Return to Video

PiratePad - concetti - generali

  • 0:01 - 0:04
    [Andreas Formiconi] Vediamo un pochino come funziona PiratePad -
  • 0:04 - 0:05
    due-tre cose.
  • 0:05 - 0:09
    Noi l'abbiamo usato per buttare giù i nostri appunti correnti, qui.
  • 0:09 - 0:13
    Ecco, questo è il nostro pad, PiratePad.
  • 0:13 - 0:14
    "A che serve?" dite voi.
  • 0:14 - 0:17
    Eh! Come, "a che serve"?
  • 0:17 - 0:18
    A questo.
  • 0:19 - 0:21
    Cioè vi sembra normale che sia così facile
  • 0:21 - 0:26
    scrivere tutti quello che si vuole in uno stesso testo,
  • 0:26 - 0:28
    in maniera così immediata?
  • 0:29 - 0:33
    Questo è un esempio di scrittura collaborativa.
  • 0:33 - 0:37
    "A che serve, in questo specifico caso?" voi dite.
  • 0:37 - 0:38
    Beh, è quello che si è detto:
  • 0:38 - 0:43
    a avere una specie di lavagnetta attaccata nelll'aula,
  • 0:43 - 0:47
    in cui si scrivono gli appunti correnti, veloci,
  • 0:47 - 0:51
    quelli dove può far comodo farci un commento sotto,
  • 0:51 - 0:56
    cioè un... cioè un misto di composizione di testo e di dialogo sul testo medesimo.
  • 0:56 - 1:03
    Un... proprio una sabbiera, un posto dove si lavora, si fa il lavoro quotidiano.
  • 1:03 - 1:06
    Twitter è una cosa analoga se vogliamo,
  • 1:06 - 1:11
    nel senso che lì si discute, ci scambiamo pensieri veloci.
  • 1:11 - 1:17
    Qui, sono più la composizione di un testo, di cui rimane traccia.
  • 1:17 - 1:20
    Cioè io posso fare un elenco: le cose non vorrei dimenticare:
  • 1:20 - 1:23
    vorrei fare il video su questo, che sto facendo, forse;
  • 1:24 - 1:26
    parlare di quest'altro argomento, di quest'altro.
  • 1:26 - 1:29
    Ecco che qualcuno mi ha suggerito "Ma io vorrei i Cloud" .
  • 1:29 - 1:31
    Bene, è stato aggiunto.
  • 1:31 - 1:32
    "Problemi irrisolti"
  • 1:32 - 1:36
    Eh, ti è venuto spontaneo farlo: a questo serve, semplicemente.
  • 1:36 - 1:41
    Con l'occasione vorrei invitarvi a concentrare sull'essenza
  • 1:41 - 1:43
    di quello che consente di fare uno strumento
  • 1:43 - 1:47
    e di uscire dalla logica "tutte le sue potenzialità".
  • 1:47 - 1:49
    È perdente questa logica.
  • 1:49 - 1:55
    È una logica che poteva andar bene quando gli strumenti erano molto semplici:
  • 1:55 - 1:56
    il telefono di bachelite,
  • 1:56 - 1:59
    quello in cui si faceva il numero e si parlava.
  • 1:59 - 2:02
    Dimmi come si fa a telefonare. E si era detto praticamente a tutti.
  • 2:02 - 2:10
    Con strumenti così - ma il vostro stesso computer, tutto pieno di tasti dalle infinite combinazioni,
  • 2:10 - 2:15
    questi schermi che possono sempre cambiare: basta fare un clic e cambia tutto.
  • 2:15 - 2:24
    Cioè questa è la macchina, cioè l'insieme di Internet e di tutti i modi con cui ci si può accedere,
  • 2:24 - 2:31
    dal più piccolo dei cellulari, con gli SMS e twitter allo smartphone, ai vari tablet, ai vari PC:
  • 2:31 - 2:36
    questo insieme lo potremmo definire la macchina dagli infiniti comandi.
  • 2:36 - 2:40
    Non potete voi entrare in queste cose con l'idea:
  • 2:40 - 2:43
    "Voglio sapere tutte le sue potenzialità."
  • 2:43 - 2:47
    Dovete invece fare il contrario, capire l'essenza,
  • 2:47 - 2:51
    a che serve fondamentalmente quel software,
  • 2:51 - 2:55
