Return to Video

The Internet's Own Boy. La storia di Aaron Swartz.

  • 0:00 - 0:26
    Esistono leggi ingiuste;
  • 0:26 - 0:29
    dovremmo accontentarci di ubbidirle,
  • 0:29 - 0:33
    o dovremmo impegnarci a cambiarle,
    obbedendo fino a quando non ci riusciamo,
  • 0:33 - 0:37
    o dovremmo semplicemente trasgredirle?
  • 0:50 - 0:58
    Uno dei cofondatori del sito di news e intrattenimento social Reddit è stato trovato morto.
  • 0:58 - 1:02
    Era sicuramente un ragazzo prodigio,
    sebbene non si sia mai considerato tale.
  • 1:02 - 1:05
    Non aveva alcun interesse
  • 1:05 - 1:08
    a creare qualche azienda e far soldi.
  • 1:10 - 1:15
    C'è un profondo senso di smarrimento stasera
    ad Highland Park, la città natale di Aaron Swartz,
  • 1:15 - 1:18
    mentre i suoi cari dicono addio
    a una delle figure più brillanti di Internet.
  • 1:18 - 1:22
    Gli attivisti informatici per la libertà e l'open access
    sono in lutto per la sua scomparsa.
  • 1:22 - 1:25
    "Una mente incredibile", dice chi lo conosceva.
  • 1:25 - 1:30
    È stato ucciso dal governo, e
    il MIT ha tradito tutti i suoi principi fondanti.
  • 1:30 - 1:33
    Volevano farne un caso esemplare, ok?
  • 1:35 - 1:39
    I governi hanno un insaziabile
    desiderio di controllo.
  • 1:39 - 1:43
    Potenzialmente rischiava 35 anni
    di prigione e una multa di un milione di dollari.
  • 1:43 - 1:50
    Sollevando dubbi per lo zelo persecutorio della pubblica accusa, e direi persino sulla condotta scorretta.
  • 1:50 - 1:55
    Avete indagato su quest'aspetto specifico
    e raggiunto qualche conclusione?
  • 1:57 - 2:02
    Crescendo, pian piano mi sono reso conto
    che ciò che mi stava intorno
  • 2:02 - 2:06
    ciò che mi avevano detto essere il modo naturale
    in cui stavano le cose e sarebbero sempre state,
  • 2:06 - 2:09
    non era affatto naturale.
    certe cose potevano essere cambiate
  • 2:09 - 2:12
    e, ancora più importante, c'erano cose
    sbagliate che andavano cambiate,
  • 2:12 - 2:14
    e quando l'ho capito,
    è stato impossibile tornare indietro.
  • 2:24 - 2:28
    È ora di leggervi una storia.
  • 2:28 - 2:33
    Il libro s'intitola "Paddington alla fiera".
  • 2:33 - 2:37
    È nato e cresciuto qui ad Highland Park.
  • 2:37 - 2:40
    Aaron proveniva da una famiglia di tre
    fratelli, tutti straordinariamente brillanti.
  • 2:40 - 2:45
    "Oh, la scatola si sta ribaltando..."
  • 2:45 - 2:48
    Eravamo tutti, come dire,
    non esattamente i bambini più tranqulli.
  • 2:48 - 2:52
    Tre figli maschi, che correvano in giro
    tutto il tempo a fare marachelle.
  • 2:52 - 2:54
    "Hey, no, no, no!"
  • 2:54 - 2:56
    - Aaron!
    - Cosa?
  • 2:56 - 3:01
    Ma ho capito che Aaron
    ha imparato come apprendere quand'era molto piccolo.
  • 3:01 - 3:06
    "Uno, due, tre, quattro, cinque, sei,
    sette, otto, nove, dieci!"
  • 3:06 - 3:09
    - Toc, toc!
    - Chi è?
  • 3:09 - 3:12
    - Aaron
    - Aaron chi?
  • 3:12 - 3:13
    Aaron il mattacchione!
  • 3:13 - 3:15
    Sapeva ciò che voleva,
    e l'ha sempre voluto fare.
  • 3:15 - 3:17
    Ha sempre portato a termine ciò che voleva.
  • 3:18 - 3:22
    Aveva una curiosità pazzesca.
  • 3:22 - 3:27
    "Ecco un piccolo disegno dei pianeti.
    E ogni pianeta ha un simbolo."
  • 3:27 - 3:33
    "il simbolo di Mercurio, di Venere, della Terra,
    il simbolo di Marte, il simbolo di Giove."
  • 3:33 - 3:37
    Un giorno disse a Susan: "Cos'è quest'evento gratuito
    di intrattenimento per le famiglie in centro ad Highland Park?"
  • 3:37 - 3:40
    "Serata di intrattenimento gratuito ad
    Highland Park".
  • 3:40 - 3:43
    All'epoca aveva tre anni.
  • 3:43 - 3:45
    Lei disse: "Di cosa stai parlando?"
  • 3:45 - 3:46
    E lui, "Guarda, lo dice qui sul frigo,"
  • 3:46 - 3:50
    "Intrattenimento gratuito per le famiglie in centro ad Highland Park."
  • 3:50 - 3:55
    Lei rimase senza parole e stupefatta che sapesse leggere.
  • 3:55 - 3:59
    Si chiama "My Family Seder" [festività ebraica].
  • 4:00 - 4:05
    La notte del Seder è diversa
    da tutte le altre notti
  • 4:05 - 4:09
    Ricordo che una volta, eravamo nella
    biblioteca dell'Università di Chicago.
  • 4:09 - 4:12
    Ho preso un libro dallo scaffale
    che era tipo del 1900,
  • 4:12 - 4:16
    Gliel'ho mostrato, dicendo: "Vedi,
    questo è davvero un posto straordinario."
  • 4:16 - 4:23
    Eravamo tutti dei bambini piuttosto curiosi, ma ad Aaron
    piaceva davvero imparare e insegnare.
  • 4:23 - 4:27
    "E adesso impariamo l'ABC alla rovescia."
  • 4:27 - 4:31
    "Z, Y, X, W, V, U, T..."
  • 4:31 - 4:35
    Ricordo quando tornò a casa
    dalla sua prima lezione di algebra,
  • 4:35 - 4:39
    disse qualcosa cosa tipo, "Noah, lascia che ti insegni l'algebra!"
  • 4:39 - 4:41
    E io: "Cos'è l'algebra?"
  • 4:41 - 4:43
    Faceva sempre così.
  • 4:43 - 4:49
    "Adesso premiamo il pulsante, così! Ed ecco fatto!"
  • 4:49 - 4:52
    "Adesso è rosa!"
  • 4:52 - 4:56
    Quando aveva due o tre anni,
    e Bob gli fece conoscere il computer,
  • 4:56 - 5:00
    capì subito come funzionava, gli piaceva da matti.
  • 5:00 - 5:04
    (.....)
  • 5:04 - 5:09
    Avevamo tutti un computer, ma Aaron
    ne era davvero preso, si appassionò subito a Internet.
  • 5:09 - 5:13
    "Stai lavorando al computer?"
    "Nah..."
  • 5:13 - 5:16
    "Come mai... mamma, perché non funziona nulla?"
  • 5:16 - 5:18
    Cominciò a programmare quando era davvero giovane.
  • 5:18 - 5:22
    Ricordo che il primo programma
    che scrissi con lui era in BASIC,
  • 5:22 - 5:24
    era un gioco a quiz su Star Wars.
  • 5:26 - 5:30
    Ci sedevamo assieme in garage,
    dove si trovava il computer,
  • 5:30 - 5:33
    per ore, programmando quel gioco.
  • 5:35 - 5:39
    Il problema che avevo continuamente con lui,
    era che io non volevo fare nulla di particolare,
  • 5:39 - 5:42
    mentre per lui, c'era sempre qualcosa da fare,
  • 5:42 - 5:44
    sempre qualcosa che la programmazione potesse risolvere.
  • 5:47 - 5:51
    Per come la vedeva Aaron,
    la programmazione è magia.
  • 5:51 - 5:54
    Si possono fare cose impossibili per gli esseri umani.
  • 5:54 - 5:58
    Aaron costruì un Bancomat usando un Macintosh
    e una scatola di cartone.
  • 5:58 - 6:02
    Una volta, per Halloween,
    non sapevo che costume indossare
  • 6:02 - 6:06
    e lui pensò che sarebbe stato fantastico
    se mi fossi travestito come il suo nuovo computer preferito,
  • 6:06 - 6:09
    che, all'epoca, era il primo iMac.
  • 6:09 - 6:13
    Odiava vestirsi per Hallowen,
    ma gli piaceva convincere gli altri
  • 6:13 - 6:16
    a travestirsi in qualcosa che voleva vedere.
  • 6:16 - 6:20
    "Conduttore Aaron, stop!
    Su dai, ragazzi, guardate la telecamera!"
  • 6:20 - 6:23
    "Spiderman, guarda la telecamera!".
  • 6:24 - 6:31
    Creò questo sito web chiamato "The Info",
    dove la gente poteva semplicemente inserire informazioni.
  • 6:31 - 6:35
    "Sono sicuro che qualcuno là fuori conosce
    tutto riguardo l'oro, la doratura...
  • 6:35 - 6:39
    Perché non scriverne su questo sito?
    In modo che altri possano arrivare in un successivo momento,
  • 6:39 - 6:43
    e leggere quelle informazioni, e modificarle
    se le ritengono sbagliate.
  • 6:43 - 6:46
    Non molto diverso da Wikipedia, giusto?
  • 6:46 - 6:52
    E ciò prima del lancio di Wikipedia,
    e sviluppato da un dodicenne,
  • 6:52 - 6:58
    nella sua camera, da solo, basato su questo
    minuscolo server usando tecnologia obsoleta.
  • 6:58 - 7:01
    Uno degli insegnanti fece,
  • 7:01 - 7:07
    "È un'idea terribile. Non puoi semplicemente
    permettere a chiunque di scrivere l'enciclopedia!"
  • 7:07 - 7:10
    "Il motivo per cui abbiamo gli accademici
    è che scrivono questi libri per noi."
  • 7:10 - 7:13
    "Come ti è potuta venire in mente un'idea così terribile?"
  • 7:13 - 7:17
    Io e l'altro mio fratello dicevamo in giro,
    "Si certo, Wikipedia è una figata, ma..."
  • 7:17 - 7:20
    "noi l'avevamo in casa nostra circa cinque anni fa."
  • 7:21 - 7:26
    Il sito di Aaron, theinfo.org, vinse un concorso scolastico
  • 7:26 - 7:30
    ideato dall'agenzia
    di web design ArsDigita di Cambridge.
  • 7:34 - 7:38
    Andammo tutti a Cambridge quando vinse il premio ArsDigita
  • 7:38 - 7:40
    e non avevamo idea di cosa Aaron stesse facendo.
  • 7:40 - 7:43
    Era ovvio che il premio fosse molto importante.
  • 7:44 - 7:48
    Aaron iniziò presto a coinvolgersi nelle
    comunità online di programmatori
  • 7:48 - 7:51
    che all'epoca stavano dando forma
    a un nuovo strumento per il Web.
  • 7:51 - 7:56
    Venne da me e disse: "Ben, c'è questa cosa
    davvero fantastica a cui sto lavorando."
  • 7:56 - 7:58
    "Devi assolutamente vederla!"
  • 7:58 - 8:00
    "Ok, cos'è?"
  • 8:00 - 8:02
    "Si chiama RSS."
  • 8:03 - 8:08
    E mi spiega cos'è RSS.
    E io dico, "Perché mai sarebbe utile, Aaron?"
  • 8:08 - 8:11
    "Forse qualche sito la usa?
    Perché dovrei usarla?"
  • 8:11 - 8:17
    C'era questa mailing list per quanti stavano
    lavorando sull'RSS, e più in generale sull'XML,
  • 8:17 - 8:21
    e c'era un tipo di nome
    Aaron Swartz che era combattivo ma molto intelligente,
  • 8:21 - 8:25
    e aveva un sacco di buone idee, e
  • 8:25 - 8:29
    non era mai venuto agli
    incontri dal vivo, e qualcuno disse:
  • 8:29 - 8:32
    "Dai, quand'è che ti fai vedere
    a una riunione?"
  • 8:32 - 8:37
    E lui spiegò: "Sai, credo che mia madre
    non mi lascerebbe venire. Ho appena compiuto 14 anni."
  • 8:37 - 8:43
    E la loro reazione immediata fu: "Quest'individuo,
    questo collega con cui abbiamo collaborato tutto l'anno
  • 8:43 - 8:47
    aveva 13 anni mentre lavoravamo assieme, e solo adesso ne ha compiuti 14".
  • 8:47 - 8:48
    E la loro seconda reazione fu:
  • 8:48 - 8:51
    "Cavolo, dobbiamo proprio conoscerlo.
    È straordinario!"
  • 8:51 - 8:54
    Fece parte del comitato che elaborò l'RSS.
  • 8:54 - 8:59
    Ciò che stava facendo era contribuire a costruire
    le strutture portanti del moderno ipertesto.
  • 8:59 - 9:06
    L'ambito su cui stava lavorando, l'RSS,
    era uno strumento usato per ottenere dei riassunti
  • 9:06 - 9:09
    di quanto pubblicato su altre pagine web.
  • 9:09 - 9:11
    Solitamente si usa per un blog.
  • 9:11 - 9:14
    Potremmo voler leggere 10 o 20 blog diversi.
