Return to Video

Stephen Coleman: I pericoli morali delle armi non letali

  • 0:00 - 0:02
    Ciò di cui voglio parlare oggi
  • 0:02 - 0:06
    sono alcuni dei problemi che gli eserciti del mondo occidentale --
  • 0:06 - 0:09
    Australia, Stati Uniti, Regno Unito e così via --
  • 0:09 - 0:11
    si trovano ad affrontare in alcune
  • 0:11 - 0:14
    delle operazioni che sono chiamati a svolgere oggigiorno.
  • 0:14 - 0:16
    Se pensate alle missioni
  • 0:16 - 0:19
    in cui abbiamo inviato i militari australiani negli ultimi anni,
  • 0:19 - 0:22
    alcune aree sono ovvie, come l'Iraq e l'Afghanistan,
  • 0:22 - 0:24
    ma ci sono anche posti come Timor Est
  • 0:24 - 0:26
    e le Isole Solomon e così via.
  • 0:26 - 0:28
    E molte di queste operazioni
  • 0:28 - 0:31
    in cui stiamo attualmente inviando personale militare
  • 0:31 - 0:33
    non sono guerre tradizionali.
  • 0:33 - 0:35
    In realtà, molte missioni
  • 0:35 - 0:38
    richieste al personale militare in queste circostanze
  • 0:38 - 0:41
    sono missioni in cui, nei propri paesi, in Australia, negli Stati Uniti e così via,
  • 0:41 - 0:44
    vengono normalmente svolte dalla polizia.
  • 0:44 - 0:46
    C'è quindi una serie di problemi che si presenta
  • 0:46 - 0:48
    al personale militare in queste situazioni,
  • 0:48 - 0:51
    perché fanno cose per cui in realtà non sono stati addestrati,
  • 0:51 - 0:53
    e fanno cose
  • 0:53 - 0:56
    che chi fa nei propri paesi
  • 0:56 - 0:58
    è addestrato a fare in maniera diversa
  • 0:58 - 1:00
    e con equipaggiamenti diversi.
  • 1:00 - 1:02
    Ci sono una serie di ragioni per cui
  • 1:02 - 1:04
    inviamo personale militare
  • 1:04 - 1:06
    piuttosto che la polizia a fare questi lavori.
  • 1:06 - 1:09
    Se, per esempio, domani l'Australia dovesse inviare
  • 1:09 - 1:11
    un migliaio di persone in Papua Occidentale,
  • 1:11 - 1:13
    non abbiamo mille agenti di polizia che non hanno niente da fare, e
  • 1:13 - 1:15
    che potrebbero partire domani,
  • 1:15 - 1:17
    mentre invece un migliaio di soldati potrebbero andare.
  • 1:17 - 1:20
    Quindi, quando dobbiamo inviare qualcuno, inviamo l'esercito --
  • 1:20 - 1:22
    perché sono lì, sono disponibili
  • 1:22 - 1:24
    e, diamine, sono abituati a partire e fare queste cose
  • 1:24 - 1:26
    e a cavarsela da soli,
  • 1:26 - 1:28
    senza supporto esterno.
  • 1:28 - 1:30
    Quindi, in quel senso, sono capaci di farlo.
  • 1:30 - 1:33
    Ma non sono addestrati come lo sono gli agenti di polizia
  • 1:33 - 1:36
    e certamente non sono equipaggiati come lo è la polizia.
  • 1:36 - 1:38
    E questo ha fatto emergere una serie di problemi
  • 1:38 - 1:40
    di fronte a questo tipo di questioni.
  • 1:40 - 1:42
    Una cosa in particolare che è emersa,
  • 1:42 - 1:44
    che mi interessa particolarmente,
  • 1:44 - 1:46
    è sapere se,
  • 1:46 - 1:48
    quando inviamo l'esercito a effettuare quel tipo di lavori,
  • 1:48 - 1:50
    dovremmo dare loro equipaggiamenti diversi,
  • 1:50 - 1:52
    e in particolare, se dovremmo dare loro accesso
  • 1:52 - 1:55
    ad alcuni tipi di armi non letali che ha la polizia.
  • 1:55 - 1:57
    Visto che vanno a fare il loro stesso lavoro,
  • 1:57 - 1:59
    forse dovrebbero disporre di alcuni di questi strumenti.
  • 1:59 - 2:01
    E certamente, ci sono una serie di luoghi
  • 2:01 - 2:03
    in cui si pensa che queste cose sarebbero veramente utili.
