Return to Video

I governi dovrebbero entrare in conflitto con le aziende, non collaborare con loro

  • 0:01 - 0:02
    Venti anni fa,
  • 0:02 - 0:05
    quando lavoravo come avvocato
    nell'ambito dei diritti umani
  • 0:05 - 0:08
    svolgendo la professione legale
    a tempo pieno a Londra,
  • 0:08 - 0:10
    nella Corte Suprema del paese
  • 0:10 - 0:15
    ancora convocata, direbbero alcuni, da
    eventi storici inattesi e non intenzionali
  • 0:15 - 0:16
    in questo palazzo qui,
  • 0:17 - 0:20
    incontrai un giovane
    che aveva appena lasciato il suo lavoro
  • 0:20 - 0:21
    negli Affari Esteri.
  • 0:22 - 0:24
    Quando gli chiesi:
    "Perché te ne sei andato,"
  • 0:24 - 0:26
    mi raccontò questo:
  • 0:27 - 0:29
    andò dal suo dirigente
    una mattina e gli disse,
  • 0:29 - 0:33
    "Facciamo qualcosa
    per difendere i diritti umani in Cina.
  • 0:34 - 0:36
    Il suo dirigente gli rispose:
  • 0:36 - 0:39
    "Non possiamo fare nulla
    per i diritti umani in Cina
  • 0:39 - 0:42
    perché siamo in affari con la Cina."
  • 0:43 - 0:45
    Il mio amico andò via
    con la coda tra le gambe,
  • 0:45 - 0:48
    e sei mesi più tardi,
    ritornò dal dirigente,
  • 0:49 - 0:51
    e disse questa volta,
  • 0:51 - 0:54
    "Facciamo qualcosa
    in difesa dei diritti umani in Burma."
  • 0:54 - 0:56
    come si chiamava allora.
  • 0:56 - 0:59
    Il suo capo, ancora una volta, si fermò
  • 0:59 - 1:03
    e disse, "Ma non possiamo fare niente
    per i diritti umani in Burma
  • 1:03 - 1:06
    perché non abbiamo alcuna relazione
    commerciale con il Burma."
  • 1:06 - 1:08
    (Risate)
  • 1:08 - 1:10
    Fu il momento in cui capì
    che doveva andar via.
  • 1:10 - 1:12
    Non era soltanto
    l'ipocrisia a dargli fastidio.
  • 1:13 - 1:16
    Era la mancanza di volontà del suo governo
  • 1:16 - 1:19
    ad entrare in conflitto con altri governi,
  • 1:19 - 1:21
    avviando difficili negoziazioni,
  • 1:21 - 1:25
    mentre nel frattempo, persone innocenti
    venivano prese di mira.
  • 1:26 - 1:28
    Ci viene costantemente detto
  • 1:28 - 1:30
    che il conflitto è male
  • 1:31 - 1:33
    e il compromesso è bene;
  • 1:34 - 1:35
    che il conflitto è sbagliato
  • 1:35 - 1:37
    ma il consenso è giusto;
  • 1:38 - 1:40
    che il conflitto è cattivo
  • 1:40 - 1:43
    e la collaborazione è buona.
  • 1:44 - 1:45
    Ma dal mio punto di vista,
  • 1:45 - 1:48
    questa visione del mondo
    è troppo semplicistica.
  • 1:48 - 1:50
    Non possiamo sapere
  • 1:50 - 1:52
    se il conflitto è sbagliato
  • 1:52 - 1:55
    fin quando non sappiamo
    chi sta combattendo,
  • 1:55 - 1:57
    perché sta combattendo
  • 1:57 - 1:59
    e come sta combattendo.
  • 1:59 - 2:02
    I compromessi possono essere
    completamente marci
  • 2:02 - 2:05
    se colpiscono persone
    che non sono rappresentate,
  • 2:06 - 2:08
    persone vulnerabili, private di potere,
  • 2:08 - 2:11
    persone che dovremmo proteggere.