  • 9:14 - 9:18
    Questi feed RSS, questi sommari di
    quanto pubblicato sulle pagine web, si usano
  • 9:18 - 9:23
    per creare una lista unificata di tutto quanto sta avvenendo.
  • 9:23 - 9:28
    Aaron era molto giovane, ma aveva capito
    la tecnologia e notato che era imperfetta,
  • 9:28 - 9:30
    dandosi da fare per contribuire a migliorarla.
  • 9:36 - 9:40
    Così la madre lo caricava sull'aereo a Chicago, e
    noi andavamo a prenderlo a San Francisco.
  • 9:40 - 9:45
    Lo presentavamo a persone interessanti con cui discutere e fummo colpiti dalle sue orribili abitudini alimentari.
  • 9:45 - 9:51
    Mangiava solo cibo bianco, solo riso al vapore, neppure riso fritto perché non era abbastanza bianco,
  • 9:51 - 9:54
    e pane bianco e così via...
  • 9:54 - 9:59
    e ci meravigliavamo della qualità del dibattito che scaturiva da quella
  • 9:59 - 10:02
    che sembrava essere la bocca di un ragazzino,
  • 10:02 - 10:05
    e pensi, questo ragazzino arriverà davvero in alto,
    se non muore prima di scorbuto.
  • 10:05 - 10:07
    "Aaron, tocca a te".
  • 10:07 - 10:10
    "Credo che la differenza sia che oggi è impossible creare aziende come le dotcom.
  • 10:10 - 10:16
    Non puoi avere aziende che si limitano a vendere cibo per cani via internet, o a vendere cibo per cani via cellulare,
  • 10:16 - 10:18
    ma c'è ancora tanta innovazione in giro.
  • 10:18 - 10:21
    Penso che se non vedete l'innovazione, forse avete la testa sotto la sabbia."
  • 10:21 - 10:25
    E inizia ad avere questa personalità da "nerd alfa", dove ha un atteggiamento
  • 10:25 - 10:29
    del tipo, "Sono più intelligente di te, e dato che sono più intelligente, valgo più di te,
  • 10:29 - 10:31
    e posso dirti quello che devi fare".
  • 10:31 - 10:35
    È un'estensione del suo essere un po' una peste.
  • 10:35 - 10:39
    "Allora, metti tutti questi computer insieme e risolvi grossi problemi,
  • 10:39 - 10:42
    come cercare forme di vita extraterrestre o trovare una cura per il cancro."
  • 10:45 - 10:48
    Lo incontrai per la prima volta su IRC, l'Internet Relay Chat.
  • 10:48 - 10:53
    Non si limitava a scrivere codice, ma riusciva a fare appassionare gli altri a risolvere i problemi che aveva per le mani.
  • 10:53 - 10:56
    Era un "connettore".
  • 10:56 - 10:58
    Il movimento per la cultura libera deve molto alla sua energia.
  • 10:59 - 11:04
    Penso che Aaron stesse provando a far funzionare il mondo. Stava cercando di aggiustarlo.
  • 11:04 - 11:09
    Aveva una personalità forte che sicuramente scompigliava la cose di tanto in tanto.
  • 11:09 - 11:13
    Non sempre era a suo agio nel mondo
  • 11:13 - 11:16
    e il mondo non sempre era a suo agio con lui.
  • 11:19 - 11:23
    Aaron iniziò a frequentare le superiori e la scuola gli faceva solo schifo.
  • 11:23 - 11:28
    Non gli piaceva. Non gli piaceva nessuna delle materie insegnate. Non gli piacevano gli insegnanti.
  • 11:28 - 11:30
    Aaron sapeva come ottenere le informazioni giuste.
  • 11:30 - 11:35
    E diceva cose tipo: "Non ho bisogno di andare da quest'insegnante per imparare la geometria.
  • 11:35 - 11:37
    Mi basta leggere il libro di geometria,
  • 11:37 - 11:41
    e non ho bisogno di seguire quest'altro insegnante per imparare la loro versione della storia americana,
  • 11:41 - 11:45
    ho, tipo, tre testi di storia qui. Mi basta leggerli,
  • 11:45 - 11:49
    e queste cose non mi interessano. Mi interessa il Web."
  • 11:49 - 11:53
    "Ero molto frustrato con la scuola. Mi sembrava che gli insegnanti non sapessero di cosa stavano parlando,
  • 11:53 - 11:57
    ed erano dispotici e autoritari, e che i compiti fossero un'ipocrisia,
  • 11:57 - 12:01
    e fosse solo un modo per chiudere in un recinto gli studenti e costringerli a tenersi occupati.
  • 12:01 - 12:05
    E quindi iniziai a leggere dei libri sulla storia della didattica
  • 12:05 - 12:08
    e sullo sviluppo di questo sistema educativo,
  • 12:08 - 12:11
    e quali fossero le alternative a questo sistema e i modi per poter davvero imparare qualcosa,
  • 12:11 - 12:15
    piuttosto che rigurgitare semplicemente le nozioni raccontate dagli insegnanti,
  • 12:15 - 12:19
    e così arrivai a mettere in discussione le cose, una volta messa in discussione la scuola che frequentavo,
  • 12:19 - 12:24
    ho messo in discussione la società che aveva costruito la scuola, ho messo in discussione le aziende per cui le scuole preparavano,
  • 12:24 - 12:28
    poi ho messo in discussione lo Stato che ha creato quest'intera struttura.
  • 12:28 - 12:32
    Una delle cose a cui era più appassionato era il copyright, specialmente in quel periodo iniziale.
  • 12:32 - 12:38
    Il diritto d'autore è sempre stato un peso per l'editoria e per i lettori,
  • 12:38 - 12:43
    ma non era un peso eccessivo. Era una istituzione che aveva senso tenere in piedi
  • 12:44 - 12:47
    per essere sicuri che gli autori fossero pagati.
  • 12:47 - 12:53
    Quello che la generazione di Aaron ha sperimentato è stata la collisione fra questo antiquato sistema del copyright
  • 12:53 - 12:57
    e queste nuova straordinaria cosa che stavamo cercando di costruire, Internet e il Web.
  • 12:57 - 13:00
    Queste due cose entrarono in rotta di collisione, e ne risultò il caos.
  • 13:02 - 13:06
    Poi Aaron incontrò il docente
    di Giurisprudenza di Harvard, Lawrence Lessig,
  • 13:06 - 13:09
    che aveva messo in discussione le norme sul copyright davanti alla Corte Suprema.
  • 13:09 - 13:13
    Il giovane Aaron Swartz è arrivato a Washington per l'udienza della Corte Suprema.
  • 13:13 - 13:18
    Sono Aaron Swartz e sono qui per seguire il caso Eldred [Eldred v. Ashcroft, 537 U.S. 186 (2003)]
  • 13:18 - 13:23
    Perché sei arrivato fin qui da Chicago, e hai fatto tutta questa strada per seguire questo caso?
  • 13:23 - 13:26
    Questa è già una domanda più difficile.
  • 13:29 - 13:34
    "Non so, è molto interessante vedere la Corte Suprema al lavoro,
  • 13:34 - 13:37
    specialmente in un caso prestigioso come questo."
  • 13:43 - 13:47
    Lessig stava anche facendo progressi su un nuovo modo di definire il copyright su Internet.
  • 13:47 - 13:49
    Si chiamava Creative Commons.
  • 13:49 - 13:54
    L'idea base dietro le Creative Commons è quella di offrire a chi crea qualcosa
  • 13:54 - 13:59
    un modo semplice per indicare certe libertà nell'uso delle loro opere.
  • 13:59 - 14:05
    Così se copyright vuol dire "Tutti i diritti riservati", allora questo è una sorta di modello "Alcuni diritti riservati".
  • 14:05 - 14:09
    Se voglio un modo semplice di dire: "Ecco quello che puoi fare con questa mia opera,
  • 14:09 - 14:14
    anche se ci sono altre cose per le quali hai bisogno di ottenere il mio permesso prima di poterle farle."
  • 14:14 - 14:17
    Il ruolo di Aaron riguardava la parte più informatica del progetto.
  • 14:17 - 14:21
    Per esempio, come strutturare le licenze in modo che fossero semplici e comprensibili,
  • 14:21 - 14:24
    ed espresse in modo tale che i computer potessero processarle?
  • 14:24 - 14:30
    E molti dicevano: "Perché hai scelto questo quindicenne per scrivere le specifiche per le Creative Commons?
  • 14:30 - 14:32
    Non credi che sia un enorme errore?"
  • 14:32 - 14:36
    E Larry [Lessig], "L'errore più grande che avremmo potuto commettere è non prestare ascolto a questo ragazzo."
  • 14:36 - 14:40
    Riusciva a malapena ad arrivare al leggio,
  • 14:40 - 14:43
    ed era un leggio mobile che rendeva la scena imbarazzante,
  • 14:43 - 14:46
    una volta alzato lo schermo nessuno poteva vederlo in faccia.
  • 14:47 - 14:51
    "Quando arrivate sul nostro sito, qui, potete andare su 'Scegli una licenza'.
  • 14:51 - 14:57
    Vi offre una serie di opzioni, spiega cosa significano, e pone tre semplici domande:
  • 14:58 - 15:00
    "Desideri richiedere l'attribuzione?"
  • 15:00 - 15:03
    "Vuoi permettere l'uso commerciale del tuo lavoro?"
  • 15:04 - 15:06
    "Vuoi consentire che il tuo lavoro sia modificato?"
  • 15:06 - 15:12
    Ero stupefatta, completamente sorpresa dal fatto che questi adulti lo trattassero come un adulto,
  • 15:12 - 15:16
    e Aaron era lì in piedi, davanti a una grande sala piena di gente, e semplicemente iniziò a parlare
  • 15:16 - 15:20
    della piattaforma che aveva creato per Creative Commons,
  • 15:20 - 15:23
    e tutti lo ascoltavano con attenzione,
  • 15:23 - 15:29
    io ero seduta in fondo e pensavo: è solo un ragazzino. Ma perché stanno a sentirlo?
  • 15:29 - 15:30
    Ma è quello che fecero...
  • 15:30 - 15:33
    Beh, non credo di aver compreso pienamente.
  • 15:33 - 15:37
    Anche se i critici hanno sostenuto che facciano poco per assicurarsi che gli artisti vengano pagati per il loro lavoro,
  • 15:37 - 15:41
    il successo delle Creative Commons è stato enorme.
  • 15:41 - 15:47
    Al momento, sul solo sito Flickr, più di 200 milioni di persone usano una qualche forma di licenza Creative Commons.
  • 15:47 - 15:57
    Aaron vi contribuì con le sue capacità tecniche, eppure per lui non era semplicemente una questione tecnica.
  • 15:58 - 16:01
    Spesso Aaron scriveva candidamente nel suo blog personale:
  • 16:01 - 16:06
    "Rifletto sulle cose in modo profondo e vorrei che gli altri facessero altrettanto.
  • 16:07 - 16:11
    Lavoro per le idee e imparo dagli altri. Non mi piace escludere nessuno.
  • 16:11 - 16:16
    Sono un perfezionista, ma non lascerò che questo sia un ostacolo alla pubblicazione.
  • 16:16 - 16:20
    Fatta eccezione per imparare e per divertirmi, non sprecherò il mio tempo
  • 16:20 - 16:22
    su cose che non avranno qualche impatto.
  • 16:22 - 16:26
    Cerco di essere amico di tutti, ma non sopporto chi non mi prende sul serio.
  • 16:26 - 16:32
    Non porto rancore, non è produttivo, ma imparo dalle mie esperienze.
  • 16:32 - 16:35
    Voglio rendere migliore il mondo".
  • 16:41 - 16:46
    Nel 2004, Swartz lascia Highland Park e si iscrive all'Università di Stanford.
  • 16:46 - 16:52
    Aveva una colite ulcerosa che gli dava molti problemi, ed eravamo preoccupati che prendesse sempre le sue medicine.
  • 16:52 - 16:56
    Una volta fu ricoverato in ospedale e così doveva prendere questo cocktail di pillole ogni giorno,
  • 16:57 - 17:01
    una di queste pillole era uno steroide che gli causò dei disturbi della crescita,
  • 17:01 - 17:05
    e lo faceva sentire diverso dagli altri studenti.
  • 17:05 - 17:08
    Credo che Aaron fosse pronto per gli studi accademici a Stanford
  • 17:08 - 17:13
    e si ritrovò in quello che era, in effetti, un programma di babysitting per studenti che alle superiori avevano ottenuto risultati brillanti
  • 17:13 - 17:21
    che in quattro anni sarebbero diventati ricchi dirigenti industriali
  • 17:21 - 17:26
    e penso che questo l'abbia fatto andare su tutte le furie.
  • 17:26 - 17:29
    Nel 2005, dopo appena un anno di università,
  • 17:29 - 17:36
    gli venne offerto un posto in un incubatore di startup chiamato "Y Combinator", guidato da Paul Graham.
  • 17:36 - 17:40
    E lui fece, "Ehi, ho una buona idea per un nuovo sito web."
  • 17:40 - 17:43
    A Paul Graham piacque parecchio: "Sì, certo!"
  • 17:43 - 17:47
    Così Aaron lascia l'università, si trasferisce in quest'appartamento...
  • 17:47 - 17:50
    questo è stato l'appartamento di Aaron in quel periodo.
  • 17:50 - 17:55
    Ho qualche vago ricordo di mio padre che mi raccontava quanto fosse difficile ottenere un prestito,
  • 17:55 - 17:59
    perché Aaron non aveva accesso al credito e aveva appena mollato l'università.