  • 2:03 - 2:06
    Per esempio ai posti di blocco:
  • 2:06 - 2:08
    se qualcuno si avvicina a questi posti di blocco
  • 2:08 - 2:10
    e il personale militare non è sicuro
  • 2:10 - 2:12
    se si tratti di persone pericolose o meno.
  • 2:12 - 2:14
    Diciamo che questa persona si sta avvicinando,
  • 2:14 - 2:16
    e si chiedono, "È un attentatore suicida o no?
  • 2:16 - 2:18
    Ha qualcosa nascosto sotto i vestiti o no? Cosa succederà?"
  • 2:18 - 2:20
    Non sanno se questa persona sia pericolosa o meno.
  • 2:20 - 2:22
    Se questa persona non segue le istruzioni,
  • 2:22 - 2:24
    potrebbero finire per sparargli
  • 2:24 - 2:26
    e scoprire successivamente che,
  • 2:26 - 2:28
    sì, hanno ucciso la persona giusta,
  • 2:28 - 2:30
    o no, era solo una persona innocente
  • 2:30 - 2:32
    che non aveva capito cosa stesse succedendo.
  • 2:32 - 2:34
    Se avessero armi non letali
  • 2:34 - 2:36
    allora direbbero, "Possiamo usarle in questo tipo di situazione.
  • 2:36 - 2:38
    Se spariamo a qualcuno che non è pericoloso,
  • 2:38 - 2:40
    almeno non l'avremo ucciso."
  • 2:40 - 2:42
    Un'altra situazione.
  • 2:42 - 2:44
    Questa foto è di una delle missioni
  • 2:44 - 2:46
    nei Balcani alla fine degli anni '90.
  • 2:46 - 2:48
    La situazione è un po' diversa,
  • 2:48 - 2:50
    forse sanno quando qualcuno è pericoloso,
  • 2:50 - 2:52
    quando c'è qualcuno che spara
  • 2:52 - 2:55
    o compie atti visibilmente ostili, come lanciare sassi o altro.
  • 2:55 - 2:58
    Ma se reagiscono, ci sono altre persone intorno,
  • 2:58 - 3:01
    persone innocenti che potrebbero rimanere ferite --
  • 3:01 - 3:05
    danni collaterali con cui l'esercito non vuole avere a che fare.
  • 3:05 - 3:07
    Quindi ancora una volta, direbbero, "Beh, se abbiamo accesso alle armi non letali,
  • 3:07 - 3:09
    di fronte a qualcuno che sappiamo essere pericoloso,
  • 3:09 - 3:11
    possiamo affrontarlo
  • 3:11 - 3:13
    e sapere che se colpiamo altre persone intorno,
  • 3:13 - 3:15
    almeno non le uccidiamo."
  • 3:15 - 3:17
    Un altro suggerimento è stato che,
  • 3:17 - 3:19
    visto che mettiamo sul campo tanti robot,
  • 3:19 - 3:21
    i tempi sono maturi
  • 3:21 - 3:24
    per inviare sul campo robot che siano realmente autonomi.
  • 3:24 - 3:27
    Prenderanno decisioni autonome su chi colpire e chi non colpire
  • 3:27 - 3:29
    senza che esseri umani vengano coinvolti.
  • 3:29 - 3:31
    Quindi il suggerimento è,
  • 3:31 - 3:33
    se manderemo sul campo robot e permetteremo loro di fare questo,
  • 3:33 - 3:36
    forse sarebbe una buona idea, ancora una volta,
  • 3:36 - 3:38
    se fossero equipaggiati con armi non letali
  • 3:38 - 3:41
    in questo modo se il robot prende una cattiva decisione e colpisce la persona sbagliata,
  • 3:41 - 3:43
    almeno non la uccide.
  • 3:43 - 3:46
    C'è tutta una serie di armi non letali,
  • 3:46 - 3:48
    alcune delle quali sono ovviamente già disponibili,
  • 3:48 - 3:50
    mentre alcune sono in fase di sviluppo.
  • 3:50 - 3:52
    Ci sono cose tradizionali come lo spray al peperoncino,
  • 3:52 - 3:54
    il gas OC là in alto,
  • 3:54 - 3:56
    o i Taser che vedete qui.
  • 3:56 - 3:59
    Quello in alto a destra è un laser abbagliante
  • 3:59 - 4:01
    che ha lo scopo di accecare una persona momentaneamente
  • 4:01 - 4:03
    e disorientarla.