    quel servizio, quell'accrocchio, quella cosa.
  • 2:55 - 2:59
    "Bene, su quello mi concentro, e quello comincio a usare."
  • 2:59 - 3:05
    Nell'usarlo, vi verranno delle necessità, vi verranno delle curiosità.
  • 3:05 - 3:09
    Magari le apprenderete da qualcuno, ci inciampate per caso.
  • 3:09 - 3:14
    E se ne avete bisogno, andate a cercare, cominciate a provare i vari comandi,
  • 3:14 - 3:16
    cosa fa questo, cosa fa quest'altro.
  • 3:16 - 3:18
    Se c'è un help, lo cercate,
  • 3:18 - 3:22
    se c'è un amico che ne sa di più, ci ha più esperienza, glielo chiedete,
  • 3:22 - 3:26
    o cercate in Google: abituatevi a cercare in Google,
  • 3:26 - 3:29
    tipo 'PiratePad save', per dire.
  • 3:29 - 3:33
    È così che si fa, e piano piano, la vostra conoscenza aumenta.
  • 3:33 - 3:38
    Sarebbe come se io volessi conoscere un bosco e dicessi:
  • 3:38 - 3:45
    "Io non ci voglio entrare finché non mi dai la lista completa di tutti gli alberi che ha."
  • 3:45 - 3:46
    Ma sarebbe una follia!
  • 3:46 - 3:50
    Cioè, te c'entri e dici: "Ma che bello, questo bosco."
  • 3:50 - 3:55
    Cosa fai, quindi, per conoscerlo? Ci passeggi, ti guardi attorno.
  • 3:55 - 4:00
    E magari, quando vai via, ti ricordi un albero, ti ricordi un altro, ti ricordi quel sasso,
  • 4:00 - 4:04
    hai vis... ti ricordi che là c'era lo scoiattolo e dall'altra parte è cresciuto il funghetto.
  • 4:04 - 4:12
    E questo, piano piano, forma in te un'immagine più ricca e completa e viva di quel bosco.
  • 4:12 - 4:18
    Se la vita ti consente di ritornarci, piano piano quel bosco, alla fine,
  • 4:18 - 4:21
    diventa per davvero il tuo bosco.
  • 4:21 - 4:25
    Non puoi pretendere all'inizio di sapere tutto di quel bosco.
  • 4:25 - 4:29
    Allora tutto ciò che è in Internet, siccome è così ricco, così...
  • 4:29 - 4:36
    è sempre più affine a quello che in fin dei conti, è l'immagine delle nostre menti,
  • 4:37 - 4:42
    cioè riproduce sostanzial... è una proiezione delle ricchezze che ci sono nelle nostre menti,
  • 4:42 - 4:46
    delle idee che si possono sviluppare, delle potenzialità.
  • 4:46 - 4:54
    Diventa sempre più una follia avere l'idea di "entrarci sapendo prima tutto."
  • 4:54 - 5:01
    Ora, con questo discorso, io ho un po' deviato da un banale video - ma mi viene spontaneo -
  • 5:01 - 5:04
    da un banale video per conoscere PiratePad.
  • 5:04 - 5:08
    Rientro nei ranghi e comincio - cominciamo a vedere.
  • 5:08 - 5:12
    Insomma, a scrivere vi è venuto spontaneo.
  • 5:12 - 5:14
    In fin dei conti, è qualcosa come Word.
  • 5:14 - 5:18
    Qualcuno di voi ha scritto: "Ma che differenza c'è con Wordpad?"
  • 5:18 - 5:25
    Ebbé, accidenti, WordPad è confinato nel tuo computer, mentre questo è là fuori.
  • 5:25 - 5:31
    Ecco, questo: dovete cominciare ad avere una chiara nozione della - di quel limite
  • 5:31 - 5:36
    che divide ciò che è dentro il vostro computer, che è una scatola chiusa,
  • 5:36 - 5:37
    e ciò che è fuori.
  • 5:37 - 5:42
    PiratePad, o altri aggeggi simili, sono fuori.
  • 5:42 - 5:46
    Sono in questa nuvola, chiam...
  • 5:46 - 5:51
    - cominciamo pure a introdurre questa cosa visto che qualcuno, anche qui, ha chiesto cos'è il Cloud.
  • 5:51 - 5:54
    Poi lo diremo, lo vedremo meglio -
  • 5:54 - 5:58