  • 17:59 - 18:05
    Viveva in quello che ora è il salotto, e alcuni dei poster sono rimasti qui da quando c'era Aaron.
  • 18:05 - 18:10
    E poi la biblioteca... ci sono più libri, ma molti sono di Aaron.
  • 18:12 - 18:18
    Il progetto di Aaron per Y Combinator si chiamava "Infogami", uno strumento per creare siti web.
  • 18:18 - 18:21
    Ma Infogami aveva problemi ad attrarre utenti e Swartz a un certo punto
  • 18:21 - 18:25
    lo mise insieme ad un altro progetto di Y Combinator che aveva bisogno di una spinta.
  • 18:25 - 18:30
    Era un progetto guidato da Steve Huffman e Alexis Ohanian, chiamato "Reddit".
  • 18:30 - 18:34
    Ed eravamo qui, partendo quasi da zero. Nessun utente, niente soldi, niente codice,
  • 18:34 - 18:38
    e siamo cresciuti giorno dopo giorno fino a diventare un sito enormemente popolare.
  • 18:38 - 18:40
    E non mostrava alcun segno di rallentamento.
  • 18:40 - 18:44
    Prima arrivammo a 1000 utenti, poi 10000, poi 20000 e sempre di più... era semplicemente incredibile.
  • 18:44 - 18:50
    Reddit diventa enorme, ed è il un vero angolo di Internet per geek.
  • 18:53 - 19:01
    C'è tanto materiale umoristico, c'e' un sacco d'arte e gente che visita il sito,
  • 19:01 - 19:08
    e lo fanno diventare il luogo primario dove cercare le notizie ogni mattina.
  • 19:08 - 19:12
    Reddit sta sul confine del caos, in un certo senso,
  • 19:12 - 19:19
    così da un lato è un posto dove la gente discute le notizie del giorno, tecnologia, politica e i vari problemi,
  • 19:19 - 19:25
    eppure c'è parecchio materiale tipo "Non Appropriato sul Lavoro",
    materiale controverso,
  • 19:25 - 19:30
    e non mancano alcune aree "sub-reddit" dove i troll trovano una casa accogliente,
  • 19:30 - 19:34
    e così, in questo senso, Reddit è stato anche uno spazio di controversie.
  • 19:34 - 19:37
    Si posiziona sulla soglia del caos.
  • 19:37 - 19:41
    Reddit attira l'attenzione del gigante delle riviste, Condé Nast,
  • 19:41 - 19:43
    che fa un'offerta per acquisirlo.
  • 19:43 - 19:47
    Una notevole quantità di denaro, al punto che mio padre cominciava ad avere problemi del tipo:
  • 19:47 - 19:51
    "Dove li metto tutti questi soldi?"
  • 19:51 - 19:54
    - Davvero una bella somma
    - Parecchi soldi.
  • 19:54 - 20:00
    Probabilmente più di un milione di dollari, ma in realtà non lo so di preciso.
  • 20:00 - 20:03
    - E quanti anni aveva all'epoca?
    - 19, 20.
  • 20:05 - 20:11
    Era in quest'appartamento. E si sedevano in cerchio
    su ciò che c'era prima di questo divano,
  • 20:11 - 20:15
    lavorando su Reddit, e quando lo vendettero,
  • 20:15 - 20:19
    diedero un festa enorme e partirono tutti
    per la California il giorno dopo,
  • 20:19 - 20:22
    e mi lasciarono le chiavi.
  • 20:24 - 20:27
    Fu divertente, sai, aveva appena venduto la sua start-up e quindi tutti pensavano che
  • 20:27 - 20:29
    fosse la persona più ricca tra tutti noi,
  • 20:29 - 20:34
    ma lui disse, "Prenderò questa piccola stanza, tipo una scatola di scarpe. È tutto ciò di cui ho bisogno."
  • 20:34 - 20:36
    Era a malapena più grande di un ripostiglio.
  • 20:36 - 20:42
    L'idea di vederlo spendere quei soldi in
    roba alla moda sembra così implausibile.
  • 20:43 - 20:48
    Me lo spiegò così: "Mi piace vivere in un appartamento, perciò non spenderò un sacco di soldi per comprarmi un nuovo posto dove stare. Non mi comprerò una villa,
  • 20:48 - 20:50
    e mi piace vestirmi con jeans e magliette,
  • 20:50 - 20:52
    quindi non spenderò altri soldi in vestiti.
  • 20:52 - 20:55
    Insomma, non è un gran problema."
  • 20:55 - 20:58
    Quello che è un gran problema per Swartz è come il traffico
    fluisce su Internet,
  • 20:58 - 21:01
    e quello che suscita la nostra attenzione.
  • 21:01 - 21:04
    Nel vecchio sistema della trasmissione radio-TV, si è
    limitati in modo sostanziale dallo
  • 21:04 - 21:09
    spazio disponibile nelle onde radio.
    Si posso trasmettere solo una decina di canali via etere,
  • 21:09 - 21:11
    o anche con il cavo, si hanno al massimo 500 canali.
  • 21:11 - 21:16
    Su Internet, chiunque può avere un proprio canale.
    Chiunque può aprire un blog o una pagina su MySpace.
  • 21:16 - 21:18
    Chiunque ha la possibilità di esprimersi.
  • 21:18 - 21:21
    Ciò a cui assistiamo ora non riguarda
    le licenze di accesso alle onde radio.
  • 21:21 - 21:25
    È una questione di chi controlla i modi raggiungere la gente.
  • 21:25 - 21:29
    Si comincia a notare la concentrazione di potere in siti tipo Google, che agiscono come una sorta di controllori,
  • 21:29 - 21:31
    che ti indirizzano verso quello che cerchi su Internet.
  • 21:31 - 21:34
    Chi sono le tue fonti di notizie e informazioni.
  • 21:34 - 21:38
    Non ci sono più determinate persone che hanno diritto di parola,
    ora tutti
  • 21:38 - 21:41
    hanno diritto di parola. Il problema è quello di chi riesce a farsi sentire.
  • 21:45 - 21:50
    Dopo aver iniziato a lavorare a San Francisco,
    a Condé Nast, arriva in ufficio
  • 21:50 - 21:54
    e vogliono dargli un computer con tutte
    quelle robe preinstallate
  • 21:54 - 21:57
    e gli dicono che su questo computer
    non può installare nuovi programmi,
  • 21:57 - 21:59
    cosa che per gli sviluppatori equivale a un oltraggio.
  • 21:59 - 22:02
    Fin da subito prese a lamentarsi di tutto.
  • 22:05 - 22:11
    "Pareti grigie, scrivanie grigie, rumore grigio. Il primo giorno in cui sono arrivato qui, semplicemente non potevo sopportarlo.
  • 22:11 - 22:15
    Prima dell'ora di pranzo, mi sono letteralmente chiuso in un bagno e sono scoppiato a piangere.
  • 22:15 - 22:18
    Non riesco a immaginare come rimanere sano di mente con qualcuno che mi ronza nelle orecchie tutto il giorno,
  • 22:18 - 22:22
    per non dire del fatto di portare a termine qualsiasi tipo di lavoro.
  • 22:22 - 22:24
    Nessun'altro sembra lavorare qui dentro.
  • 22:24 - 22:28
    Vengono tutti nella nostra stanza per passare il tempo e chiacchierare, o per invitarci a giocare
  • 22:28 - 22:30
    con il nuovo videogioco che Wired sta testando."
  • 22:33 - 22:38
    Aveva veramente delle aspirazioni diverse che erano orientate politicamente,
  • 22:38 - 22:42
    e la Silicon Valley semplicemente non ha affatto questo tipo di cultura,
  • 22:42 - 22:47
    di orientare l'attività tecnica verso obiettivi di tipo politico.
  • 22:47 - 22:50
    Aaron odiava lavorare per una corporation.
  • 22:50 - 22:54
    Tutti odiavano lavorare per Condé Nast, ma Aaron era l'unico che non l'avrebbe mai accettato.
  • 22:54 - 22:56
    E così praticamente si fece licenziare,
  • 22:56 - 22:58
    non presentandosi più al lavoro.
  • 23:01 - 23:05
    Si disse che fu una rottura complicata. Sia Alexis Ohanian che Steve Huffman
  • 23:05 - 23:08
    hanno declinato l'invito a essere intervistati per questo film.
  • 23:09 - 23:16
    Rifiutò il mondo aziendale. Una delle cose importanti da tenere a mente
  • 23:16 - 23:23
    a proposito di quella scelta, quando Aaron decise di lasciare la cultura delle start-up, è che si stava lasciando alle spalle
  • 23:23 - 23:31
    anche tutte le cose che l'avevano fatto diventare famoso e beneamato, e rischiava di deludere i suoi ammiratori.
  • 23:31 - 23:36
    Era arrivato dove ci si aspettava dovesse arrivare, ed ebbe la consapevolezza
  • 23:36 - 23:43
    e la cocciutaggine di capire che aveva scalato la montagna di merda per cogliere
  • 23:43 - 23:46
    l'unica rosa solo per scoprire di aver perso il senso dell'olfatto,
  • 23:46 - 23:50
    e invece di sedersi lì e insistere che non era così brutto come sembrava,
  • 23:50 - 23:54
    e che, in fondo, la rosa l'aveva presa.
  • 23:54 - 23:57
    Così tornò giù dalla montagna, che è una cosa davvero speciale.
  • 23:58 - 24:02
    Il modo in cui Aaron l'ha sempre vista, è che
    la programmazione è magia--
  • 24:02 - 24:07
    si possono compiere cose impossibili per i comuni mortali, grazie alla programmazione.
  • 24:07 - 24:13
    Quindi, se tu avessi dei poteri magici, li useresti
    per il bene o per farci montagne di soldi?
  • 24:15 - 24:18
    Swartz fu inspirato da uno dei visionari
    che incontrò da bambino,
  • 24:18 - 24:22
    l'uomo che inventò il World Wide Web,
    Tim Berners-Lee.
  • 24:22 - 24:26
    Negli anni '90, Berners-Lee aveva senza dubbio per le mani
  • 24:26 - 24:29
    una delle invenzioni più lucrative
    del 20° secolo,
  • 24:29 - 24:35
    ma invece di ricavare un profitto dall'invenzione
    del World Wide Web, la diffuse gratis.
  • 24:36 - 24:40
    È l'unica ragione per cui il World Wide Web esiste a tutt'oggi.
  • 24:41 - 24:45
    Aaron è stato fortemente influenzato da Tim.
  • 24:45 - 24:51
    Tim è certamente uno dei geni più prominenti dell'Internet originaria, e non ne ha ricavato alcun guadagno.
  • 24:51 - 24:56
    Non è per nulla interessato a capire come intascare un miliardo di dollari.
  • 24:56 - 24:58
    La gente diceva: "Ah, ci si possono fare dei bei soldi qui."
  • 24:58 - 25:01
    Si pensava ci sarebbero state un sacco di piccole reti,
  • 25:01 - 25:02
    invece di una sola grande;
  • 25:02 - 25:05
    ma una rete piccola, o reti di di tipo diverso, non possono funzionare
  • 25:05 - 25:08
    perché non si possono seguire i link da una all'altra.
  • 25:10 - 25:14
    Devi raggiungere delle masse critiche -- e l'obiettivo è l'intero pianeta,
  • 25:14 - 25:17
    quindi non avrebbe funzionato finché l'intero pianeta non avrebbe potuto parteciparvi.
  • 25:24 - 25:28
    "Ritengo che non sia abbastanza vivere semplicemente nel mondo così com'è,
  • 25:29 - 25:35
    solo prendere quel che ti viene dato e seguire quel che gli adulti ti dicono di fare,
  • 25:35 - 25:39
    e quello che i tuoi genitori ti dicono di fare, e quanto vuole la società, penso che ci si dovrebbe sempre porre delle domande.
  • 25:39 - 25:43
    Ho quest'attitudine molto scientifica, per cui
    tutto quello che hai imparato è provvisorio,
  • 25:43 - 25:49
    ed è sempre aperto a essere ritrattato o refutato o messo in discussione, e penso che la stessa cosa si applichi alla società.
  • 25:49 - 25:53
    Una volta capito che c'erano alcuni problemi veramenti seri, questioni fondamentali,
  • 25:53 - 25:59
    per i quali potevo contribuire a trovare una soluzione, ho escluso la possibilità di non farlo."
  • 26:03 - 26:05
    Iniziammo a passare un sacco di tempo insieme,
  • 26:05 - 26:07
    come amici.
  • 26:09 - 26:12
    Parlavamo, per ore, fino a notte fonda.
  • 26:14 - 26:18
    Avrei dovuto sicuramente capire che stava flirtando con me. Credo che in un certo senso,
  • 26:18 - 26:24
    pensavo, è una pessima idea, è impossibile, quindi farò finta che non stia succedendo.
  • 26:25 - 26:29
    Dato che il mio matrimonio stava andando a rotoli
    e, a un certo punto, non avevo un posto dove andare,
  • 26:29 - 26:33
    stavamo nello stesso appartamento e portai mia figlia a vivere con me.
  • 26:34 - 26:37
    Ci trasferimmo lì, e ammobiliammo la casa,
    ed era tutto veramente sereno.
  • 26:37 - 26:41
    La mia vita non era stata serena per un po', e lo stesso valeva per lui.
  • 26:46 - 26:54
    Eravamo estrememente vicini, sin dall'inizio della nostra relazione amorosa.