  • 4:03 - 4:05
    Ci sono munizioni non letali
  • 4:05 - 4:07
    che contengono palline di gomma
  • 4:07 - 4:09
    invece di quelle tradizionali di metallo.
  • 4:09 - 4:12
    E questa al centro, quel grosso camion,
  • 4:12 - 4:14
    si chiama Active Denial System --
  • 4:14 - 4:17
    una cosa su cui ora sta lavorando l'esercito statunitense.
  • 4:17 - 4:20
    Sostanzialmente si tratta di un grande trasmettitore di microonde.
  • 4:20 - 4:23
    È la classica idea del raggio di calore.
  • 4:23 - 4:26
    Raggiunge distanze veramente lunghe,
  • 4:26 - 4:28
    rispetto a tutte le altre armi.
  • 4:28 - 4:30
    Chiunque ne venga colpito
  • 4:30 - 4:32
    sente un'improvvisa vampata di calore
  • 4:32 - 4:34
    e vuole solo scappare da lì.
  • 4:34 - 4:37
    È molto più sofisticato di un forno a microonde,
  • 4:37 - 4:39
    ma sostanzialmente fa bollire le molecole di acqua
  • 4:39 - 4:41
    sulla superficie della pelle.
  • 4:41 - 4:43
    Quindi sentite questo gran calore,
  • 4:43 - 4:45
    e reagite pensando, "Devo togliermi di mezzo."
  • 4:45 - 4:48
    E stanno pensando che sarà molto utile
  • 4:48 - 4:50
    in posti dove c'è bisogno di disperdere una folla in una zona specifica,
  • 4:50 - 4:52
    se la folla si dimostra ostile.
  • 4:52 - 4:55
    Se c'è bisogno di tenere lontana la gente da una zona in particolare,
  • 4:55 - 4:58
    lo si può fare con questo genere di cose.
  • 4:58 - 5:00
    Ovviamente c'è tutta una serie di diverse
  • 5:00 - 5:03
    armi non letali che si potrebbero fornire ai militari,
  • 5:03 - 5:05
    e c'è tutta una serie di situazioni
  • 5:05 - 5:08
    in qui ci si dice, "Ehi, queste cose potrebbero essere veramente utili."
  • 5:08 - 5:10
    Ma come ho detto,
  • 5:10 - 5:12
    l'esercito e la polizia
  • 5:12 - 5:14
    sono molto diversi.
  • 5:14 - 5:16
    Non serve guardare lontano
  • 5:16 - 5:18
    per riconoscere che possono essere molto diversi.
  • 5:18 - 5:20
    In particolare,
  • 5:20 - 5:22
    l'atteggiamento nell'uso della forza
  • 5:22 - 5:24
    e il modo in cui sono addestrati ad usare la forza
  • 5:24 - 5:26
    sono molto diversi.
  • 5:26 - 5:28
    La polizia --
  • 5:28 - 5:31
    e lo so perché ho collaborato agli addestramenti della polizia --
  • 5:31 - 5:34
    la polizia, almeno nelle giurisdizioni occidentali,
  • 5:34 - 5:37
    è addestrata a contenere l'uso della forza,
  • 5:37 - 5:39
    a cercare di evitare l'uso della forza
  • 5:39 - 5:41
    quando possibile,
  • 5:41 - 5:43
    e usare la forza letale
  • 5:43 - 5:46
    solo come ultima risorsa.
  • 5:46 - 5:49
    Il personale militare è addestrato per la guerra,
  • 5:49 - 5:52
    sono dunque addestrati affinché, non appena le cose si mettono male,
  • 5:52 - 5:55
    la loro prima reazione sia l'uso della forza letale.
  • 5:56 - 6:00
    Quando cominciano a farsela addosso,
  • 6:00 - 6:03
    allora aprono il fuoco.
  • 6:03 - 6:05
    Dunque il loro atteggiamento
  • 6:05 - 6:07
    nei confronti dell'uso della forza letale è molto diverso,
  • 6:07 - 6:09
    e credo che sia assolutamente ovvio
  • 6:09 - 6:12
    che il loro approccio all'uso delle armi non letali
  • 6:12 - 6:15
    sarebbe altrettanto diverso da quello della polizia.
  • 6:15 - 6:17
    E visto che si sono già verificati tanti problemi
  • 6:17 - 6:20
    con l'uso delle armi non letali da parte della polizia,
  • 6:20 - 6:23
    ho pensato che sarebbe una buona idea dare un'occhiata ad alcuni di questi
  • 6:23 - 6:25
    e cercare di collegarli al contesto militare.