  • 2:12 - 2:16
    Potreste essere in qualche modo
    scettici verso un avvocato
  • 2:16 - 2:19
    che discute sui benefici del conflitto
  • 2:19 - 2:21
    e crea problemi sul compromesso,
  • 2:21 - 2:23
    ma sono anche un mediatore
  • 2:23 - 2:27
    e in questi giorni, sto tenendo
    conferenze gratuite sull'etica.
  • 2:27 - 2:30
    Come direbbe il mio consulente bancario,
    remo verso il basso.
  • 2:32 - 2:35
    Se considerate la mia tesi,
  • 2:35 - 2:38
    si cambierebbe non solo il modo
    in cui conduciamo le nostre vite,
  • 2:39 - 2:41
    che vorrei mettere da parte
    per il momento,
  • 2:42 - 2:45
    ma cambierebbe il nostro modo
    di considerare problemi più gravi
  • 2:45 - 2:48
    che riguardano salute pubblica
    e ambiente.
  • 2:49 - 2:51
    Permettetemi di spiegare.
  • 2:52 - 2:55
    Ogni studente di scuola media
    negli Stati Uniti,
  • 2:55 - 2:57
    inclusa mia figlia di 12 anni,
  • 2:57 - 3:01
    apprende che ci sono
    tre poteri governativi,
  • 3:01 - 3:05
    legislativo, esecutivo e giudiziario.
  • 3:06 - 3:07
    James Madison ha scritto,
  • 3:07 - 3:12
    "Se c'è un principio che è sacro
    nella nostra Costituzione,
  • 3:12 - 3:15
    e, in verità, in ogni libera Costituzione,
  • 3:15 - 3:17
    rispetto a qualunque altro,
  • 3:17 - 3:19
    è quello che separa
  • 3:19 - 3:23
    i poteri legislativo, esecutivo
    e giudiziario."
  • 3:24 - 3:27
    Ora, i confini non riguardano solamente
  • 3:27 - 3:31
    l'accentramento e l'esercizio del potere.
  • 3:31 - 3:35
    Si riferiscono anche
    al pericolo di condizionarsi l'un l'altro.
  • 3:36 - 3:42
    I giudici non possono decidere
    sulla costituzionalità delle leggi
  • 3:42 - 3:45
    se partecipano nel predisporre
    quelle stesse leggi,
  • 3:45 - 3:49
    né possono emettere ordinanze
    relative ad altre funzioni governative
  • 3:49 - 3:51
    se collaborano con loro
  • 3:51 - 3:54
    o entrano in stretto rapporto con loro.
  • 3:55 - 3:59
    La Costituzione è,
    come disse un famoso studioso,
  • 3:59 - 4:02
    "un invito alla controversia."
  • 4:02 - 4:05
    E noi, il popolo,
    siamo al sicuro
  • 4:05 - 4:09
    quando questi poteri lottano
    realmente tra di loro.
  • 4:11 - 4:15
    Noi riconosciamo
    l'importanza del conflitto
  • 4:15 - 4:18
    non soltanto nel settore pubblico
  • 4:18 - 4:20
    tra le nostre funzioni di governo.
  • 4:20 - 4:24
    La conosciamo anche nel settore privato
  • 4:24 - 4:26
    nelle relazioni tra aziende.
  • 4:27 - 4:32
    Supponiamo che due compagnie aeree
    americane raggiungano l'accordo
  • 4:32 - 4:35
    di non abbassare il prezzo
  • 4:35 - 4:39
    delle loro tariffe economiche
    sotto i 250 dollari a biglietto.
  • 4:40 - 4:43
    Quella è collaborazione,
    alcuni la definirebbero collusione,
  • 4:43 - 4:45
    non competizione,
  • 4:45 - 4:48
    e noi, le persone, veniamo danneggiate
  • 4:48 - 4:50
    perché paghiamo di più i biglietti.