  • 26:54 - 26:58
    Eravamo semplicemente ... eravamo in contatto costante.
  • 26:58 - 27:02
    Ma eravamo entrambi delle persone difficili con cui avere a che fare. [ride]
  • 27:04 - 27:11
    In una discussione alla Ally McBeal, mi ha confessato di avere una canzone come sorta di colonna sonora e gliel'ho fatta mettere su.
  • 27:12 - 27:17
    Era "Extraordinary machine" di Fiona Apple.
  • 27:17 - 27:24
    Penso che sia la sensazione che dà il brano di trovarsi come sotto assedio,
  • 27:25 - 27:28
    oltre a un certo senso di speranza.
  • 27:28 - 27:34
    ♪ By foot it's a slow climb, but I'm good
    at being uncomfortable so I can't stop
  • 27:34 - 27:37
    changing all the time ♪
  • 27:37 - 27:44
    Sotto molti aspetti, Aaron era tremendamente ottimista sulla vita. Anche quando non se lo sentiva veramente,
  • 27:44 - 27:47
    poteva mostrare forte ottimismo sul futuro della vita.
  • 27:47 - 27:50
    ♪ I'm an extraordinary machine ♪
  • 27:53 - 27:58
    (Aaron) - Che fai?
    (Quinn) - Adesso si possono caricare i video su Flickr.
  • 28:00 - 28:02
    Swartz s'impegnò così in una varietà di nuovi progetti
  • 28:02 - 28:05
    che riguardavano l'accesso alle informazioni pubbliche,
  • 28:05 - 28:08
    compreso un sito per la trasparenza della politica chiamato
    Watchdog.net,
  • 28:08 - 28:11
    e un altro noto come The Open Library.
  • 28:11 - 28:15
    Il progetto Open Library è un sito web attivo su openlibrary.org,
  • 28:15 - 28:20
    e l'idea è quella di un enorme wiki, un sito modificabile con una pagina per ciascun libro.
  • 28:20 - 28:24
    Quindi, per ogni libro mai pubblicato ci sarà una pagina web dedicata
  • 28:24 - 28:30
    che include tutte le informazioni fornite da editore, librai, biblioteche e lettori,
  • 28:30 - 28:35
    tutto in un unico sito, inclusi i link per sapere dove si può comprare il libro, dove prenderlo in prestito o sfogliarlo.
  • 28:35 - 28:40
    Mi piacciono le biblioteche, sono quel tipo di persona che quando arriva in una nuova città, cerca immediatamente la biblioteca.
  • 28:40 - 28:44
    Ecco il sogno di Open Library, quello di costruire un sito dove si può saltare di libro in libro,
  • 28:44 - 28:49
    e anche dal lettore all'autore, dal soggetto all'idea, passando attraverso questo vasto albero di conoscenza
  • 28:49 - 28:54
    incorporato e perso nelle grandi biblioteche fisiche, difficile da ritrovare
  • 28:54 - 28:59
    e poco accessibile online. È molto importante perché i libri sono la nostra eredità culturale.
  • 28:59 - 29:01
    I libri sono gli spazi dove si parla delle cose del mondo,
  • 29:01 - 29:06
    e lasciare che tutto questo sia ingurgitato da un qualche azienda... è un po' spaventoso.
  • 29:07 - 29:11
    Come garantire l'accesso pubblico al pubblico dominio?
  • 29:11 - 29:15
    Può sembrare ovvio, che si abbia accesso pubblico a ciò che è nel pubblico dominio,
  • 29:15 - 29:21
    ma nei fatti non è così. Il pubblico dominio dovrebbe essere libero per tutti, ma spesso è messo sotto chiave.
  • 29:21 - 29:27
    Ci sono spesso delle gabbie di protezione. È come avere un parco nazionale, ma con un fossato intorno,
  • 29:27 - 29:33
    e delle torrette di guarda con le mitragliatrici puntate fuori, nel caso in cui qualcuno volesse veremente venire a godersi il pubblico dominio.
  • 29:33 - 29:39
    Una delle cose che interessavano particolarmente Aaron era quello di garantire l'accesso al pubblico dominio.
  • 29:39 - 29:43
    Una delle cose che lo hanno fatto finire in un mare di guai.
  • 29:46 - 29:53
    Ho provato ad ottenere l'accesso ai registri dei tribunali federali statunitensi.
  • 29:54 - 29:59
    Quello che scoprii è questo sconcertante sistema chiamato PACER,
  • 30:00 - 30:03
    che significa Public Access to Court Electronic Records [Accesso Pubblico ai Registri Elettronici dei Tribunali].
  • 30:03 - 30:07
    Ho preso a fare ricerche su Google, e così ho
    scoperto Carl Malamud.
  • 30:09 - 30:15
    L'accesso ai documenti giuridici negli Stati Uniti è un affare da 10 miliardi di dollari l'anno.
  • 30:15 - 30:23
    PACER è questo incredibile abominio
    dei servizi statali. Costa 10 cent per pagina,
  • 30:23 - 30:27
    è il sistema più cerebroleso che si sia mai visto. Non si può ricercare, né aggiungere un segnalibro.
  • 30:27 - 30:32
    Devi avere una carta di credito per usarlo, e si tratta di elenchi pubblici.
  • 30:32 - 30:37
    I registri dei tribunali distrettuali sono assai importanti - è dove hanno inizio tanti casi importanti,
  • 30:37 - 30:44
    casi sulle libertà civili e sui brevetti, ogni sorta di materiale per cui giornalisti, studenti, cittadini e avvocati
  • 30:44 - 30:49
    hanno bisogno di accedere al PACER, e il sistema ne ostacola ogni passo.
  • 30:49 - 30:55
    Chi ha scarsi mezzi economici non può seguire la legge al pari di chi invece possiede una carta di credito American Express oro.
  • 30:55 - 30:58
    È un vero e proprio balzello sull'accesso alle sentenze giudiziarie.
  • 30:58 - 31:04
    La legge è il sistema operativo della nostra democrazia, e devi pagare per accedervi?
  • 31:04 - 31:07
    Direi che tutto ciò ha poco a che fare con la democrazia.
  • 31:07 - 31:12
    Il sistema PACER ha un ricavato di circa 120 millioni di dollari l'anno,
  • 31:12 - 31:18
    e non costa nemmeno lontamente quella cifra, secondo i loro stessi bilanci. Anzi, è illegale.
  • 31:19 - 31:26
    Secondo l'E-Government Act del 2002, i tribunali possono richiedere pagamenti solo "nella misura necessaria,
  • 31:26 - 31:30
    in modo da coprire i costi legati alla semplice gestione del PACER".
  • 31:35 - 31:40
    Come fondatore del sito Public.Resource.Org, Malamud voleva protestare contro i costi del PACER
  • 31:40 - 31:43
    e così lanciò un progetto chiamato "The Pacer Recycling Project", [riciclaggio del PACER]
  • 31:43 - 31:47
    dove chiunque poteva caricare documenti del PACER per i quali aveva già pagato
  • 31:47 - 31:50
    su un database libero e gratuito così che gli altri potessero usarli.
  • 31:50 - 31:55
    I gestori del PACER erano pressati dal Congresso e da altri riguardo l'accesso pubblico,
  • 31:55 - 32:01
    e quindi misero insieme questo programma pilota, in 17 biblioteche del Paese, dove si poteva accedere gratuitamente al PACER.
  • 32:02 - 32:08
    Sapete, [in USA] c'è una biblioteca ogni 22.000 miglia quadrate, direi perciò che fosse poco comodo.
  • 32:08 - 32:12
    Così ho incoraggiato i volontari a unirsi alle cosiddette "Squadriglie della Chiavetta",
  • 32:12 - 32:17
    e a scaricare i documenti dalle biblioteche con accesso pubblico per poi caricarli sul sito di riciclaggio del PACER.
  • 32:17 - 32:21
    La gente prende queste chiavette, le porta in una di queste biblioteche e scarica un sacco di documenti,
  • 32:21 - 32:25
    che poi mandano a me. Insomma, era una roba da ridere.
  • 32:25 - 32:29
    Infatti, quando cliccavi su "Squadriglie della Chiavetta", c'era una canzoncina tratta da "il Mago di Oz",
  • 32:29 - 32:32
    sai, i Munchkin che cantano, si apriva un video:
  • 32:32 - 32:35
    ♪ Rappresentiamo la gilda del leccalecca ♪
  • 32:35 - 32:39
    Ma naturalmente, ricevetti questa telefonata da Steve Shultze e Aaron, che dicevano:
  • 32:40 - 32:43
    "Vorremmo dare una mano alle Squadriglie della Chiavetta."
  • 32:43 - 32:48
    In quel periodo, incontrai per caso Aaron a una conferenza.
  • 32:48 - 32:52
    Il progetto doveva avere necessariamente la collaborazione di tanta gente.
  • 32:52 - 32:53
    Così gli dissi:
  • 32:53 - 32:58
    "Sto pensando a un intervento sul problema del PACER."
  • 33:00 - 33:04
    Shultze aveva già sviluppato un programma per scaricare automaticamente i documenti del PACER
  • 33:04 - 33:06
    da quelle biblioteche del programma pilota.
  • 33:06 - 33:09
    Swartz volle dargli un'occhiata.
  • 33:09 - 33:13
    Quindi gli mostrai il codice, e non sapevo cosa sarebbe successo dopo,
  • 33:13 - 33:19
    ma poi, nelle poche ore della conferenza, mi accorsi che
  • 33:19 - 33:25
    si era messo in un angolo, aveva migliorato il codice e reclutato uno dei suoi amici
  • 33:25 - 33:32
    che viveva vicino a una di queste biblioteche, per andare lì e iniziare a testare quel codice migliorato.
  • 33:32 - 33:38
    A quel punto, i gestori del sistema si accorsero che qualcosa non andava secondo i loro piani.
  • 33:38 - 33:43
    E i dati iniziarono ad arrivare, e arrivare, e arrivare.
  • 33:43 - 33:48
    e presto c'erano 760 GB di documenti del PACER, circa 20 milioni di pagine.
  • 33:49 - 33:52
    Usando i dati presenti nella biblioteche pilota,
  • 33:52 - 33:57
    Swartz stava conducendo un massiccio download parallelo automatizzato del PACER.
  • 33:57 - 34:04
    Fu in grado di acquisire circa 2,7 milioni di documenti dei tribunali federali, quasi 20 milioni di pagine di testo.
  • 34:04 - 34:10
    Ora, vi posso assicurare che 20 milioni di pagine hanno superato le aspettative
  • 34:10 - 34:15
    dei gestori del progetto pilota sull'accesso pubblico, ma sorprendere un burocrate non è illegale.
  • 34:15 - 34:19
    Aaron e Carl decisero così di raccontare la storia al New York Times.
  • 34:20 - 34:26
    Attirarono però anche l'attenzione dell'FBI che iniziò a sorvegliare la casa dei genitori di Aaron in Illinois.
  • 34:27 - 34:31
    E mi arriva un tweet da sua madre che dice: "Chiamami!!"
  • 34:31 - 34:34
    Così penso, tipo, cosa diavolo sta succedendo??
  • 34:34 - 34:39
    E quindi a un certo punto trovo Aaron, sai, e la madre che diceva "Oddio, l'FBI, l'FBI, l'FBI!!"
  • 34:40 - 34:46
    Un agente dell'FBI è passato con la macchina nel nostro vialetto di casa, per vedere se Aaron era nella sua stanza.
  • 34:47 - 34:52
    Ricordo che quel giorno ero a casa e mi stavo chiedendo perché mai quest'auto entrava nel vialetto,
  • 34:52 - 34:55
    e poi tornava indietro. È strano!
  • 34:57 - 35:05
    Tipo, cinque anni dopo leggo questorapporto dell'FBI e mi dico: "Oh, santo cielo. Quello era un agente dell'FBI, davanti casa!"
  • 35:05 - 35:09
    Aaron era terrorizzato, completamente terrorizzato.
  • 35:10 - 35:15
    Lo era ancor più quando l'FBI lo chiamò al telefono,
  • 35:15 - 35:19
    e provarono a fregarlo dicendogli di venire in un bar senza l'avvocato.
  • 35:19 - 35:24
    Disse che andò a casa, si buttò sul letto e tremava come una foglia.
  • 35:26 - 35:30
    Quei documenti del PACER portarono allo scoperto anche grosse violazioni della privacy nei documenti dei tribunali.
  • 35:30 - 35:35
    Alla fine, per tutta risposta, i tribunali dovettero cambiare le loro policy,
  • 35:35 - 35:40
    e l'FBI chiuse l'indagine senza formulare accuse.
  • 35:40 - 35:43
    A tutt'oggi trovo incredibile che
  • 35:43 - 35:48
    qualche agente, nelle più remote sedi distaccate dell'FBI,
  • 35:48 - 35:52
    abbia pensato che un uso sensato dei soldi dei contribuenti fosse quello di indagare qualcuno
  • 35:52 - 35:55
    per "furto" per aver reso pubblici dei documenti giuridici.
  • 35:55 - 35:58
    Come puoi definirti un uomo della legge,
  • 35:58 - 36:02
    e pensare che possa esserci qualcosa di sbagliato nell'intero universo
  • 36:02 - 36:04
    con il fatto di rendere pubbliche le norme di legge?
  • 36:04 - 36:09
    Aaron era pronto a rischiare in prima persona per le cause in cui credeva.