  • 6:25 - 6:27
    E mi ha molto sorpreso, quando ho cominciato,
  • 6:27 - 6:29
    vedere che, in realtà,
  • 6:29 - 6:32
    anche coloro che sostenevano l'uso di armi non letali da parte dei militari,
  • 6:32 - 6:34
    non l'avevano fatto.
  • 6:34 - 6:36
    Generalmente pensano,
  • 6:36 - 6:38
    "Perché dovrei preoccuparmi di quello che è successo nella polizia?
  • 6:38 - 6:40
    Stiamo considerando una cosa diversa,"
  • 6:40 - 6:42
    e sembravano non riconoscere che in realtà
  • 6:42 - 6:44
    stavano osservando più o meno la stessa cosa.
  • 6:44 - 6:46
    Quindi ho cominciato ad analizzare alcuni di questi problemi
  • 6:46 - 6:48
    e guardare
  • 6:48 - 6:51
    al modo in cui la polizia utilizza le armi non letali quando vengono introdotte
  • 6:51 - 6:53
    e ad alcuni dei problemi che posso nascere
  • 6:53 - 6:55
    dall'uso di questi oggetti
  • 6:55 - 6:57
    quando vengono introdotti.
  • 6:57 - 6:59
    E ovviamente, essendo australiano,
  • 6:59 - 7:01
    ho analizzato la situazione in Australia,
  • 7:01 - 7:04
    essendo a conoscenza delle varie occasioni in cui
  • 7:04 - 7:07
    erano state introdotte le armi non letali in Australia.
  • 7:07 - 7:09
    Una delle cose che ho osservato attentamente
  • 7:09 - 7:11
    è stato l'uso del gas OC,
  • 7:11 - 7:13
    da oleoresin capsicum, o spray al perperoncino,
  • 7:13 - 7:15
    da parte della polizia australiana,
  • 7:15 - 7:17
    e vedere quello che era successo dopo la sua introduzione,
  • 7:17 - 7:19
    e quel tipo di problemi.
  • 7:19 - 7:21
    Uno studio che ho trovato
  • 7:21 - 7:23
    particolarmente interessante,
  • 7:23 - 7:25
    proviene dal Queensland,
  • 7:25 - 7:28
    perché lì hanno inizialmente sperimentato lo spray al peperoncino
  • 7:28 - 7:31
    prima di introdurlo in maniera più ampia.
  • 7:31 - 7:34
    E sono andato a guardare qualche cifra.
  • 7:34 - 7:36
    Quando hanno introdotto il gas OC nel Queensland,
  • 7:36 - 7:38
    sono stati molto espliciti.
  • 7:38 - 7:41
    Il ministro della difesa ha fatto un mucchio di dichiarazioni pubbliche.
  • 7:41 - 7:43
    Diceva, "È progettato appositamente
  • 7:43 - 7:45
    per dare alla polizia un'opzione
  • 7:45 - 7:48
    tra urlare e sparare.
  • 7:48 - 7:51
    Lo possono usare al posto delle armi da fuoco
  • 7:51 - 7:54
    in quelle situazioni in cui prima avrebbero aperto il fuoco."
  • 7:54 - 7:57
    Allora sono andato a vedere le cifre sulle sparatorie della polizia.
  • 7:57 - 7:59
    In realtà non è così facile trovare le statistiche
  • 7:59 - 8:01
    per i singoli stati australiani.
  • 8:01 - 8:03
    Sono riuscito a trovare solo questo.
  • 8:03 - 8:05
    È un rapporto dell'Istituto di Criminologia Australiano.
  • 8:05 - 8:07
    Come potete vedere dalla stampa, se riuscite a leggere in alto:
  • 8:07 - 8:10
    "Morti da sparatorie della polizia" significa non solo le persone colpite dalla polizia,
  • 8:10 - 8:14
    ma anche persone che si sono sparate in presenza della polizia.
  • 8:14 - 8:16
    Ma queste cifre riguardano tutto il paese.
  • 8:16 - 8:18
    La freccia rossa rappresenta il momento
  • 8:18 - 8:20
    in cui il Queensland ha detto,
  • 8:20 - 8:23
    "Si, ora metteremo a disposizione di tutti gli agenti di polizia dello stato
  • 8:23 - 8:25
    il gas OC."