    È... Questo è qualcosa che sta fuori, che è un mondo distinto.
  • 5:58 - 6:03
    Qual è la differenza fondamentale fra le cose che stanno dentro,
  • 6:03 - 6:09
    nella scatola che avete sotto di voi, con la tastiera, il disco rigido, ecc. ecc., la sua RAM e così via,
  • 6:09 - 6:10
    e ciò che è fuori?
  • 6:10 - 6:15
    È che ciò che è fuori, potenzialmente, è visibile da tutti.
  • 6:15 - 6:18
    Quindi questo testo col quale ci stiamo baloccando,
  • 6:18 - 6:20
    che lo usiamo come una cosa utile,
  • 6:20 - 6:25
    perché ci serve a tenere un po' - tenere traccia delle cose che vorremmo fare o finire,
  • 6:25 - 6:29
    o dei problemi, a fare una lista dei problemi che magari riusciamo a risolvere,
  • 6:29 - 6:30
    forse non tutti,
  • 6:30 - 6:34
    benissimo: questo è comodo che stia là fuori perché è condivisa.
  • 6:34 - 6:40
    E a costo zero ciascuno di noi ci può scrivere.
  • 6:40 - 6:44
    E se io lo scrivo sul mio WordPad, lo mando a voi per e-mail,
  • 6:44 - 6:47
    ma è una cosa molto più macchinosa, completamente diversa.
  • 6:50 - 6:53
    Allora, i comandi.
    (passa in rivista da sinistra a destra i pulsanti della barra strumenti)
  • 6:53 - 7:00
    Beh, questi, insomma: scrivere in grassetto, corsivo, sottolineato, cancellato, fare le liste -
  • 7:02 - 7:06
    questi comandi servono - questi due servono a fare l'indenting, il rientro.
  • 7:06 - 7:12
    Prendiamo questa ultima voce qui, supponiamo che io ne voglia fare un elenco interno,
  • 7:13 - 7:15
    ecco che poi viene un elenco nell'elenco.
  • 7:15 - 7:17
    Eh, insomma, questo è banale, no?
  • 7:17 - 7:18
    Torno indietro perché non mi va bene.
  • 7:18 - 7:24
    Questo serve a caricare dei file e a allegarli.
  • 7:24 - 7:27
    Non so dire di molto - come vedete, non le so tutte le cose io.
  • 7:27 - 7:31
    Lo sapete cosa? Non ve lo dico. Se è necessario, lo scopriremo.
  • 7:31 - 7:34
    Questo serve a selezionare lingue diverse.
  • 7:34 - 7:41
    Vabbé, questo serve a inserire una dicitura di copyright.
  • 7:41 - 7:45
    Beh, ora, non credo che ci interessi, non abbiamo toccato questo argomento.
  • 7:45 - 7:50
    Lo toccherei più quando faremo editing multimediale, non possiamo fare tutto.
    (appare la lista a tendina delle licenze)
  • 7:50 - 7:59
    Ci sono tante licenze che descrivono che tipo di autore vogliamo essere noi in questa circostanza.
  • 7:59 - 8:01
    Non dico altro, ora.
  • 8:04 - 8:08
    Ecco, non mi riesce...
    (Rientra la lista a tendina delle licenze)
  • 8:20 - 8:26
    Poi questo serve per copiare il contenuto del testo nella clipboard.
  • 8:26 - 8:29
    [Voce off] Andreas! - [A. Formiconi] Oh!
    [Voce off] Voi venire? [A. Formiconi] Sì, arrivo.
Title:
PiratePad - concetti - generali
Description:

Introduzione a PiratePad per il laboraotrio informatico IUL #linf12
***
Vedi http://iamarf.org/2013/01/26/scrittura-collaborativa-piratepad-linf12/ e http://piratepad.net/puAHEiCXap .

more » « less
Video Language:
Italian
Duration:
08:33
Claude Almansi edited Italian subtitles for PiratePad - concetti - generali
Claude Almansi edited Italian subtitles for PiratePad - concetti - generali
Claude Almansi edited Italian subtitles for PiratePad - concetti - generali
Claude Almansi added a translation

Italian subtitles

Revisions Compare revisions