  • 36:09 - 36:16
    Infastidito dalle disuglianze economiche, Swartz andò oltre la tecnologia per occuparsi di importanti questioni politiche.
  • 36:16 - 36:22
    Una volta entrato nello staff del Parlamento, lo invitai come stagista da noi per un po'
  • 36:22 - 36:25
    di modo da imparare come funziona il processo politico.
  • 36:25 - 36:31
    Stava imparando come opera una nuova comunità e acquisendo nuove competenze per hackerare la politica.
  • 36:31 - 36:37
    "Sembra ridicolo che i minatori debbano farsi strada martellando finché grondano di sudore,
  • 36:37 - 36:41
    messi di fronte al fatto che si azzardano a fermarsi, non potranno sfamare la famiglia,
  • 36:41 - 36:47
    mentre io posso guadagnare sempre più semplicemente stando seduto a guardare la TV.
  • 36:47 - 36:49
    Ma apparentemente il mondo è ingiusto.
  • 36:49 - 36:53
    Così, ho co-fondato un gruppo chiamato The Progressive Change Campaign Committee.
  • 36:53 - 36:58
    e qui cerchiamo di organizzare via Internet chiunque sia interessano alle riforme progressiste,
  • 36:58 - 37:01
    persone che provano a portare il Paese in una direzione più progressista,
  • 37:01 - 37:04
    e cerchiamo di metterle insieme, gli diciamo di iscriversi alla nostra mailing list e di dare una mano alle nostre campagne,
  • 37:04 - 37:06
    di aiutare i candidati progressisti a essere eletti in tutto il Paese".
  • 37:06 - 37:13
    Il gruppo è responsabile per aver sostentuo l'impegno dal basso dietro alla campagna per l'elezione di Elizabeth Warren al Senato.
  • 37:13 - 37:18
    Forse riteneva stupido il sistema, ma venne qui e disse: "Devo imparare come funziona questo sistema,
  • 37:18 - 37:21
    perché può essere manipolato, come ogni sistema sociale."
  • 37:22 - 37:26
    Ma la sua passione per la conoscenza e le biblioteche non passò in secondo piano.
  • 37:26 - 37:31
    Aaron iniziò a guardare più attentamente alle istituzioni che pubblicano sulle riviste accademiche.
  • 37:32 - 37:36
    "In virtù del vostra posizione di studenti di una delle maggiori università degli Stati Uniti,
  • 37:36 - 37:39
    presumo abbiate accesso a un'ampia varietà di riviste accademiche.
  • 37:39 - 37:44
    Praticamente ogni grande università staunitense paga questi canoni di licenza a organizzazioni come
  • 37:44 - 37:51
    JSTOR e Thompson Isi per l'accesso a pubblicazioni accademiche che il resto del mondo non può leggere.
  • 37:51 - 37:57
    Queste riviste accademiche sono essenzialmente l'intero patrimonio della conoscenza umana online,
  • 37:57 - 38:02
    e molte sono state pagate con il denaro dei contribuenti e con finanziamenti statali,
  • 38:02 - 38:09
    ma per leggerle, spesso bisogna pagare ancora, con costose tariffe a favore di editori tipo Reed-Elsevier.
  • 38:09 - 38:15
    Questi canoni di licenza sono così esosi che, per chi studia in India invece che negli Stati Uniti,
  • 38:15 - 38:19
    questo tipo di accesso diventa impossibile. Sono esclusi da queste riviste.
  • 38:19 - 38:23
    Sono chiusi fuori dalla nostra intera eredità scientifica.
  • 38:23 - 38:27
    Dico, un sacco di questi articoli vanno indietro sino ai tempi dell'Illuminismo.
  • 38:27 - 38:32
    Ogni volta che qualcuno scrive un articolo scientifico, viene scansionato, digitalizzato e messo in queste raccolte.
  • 38:32 - 38:40
    Questa è un'eredità che ci è stata portata dalla storia di quanti hanno fatto lavori interessanti, la storia della scienza.
  • 38:40 - 38:43
    È un'eredita che dovrebbe appartnerci come un bene comune, a noi tutti come popolazione.
  • 38:43 - 38:48
    Invece è stata messa sotto chiave e diffusa online per una manciata di organizzazioni a scopo di lucro,
  • 38:48 - 38:53
    le quali cercano di ottenerne il massimo profitto possibile.
  • 38:53 - 38:59
    Così, un ricercatore pagato dall'università o da altri pubblica un articolo,
  • 38:59 - 39:02
    e proprio all'ultimo passaggiodel processo, una volta fatto tutto il lavoro,
  • 39:02 - 39:07
    dopo aver concluso tutta la ricerca originale, dopo averla concepita e dopo il lavoro di laboratorio, le analisi, dopo che tutto è stato fatto,
  • 39:07 - 39:13
    all'ultima fase, il ricercatore deve passare il copyright a queste aziende multimiliardarie.
  • 39:14 - 39:18
    Roba da matti. Un intero sistema economico basato sul lavoro volontario,
  • 39:18 - 39:21
    e gli editori vi sono seduti in cima e si beccano tutta la crema.
  • 39:22 - 39:29
    Stiamo parlando di una truffa. L'anno scorso un editore in Gran Bretagna ha incassato raccolto profitti per 3 miliardi di dollari.
  • 39:29 - 39:30
    Dico, questo è racket!"
  • 39:30 - 39:34
    JSTOR è un soggetto alquanto piccolo in questa storia
  • 39:34 - 39:41
    ma per qualche ragione, JSTOR è il soggetto che Aaron decise di sfidare.
  • 39:41 - 39:45
    Partecipò ad alcune conferenze su Open Access e Open Publishing.
  • 39:45 - 39:47
    e non so chi fosse la persona di JSTOR
  • 39:47 - 39:50
    ma penso che... a un certo punto fece una domanda:
  • 39:50 - 39:55
    "Quanto costerebbe aprire al pubblico JSTOR per sempre?"
  • 39:55 - 39:58
    E quello rispose -- penso che fosse 200 milioni di dollari,
  • 39:58 - 40:00
    qualcosa che Aaron ritenne totalmente ridicolo.
  • 40:01 - 40:07
    Avendo lavorato come Fellow ad Harvard, sapeva bene che la rete del MIT era famosa per essere veloce e aperta a tutti, lì di fianco,
  • 40:07 - 40:12
    e aveva un accesso autorizzato alle risorse di JSTOR. Swartz vide un'opportunità d'intervento.
  • 40:12 - 40:14
    "Voi avete una chiave per quelle porte,
  • 40:14 - 40:20
    e con un po' di magia degli script da linea di comando, potete prendervi quegli articoli scientifici".
  • 40:21 - 40:23
    Il 24 settembre 2010,
  • 40:23 - 40:27
    Swartz registrò un portatile Acer appena comprato
  • 40:27 - 40:31
    sulla rete del MIT, con il nome "Gary Host".
  • 40:31 - 40:36
    Il nome del client fu registrato come "GHost_laptop".
  • 40:36 - 40:39
    "Non ha hackerato JSTOR nel senso tradizionale del termine.
  • 40:39 - 40:41
    Il database di JSTOR era ben organizzato,
  • 40:41 - 40:44
    quindi era davvero banale capire come si potevano scaricare tutti gli articoli di JSTOR,
  • 40:44 - 40:47
    perché sostanzialmente era tutto numerato.
  • 40:47 - 40:52
    Era in pratica slash slash slash numero articolo 444021 e -25 e -26.
  • 40:52 - 40:56
    Scrisse uno script python chiamato "keepgrabbing.py" ["continuaascaricare.py"],
  • 40:56 - 40:59
    che in pratica continuava a scaricare un articolo dopo l'altro.
  • 40:59 - 41:02
    Il giorno successivo, il GHost laptop inizia a scaricare articoli,
  • 41:02 - 41:09
    ma presto l'indirizzo IP del computer viene bloccato. Per Swartz è a malapena una buca nel suo percorso.
  • 41:09 - 41:14
    Riassegna velocemente l'indirizzo IP del suo computer e continua a scaricare.
  • 41:14 - 41:18
    Beh, JSTOR e l'MIT provarono in vari modo a interferire con questo piano,
  • 41:18 - 41:20
    quando si accorsero di quanto stava succedendo
  • 41:20 - 41:22
    e dell'inefficacia dei loro interventi iniziali.
  • 41:22 - 41:27
    A un certo punto JSTOR tagliò l'accesso al database dell'MIT.
  • 41:27 - 41:30
    Quindi c'è una specie di gioco del gatto con il topo,
  • 41:30 - 41:34
    sull'accesso al database di JSTOR.
  • 41:34 - 41:40
    Aaron, in ultima analisi, è ovviamente il gatto per le sue maggiori competenze tecniche,
  • 41:40 - 41:43
    rispetto agli addetti di JSTOR che cercano di bloccarne l'accesso.
  • 41:43 - 41:47
    Alla fine, al MIT c'era un ripostiglio non chiuso a chiave nel seminterrato di uno degli edifici,
  • 41:47 - 41:51
    e così invece di usare il WiFi, andò là sotto e semplicemente collegò il computer direttamente alla rete,
  • 41:51 - 41:57
    lasciandolo lì con un disco esterno su cui scaricare quegli articoli.
  • 41:57 - 42:02
    All'insaputa di Swartz, il laptop e il disco esterno furono però scoperti dalle autorità.
  • 42:03 - 42:06
    Le quali decisoro di non bloccare il download,
  • 42:06 - 42:09
    per installarvi invece una telecamera a circuito chiuso.
  • 42:11 - 42:15
    Trovarono il computer in questo stanzino nel seminterrato di un edificio dell'MIT.
  • 42:15 - 42:20
    Avrebbero potuto staccarlo. Avrebbero potuto aspettare che il tizio ritornasse e dirgli:
  • 42:20 - 42:24
    "Ehi, cosa stai facendo, staccalo subito. Chi sei?"
  • 42:24 - 42:26
    Avrebbero potuto fare tutta questa serie di cose, ma preferirono fare altrimenti.
  • 42:26 - 42:30
    Decisero di filmarlo per raccogliere le prove e costruire un caso giudiziario.
  • 42:30 - 42:36
    Questa è l'unica ragione per cui si filma una situazione simile.
  • 42:38 - 42:42
    All'inizio l'unica persona ripresa dalla tremolante videocamera
  • 42:42 - 42:46
    usava il ripostiglio per depositarvi bottiglie e lattine.
  • 42:53 - 42:57
    Ma qualche giorno dopo, ecco che riprende Swartz.
  • 43:06 - 43:11
    Swartz sta sostituendo il disco esterno. Lo toglie dallo zaino,
  • 43:11 - 43:15
    si abbassa fuori dal campo della telecamera per circa cinque minuti,
  • 43:15 - 43:22
    e poi se ne va.
  • 43:37 - 43:42
    Così organizzarono un pedinamento dove, mentre Aaron torna a casa in bicicletta dall'MIT,
  • 43:42 - 43:45
    questi poliziotti sbucano fuori da entrambi i lati della strada,
  • 43:45 - 43:48
    o qualcosa del genere, e iniziano a inseguirlo.
  • 43:49 - 43:54
    Lui descrisse la scena dicendo di essere stato inseguito e aggredito dalla polizia.
  • 43:55 - 43:58
    Mi disse che - non era chiaro che quelli fossero dei poliziotti.
  • 43:58 - 44:03
    Pensò che qualcuno stava cercando di aggredirlo.
  • 44:03 - 44:06
    Mi disse che venne picchiato.
  • 44:08 - 44:15
    Fu semplicemente devastante. L'idea stessa di un qualsiasi procedimento penale ai danni di un qualsiasi membro della nostra famiglia
  • 44:15 - 44:18
    ci era del tutto estranea e incomprensibile, non sapevo cosa fare.
  • 44:18 - 44:24
    Richiesero dei mandati di perquisizione e perquisirono la casa di Aaron, l'appartamento a Cambridge e l'ufficio ad Harvard.
  • 44:28 - 44:34
    Due giorni prima dell'arresto, l'indagine era andata oltre JSTOR e la polizia locale di Cambridge.
  • 44:34 - 44:38
    Era stata presa in carico dai servizi segreti degli Stati Uniti.
  • 44:38 - 44:43
    I servizi segreti iniziarono a investigare le frodi informatiche legate alle carte di credito nel 1984,
  • 44:43 - 44:46
    ma sei settimane dopo gli attacchi dell'11 settembre, il loro ruolo si espanse.
  • 44:47 - 44:49
    [applausi]
  • 44:50 - 44:56
    Il presidente Bush usò il Patriot Act per creare una nuova rete repressiva chiamata Electronic Crimes Task Forces.
  • 44:57 - 45:01
    Questa legge tiene conto delle nuove realtà e dei nuovi pericoli posti dai terroristi moderni,
  • 45:02 - 45:07
    Secondo i servizi segreti, si occupano principalmente di attività con impatto economico,
  • 45:07 - 45:11
    gruppi criminali organizzati, o frodi in cui sono coinvolte le nuove tecnologie.
  • 45:11 - 45:16
    I servizi segreti passano il caso di Swartz all'ufficio del procuratore di Boston.
  • 45:16 - 45:19
    C'era un tizio nell'ufficio del procuratore che aveva il titolo di
  • 45:19 - 45:22
    "Capo dell'unità o task force sui reati informatici".