  • 8:25 - 8:28
    Dunque, vedete, fino a quel momento c'erano stati sei morti
  • 8:28 - 8:30
    all'anno per un certo numero di anni.
  • 8:30 - 8:32
    C'è stato un picco, certamente, qualche anno prima,
  • 8:32 - 8:34
    ma in realtà non era nel Queensland.
  • 8:34 - 8:37
    Qualcuno di voi sa dove? Non era Port Arthur, no.
  • 8:37 - 8:39
    Victoria? Esatto.
  • 8:39 - 8:42
    Quel picco è tutto nel Victoria.
  • 8:42 - 8:44
    Quindi non era Queensland che aveva un problema
  • 8:44 - 8:48
    di vittime da sparatorie della polizia.
  • 8:48 - 8:50
    Sei sparatorie in tutto il paese,
  • 8:50 - 8:52
    e circa lo stesso numero negli anni precedenti.
  • 8:52 - 8:55
    I due anni successivi sono quelli analizzati -- il 2001 e il 2002.
  • 8:55 - 8:58
    Qualcuno vuole provare a dire quante volte,
  • 8:58 - 9:00
    considerando il modo in cui è stato introdotto il gas,
  • 9:00 - 9:03
    quante volte la polizia del Queensland ha usato il gas OC in quel periodo?
  • 9:03 - 9:05
    Centinaia? Una, tre.
  • 9:05 - 9:08
    Migliaia è meglio.
  • 9:10 - 9:12
    Appositamente introdotto
  • 9:12 - 9:14
    come alternativa all'uso della forza letale --
  • 9:14 - 9:17
    un'alternativa tra urlare e sparare.
  • 9:17 - 9:19
    Ora mi metterò nei guai
  • 9:19 - 9:22
    dicendo che se la polizia di Queensland non avesse avuto il gas OC,
  • 9:22 - 9:25
    non avrebbe colpito 2226 persone
  • 9:25 - 9:28
    in questi due anni.
  • 9:28 - 9:30
    In realtà, se guardate
  • 9:30 - 9:32
    agli studi che stavamo osservando,
  • 9:32 - 9:35
    il materiale che stavano raccogliendo ed esaminando,
  • 9:35 - 9:38
    vedrete che i sospetti erano armati
  • 9:38 - 9:40
    solo nel 15% dei casi
  • 9:40 - 9:42
    in cui il gas OC è stato usato.
  • 9:42 - 9:45
    Veniva usato regolarmente in quel periodo,
  • 9:45 - 9:47
    e, ovviamente, lo è ancora --
  • 9:47 - 9:49
    perché nessuno si lamentava,
  • 9:49 - 9:52
    e comunque non nel contesto di questo studio --
  • 9:52 - 9:54
    veniva usato regolarmente
  • 9:54 - 9:56
    per contrastare le persone violente,
  • 9:56 - 9:58
    quelle potenzialmente violente,
  • 9:58 - 10:00
    e di frequente anche quelle
  • 10:00 - 10:02
    che facevano semplicemente
  • 10:02 - 10:06
    resistenza passiva.
  • 10:06 - 10:08
    Queste persone non sono violente,
  • 10:08 - 10:10
    ma non fanno quello che gli si dice.
  • 10:10 - 10:12
    Non ubbidiscono ai comandi che vengono loro dati,
  • 10:12 - 10:14
    perciò gli si dà una bella spruzzata di gas OC.
  • 10:14 - 10:18
    Li scuoterà un po'. Così tutto andrà meglio.
  • 10:18 - 10:20
    È stato introdotto appositamente
  • 10:20 - 10:22
    per essere un'alternativa alle armi da fuoco,
  • 10:22 - 10:24
    ma viene usato regolarmente
  • 10:24 - 10:26
    per trattare tutta una serie
  • 10:26 - 10:28
    di altri problemi.
  • 10:28 - 10:30
    Un problema particolare che emerge
  • 10:30 - 10:33
    dall'uso militare delle armi non letali --
  • 10:33 - 10:36
    e con la gente che dice, "Beh, potrebbero esserci dei problemi" --
  • 10:36 - 10:39
    ci sono un paio di problemi in particolare su cui concentrarsi.
  • 10:39 - 10:41
    Uno di questi problemi
  • 10:41 - 10:44
    è che si potrebbero usare le armi non letali in modo indiscriminato.
  • 10:44 - 10:47
    Uno dei principi fondamentali dell'uso militare della forza
  • 10:47 - 10:49
    è che bisogna saper discriminare.
