YouTube

Got a YouTube account?

New: enable viewer-created translations and captions on your YouTube channel!

Italian subtitles

← Everything is a Remix Part 2

An exploration of the remix techniques involved in producing films. Part Two of a four-part series.

An additional supplement to this video can be seen here:
goo.gl/gtArc

To support this series please visit: http://www.everythingisaremix.info/?page_id=14

Get Embed Code
25 Languages

Subtitles translated from English Showing Revision 12 created 02/13/2011 by Carlo Mario Chierotti.

  1. Sarà perché perché produrre un film richiede somme enormi di denaro.

  2. Sarà perché perché fumetti, show tv, video game e libri sono grandi fonti di ispirazione.
  3. Sarà perché perché la gente preferisce ciò che le è famigliare.
  4. Quale sia la ragione, quasi tutti i film di successo dipendono da materiale preesistente.
  5. Consideriamo i 10 più grandi successi degli ultimi 10 anni.
  6. 74 titoli su 100 sono sequel o remake di vecchi film.
  7. Oppure sono adattamenti di fumetti, video game, libri o altro materiale.
  8. Hollywood sa bene come trasformare
    vecchio materiale in un nuovo prodotto.
  9. Tutto è un remix.
  10. Parte 2: Remix s.p.a.
  11. Abbiamo tre sequel di un film basato su un'attrazione di un parco divertimenti.
  12. Abbiamo un film musicale basato su un musical che a sua volta era basato su un film.
  13. Abbiamo due sequel di un film adattato da un cartone animato televisivo,
  14. che a sua volta era basato su una linea di giocattoli.
  15. Abbiamo un film basato su due libri, uno dei quali era basato su un blog,
  16. che era stato ispirato a sua volta dall'altro libro, il quale poi è stato adattato per produrre il film.
  17. Vi siete persi? Abbiamo 11 film di Star Trek,
    12 film della serie Venerdì 13 e 23 James Bond.
  18. Ci sono storie che sono state raccontate più e più volte, trasformate, citate e stravolte.
  19. Tutto questo sin dagli albori del cinema.
  20. Abbiamo visto i vampiri trasformarsi da mostri orrendi
    a tizi azzimati col mantello,
  21. per evolvere in personaggi comici, e in bei manzi dal forte sex appeal.
  22. Consideriamo i pochi successi commerciali che non sono remake o adattamenti.
  23. Difficilmente potremmo definirli "originali".
  24. Si tratta di cosiddetti film "di genere" che seguono schemi standard.
  25. I generi a loro volta si articolano in sottogeneri che hanno convenzioni ancora più specifiche.
  26. All'interno della categoria dei film dell'orrore abbiamo vari sottogeneri.
  27. Film di squartamenti, di zombie, di mostri.
    E ovviamente film porno con torture.
  28. Tutti questi sottogeneri possiedono elementi standard che possono essere usati, trasformati e ribaltati.
  29. Prendiamo come esempio il film più di successo del decennio.
  30. Non è né un sequel, né un remake né un adattamento:
    è un film di fantascienza.
  31. O meglio, appartiene a un piccolo sottogenere.
  32. In questo tipo di film i bianchi di buoni sentimenti esprimono vergogna per i disastri perpetrati dalla propria razza.
  33. Ho deciso di chiamare questo genere:
    "Scusateci per il colonialismo".
  34. Sto parlando di film come: Balla con il lupi, L'ultimo samurai, L'ultimo dei Mohicani,
  35. Dune, Lawrence d'Arabia, Un uomo chiamato cavallo e perfino Ferngully e Pocahontas.
  36. I film sono basati su altri film e anche su libri, spettacoli TV, eventi di cronaca, opere teatrali, eccetera.
  37. Questo è vero a ogni livello, dal più infimo film di genere all'opera indipendente più osannata.
  38. E si applica anche ai film che sbancano il botteghino.
  39. Ai film che influenzano la cultura di massa.
  40. Tutto questo ragionamento ci porta a...
  41. Ancora oggi, Guerre Stellari si impone come un'enorme impresa creativa.
  42. Tuttavia molti dei singoli componenti sono riconoscibili come elementi di un remix.
  43. Tutto inizia da Joseph Campbell, che ha spiegato le strutture del mito nel libro, "L'eroe dai mille volti".
  44. Guerre Stellari segue lo schema del monomito.
  45. Il monomito ha varie fasi: l'eroe viene chiamato all'avventura, trova un aiutante magico, entra nel ventre della balena,