  • 45:22 - 45:24
    Non so cos'altro avesse da fare,
  • 45:24 - 45:29
    ma sicuramente non sei un "inquirente per i reati informatici" senza dei reati informatici da perseguire,
  • 45:30 - 45:35
    quindi saltò sul caso e se lo tenne per sè, non lo assegnò ad altri dell'ufficio o dell'unità,
  • 45:36 - 45:38
    e costui è Steve Heymann.
  • 45:38 - 45:42
    Il pubblico ministero Stephen Heymann è rimasto per lo più fuori dalla scena pubblica fin dall'arresto di Aaron Swartz,
  • 45:42 - 45:47
    ma può essere visto qui, in un episodio dello spettacolo TV "American Greed",
  • 45:47 - 45:50
    trasmesso nel periodo dell'arresto di Aaron.
  • 45:50 - 45:53
    Sta descrivendo il caso precedente contro il noto hacker Alberto Gonzales,
  • 45:54 - 45:57
    un caso che ha fruttato ad Heymann un'enorme attenzione mediatica e vari riconoscimenti.
  • 45:57 - 46:02
    Gonzales aveva architettato il furto di oltre 100 milioni di carte di credito e numeri di bancomat,
  • 46:02 - 46:05
    la più grande frode di questo tipo della storia.
  • 46:05 - 46:10
    Qui, Heymann, parlando di Gonzales, descrive la sua concezione degli hacker:
  • 46:10 - 46:16
    "Questi ragazzi sono guidati da molte delle stesse cose da cui noi siamo guidati.
  • 46:17 - 46:25
    Hanno un ego, amano le sfide, e ovviamente amano i soldi e tutto quel che si può fare con i soldi".
  • 46:25 - 46:30
    Uno dei sospetti implicati nel caso Gonzales era un giovane hacker, Jonathan James.
  • 46:30 - 46:33
    Pensando di poter essere incrimnato per i reati di Gonzales,
  • 46:33 - 46:37
    James si suicidò durante le indagini.
  • 46:37 - 46:41
    In uno dei comunicati stampa iniziali che descrivevano la posizione gonernativa nel caso di Aaron Swartz,
  • 46:41 - 46:46
    il capo di Heymann, il procuratore generale per il distretto del Massachussets Carmen Ortiz, dichiarò:
  • 46:47 - 46:50
    "Rubare è rubare, sia che lo si faccia usando un comando del computer o un piede di porco
  • 46:50 - 46:53
    e che si prendano documenti, dati o dollari".
  • 46:54 - 46:56
    Non è vero. Ovviamente non è così.
  • 46:56 - 46:58
    Non sto dicendo che sia un'azione innocua,
  • 46:58 - 47:04
    e non sto dicendo che non dovremmo rendere penalmente rilevante il furto di informazioni,
  • 47:04 - 47:07
    però bisogna essere assai più sottili
  • 47:09 - 47:14
    nel provare a capire di quali tipi di danni si tratta.
  • 47:15 - 47:19
    Quindi, il punto è che con un piede di porco, ogni volta che penetro in un luogo con un piede di porco,
  • 47:19 - 47:22
    faccio dei danni. Nessun dubbio in proposito.
  • 47:22 - 47:24
    Ma quando Aaron scrive uno script che dice,
  • 47:24 - 47:28
    "scarica scarica scarica" 100 volte al secondo,
  • 47:28 - 47:31
    non c'è alcun danno ovvio ai danni di chicchessia,
  • 47:31 - 47:36
    Se lo fa allo scopo di raccogliere un archivio per farvi delle ricerche.
  • 47:36 - 47:39
    non ci sarà mai danno per nessuno.
  • 47:39 - 47:43
    Non stava rubando. Non stava vendendo quel che aveva o né lo stava diffondendo in giro.
  • 47:43 - 47:46
    Stava compiendo un'affermazione di principio, per quel che posso dirne.
  • 47:46 - 47:48
    L'arresto ebbe un certo peso su Swartz.
  • 47:48 - 47:50
    Semplicemente non voleva parlarne.
  • 47:50 - 47:51
    Dico, era veramente stressato.
  • 47:52 - 47:56
    Se pensassi che l'FBI possa bissare alla porta un giorno o l'altro,
  • 47:56 - 48:00
    e in ogni momento in cui andavi in cantina, anche solo per fare il bucato,
  • 48:00 - 48:03
    loro sarebbero potuti entrare perché avevi non avevi chiuso la porta a chiave,
  • 48:03 - 48:07
    beh... anch'io sarei abbastanza stressato,
  • 48:07 - 48:13
    ed era chiaro, perciò Aaron era sempre di umore cupo.
  • 48:19 - 48:24
    In quel periodo non specificava mai dove si trovasse,
  • 48:24 - 48:28
    perché era terrorizzato di trovarsi di fronte l'FBI.
  • 48:31 - 48:35
    Era un periodo di attivismo sociale e politico senza precedenti.
  • 48:36 - 48:42
    Poi Time Magazine avrebbe nominato, come persona dell'anno 2011, "The Protester".
  • 48:42 - 48:47
    C'era una sorta di focolaio di attività hacker in corso.
  • 48:49 - 48:53
    WikiLeaks aveva appena rilasciato la raccolta di documenti diplomatici,
  • 48:54 - 48:56
    Manning venne arrestato in quel periodo,
  • 48:57 - 49:00
    pur se ancora non si sapeva se fosse lui la fonte di quelle informazioni.
  • 49:01 - 49:05
    Anonymous, una specie di collettivo di protesta
  • 49:05 - 49:07
    composto soprattutto da hacker,
  • 49:08 - 49:11
    era impegnate in varie azioni d'attivismo.
  • 49:12 - 49:14
    Se si confrontano queste ultime con quanto fece Aaron,
  • 49:14 - 49:18
    la sua situazione avrebbe dovuto essere lasciata unicamente nelle mani del MIT e di JSTOR,
  • 49:19 - 49:22
    onde gestirla in modo privato e professionale.
  • 49:22 - 49:28
    Non avrebbe mai dovuto arrivare all'attenzione del sistema giudiziario.
  • 49:28 - 49:32
    Non era una cosa che ne faceva parte.
  • 49:37 - 49:40
    Prima di essere incriminato, a Swartz venne offerto un patteggiamento
  • 49:40 - 49:43
    che comprendeva 3 mesi di carcere, un certo periodo in una casa di accoglienza,
  • 49:43 - 49:46
    e un anno di arresti domiciliari,
  • 49:46 - 49:48
    tutto senza poter usare il computer.
  • 49:48 - 49:52
    La condizione era che Swartz si dichiarasse colpevole di un reato.
  • 49:53 - 49:57
    Eccoci qui: non ci sono scoperte precise, nessuna prova di alcun tipo
  • 49:57 - 49:59
    su cosa fosse basato il caso del procuratore,
  • 49:59 - 50:02
    e dobbiamo prendere quest'immensa decisione
  • 50:02 - 50:05
    dove l'avvocato ci spinge ad accettare,
  • 50:06 - 50:10
    le autortà avanza una proposta non negoziabile,
  • 50:10 - 50:13
    e ti viene detto che la tua probabilità di vincere la causa è minima.
  • 50:14 - 50:19
    Quindi, che tu sia colpevole o meno, è meglio se accetti l'accordo.
  • 50:19 - 50:21
    Boston ha la sua divisione dedicata ai reati informatici,
  • 50:21 - 50:25
    con un sacco di avvocati, probabilmente ben più di quelli che servirebbero.
  • 50:26 - 50:31
    Così che è possibile immaginare tutti i casi che sono davvero difficile da mettere in piedi,
  • 50:31 - 50:33
    perché magari ci sono dei criminali in Russia,
  • 50:33 - 50:36
    o magari qualche dirigente aziendale
  • 50:36 - 50:40
    che può permettersi un avvocato da 500 dollari o 700 dollari l'ora
  • 50:40 - 50:44
    impegnati a confutare le accuse contro di loro, e poi hai questo caso con questo ragazzino,
  • 50:44 - 50:48
    dove è davvero facile provare che ha fatto qualcosa,
  • 50:48 - 50:53
    e che si è già fatto notare dall'FBI per essere un piantagrane,
  • 50:53 - 50:57
    quindi perché non essere duro più che puoi con questo tipo?
  • 50:57 - 51:00
    Fa bene alla carriera del procuratore. Fa bene allo Stato,
  • 51:00 - 51:02
    perché combatte contro terroristi di ogni tipo.
  • 51:03 - 51:04
    Ero davvero spaventata.
  • 51:04 - 51:06
    Avevo il terrore che mi sequestrassero il computer.
  • 51:06 - 51:10
    Ero terrorizzata di dover andare in carcere se mi avessero sequestrato il computer.
  • 51:10 - 51:15
    Sul portatile ho del materiale riservato dalle mie fonti, relativo al mio lavoro precedente,
  • 51:15 - 51:21
    e questa è, sopra tutte, la mia priorità: la sicurezza delle mie fonti.
  • 51:21 - 51:25
    Mi preoccupava quel che avrebbe potuto capitare ad Ada.
  • 51:25 - 51:28
    Aaron mi disse che gli avevano offerto il patteggiamento.
  • 51:28 - 51:33
    e infine disse che l'avrebbe accettato se gli avessi detto di farlo.
  • 51:33 - 51:37
    e io - arrivai veramente vicino a dirgli "Accettalo."
  • 51:38 - 51:43
    Aveva queste - aveva sviluppato queste serie aspirazioni politiche,
  • 51:43 - 51:46
    nel frattempo, da quando aveva messo fine
  • 51:46 - 51:51
    alla sua vita da imprenditore di start-up,
  • 51:51 - 51:56
    e aveva iniziato questa nuova vita che conduceva all'attivismo politico,
  • 51:57 - 52:04
    e semplicemente non credeva di poter continuare questa vita con una condanna penale.
  • 52:04 - 52:07
    "Sai - mi disse una volta che stavamo passeggiando di fronte alla Casa Bianca -
  • 52:07 - 52:12
    Chi ha la fedina penale sporca on può lavorare lì dentro".
  • 52:18 - 52:22
    E lui voleva veramente - voleva davvero che quella fosse la sua vita.
  • 52:22 - 52:25
    Non aveva ucciso nessuno, non aveva fatto male a nessuno.
  • 52:26 - 52:28
    Non aveva, tipo, rubato dei soldi.
  • 52:28 - 52:33
    Non aveva fatto nulla di penalmente rilevante, e...
  • 52:35 - 52:39
    c'è questa idea per cui non c'è alcun motivo per cui andasse etichettato come un criminale,
  • 52:39 - 52:43
    e che gli venisse negato il suo diritto di voto in molti Stati [USA]
  • 52:43 - 52:46
    per quel che aveva fatto. Ciò era semplicemente oltraggioso.
  • 52:46 - 52:50
    Aveva senso che magari si beccasse una multa salata,
  • 52:50 - 52:54
    oppure che gli venisse negato di entrare mai più al MIT.
  • 52:54 - 52:59
    Ma essere bollato come un criminale? Avere di fronte il carcere?
  • 53:02 - 53:04
    Swartz rifiutò l'offerta di patteggiamento.
  • 53:04 - 53:07
    Heymann raddoppiò i suoi sforzi.
  • 53:08 - 53:10
    Heymann continuò a pressarci a ogni livello.
  • 53:13 - 53:16
    Pur con le prove concrete ottenute
  • 53:16 - 53:18
    dal suo portatile Acer e dal disco USB,
  • 53:19 - 53:22
    gli inquirenti avevano bisogno di un movente.
  • 53:22 - 53:25
    Perché Aaron Swartz stava scaricando articoli da JSTOR,
  • 53:25 - 53:28
    e cosa voleva farne di preciso?
  • 53:29 - 53:32
    Secondo le autorità, pensava di pubblicarli in giro.
  • 53:33 - 53:36
    Non sappiamo se fosse davvero questa la sua intenzione,
  • 53:36 - 53:43
    perché in passato Aaron aveva già analizzato delle enormi raccolte di articoli
  • 53:43 - 53:45
    per scoprirvi delle cose interessanti.
  • 53:46 - 53:48
    La prova migliore di quest'idea era data da fatto che, mentre era a Stanford,
  • 53:48 - 53:53
    aveva scaricato l'intero database legale Westlaw.
  • 53:53 - 53:56
    Per un progetto con gli studenti di legge di Stanford,
  • 53:56 - 53:58
    Swartz aveva scaricato il database giurisprudenziale Westlaw.
  • 53:59 - 54:03
    Aveva scoperto preoccupanti legami tra chi finanziava certe ricerche legali e
  • 54:03 - 54:05
    e le risultanze a loro favore.
  • 54:05 - 54:08
    Fece questa favolosa analisi su varie aziende che
  • 54:08 - 54:12
    pagavano docenti di legge per scrivere articoli di critica della giurisprudenza
  • 54:12 - 54:16
    che avevano conclusioni favorevoli, per esempio, alla Exxon nei loro casi di inquinamento.
  • 54:16 - 54:19
    S trattava di un sistema veramente corrotto di finanziamento della ricerca che imbellettava le aziende.
  • 54:19 - 54:23
    Swartz non ridistribuì mai i documenti di Westlaw.
  • 54:23 - 54:26
    In teoria avrebbe potuto fare esattamente la stessa cosa nel caso del database JSTOR.
  • 54:26 - 54:28
    E sarebbe stato davvero giusto.
