Return to Video

Julie Mehretu: Politicized Landscapes | Art21 "Extended Play"

  • 0:14 - 0:20
    [Julie Mehretu: Paesaggi Politicizzati]
  • 0:20 - 0:23
    Al mondo non c'è niente come il paesaggio
  • 0:27 - 0:30
    Il paesaggio reale è reso politico
  • 0:30 - 0:31
    dagli eventi che vi hanno luogo.
  • 0:33 - 0:36
    E non credo che per me sia possibile
  • 0:36 - 0:39
    arrivare a pensare al paesaggio americano
  • 0:39 - 0:41
    senza pensare alla storia coloniale,
  • 0:41 - 0:44
    e quindi alla violenza coloniale di quell'America.
  • 0:50 - 0:51
    Il movimento abolizionista,
  • 0:52 - 0:53
    la Guerra Civile,
  • 0:53 - 0:55
    i passi verso l'emancipazione,
  • 0:57 - 1:00
    sono tutte dinamiche sociali della storia,
  • 1:00 - 1:02
    di cui non parliamo,
  • 1:02 - 1:05
    quando guardiamo i dipinti paesaggistici americani.
  • 1:05 - 1:08
    Cosa significa dipingere un paesaggio
  • 1:08 - 1:10
    e provare ad essere un artista
  • 1:10 - 1:12
    in questo momento politico?
  • 1:17 - 1:20
    I colori di questi dipinti arrivano da
  • 1:20 - 1:20
    opache fotografie sotto i dipinti.
  • 1:25 - 1:28
    Le sirene e le fiamme delle rivolte raziali
  • 1:28 - 1:31
    erano un modo per unire i dipinti al DNA,
  • 1:31 - 1:34
    così da rispondere profondamente
  • 1:38 - 1:41
    Salgo a dare un'occhiata
  • 1:45 - 1:47
    Sì, sono emozionata!
  • 1:47 - 1:49
    [risate]
  • 1:58 - 1:59
    Mi ha contattata Marian Goodman
  • 1:59 - 2:03
    per dirmi che SFMOMA voleva parlare di una commissione
  • 2:03 - 2:05
    prima che venisse aperto il museo.
  • 2:07 - 2:09
    Sono andata molte volte a San Francisco
  • 2:09 - 2:11
    a visitare il Museo.
  • 2:12 - 2:15
    Osservavo questo spazio cavernoso, ed aperto
  • 2:15 - 2:16
    questi due muri.
  • 2:17 - 2:19
    E ho pensato ai parchi naturali
  • 2:20 - 2:21
    e a come viene rappresentato
  • 2:21 - 2:23
    il paesaggio americano.
  • 2:23 - 2:25
    E soprattutto quando sono tornata
  • 2:25 - 2:26
    ho continuato a pensare ai pittori della
  • 2:26 - 2:27
    Hudson River Valley School
  • 2:27 - 2:29
    come Edwin Church
  • 2:29 - 2:31
    Thomas Cole,
  • 2:31 - 2:32
    Bierstadt.
  • 2:32 - 2:33
    perchè riescono a racchiudere
  • 2:33 - 2:36
    l'idea di andare verso ovest.
  • 2:37 - 2:39
    Ho cominciato inserire di immagini dai colori
  • 2:39 - 2:43
    offuscati dentro questi dipinti di paesaggi storici.
  • 2:47 - 2:50
    Appena precedenti all'emancipazione,
  • 2:50 - 2:52
    I Nativi Americani delle Sierras
  • 2:52 - 2:53
    e le frontiere occidentali.
  • 2:53 - 2:55
    erano completamente annichilite
  • 2:55 - 2:57
    da questo progetto espansionista.
  • 2:58 - 3:01
    La cosa interessante era questo aspetto
  • 3:01 - 3:04
    di annichilimento e subito dopo preservazione
  • 3:04 - 3:07
    che coesistono in uno stesso paesaggio.
  • 3:10 - 3:12
    San Francisco, come luogo,
  • 3:12 - 3:15
    è diventato importante per questo destino
  • 3:16 - 3:18
    di andare verso ovest.
  • 3:25 - 3:27
    [Jason Moran, compositore e pianista]
  • 3:29 - 3:29
    -- [MEHRETU] Come stai?
  • 3:30 - 3:32
    Jason Moran mi ha scritto
  • 3:32 - 3:33
    dopo aver visto alcuni dipinti,
  • 3:34 - 3:34
    e ne ha parlato come un traguardo.
  • 3:34 - 3:37
    Ed io ne ero molto interessata.
  • 3:37 - 3:38
    Così abbiamo cominciato a collaborare
  • 3:42 - 3:45
    in totale scioltezza e apertura.
  • 3:45 - 3:48
    è qualcosa di molto bello da dipingere in una chiesa.
  • 3:52 - 3:55
    è come se tutto avesse un riverbero qui,
  • 3:57 - 4:00
    una saggia energia e una saggia consapevolezza
  • 4:00 - 4:01
    e tutto ciò che è successo quest'anno
  • 4:01 - 4:03
    nella mia vita privata,
  • 4:03 - 4:06
    con mio figlio, con la politica.
  • 4:06 - 4:09
    Tutto questo è immerso nei dipinti.
  • 4:10 - 4:13
    [Piano elettrico]
  • 4:14 - 4:17
    Gli omicidi brutali di persone di colore,
  • 4:28 - 4:31
    e il Corpo nero.
