conservatori
    incaricandoli di scrivere testi
  • 5:19 - 5:21
    a favore dell'inglese
    come lingua ufficiale degli USA,
  • 5:21 - 5:24
    una tipica posizione conservatrice,
  • 5:24 - 5:26
    scoprimmo che non erano molto migliori.
  • 5:26 - 5:28
    Il 59% argomentò basandosi
  • 5:28 - 5:31
    su uno dei valori più tipici
    dei conservatori,
  • 5:31 - 5:33
    e solo l'8% utilizzò un valore liberale,
  • 5:33 - 5:36
    nonostante dovessero convincere
    la parte avversa.
  • 5:37 - 5:42
    Potete subito capire
    perché siamo nei guai, giusto?
  • 5:42 - 5:46
    I valori morali sono il fondamento
    dei principi di una persona.
  • 5:46 - 5:49
    La gente è disposta a combattere
    e morire per i propri valori.
  • 5:50 - 5:52
    Perché uno dovrebbe rinunciarvi
    per concordare con te
  • 5:52 - 5:56
    su qualcosa su cui comunque
    nemmeno vuole concordare così tanto?
  • 5:56 - 5:59
    Se l'appello con cui cerchi
    di convincere il tuo zio repubblicano
  • 5:59 - 6:02
    necessita che cambi
    non solo il suo punto di vista,
  • 6:02 - 6:04
    ma anche i propri valori fondamentali,
  • 6:04 - 6:05
    allora non andrà molto lontano.
  • 6:06 - 6:07
    Cosa sarebbe più efficace?
  • 6:08 - 6:12
    Secondo noi, una tecnica chiamata
    reinquadramento morale.
  • 6:13 - 6:15
    L'abbiamo studiata
    in una serie di esperimenti.
  • 6:15 - 6:17
    In uno di questi,
  • 6:17 - 6:20
    avevamo reclutato liberali
    e conservatori per uno studio
  • 6:20 - 6:22
    in cui dovevano leggere
    un testo scelto fra tre
  • 6:22 - 6:25
    per poi fare un sondaggio
    sulla loro mentalità ambientale.
  • 6:26 - 6:27
    Il primo dei testi aveva
  • 6:27 - 6:31
    le solite argomentazioni ambientaliste
  • 6:31 - 6:35
    che si appellano a valori liberali
    come protezione dai pericoli fisici.
  • 6:35 - 6:37
    Diceva cosa come:
    "In molti modi fondamentali
  • 6:37 - 6:40
    stiamo danneggiando gravemente
    i luoghi in cui viviamo"
  • 6:40 - 6:43
    e "è essenziale
    che prendiamo già delle misure
  • 6:43 - 6:46
    per prevenire ulteriori danni
    al nostro pianeta."
  • 6:47 - 6:49
    Un altro gruppo
  • 6:49 - 6:51
    aveva ricevuto un testo molto diverso,
  • 6:51 - 6:55
    scritto attingendo al valore
    di integrità morale caro ai conservatori.
  • 6:56 - 6:58
    Comunque a favore
    della difesa ambientale,
  • 6:58 - 7:00
    diceva cose come:
  • 7:00 - 7:04
    "È di vitale importanza mantenere puliti
    i nostri cieli, foreste e acqua potabile",
  • 7:05 - 7:06
    "L'inquinamento
  • 7:07 - 7:09
    dei luoghi dove viviamo
    è disgustoso",
  • 7:09 - 7:11
    "Ridurre l'inquinamento
    ci aiuta a preservare
  • 7:11 - 7:14
    purezza e bellezza della nostra terra."
  • 7:16 - 7:17
    E infine il terzo gruppo
  • 7:17 - 7:20
    aveva ricevuto
    un testo non politicizzato.
  • 7:20 - 7:23
    Era un gruppo di controllo
    da tenere come riferimento.