  • 54:28 - 54:34
    Se, d'altro canto, avesse voluto creare un servizio alternativo a JSTOR,
  • 54:34 - 54:36
    del tipo, stiamo per lanciare un nostro sito
  • 54:36 - 54:39
    per accedere alla Harvard Law Review, chiedendo dei soldi in cambio,
  • 54:39 - 54:43
    allora, certo, questa è una violazione penale,
  • 54:43 - 54:45
    perché stai cercando di sfruttare commercialmente quel materiale,
  • 54:45 - 54:48
    ma è un po' da pazzi pensare che volesse fare proprio questo.
  • 54:49 - 54:54
    C'è però anche il caso intermedio: e se stava semplicemente cercando di rendere libero questo materiale per i Paesi in via di sviluppo?
  • 54:54 - 54:57
    Ma a seconda di quel che avesse intenzione di fare, il quadro si fa molto diverso
  • 54:57 - 55:01
    rispetto agli interventi di legge. Il governo voleva incriminarlo
  • 55:01 - 55:04
    come si trattasse di un reato penale a livello commerciale,
  • 55:04 - 55:07
    come ad esempio rubare un mare di dati di carte di credito, un reato di questo tipo.
  • 55:07 - 55:10
    Non so cosa volesse fare con quel database,
  • 55:11 - 55:14
    ma ho sentito da un amico che Aaron voleva analizzarne dei dati per trovare le prove
  • 55:14 - 55:19
    del fatto che le aziende stavano finanziando interventi sul cambiamento climatico
  • 55:19 - 55:24
    che portavano a risultati poco oggettivi - e sono convinto che fosse così.
  • 55:25 - 55:29
    Mi dissero che Steve voleva parlarmi,
  • 55:29 - 55:33
    e pensai che questa potessere un modo per uscir fuori da tutto questo,
  • 55:33 - 55:35
    per scappar via da questa brutta situazione,
  • 55:36 - 55:38
    non volevo vivere con la paura che mi sequestrassero il computer.
  • 55:39 - 55:43
    E non volevo vivere con il terrore di andare in galera per aver ostacolato le indagini
  • 55:43 - 55:47
    qualora mi avessero obbligato a decrittare il computer.
  • 55:47 - 55:51
    Quando vennero da me per dirmi: "Steve vuole parlarti,"
  • 55:51 - 55:53
    sembrava una richiesta ragionevole.
  • 55:53 - 55:58
    Offrirono a Norton quello che è nota come la lettera di "Regina per un giorno" o accordo di immunità.
  • 55:58 - 56:01
    Permetteva agli inquirenti di fare domande sul caso di Aaron,
  • 56:01 - 56:04
    garantendo a Norton l'immunità giudiziaria
  • 56:04 - 56:07
    per qualsiasi rivelazione fornita durante quell'incontro.
  • 56:07 - 56:10
    Non mi piaceva quella storia, lo ripetei più volte ai miei avvocati,
  • 56:10 - 56:14
    che non... sembrava sospetta e non piaceva, non volevo l'immunità,
  • 56:14 - 56:16
    non ne avevo bisogno, non avevo fatto nulla.
  • 56:17 - 56:19
    Ma furono molto, molto rigidi sulla necessità di averla,
  • 56:19 - 56:22
    non volevano che incontrassi il procuratore senza immunità.
  • 56:22 - 56:25
    [intervistatore] - Ma per essere chiari, questa era una lettera di "Regina per un giorno", un accordo di immunità.
  • 56:25 - 56:26
    Esatto, la garanzia dell'immunità.
  • 56:26 - 56:30
    - In pratica, gli davi delle informazioni in cambio dell'immunità dall'indagine.
  • 56:30 - 56:36
    Non si trattava di passargli delle informazioni. Almeno non era così che la vedevo io,
  • 56:36 - 56:38
    era soltanto una discussione, una specie d'intervista.
  • 56:38 - 56:41
    - Beh, ti avrebbero posto delle domande
    Mi avrebbero fatto delle domande.
  • 56:41 - 56:43
    - e potevano chiederti qualunque cosa.
    Esatto.
  • 56:43 - 56:46
    - e qualsiasi cosa fossero venuti a sapere ...
    Veramente ...
  • 56:46 - 56:50
    - non aavrebbero potuto usarlo contro di te.
    Giusto, e ho provato più volte a rifiutare quest'immunità.
  • 56:50 - 56:53
    Ho ripetutamente provato a rifiutare l'accordo di immunità.
  • 56:54 - 56:57
    Non stavo bene. Gli avvocati mi tenevano sotto pressione.
  • 56:57 - 57:00
    Ero confusa. A quel punto non mi sentivo troppo bene.
  • 57:03 - 57:05
    Ero depressa e spaventata, non capivo appieno la situazione.
  • 57:06 - 57:09
    Non avevo alcuna idea del perché fossi in quella brutta situazione.
  • 57:09 - 57:13
    Non avevo fatto nulla d'interessante, tanto meno nulla di sbagliato.
  • 57:13 - 57:15
    Stavamo dando i numeri.
  • 57:16 - 57:19
    Aaron era davvero distrutto da tutto ciò. Ne eravamo completamente sconvolti.
  • 57:19 - 57:21
    I difensori di Aaron erano molto turbati.
  • 57:21 - 57:24
    Dicemmo a Quinn di cambiare avvocati.
  • 57:24 - 57:28
    Ero del tutto impreparata a trovarmi in una stanza con uomini prestanti e armati.
  • 57:28 - 57:33
    che mi dicevano continuamente che stavo mentendo, che dovevo aver fatto qualcosa.
  • 57:34 - 57:37
    Gli dissi che questa cosa su cui stavano indagando
  • 57:37 - 57:40
    non era un reato.
  • 57:41 - 57:43
    Gli dissi che stavano dalla parte sbagliata della storia.
  • 57:44 - 57:47
    Usai proprio quella frase. Dissi: "Siete dalla parte sbagliata della storia."
  • 57:47 - 57:52
    E loro sembravano annoiati. Nemmeno arrabbiati, soltanto annoiati,
  • 57:52 - 57:58
    e iniziai a capire che non parlavamo la stessa lingua.
  • 57:58 - 58:02
    Insomma, gli dissi un sacco di cose sul perché, diciamo, qualcuno volesse scaricare degli articoli scientifici,
  • 58:02 - 58:06
    e a un certo punto - non ricordo nemmeno qual era il punto -
  • 58:06 - 58:12
    menzionai che aveva scritto questo post, il "Guerrilla Open Access Manifesto".
  • 58:13 - 58:16
    Questo è il "Guerrilla Open Access Manifesto".
  • 58:16 - 58:20
    probabilmente scritto nel luglio 2008, in Italia.
  • 58:21 - 58:25
    "L’informazione è potere. Ma, come con ogni tipo di potere, ci sono quelli che vogliono impadronirsene"."
  • 58:25 - 58:30
    "L’intero patrimonio scientifico e culturale, pubblicato nel corso dei secoli in libri e riviste,
  • 58:30 - 58:33
    è sempre più digitalizzato e tenuto sotto chiave da una manciata di aziende private.
  • 58:33 - 58:35
    Tutti voi, che siete stati chiusi fuori, nel frattempo non starete certo a guardare.
  • 58:35 - 58:36
    Vi intrufolerete attraverso i buchi, scavalcherete le recinzioni,
  • 58:36 - 58:37
    per liberare le informazioni lucchettate dagli editori e condividerle con gli amici.
  • 58:37 - 58:38
    Tutta quest'attività avviene però nel buio, in clandestinità.
  • 58:38 - 58:41
    Viene definita furto o pirateria, come se condividere tutta questa conoscenza fosse
  • 58:41 - 58:45
    l'equivalente morale di saccheggiare una nave e farne fuori l'equipaggio.
  • 58:55 - 58:57
    Ma condividere non è immorale — è un imperativo morale.
  • 58:58 - 59:01
    Solo chi fosse accecato dall’avidità ne rifiuterebbe una copia a un amico.
  • 59:02 - 59:04
    Non c’è giustizia nel rispettare leggi ingiuste.
  • 59:05 - 59:08
    È ora di uscire allo scoperto e, nella grande tradizione della disobbedienza civile,
  • 59:09 - 59:12
    dichiarare la nostra opposizione a questo furto privato della cultura pubblica."
  • 59:13 - 59:19
    Il Manifesto in quanto tale sembra fosse stato scritto da quattro persone diverse, e poi rivisto da Norton.
  • 59:19 - 59:22
    Ma fu Swartz a firmarlo.
  • 59:22 - 59:28
    Finto l'incontro, andai immediatamente da Aaron per riferirgli tutto quel che riuscivo a ricordare,
  • 59:29 - 59:32
    e lui si arrabbiò tantissimo.
  • 59:35 - 59:38
    Quel che ho fatto non avrebbe dovuto finire così.
  • 59:40 - 59:45
    Non ho fatto nulla di male, ma ha preso un verso sbagliato.
  • 59:47 - 59:50
    però non avrei mai...
  • 59:57 - 60:00
    Sono ancora inviperita.
  • 60:01 - 60:07
    Sono ancora arrabbiata perché, pur impegnandoti al meglio con questa gente per fare la cosa giusta,
  • 60:07 - 60:09
    loro rivoltano tutto contro di te,
  • 60:09 - 60:14
    e ti faranno del male con qualsiasi cosa possibile.
  • 60:15 - 60:19
    E in quel momento, mi sono pentita di aver detto quel che ho detto.
  • 60:20 - 60:23
    Ma il mio rimorso più grande è che accettiamo tutto ciò.
  • 60:24 - 60:26
    Ci va bene così.
  • 60:26 - 60:28
    Ci va bene avere un sistema giudiziario...
  • 60:28 - 60:32
    un sistema che prova a fregarti e farti cadere in piccole trappole in modo rovinarti la vita.
  • 60:33 - 60:35
    Perciò, si, mi rincresce di averglielo detto.
  • 60:36 - 60:41
    ma sono molto, molto più arrabbiata per quest'accettazione diffusa.
  • 60:43 - 60:48
    perché, come cittadini, pensiamo che vada così.
  • 60:48 - 60:52
    Usarono ogni metodo possibile
  • 60:53 - 60:57
    per fare in modo che [Norton] fornisse informazioni dannose per Aaron
  • 60:57 - 61:00
    e utili per l'indagine nei suoi confronti,
  • 61:01 - 61:07
    ma non credo che avesse informazioni così utili per il governo.
  • 61:08 - 61:12
    I mesi passano, mentre i familiari e gli amici di Swartz prevedono l'inconbente rinvio a giudizio.
  • 61:13 - 61:17
    Nel frattempo Swartz stava diventando l'esperto di riferimento su diverse questioni legate a Internet.
  • 61:17 - 61:20
    [giornalista di RT] ...una domanda per te: pensi che Internet sia qualcosa
  • 61:20 - 61:25
    da considerare come un diritto umano, qualcosa che il governo non può sottrarci?
  • 61:25 - 61:30
    Sì, sicuramente, quest'idea della sicurezza nazionale come scusa per censurare Internet,
  • 61:31 - 61:34
    è esattamente quant'è successo in Egitto, in Siria e in tutti questi altri Paesi,
  • 61:34 - 61:39
    perciò sì, è vero, siti come WikiLeaks dffondono documenti imbarazzanti
  • 61:39 - 61:43
    su quel che fa il governo USA, e si stanno organizzando delle proteste su questo,
  • 61:43 - 61:46
    per cercare di cambiare la posizione del governo. E questo è un fatto positivo.
  • 61:46 - 61:50
    si tratta di affermare il diritto alla libertà d'espressione del Primo Emendamento [della Costituzione USA], e la libertà d'associazione,
  • 61:50 - 61:55
    e quindi l'idea che si dovrebbe provare a reprimere queste cose, va contro gli stessi principi di base del Paese.
  • 61:55 - 61:58
    Un principio, credo, che i nostri Padri Fondatori avrebbero ben compreso.
  • 61:58 - 62:00
    Se all'epoca ci fosse stata Internet,
  • 62:00 - 62:03
    anziché parlare di "uffici postali" nella Costituzione, avrebbero scritto gli "ISP" [provider internet].
  • 62:03 - 62:06
    [giornalista di RT] Beh, è davvero interessante vedere così in avanti...
  • 62:06 - 62:11
    Swartz incontra l'attivista Taren Stinebrickner-Kauffman, e i due iniziano a frequentarsi.
  • 62:11 - 62:13
    [Aaron] C'è bisogno di un'iniziativa pubblica globale di massa.
  • 62:13 - 62:15
    [Taren] Se non c'è una protesta pubblica globale di massa, non cambierà nulla.
  • 62:15 - 62:19
    - Sai, quattro persone in questa città bastano per creare una protesta pubblica globale di massa.
  • 62:19 - 62:22
    - Sai, c'è bisogno di firmare una petizione.
  • 62:22 - 62:26
    Senza raccontarle dettagli specifici, la avvertì che era coinvolto in qualcosa
  • 62:26 - 62:28
    che chiamava semplicemente "La Brutta Storia".
  • 62:28 - 62:33
    E pensavo a folli teorie, che stava avendo una relazione con Elizabeth Warren o roba del genere.
  • 62:33 - 62:38
    Avevo pensato sia a Hillary Clinton che a Elizabeth Warren, in realtà, ma...
  • 62:38 - 62:41
    A un certo punto, probabilmente a fine luglio, Aaron mi chiama
  • 62:42 - 62:47
    e quando rispondo, Aaron fa: «Sai, "La Brutta Storia" porebbe uscire sul giornale di domani.
  • 62:47 - 62:50
    Vuoi che te la dica io, o vuoi leggerla lì?»