  • 4:31 - 4:33
    La dimanica Trump-Hillary,
  • 4:35 - 4:37
    è stato orribile assistere.
  • 4:38 - 4:40
    C'era qualcosa di viscerale in quel linguaggio
  • 4:41 - 4:45
    Quando una persona parla così male
  • 4:46 - 4:50
    è davvero da disgraziati.
  • 4:50 - 4:52
    Lo sconforto di vivere e lavorare negli USA
  • 4:55 - 5:00
    dal luogo che ha creato questi dipinti.
  • 5:00 - 5:03
    [Piano elettrico]
  • 5:04 - 5:08
    [JASON MORAN] Ogni stanza definisce un tono
  • 5:26 - 5:29
    e rimane il tono della stanza.
  • 5:29 - 5:31
    E' il tono che la fa risuonare.
  • 5:33 - 5:35
    Ho iniziato a trovarne nella nota A-flat.
  • 5:36 - 5:39
    Ho iniziato a costruirci intorno,
  • 5:45 - 5:47
    e poi, solo ogni tanto,
  • 5:47 - 5:49
    guardavo in alto, a che punto era Julia
  • 5:49 - 5:50
    con il suo lavoro.
  • 5:50 - 5:51
    Poi ho iniziato
  • 5:51 - 5:54
    a guardare i miei fogli
  • 5:54 - 5:54
    non come qualcosa che avesse
  • 5:54 - 5:56
    un inizio e una fine,
  • 5:56 - 5:59
    ma composto da momenti diversi.
  • 5:59 - 6:03
    Ho creato una parte dove ognuno
  • 6:03 - 6:06
    può portarsi via qualcosa.
  • 6:07 - 6:10
    [RISATE]
  • 6:10 - 6:12
    Così vi ho resi partecipi,
  • 6:12 - 6:14
    del tipo "me lo porto via"
  • 6:14 - 6:16
    [MEHRETU RIDE]
  • 6:18 - 6:18
    [MORAN] L'America è un paese anncora adolescente.
  • 6:18 - 6:22
    Non sa come gestire le sue emozioni.
  • 6:22 - 6:24
    [RISATE]
  • 6:24 - 6:25
    Non sa come gestire la sua storia.
  • 6:25 - 6:27
    Non vuole scavare e scoprire
  • 6:27 - 6:29
    che reperti ci sono sottoterra.
  • 6:29 - 6:31
    Il Jazz, dico sempre che è la musica
  • 6:31 - 6:35
    che fa sapere alla gente cosa succede.
  • 6:35 - 6:38
    E' sempre stato così.
  • 6:39 - 6:41
    [Suona un piano elettrico]
  • 6:41 - 6:43
    Abbiamo registrato la musica perchè
  • 6:46 - 6:48
    dobbiamo documentare quel momento
  • 6:48 - 6:49
    e condividere il momento.
  • 6:49 - 6:51
    [MEHRETU] Provo a pensare ai dipinti come
  • 6:56 - 7:00
    la costruzione o la creazione di un'immagine.
  • 7:00 - 7:01
    Gestire situazioni per cui non abbiamo
  • 7:01 - 7:02
    un linguaggio propio.
  • 7:02 - 7:03
    Ho iniziato a pensarli come
  • 7:03 - 7:06
    dei neologismo visuali.
  • 7:06 - 7:09
    Neologismo indica che il linguaggio
  • 7:09 - 7:12
    non è sufficiente.
  • 7:12 - 7:15
    Attraverso la ripetizione
  • 7:19 - 7:21
    c'è il desiderio di inventare qualcosa.
  • 7:21 - 7:23
    A un certo punto, ho voluto portare in superficie
  • 7:30 - 7:33
    elementi che stavano sotto la pittura,
  • 7:38 - 7:39
    E' ancora più complicato, a livello di spazio,
  • 7:39 - 7:42
    come li vedi.
  • 7:42 - 7:46
    Quando guardi questi dipinti
  • 7:46 - 7:49
    non li puoi comprendere.
  • 7:51 - 7:53
    A volte si rifanno all'Ascensione
  • 7:53 - 7:56
    della pittura rinascimentale,
  • 7:56 - 8:00
    e quei momenti sembrano poi digitalizzati.
  • 8:00 - 8:03
    Almeno io, non li sento come qualcosa
  • 8:04 - 8:06
    che posso articolare rispetto a ciò che succede.
  • 8:06 - 8:09
    [Musica Jazz]
  • 8:13 - 8:16
    Amo la California.
  • 8:23 - 8:24
    Lo splendore della costa
  • 8:24 - 8:27
    e come accoglie l'oceano.
  • 8:27 - 8:32
    Guidare nella Bay Area è maestoso.
  • 8:32 - 8:36
    [Museo di Arte Moderna di San Francisco]
  • 8:37 - 8:40
    Sento di voler dipingere ancora tanto,
  • 8:54 - 8:56
    perchè ho imparato tanto dipingendo questi.
  • 8:56 - 9:00
    Non voglio pause o smettere di lavorare.
  • 9:04 - 9:08
    Finire questi da molto slancio creativo.
  • 9:08 - 9:13
    [Applausi]
  • 9:21 - 9:25
    Ho molte idee che voglio approfondire,
  • 9:28 - 9:31
    sono molto emozionata.
Title:
Julie Mehretu: Politicized Landscapes | Art21 "Extended Play"
Description:

more » « less
Video Language:
English
Team:
Art21
Project:
"Extended Play" series
Duration:
09:55

Italian subtitles

Incomplete

Revisions Compare revisions