  • 10:49 - 10:52
    Bisogna stare attenti a chi si spara.
  • 10:52 - 10:55
    Quindi uno dei problemi che emerge con le armi non letali
  • 10:55 - 10:57
    è che possono essere usate in maniera indiscriminata --
  • 10:57 - 10:59
    che le si usa contro tutta una serie di persone
  • 10:59 - 11:02
    perché non c'è bisogno di preoccuparsi più di tanto.
  • 11:02 - 11:04
    Infatti un caso particolare
  • 11:04 - 11:06
    in cui penso che si possa vedere
  • 11:06 - 11:09
    è ciò che è accaduto nel Teatro Dubrovka di Mosca nel 2002,
  • 11:09 - 11:11
    che probabilmente molti di voi, contrariamente a molti studenti dell'ADFA,
  • 11:11 - 11:13
    sono abbastanza grandi da ricordare.
  • 11:13 - 11:16
    I Ceceni erano entrati nel teatro e ne avevano preso il controllo.
  • 11:16 - 11:19
    Tenevano in ostaggio qualcosa come 700 persone.
  • 11:19 - 11:21
    Avevano rilasciato un po' di persone,
  • 11:21 - 11:24
    ma avevano ancora circa 700 ostaggi.
  • 11:24 - 11:27
    E la polizia militare russa,
  • 11:27 - 11:29
    le forze speciali, gli Spetsnaz,
  • 11:29 - 11:31
    erano entrate prendendo d'assalto il teatro.
  • 11:31 - 11:34
    E prima di farlo avevano riempito il teatro di gas anestetico.
  • 11:34 - 11:36
    E si è scoperto
  • 11:36 - 11:39
    che molti degli ostaggi sono morti
  • 11:39 - 11:42
    per inalazione del gas.
  • 11:42 - 11:44
    È stato usato indiscriminatamente.
  • 11:44 - 11:47
    Hanno pompato gas in tutto il teatro.
  • 11:47 - 11:49
    E non sorprende che la gente sia morta,
  • 11:49 - 11:51
    perché non si sa quanto di quel gas
  • 11:51 - 11:53
    viene inalato da ogni individuo,
  • 11:53 - 11:55
    in che posizione cadono
  • 11:55 - 11:57
    quando perdono coscienza e così via.
  • 11:57 - 12:00
    In realtà avevano sparato solo a un paio di persone
  • 12:00 - 12:02
    in quell'episodio.
  • 12:02 - 12:04
    Dopo, quando sono andati a controllare,
  • 12:04 - 12:06
    c'erano solo un paio di persone
  • 12:06 - 12:08
    che apparentemente erano state uccise dagli ostaggi
  • 12:08 - 12:10
    o dalle forze di polizia,
  • 12:10 - 12:12
    entrate per cercare di gestire la situazione.
  • 12:12 - 12:14
    Virtualmente tutti coloro che sono stati uccisi
  • 12:14 - 12:16
    sono stati uccisi dall'inalazione di gas.
  • 12:16 - 12:18
    Il conteggio finale delle vittime
  • 12:18 - 12:20
    è poco chiaro,
  • 12:20 - 12:22
    ma è certamente un po' più di così,
  • 12:22 - 12:24
    perché altre persone sono morte nei giorni successivi.
  • 12:24 - 12:26
    Quindi questo era un particolare problema di cui si parlava:
  • 12:26 - 12:28
    che il gas potesse essere usato indiscriminatamente.
  • 12:28 - 12:30
    Secondo problema di cui talvolta si parla
  • 12:30 - 12:32
    riguardo all'uso militare delle armi non letali,
  • 12:32 - 12:35
    ed è il motivo indicato nella convenzione sull'uso delle armi chimiche,
  • 12:35 - 12:37
    che non si possono usare dispositivi per il controllo delle sommosse
  • 12:37 - 12:39
    come arma di guerra,
  • 12:39 - 12:42
    il problema che emerge è che a volte
  • 12:42 - 12:45
    le armi non letali potrebbero essere usate, non come alternativa alla forza letale,
  • 12:45 - 12:48
    ma come moltiplicatore della forza letale --
  • 12:48 - 12:50
    utilizzando prima armi non letali
  • 12:50 - 12:53
    in modo che le armi letali siano più efficaci.
  • 12:53 - 12:55
    Le persone a cui si vuole sparare
  • 12:55 - 12:57
    non saranno in grado di scappare.