  • 4:51 - 4:53
    Supponete che due compagnie aeree dicano,
  • 4:53 - 4:58
    "Noi della Compagnia A facciamo
    l'itinerario da Los Angeles a Chicago,"
  • 4:58 - 5:01
    E la Compagnia B dice,
    "Noi prendiamo la tratta da Chicago a DC,
  • 5:01 - 5:03
    e non competeremo."
  • 5:03 - 5:07
    Di nuovo, quella è collaborazione
    o collusione, non competizione,
  • 5:07 - 5:10
    e noi, le persone,
    ne subiamo le conseguenze.
  • 5:12 - 5:17
    In questo modo comprendiamo
    l'importanza del conflitto
  • 5:17 - 5:22
    quando si tratta di relazioni
    tra i poteri di governo,
  • 5:23 - 5:25
    nell'ambito del settore pubblico.
  • 5:25 - 5:28
    Comprendiamo anche
    l'importanza del conflitto
  • 5:28 - 5:33
    quando si tratta di relazioni tra aziende,
  • 5:33 - 5:34
    nel settore privato.
  • 5:34 - 5:37
    Ma ciò che abbiamo dimenticato
  • 5:37 - 5:41
    si trova nei rapporti
    tra pubblico e privato.
  • 5:41 - 5:45
    I governi in tutto il mondo
    stanno collaborando con l'industria
  • 5:45 - 5:49
    per risolvere problemi
    di salute pubblica e ambientali,
  • 5:49 - 5:52
    spesso collaborando
    proprio con quelle aziende
  • 5:52 - 5:58
    che stanno creando o esacerbando
    i problemi che provano a risolvere.
  • 5:59 - 6:03
    Ci viene detto che queste relazioni
  • 6:03 - 6:04
    sono del tipo io vinco-tu vinci.
  • 6:05 - 6:09
    Ma cosa succede se c'è chi ci rimette?
  • 6:10 - 6:13
    Vi faccio alcuni esempi.
  • 6:14 - 6:17
    Un'agenzia delle Nazioni Unite
    ha deciso di risolvere un problema serio:
  • 6:17 - 6:21
    la scarsa igiene delle scuole
    nell'India rurale.
  • 6:22 - 6:26
    Lo hanno fatto collaborando
    non solo con i governi nazionali e locali,
  • 6:26 - 6:29
    ma anche con una compagnia televisiva
  • 6:29 - 6:33
    e con una delle principali
    multinazionali di bibite gassate.
  • 6:34 - 6:37
    Sborsando meno di un milione di dollari,
  • 6:37 - 6:41
    l'azienda ha ottenuto i vantaggi
    di un mese di campagna pubblicitaria,
  • 6:41 - 6:43
    inclusa la maratona telethon di 12 ore,
  • 6:43 - 6:47
    dove sono stati usati il logo
    e i colori del brand.
  • 6:48 - 6:50
    Questo è stato un accordo
  • 6:50 - 6:53
    totalmente comprensibile
  • 6:53 - 6:55
    dal punto di vista dell'azienda.
  • 6:55 - 6:58
    Ha dato lustro alla reputazione aziendale
  • 6:58 - 7:00
    e ha creato fedeltà
    verso i prodotti del marchio.
  • 7:01 - 7:03
    Ma secondo me,
  • 7:03 - 7:07
    questo è profondamente problematico
    per l'agenzia intergovernativa,
  • 7:07 - 7:11
    un'agenzia che ha la missione
    di promuovere la sostenibilità.
  • 7:12 - 7:15
    Con l'aumento del consumo
    di bevande zuccherate
  • 7:15 - 7:19
    fatte con le scarse risorse d'acqua locali
    e distribuite in bottiglie di plastica
  • 7:19 - 7:22
    in un paese che è già preso
    nella rete dell'obesità,
  • 7:22 - 7:26
    questo non è sostenibile
    né per la salute pubblica
  • 7:26 - 7:29
    né da un punto di vista ambientale.
  • 7:29 - 7:32
    Per poter risolvere
    un problema di salute pubblica,
  • 7:32 - 7:34
    l'agenzia ne sta seminando
  • 7:34 - 7:36
    un altro.