  • 7:23 - 7:25
    Quando analizzammo il sondaggio
  • 7:25 - 7:27
    sulla loro posizione ambientale
    dopo la lettura
  • 7:27 - 7:30
    scoprimmo che i liberali,
    indipendentemente dal testo,
  • 7:30 - 7:33
    avevano tutti un'attitudine
    a favore dell'ambiente.
  • 7:33 - 7:35
    I liberali concordano
    sulla protezione ambientale.
  • 7:35 - 7:37
    Ma i conservatori
  • 7:37 - 7:41
    erano molto più favorevoli
    a politiche verdi e progressiste,
  • 7:41 - 7:43
    nonché alla difesa ambientale,
  • 7:43 - 7:45
    dopo il testo di integrità morale,
  • 7:45 - 7:47
    piuttosto che gli altri due.
  • 7:48 - 7:51
    Addirittura, i conservatori
    che avevano letto quel testo
  • 7:51 - 7:55
    credevano più facilmente
    nel riscaldamento globale
  • 7:55 - 7:57
    e ne erano preoccupati,
  • 7:57 - 7:59
    nonostante il testo non lo nominasse mai.
  • 7:59 - 8:02
    Si tratta solo
    di un problema ambientale connesso.
  • 8:02 - 8:05
    Questa è l'efficacia
    del reinquadramento morale.
  • 8:06 - 8:10
    E l'abbiamo studiato su un'intera sfilza
    di problematiche politiche diverse.
  • 8:10 - 8:13
    Quindi se volete
    che i conservatori siano toccati
  • 8:13 - 8:17
    da questioni come matrimoni gay
    o il servizio sanitario nazionale,
  • 8:17 - 8:20
    è utile collegare questi temi liberali
    ai valori dei conservatori,
  • 8:20 - 8:23
    come il patriottismo o l'integrità morale.
  • 8:24 - 8:26
    L'abbiamo studiato anche nell'altro senso.
  • 8:26 - 8:30
    Se volete che i liberali siano toccati
    da problematiche conservatrici,
  • 8:30 - 8:34
    come le spese militari e il rendere
    l'inglese la lingua ufficiale degli USA,
  • 8:34 - 8:36
    sarete più efficaci
  • 8:36 - 8:39
    collegando queste problematiche
    a valori morali liberali
  • 8:39 - 8:41
    come uguaglianza ed equità.
  • 8:43 - 8:45
    Tutti questi studi comunicano
    lo stesso messaggio:
  • 8:46 - 8:48
    se volete convincere qualcuno
    su una certa linea politica,
  • 8:48 - 8:52
    è utile connetterla
    ai suoi valori morali di fondo.
  • 8:54 - 8:56
    E quando lo dici in questo modo
  • 8:56 - 8:57
    sembra davvero ovvio, giusto?
  • 8:57 - 8:59
    Anzi, cosa ci facciamo qui?
  • 8:59 - 9:00
    Che motivo...
  • 9:00 - 9:02
    (Risate)
  • 9:02 - 9:04
    È incredibilmente intuitivo.
  • 9:05 - 9:09
    Ma benché lo sia,
    è qualcosa con cui fatichiamo.
  • 9:09 - 9:13
    Salta fuori che quando cerchiamo
    di convincere qualcuno sulla politica
  • 9:13 - 9:15
    parliamo come in uno specchio.
  • 9:15 - 9:20
    Più che convincere, ripetiamo le ragioni
  • 9:20 - 9:23
    per le quali crediamo
    in una qualche posizione politica.
  • 9:23 - 9:28
    Continuavamo a ripeterci, ideando
    gli argomenti per questo reinquadramento:
  • 9:28 - 9:30
    "Empatia e rispetto,
    empatia e rispetto."
  • 9:31 - 9:32
    Se riesci ad attingerci,
  • 9:33 - 9:34
    allora puoi connettere
  • 9:34 - 9:37
    e puoi riuscire a convincere
    qualcuno in questo paese.