  • 12:57 - 13:00
    Non capiranno più cosa stia succedendo, e si potranno uccidere più facilmente.
  • 13:00 - 13:03
    E infatti è esattamente quello che è successo qui.
  • 13:03 - 13:06
    I sequestratori, resi incoscienti dal gas,
  • 13:06 - 13:08
    non sono stati arrestati,
  • 13:08 - 13:11
    ma sono stati uccisi con un colpo alla testa.
  • 13:11 - 13:13
    Quindi questa arma non letale
  • 13:13 - 13:15
    è stata usata, di fatto, in questo caso,
  • 13:15 - 13:18
    come moltiplicatore di forza letale
  • 13:18 - 13:20
    per uccidere più efficacemente
  • 13:20 - 13:23
    in questa particolare situazione.
  • 13:23 - 13:25
    Un altro problema a cui voglio accennare brevemente
  • 13:25 - 13:27
    è che ci sono un mucchio di problemi
  • 13:27 - 13:29
    sul modo in cui viene insegnato alla gente
  • 13:29 - 13:31
    l'uso delle armi non letali,
  • 13:31 - 13:33
    sul loro addestramento e su come vengono esaminate.
  • 13:33 - 13:36
    Perché le prove avvengono in ambienti tranquilli e sicuri.
  • 13:36 - 13:39
    E vengono addestrate ad usarle in ambienti sicuri e tranquilli
  • 13:39 - 13:42
    come questo, dove si vede esattamente quello che succede.
  • 13:42 - 13:45
    La persona che spruzza gas OC indossa un guanto in gomma
  • 13:45 - 13:47
    per assicurarsi di non rimanere contaminata.
  • 13:47 - 13:49
    Ma non vengono mai usate in questo modo.
  • 13:49 - 13:51
    Vengono usate nel mondo reale,
  • 13:51 - 13:55
    come in Texas, come questo. [Poliziotto stordisce bisnonna con il taser durante blocco del traffico]
  • 13:55 - 13:58
    Confesso, questo caso specifico
  • 13:58 - 14:00
    è un caso che ha suscitato il mio interesse.
  • 14:00 - 14:03
    È successo mentre lavoravo come ricercatore all'Accademia Navale degli Stati Uniti.
  • 14:03 - 14:06
    I notiziari parlavano di questo caso,
  • 14:06 - 14:09
    della signora che stava discutendo con un poliziotto.
  • 14:09 - 14:11
    Non era violenta.
  • 14:11 - 14:13
    In realtà, lui era forse 15 cm più alto di me,
  • 14:13 - 14:16
    e lei era alta più o meno così.
  • 14:16 - 14:18
    E alla fine lei gli dice:
  • 14:18 - 14:20
    "Bene, adesso tornerò in macchina."
  • 14:20 - 14:22
    E lui: "Se torna in macchina, userò il taser."
  • 14:22 - 14:25
    E lei dice: "Oh, bene, lo faccia pure". E così lui lo usa.
  • 14:25 - 14:27
    E tutto viene registrato dalla telecamera
  • 14:27 - 14:31
    dell'auto della polizia.
  • 14:31 - 14:34
    Lei aveva 72 anni,
  • 14:34 - 14:38
    e certo quello non era il modo più adatto per risolvere il problema.
  • 14:38 - 14:40
    E ci sono altri esempi analoghi
  • 14:40 - 14:42
    con altre persone che ci fanno dire:
  • 14:42 - 14:45
    "È questo il modo più appropriato di usare le armi non letali?"
  • 14:45 - 14:47
    "Capo della polizia stordisce con il Taser una ragazzina di 14 anni."
  • 14:47 - 14:50
    "Stava scappando. Cos'altro avrei dovuto fare?"
  • 14:50 - 14:53
    (Risate)
  • 14:53 - 14:55
    O in Florida:
  • 14:55 - 14:58
    "Poliziotto usa il Taser alle elementari su un bimbo di sei anni".
  • 14:58 - 15:00
    E chiaramente è servito loro di lezione
  • 15:00 - 15:02
    perché nello stesso distretto,
  • 15:02 - 15:04
    "La polizia rivede il regolamento dopo lo stordimento di un bambino:
  • 15:04 - 15:07
    secondo bambino stordito da un Taser in poche settimane."
  • 15:07 - 15:09
    Stesso distretto di polizia.
  • 15:09 - 15:12
    Dopo il bambino di sei anni, un altro bambino colpito dal Taser in poche settimane.