  • 7:37 - 7:42
    Questo è soltanto un esempio
    delle dozzine che ho scoperto
  • 7:42 - 7:47
    facendo una ricerca sulle relazioni
    tra governo e industria.
  • 7:47 - 7:51
    Potrei anche raccontarvi
    delle iniziative legate ai parchi
  • 7:51 - 7:52
    di Londra e della Gran Bretagna,
  • 7:52 - 7:55
    fatte con la stessa azienda,
    per l'attività fisica,
  • 7:56 - 8:00
    o, secondo gli scopi del governo inglese,
    per la creazione di impegni volontari
  • 8:00 - 8:03
    in parternariato con l'industria,
  • 8:03 - 8:05
    invece di regolamentare
    il comparto industriale.
  • 8:05 - 8:11
    Queste collaborazioni o partnership sono
    diventate il paradigma in salute pubblica
  • 8:11 - 8:15
    e ancora una volta, sono sensate
    dal punto di vista dell'industria.
  • 8:15 - 8:19
    Le autorizza a discutere su problemi
    di salute pubblica e a proporre soluzioni
  • 8:19 - 8:21
    in modi che sono
    come minimo intimidatori,
  • 8:21 - 8:24
    più consoni ai loro interessi commerciali.
  • 8:24 - 8:26
    Quindi l'obesità diventa un problema
  • 8:26 - 8:31
    causato dal processo
    decisionale individuale,
  • 8:31 - 8:33
    o dal comportamento personale,
  • 8:33 - 8:36
    dalla responsabilità individuale
    e dalla mancanza di attività fisica.
  • 8:36 - 8:38
    Non è un problema,
  • 8:38 - 8:40
    se formulato in questo modo,
  • 8:40 - 8:43
    causato dal sistema di multinazionali
    del settore alimentare.
  • 8:43 - 8:45
    Io non colpevolizzo l'industria.
  • 8:45 - 8:48
    L'industria per definizione adotta
    strategie di condizionamento
  • 8:48 - 8:51
    per promuovere
    i suoi interessi commerciali.
  • 8:52 - 8:55
    Ma i governi hanno una responsabilità
  • 8:55 - 8:57
    nello sviluppo di strategie
    di contenimento
  • 8:57 - 8:59
    per proteggere noi
  • 8:59 - 9:01
    e il bene comune.
  • 9:02 - 9:06
    L'errore che i governi stanno facendo
  • 9:06 - 9:09
    quando collaborano in questo modo
  • 9:09 - 9:10
    con l'industria
  • 9:10 - 9:13
    è che loro assimilano
  • 9:13 - 9:15
    il concetto di bene comune
  • 9:15 - 9:16
    a quello di base comune.
  • 9:17 - 9:20
    Quando voi collaborate con l'industria,
  • 9:20 - 9:23
    inevitabilmente posponete
  • 9:23 - 9:26
    aspetti che favorirebbero il bene comune
    sui quali l'industria non concorda.
  • 9:26 - 9:29
    L'industria non vorrà l'aumento
    della regolamentazione
  • 9:29 - 9:33
    a meno di non ritenere che tali ordinanze
    eviteranno ulteriori regolamentazioni
  • 9:33 - 9:37
    o costringeranno alcuni competitor
    ad uscire dal mercato.
  • 9:38 - 9:40
    Né le aziende concorderanno
    nel fare certe cose,
  • 9:40 - 9:43
    per esempio alzare i prezzi
    dei loro prodotti malsani,
  • 9:43 - 9:45
    perché ciò viola
    il diritto della concorrenza,
  • 9:45 - 9:47
    come abbiamo stabilito.
  • 9:49 - 9:52
    Così i nostri governi
    non dovrebbero confondere
  • 9:52 - 9:54
    il bene comune e il terreno comune,
  • 9:54 - 10:00
    soprattutto quando terreno comune
    significa accordarsi con l'industria.