  46. affronta una serie di prove, incontra una divinità. Solo per citare alcune fasi.
  47. Il film è fortemente influenzato anche dai telefilm di Flash Gordon degli anni '30 e dai film di Akira Kurosawa.
  48. Guerre Stellari sembra una versione aggiornata di Flash Gordon.
  49. Questo è evidente perfino nelle dissolvenze e nel design dei titoli di testa.
  50. Da Kurosawa ha ereditato invece le arti marziali, la presenza di un duo comico, altre dissolvenze.
  51. E anche un nascondiglio sotterraneo e un tizio cui viene tagliato un braccio.
  52. I film di guerra e i western sono stati un'altra ricca fonte di materlale per Guerre Stellari.
  53. La scena in cui Luke trova la sua famiglia sterminata ricorda questa scena da Sentieri selvaggi.
  54. La scena in cui Han Solo spara a Greedo ricorda questa scena di Il buono, il brutto e il cattivo.
  55. Gli attacchi aerei di I guastatori delle dighe, Squadriglia 633 e i Ponti di Toko-ri sono simili all'attacco alla Morte Nera.
  56. In molti casi inquadrature di questi film sono state usate come template per gli effetti speciali.
  57. Vi sono molti altri elementi che derivano da numerosi film.
  58. Abbiamo un uomo di latta come la donna automa in Metropolis.
  59. Un paio di inquadrature arrivano da 2001: Odissea nello spazio.
  60. Questa scena ricorda una scena analoga in Il settimo viaggio di Sindbad.
  61. L'ologramma è simile a quello del Pianeta proibito.
  62. Questa adunata di folla sembra uscita da Il trionfo della volontà.
  63. Per non citare i piccoli robottini simili a quelli di 2002: la seconda odissea.
  64. George Lucas ha raccolto materiale, l'ha ricombinato e l'ha trasformato.
  65. Senza i film che l'hanno preceduto non avremmo Guerre Stellari.
  66. La creazione ha bisogno delle influenze.
  67. Tutto quello che creiamo è un remix di creazioni preesistenti, delle nostre vite e delle vite degli altri.
  68. Come disse una volta Isaac Newton, "stiamo sulle spalle di giganti".
  69. Cosa che fece lui stesso, adattando una frase di Bernardo di Chartres "siamo nani sulle spalle di giganti".
  70. Nella terza parte esploreremo questa idea
  71. e tracceremo il labile confine fra ciò che è originale e ciò che non lo è.
  72. George Lucas è stato il regista più citazionista della sua epoca.
  73. Ma lo scettro adesso è passato in altre mani...
  74. La grande opera di remix di Quentin Tarantino è Kill Bill.
  75. Probabilmente è quanto di più vicino a un mash-up Hollywood sia in grado di realizzare.
  76. Kill Bill contiene elementi provenienti da un'infinità di film.
  77. In questo film l'arte di ricombinare elementi preesistenti è stata portata al massimo livello.
  78. La scena della killer travestita da infermiera è quasi interamente una ricombinazione di elementi preesistenti.
  79. L'azione di base è la stessa di questa scena di Black Sunday,
  80. dove una donna travestita da infermiera cerca di uccidere un paziente con una siringa di liquido rosso.
  81. La benda sull'occhio di Daryl Hannah è una citazione di They Call Her One Eye di Vibenius.
  82. Il motivo che fischietta è ripreso da I nervi a pezzi, un thriller del 1968.
  83. La tecnica di dividere lo schermo è ripresa da Brian De Palma,
  84. che l'ha usata in vari film fra cui Carrie.
  85. Per un esame approfondito delle citazioni presenti in Kill Bill visitate questo sito.
  86. Salve, sono Kirby, autore di Tutto è un Remix.
  87. Spero che questa parte vi sia piaciuta.
  88. Se vi è piaciuta e e se volete aiutarmi a portare avanti questo progetto,
  89. sappiate che i contributi in denaro sono bene accetti e che potete visitare questo indirizzo web.
  90. Potete anche visitare il mio sito e fare una donazione.
  91. Questa serie richiede parecchio lavoro e ho bisogno di tutto l'aiuto che potrete darmi.
  92. Visitate il sito everythingisaremix.info per saperne di più.
  93. Trovate informazioni sulle clip, sulle fonti e su tutto il materiale che ho usato per realizzare il filmato.
  94. Grazie per il vostro tempo, il vostro sostegno e i vostri commenti.
  95. Grazie per i complimenti e per le critiche.
  96. Grazie. Spero che vi sia piaciuto.
  97. Spero che vi piacerà anche la prossima puntata.
  98. Arrivederci.