  • 9:38 - 9:40
    Quindi, ripensando
  • 9:40 - 9:42
    al film in cui ci troviamo, forse prima
  • 9:43 - 9:45
    mi sono lasciato trascinare.
  • 9:45 - 9:47
    Forse non è un film di apocalisse zombie.
  • 9:48 - 9:49
    Forse è un poliziesco comico.
  • 9:50 - 9:52
    (Risate)
  • 9:52 - 9:54
    No no, tenetemi il gioco per favore.
  • 9:54 - 9:56
    (Risate)
  • 9:56 - 9:59
    Avete presente il genere:
    un poliziotto bianco e uno nero
  • 9:59 - 10:01
    o uno disordinato e uno meticoloso.
  • 10:01 - 10:03
    In ogni caso, non vanno d'accordo
  • 10:03 - 10:05
    per questa differenza.
  • 10:06 - 10:09
    Ma alla fine, quando devono metterla
    da parte e collaborare
  • 10:09 - 10:11
    la solidarietà che provano
  • 10:11 - 10:14
    è ancora più grande per via della distanza
    che hanno dovuto colmare, no?
  • 10:15 - 10:17
    E tenete a mente che in questi film
  • 10:17 - 10:20
    la parte peggiore è di solito la centrale,
  • 10:20 - 10:23
    quella in cui i protagonisti
    sono più lontani.
  • 10:23 - 10:26
    Forse è qui che siamo in questo paese,
  • 10:26 - 10:28
    nella parte centrale
    di un poliziesco comico.
  • 10:28 - 10:31
    (Risate)
  • 10:31 - 10:34
    Separati ma sul punto di riunirci.
  • 10:35 - 10:37
    Non suona male,
  • 10:37 - 10:39
    ma se vogliamo che accada,
  • 10:39 - 10:42
    credo che debba partire da noi.
  • 10:43 - 10:45
    Quindi questo è l'appello che vi lancio:
  • 10:45 - 10:47
    riuniamo questo paese.
  • 10:49 - 10:52
    Facciamolo nonostante i politici
  • 10:52 - 10:55
    e i media e Facebook e Twitter
  • 10:55 - 10:57
    e la ricomposizione parlamentare
  • 10:57 - 10:59
    e tutto il resto, tutto ciò che ci divide.
  • 11:00 - 11:03
    Facciamolo perché è giusto.
  • 11:04 - 11:08
    E perché questo odio e disprezzo
  • 11:08 - 11:11
    che ci riempie ogni giorno
  • 11:11 - 11:15
    ci abbruttisce e ci corrompe,
  • 11:15 - 11:18
    e minaccia le basi stesse
    della nostra società.
  • 11:20 - 11:23
    Lo dobbiamo a noi
    e al nostro paese,
  • 11:23 - 11:25
    dobbiamo tentare di capirci.
  • 11:26 - 11:29
    Non possiamo permetterci
    di continuare a odiare l'altra parte,
  • 11:30 - 11:32
    né di lasciare che l'altra parte odi noi.
  • 11:34 - 11:35
    Empatia e rispetto.
  • 11:36 - 11:37
    Empatia e rispetto.
  • 11:38 - 11:42
    Se ci pensate, è il minimo
    che dobbiamo ai nostri concittadini.
  • 11:42 - 11:44
    Grazie.
  • 11:44 - 11:48
    (Applausi)
Title:
Come avere un miglior dialogo politico
Speaker:
Robb Willer
Description:

Robb Willer studia le forze che ci uniscono e ci dividono. Psicologo sociale, ha effettuato ricerche sul modo in cui i valori morali, una tipica fonte di divisione, possano essere usati per riavvicinare le persone. Qui Willer condivide le proprie convincenti intuizioni su come colmare la nostra distanza ideologica e consiglia come essere più persuasivi quando si parla di politica.

more » « less
Video Language:
English
Team:
TED
Project:
TEDTalks
Duration:
12:01

Italian subtitles

Revisions