  • 10:01 - 10:02
    Voglio darvi un altro esempio,
  • 10:02 - 10:04
    da una collaborazione ad alto profilo
  • 10:04 - 10:07
    verso qualcosa che è sottoterra
  • 10:07 - 10:10
    sia letteralmente sia fisicamente:
  • 10:10 - 10:13
    la fratturazione idraulica
    del gas naturale.
  • 10:13 - 10:17
    Supponete di comprare
    un lotto di terreno
  • 10:17 - 10:19
    ignorando la vendita di diritti minerari.
  • 10:19 - 10:21
    Questo prima del boom del fracking.
  • 10:22 - 10:25
    Voi costruite la casa
    dei vostri sogni su quel lotto di terreno,
  • 10:25 - 10:27
    e poco dopo,
  • 10:27 - 10:32
    scoprite che un'azienda del gas costruisce
    una conduttura nella vostra proprietà.
  • 10:33 - 10:36
    Questa era la situazione critica
    della famiglia Hallowich.
  • 10:37 - 10:40
    In un breve periodo di tempo,
  • 10:40 - 10:43
    cominciarono ad accusare mal di testa,
  • 10:43 - 10:46
    mal di gola, prurito agli occhi,
  • 10:47 - 10:49
    oltre all'interferenza
    di rumori fastidiosi, vibrazioni
  • 10:49 - 10:52
    e delle luci luminose
    dovute al divampare del gas naturale.
  • 10:53 - 10:55
    Protestarono a gran voce
    il loro disappunto,
  • 10:56 - 10:57
    e dopo rimasero in silenzio.
  • 10:58 - 11:02
    Grazie alla Gazzetta di Pittsburg,
    dove questa immagine è apparsa,
  • 11:02 - 11:05
    e a un altro quotidiano,
    abbiamo scoperto perché tacquero.
  • 11:05 - 11:08
    Il quotidiano andò in Tribunale e chiese,
    "Cosa è successo agli Hallowich?"
  • 11:08 - 11:12
    E si scoprì che gli Hallowich
    avevano stipulato un accordo segreto
  • 11:12 - 11:16
    con gli operatori del gas,
    ed era un accordo prendere-o-lasciare.
  • 11:16 - 11:17
    L'azienda del gas disse,
  • 11:17 - 11:19
    "Vi diamo una crifra sei zeri
  • 11:19 - 11:21
    per trasferirvi e iniziare una nuova vita,
  • 11:21 - 11:23
    ma in cambio
  • 11:23 - 11:27
    vi assumente l'obbligo di non parlare
    dell'esperienza con la nostra azienda,
  • 11:27 - 11:29
    di non parlare della vostra esperienza
    sul fracking,
  • 11:29 - 11:33
    di non parlare delle conseguenze
    sulla salute
  • 11:34 - 11:37
    che potrebbero essere rivelate
    attraverso esami medici."
  • 11:38 - 11:41
    Non colpevolizzo gli Hallowich
    per aver accettato
  • 11:41 - 11:43
    un accordo prendere-o-lasciare
  • 11:43 - 11:46
    e trasferirsi altrove.
  • 11:46 - 11:47
    E chiunque può capire
  • 11:47 - 11:50
    perché l'azienda vorrebbe far tacere
    un rumore fastidioso.
  • 11:50 - 11:54
    Ma voglio attirare l'attenzione verso
    un sistema legale di regolamentazione,
  • 11:54 - 11:56
    un sistema in cui ci sono reti di accordi
  • 11:56 - 11:58
    proprio come questo
  • 11:58 - 12:02
    che servono a far tacere le persone
    e a bloccare l'accesso ai database
  • 12:03 - 12:05
    da parte di esperti in salute pubblica
    ed epidemiologi,
  • 12:05 - 12:07
    un sistema in cui le agenzie
  • 12:07 - 12:10
    si asterranno persino dall'emettere
    una notifica di violazione
  • 12:10 - 12:11
    in caso di inquinamento
  • 12:11 - 12:14
    se il proprietario e l'azienda del gas
  • 12:14 - 12:15
    stabiliscono un accordo.