  • 15:12 - 15:14
    Solo nel caso pensiate
  • 15:14 - 15:16
    che questo succede solo negli Stati Uniti,
  • 15:16 - 15:18
    è successo anche in Canada.
  • 15:18 - 15:20
    E un mio collega
  • 15:20 - 15:22
    mi ha inviato questo da Londra.
  • 15:22 - 15:25
    Ma quello che preferisco, lo confesso,
  • 15:25 - 15:28
    viene dagli Stati Uniti;
  • 15:28 - 15:31
    "Ufficiale stordisce nel letto una donna disabile di 86 anni."
  • 15:31 - 15:35
    Ho controllato il rapporti.
  • 15:35 - 15:38
    Li ho visti. Sono rimasto sorpreso.
  • 15:38 - 15:41
    Sembra che a letto assumesse una posizione più minacciosa.
  • 15:41 - 15:43
    (Risate)
  • 15:43 - 15:45
    Non scherzo. È esattamente quello che ho detto.
  • 15:45 - 15:48
    "A letto assumeva una posizione più minacciosa."
  • 15:48 - 15:50
    Ok.
  • 15:50 - 15:52
    Ma vorrei ricordarvi quello di cui sto parlando,
  • 15:52 - 15:54
    sto parlando dell'uso militare delle armi non letali.
  • 15:54 - 15:56
    Allora perché questo è rilevante?
  • 15:56 - 15:58
    Perché la polizia è molto più contenuta nell'uso della forza
  • 15:58 - 16:00
    rispetto all'esercito.
  • 16:00 - 16:03
    È addestrata ad essere più contenuta nell'uso della forza rispetto all'esercito.
  • 16:03 - 16:06
    Sono addestrati a pensare di più, a cercare di trattenersi.
  • 16:06 - 16:09
    Quindi se ci sono questi problemi con gli ufficiali di polizia con le armi non letali,
  • 16:09 - 16:11
    cosa diavolo vi potrebbe far pensare
  • 16:11 - 16:14
    che il personale militare si comporterebbe meglio?
  • 16:15 - 16:18
    L'ultima cosa che vorrei dire,
  • 16:18 - 16:20
    quando parlo con la polizia
  • 16:20 - 16:22
    di quale potrebbe essere l'arma non letale perfetta,
  • 16:22 - 16:24
    inevitabilmente dicono la stessa cosa.
  • 16:24 - 16:27
    Dicono: "Deve essere qualcosa di abbastanza terribile
  • 16:27 - 16:29
    per cui la gente non vuole esserne colpita.
  • 16:29 - 16:31
    Così che se minacci di usarla
  • 16:31 - 16:34
    la gente obbedisce,
  • 16:34 - 16:36
    ma deve anche essere qualcosa
  • 16:36 - 16:40
    che non lasci effetti di lunga durata."
  • 16:40 - 16:43
    In altre parole, l'arma non letale perfetta
  • 16:43 - 16:45
    è quella di cui si possa abusare.
  • 16:45 - 16:47
    Cosa avrebbero fatto questi ragazzi
  • 16:47 - 16:49
    se avessero avuto accesso ai Taser
  • 16:49 - 16:51
    o ad una versione portatile
  • 16:51 - 16:53
    dell'Active Denial System --
  • 16:53 - 16:56
    un piccolo raggio di calore che si possa usare sulle persone
  • 16:56 - 16:58
    senza preoccupazioni.
  • 16:58 - 17:01
    Credo quindi che ci sono casi in cui
  • 17:01 - 17:03
    le armi non letali possano essere fantastiche in queste situazioni,
  • 17:03 - 17:05
    ma c'è anche una serie di problematiche
  • 17:05 - 17:07
    che vanno considerate.
  • 17:07 - 17:09
    Grazie infinite.
  • 17:09 - 17:11
    (Applausi)
Title:
Stephen Coleman: I pericoli morali delle armi non letali
Speaker:
Stephen Coleman
Description:

Spray al peperoncino e taser vengono sempre di più utilizzati sia dalla polizia che dall'esercito, e sono allo studio altre armi esotiche non letali come i raggi di calore. A TEDxCanberra, lo studioso di etica Stephen Coleman esplora le conseguenze inaspettate della loro introduzione e pone delle domande stimolanti.

more » « less
Video Language:
English
Team:
TED
Project:
TEDTalks
Duration:
17:11
Anna Cristiana Minoli added a translation

Italian subtitles

Revisions