  • 12:15 - 12:19
    Questo è un sistema che non è soltanto
    pessimo dal punto di vista della salute;
  • 12:19 - 12:22
    espone ai veleni le famiglie del luogo,
  • 12:22 - 12:25
    che rimangono nell'ombra.
  • 12:27 - 12:32
    Vi ho portato due esempi
    non perché siano due casi isolati.
  • 12:32 - 12:34
    Sono esempi di un problema sistemico.
  • 12:34 - 12:37
    Potrei portare alcuni esempi opposti,
  • 12:37 - 12:40
    il caso per esempio
    di quel funzionario pubblico
  • 12:40 - 12:43
    che denuncia un'azienda farmaceutica
  • 12:43 - 12:44
    per aver celato il fatto
  • 12:44 - 12:51
    che il suo antidepressivo aumenta
    i pensieri suicidi negli adolescenti.
  • 12:51 - 12:55
    Posso raccontarvi di quel supervisore
    che denunciò un'azienda alimentare
  • 12:55 - 12:59
    per aver gonfiato i presunti effetti
    salutari del suo yogurt.
  • 12:59 - 13:02
    E posso raccontarvi di quel parlamentare
  • 13:02 - 13:06
    che nonostante le manovre da corridoio
    dirette ad entrambi gli schieramenti
  • 13:06 - 13:10
    si impegna con forza
    per le tutele ambientali.
  • 13:11 - 13:13
    Questi sono casi isolati,
  • 13:13 - 13:17
    ma sono fari di luce nell'oscurità,
  • 13:17 - 13:21
    e possono indicarci la strada.
  • 13:22 - 13:26
    Comincio a suggerire che qualche volta
    dobbiamo entrare in conflitto.
  • 13:27 - 13:31
    Le amministrazioni
    dovrebbero combattersi tra loro,
  • 13:31 - 13:37
    lottare tra loro, a volte entrare in
    diretto conflitto con le aziende.
  • 13:38 - 13:42
    Non perché i governi
    siano intrinsecamente buoni
  • 13:42 - 13:44
    e le aziende siano
    intrinsecamente cattive.
  • 13:45 - 13:49
    Entrambi sono in grado
    di far prosperare o nuocere.
  • 13:49 - 13:54
    Ma le aziende comprensibilmente agiscono
    per promuovere i loro interessi economici,
  • 13:55 - 14:01
    e lo fanno alternativamente
    a spese o a favore del bene comune.
  • 14:01 - 14:05
    Ma è responsabilità dei governi
  • 14:05 - 14:08
    proteggere e promuovere il bene comune.
  • 14:08 - 14:11
    E dovremmo insistere
  • 14:11 - 14:14
    che loro lottino per farlo.
  • 14:15 - 14:17
    Perché i governi
  • 14:17 - 14:19
    sono i garanti
  • 14:20 - 14:21
    della salute pubblica;
  • 14:22 - 14:25
    i governi sono i garanti
  • 14:25 - 14:27
    dell'ambiente;
  • 14:27 - 14:28
    e sono i governi
  • 14:28 - 14:30
    che sono garanti
  • 14:30 - 14:35
    di queste parti essenziali
    del nostro bene comune.
  • 14:36 - 14:37
    Grazie.
  • 14:37 - 14:41
    (Applausi)
Title:
I governi dovrebbero entrare in conflitto con le aziende, non collaborare con loro
Speaker:
Jonathan Marks
Description:

Il conflitto è un male; il compromesso, il consenso e la collaborazione vanno bene, o perlomeno così ci dicono. L'avvocato ed esperto in bioetica Jonathan Marks sfida questo senso comune, mostrando come i governi possono mettere a repentaglio salute pubblica, diritti umani e ambiente quando collaborano con l'industria. Un importante e quanto meno tempestivo richiamo al fatto che bene comune e terreno comune non sono la stessa cosa.

more » « less
Video Language:
English
Team:
TED
Project:
TEDTalks
Duration:
14:56

Italian subtitles

Revisions