  • 62:50 - 62:52
    E io risposi:, "Beh, voglio che me la dica ".
  • 62:53 - 62:58
    Aaron disse, "Beh, sono stato - sono stato arrestato,
  • 62:58 - 63:03
    perché ho scaricato troppi articoli scientifici, e vogliono farmi diventare un esempio."
  • 63:04 - 63:11
    E io risposi: "Tutto qui? Sarebbe questo il gran casino? Davvero? Non sembra affatto un grosso problema."
  • 63:11 - 63:17
    Il 14 luglio 2011 gli inquirenti federali rinviarono a giudizio Swartz con quattro capi d'imputazione.
  • 63:17 - 63:24
    È stato incrimanto nello stesso giorno in cui in Inghilterra vennero arrestati due tipi del gruppo hacker LulzSec,
  • 63:25 - 63:30
    insime ad altri veri hacker. E Aaron assomiglia soltanto a un hacker,
  • 63:30 - 63:35
    quanto basta per metterne la testa su una lancia e mostrarla a tutti.
  • 63:35 - 63:38
    Aaron andò a consegnarsi e fu arrestato.
  • 63:38 - 63:42
    Poi lo spogliarono e lo perquisirono,
  • 63:43 - 63:48
    gli portarono via i lacci delle scarpe e la cintura, lasciandolo in isolamento.
  • 63:50 - 63:54
    L'ufficio del procuratore degli Stati Uniti per il Distretto del Massachussets rilasciò una dichiarazione che diceva:
  • 63:55 - 63:58
    "Swartz rischia fino a 35 anni di carcere,
  • 63:58 - 64:01
    seguiti da tre anni di libertà vigilata,
  • 64:01 - 64:05
    con risarcimento, confisca dei beni e multa fino ad un milione di dollari."
  • 64:07 - 64:09
    Venne rilasciato dietro cauzione di centomila dollari.
  • 64:09 - 64:12
    Lo stesso giorno, la vittima primaria del caso, JSTOR,
  • 64:13 - 64:18
    lascia formalmente cadere le accuse contro Swartz, e rinuncia a perseguire il caso.
  • 64:18 - 64:22
    JSTOR - non erano nostri amici, né si mostravano collaborativi o amichevoli,
  • 64:22 - 64:26
    ma dicevano anche: "Non abbiamo nulla a che fare con questa storia".
  • 64:26 - 64:30
    JSTOR e l'azienda madre, ITHAKA, hanno declinato ogni intervista per questo film.
  • 64:31 - 64:34
    Ma all'epoca rilasciarono una dichiarazione che diceva:
  • 64:34 - 64:38
    "Sono state le autorità federali, non JSTOR, a decidere di procedere con le indagini".
  • 64:38 - 64:43
    E quindi credevamo che, con quell'intervento, il caso sarebbe stato chiuso,
  • 64:43 - 64:48
    che saremmo riusciti a convincere Steve Heymann a chiudere il caso o a risolverlo in un qualche modo razionale.
  • 64:49 - 64:51
    E le autorità federali rifiutarono di farlo.
  • 64:51 - 64:53
    [Intervistatore] Perché?
  • 64:56 - 64:58
    Beh, credo perché volevano far diventare Aaron un esempio,
  • 64:58 - 65:01
    e dissero che volevano -- che la ragione per cui non volevano
  • 65:02 - 65:06
    ritirare l'incriminazione penale e la galera
  • 65:06 - 65:13
    era che volevano usare il caso come deterrente. Così ci hanno detto.
  • 65:13 - 65:15
    [Intervistatore] Ve l'hanno detto?
    - Sì.
  • 65:15 - 65:17
    - Sarebbe stato un caso esemplare per tutti?
    - Sì.
  • 65:17 - 65:20
    - Che lui sarebbe stato un esempio?
    - Sì.
  • 65:20 - 65:22
    È stato Steve Heymann a dirlo.
  • 65:22 - 65:26
    Essere un deterrente per chi? C'è forse qualcun altro che non vede l'ora di entrare su JSTOR
  • 65:27 - 65:30
    per scaricarne degli articoli come posizione politica? Dico, chi mai dovrebbero dissuadere?
  • 65:30 - 65:35
    Sarebbe più facile comprendere l'atteggiamento dell'amministrazione Obama
  • 65:35 - 65:38
    di volerne ricavare un deterrente
  • 65:38 - 65:41
    se questa fosse un'amministrazione che, per esempio,
  • 65:41 - 65:44
    avesse intentato azioni penali per quello che è probabilmente il più grande reato economico
  • 65:44 - 65:46
    che questo Paese ha visto negli ultimi cento anni.
  • 65:46 - 65:50
    I reati commessi da Wall Street e che hanno portato alla crisi finanziaria.
  • 65:50 - 65:52
    Quando si inizia a sostenere
  • 65:52 - 65:56
    l'idea non controversa della funzione deterrente
  • 65:57 - 65:58
    in maniera puramente selettiva,
  • 65:58 - 66:02
    si smette di fare un'analisi spassionata delle violazioni di legge
  • 66:02 - 66:07
    per decidere invece di impiegare le risorse per l'applicazione della legge
  • 66:07 - 66:10
    specificamente sulla base dell'ideologia politica,
  • 66:10 - 66:15
    e questo non solo è anti-democratico, bensì anche anti-americano.
  • 66:19 - 66:24
    Il procuratore Stephen Heymann disse poi al rappresentante esterno del MIT
  • 66:25 - 66:27
    che la goccia che fece traboccare il vaso
  • 66:27 - 66:31
    fu un comunicato stampa inviato da un'organizzazione co-fondata da Swartz, chiamata "Demand Progress".
  • 66:32 - 66:36
    Secondo il resoconto del MIT, Heymann reagì alla breve dichiarazione di sostegno,
  • 66:36 - 66:40
    definendola una "selvaggia campagna via Internet" e una "mossa incauta",
  • 66:40 - 66:44
    che portò il caso da un piano umano uno-contro-uno al livello istituzionale.
  • 66:44 - 66:49
    Fu quella la combinazione letale; un inquirente che non voleva perdere la faccia,
  • 66:49 - 66:53
    che aveva davanti a sé la carriera politica e che non voleva essere perseguitato da questa vicenda.
  • 66:54 - 66:58
    Quanto denaro pubblico viene speso per arrestare qualcuno che ha preso troppi libri dalla biblioteca,
  • 66:58 - 67:01
    per poi farlo a pezzi in tribunale! Neanche morto!
  • 67:02 - 67:06
    Così provai a fare pressione al MIT in vari modi per spingerli a
  • 67:06 - 67:11
    contattare le autorità e chiedere loro di fermare il procedimento.
  • 67:11 - 67:15
    [intervistatore] È quale fu la reazione del MIT?
  • 67:15 - 67:19
    Sembra che non ci sia stata alcuna reazione dal MIT a quel punto.
  • 67:23 - 67:26
    L'MIT non difende Aaron,
  • 67:26 - 67:31
    cosa che, a quanti fanno parte della stessa comunità dell'MIT, appare assurdo,
  • 67:31 - 67:36
    perché l'MIT è un luogo che incoraggia l'hacking nel senso più ampio del termine.
  • 67:36 - 67:41
    All'MIT l'idea di andare in giro su tetti e tunnel dall'accesso vietato,
  • 67:41 - 67:47
    non era solamente un rito di passaggio, bensì parte del integrale del MIT,
  • 67:47 - 67:51
    e imparare ad aprire lucchetti era un corso tenuto al MIT.
  • 67:51 - 67:56
    Loro avevano l'autorità morale di bloccare questo procedimento.
  • 67:56 - 68:02
    L'MIT non si si fece mai avanti né prese posizione per dire alle autorità federali: "Non fatelo.
  • 68:02 - 68:06
    Non vogliamo che lo facciate. State reagendo in modo esagerato. Questo è troppo".
  • 68:06 - 68:09
    ...che io sappia così stanno le cose.
  • 68:09 - 68:14
    Agirono come una qualsiasi coprporation. In un certo senso, appoggiarono il governo.
  • 68:15 - 68:21
    e non ci aiutarono, a meno che non si sentissero obbligati, e non provarono mai a fermare l'indagine.
  • 68:23 - 68:26
    L'MIT ha declinato ripetute richieste di commentare al riguardo,
  • 68:26 - 68:30
    ma ha poi diffuso un rapporto dove dicevano di aver provato a mantenere una posizione neutrale,
  • 68:31 - 68:36
    ritenendo comunque che Heymann e l'ufficio del procuratore non avrebbero dato ascolto a qualsiasi cosa l'MIT avrebbe potuto dire,
  • 68:36 - 68:42
    Il comportamento dell'MIT appare davvero opposto a quello che è il suo stesso ethos.
  • 68:42 - 68:47
    Si può discutere sul fatto che l'MIT chiuse un occhio, e che secondo loro andasse bene così,
  • 68:47 - 68:53
    ma prendere quella posizione - mettersi in una specifica posizione neutrale - equivaleva a prendere le parti del procuratore.
  • 68:53 - 68:56
    Se prendiamo Steve Jobs e Steve Wozniak,
  • 68:56 - 69:01
    iniziarono vendendo delle Blue Box, apparecchi progettati per frodare le aziende telefoniche.
  • 69:02 - 69:05
    Se si guarda a Bill Gates e Paul Allen,
  • 69:05 - 69:09
    diedero vita alla loro azienda usando i computer di Harvard,
  • 69:09 - 69:11
    cosa chiaramente vietata dall'università.
  • 69:12 - 69:14
    La differenza tra Aaron e i suddetti,
  • 69:14 - 69:18
    è che Aaron voleva migliorare il mondo, non certo diventare ricco.
  • 69:19 - 69:23
    Swartz continua a essere interpellato su svariati problemi legati a Internet.
  • 69:24 - 69:29
    Sai, il motivo per cui Internet funziona è il mercato competitivo delle idee,
  • 69:29 - 69:33
    e perciò dobbiamo concentrarci sul modo di ottenere più informazioni sul governo, maggior accessibilità,
  • 69:33 - 69:38
    più discussioni e dibattito, ma invece sembra che il Congresso sia concentrato solo sulla repressione.
  • 69:39 - 69:44
    Aaron pensava di poter cambiare il mondo semplicemente spiegando con chiarezza come girava il mondo.
  • 69:45 - 69:49
    [intervistatrice RT] Flame può letteralmente controllare il tuo computer, e fare in modo che ti spii.
  • 69:49 - 69:53
    Benvenuto, Aaron. Piacere di averti di nuovo qui con noi.
  • 69:53 - 69:57
    Sai, proprio come facevano la spie ai vecchi tempi, mettevano microfoni in giro e intercettavano quello che la gente diceva,
  • 69:57 - 70:00
    ora usano i computer per fare la stessa cosa.
  • 70:00 - 70:02
    [Narratore] L'attività politica di Swartz continua,
  • 70:02 - 70:07
    e ora sta seguendo un disegno di legge in discussione al Congresso, mirato a reprimere la pirateria online.
  • 70:07 - 70:09
    Si tratta del "SOPA.
  • 70:09 - 70:13
    Attivisti come Peter Eckersley ne evidenziarono l'eccessiva portata,
  • 70:13 - 70:16
    che poteva mettere a repentaglio la stessa integrità tecnica di Internet.
  • 70:16 - 70:19
    [Ekersley] E una delle prime cose che feci fu chiamare Aaron.
  • 70:19 - 70:22
    E gli dissi: "Possiamo lanciare una grande campagna online contro questa storia?"
  • 70:22 - 70:25
    "Questa non è una legge sul copyright".
  • 70:25 - 70:27
    "No?"
  • 70:27 - 70:30
    "No", disse, "è una legge sulla libertà di andare online".
  • 70:31 - 70:32
    A quel punto iniziai a dargli retta.
  • 70:33 - 70:36
    E ci pensò per un po', e poi disse, "Sì."
  • 70:36 - 70:39
    e proseguì fondando Demand Progress.
  • 70:39 - 70:44
    Demand Progress è un'organizzazione dedita all'attivismo online, adesso abbiamo circa un milione e mezzo di aderenti,
  • 70:44 - 70:47
    ma l'inizio risale all'autunno del 2010.
  • 70:47 - 70:51
    Aaron fu una delle figure portanti nella comunità di coloro che
  • 70:51 - 70:56
    aiutarono a guidare l'organizzazione delle campagne sulle questioni legate alla giustizia sociale a livello federale in questo Paese.
  • 70:56 - 71:01
    Il SOPA era il disegno di legge il cui scopo avrebbe dovuto essere quello di limitare la pirateria online di musica e film,
  • 71:02 - 71:07
    ma quello che faceva era in pratica usare una mazza per risolvere un problema che avrebbe avuto bisogno di un bisturi.
  • 71:07 - 71:13
    Se approvata, la legge permetterebbe alle società di tagliare le risorse di interi siti senza un giusto processo,
  • 71:14 - 71:17
    o anche forzare Google a escludere i loro link.
  • 71:17 - 71:21
    Tutto ciò di cui avevano bisogno era una singola segnalazione di violazione di copyright.
  • 71:21 - 71:27
    Contrappose ai titanici media tradizionali la nuova e ora molto più sofisticata cultura del remix.
  • 71:27 - 71:30
    Fa diventare chiunque gestisca un sito un poliziotto,
  • 71:31 - 71:34
    e se non fanno il loro lavoro di essere sicuri che nessuno sul loro sito lo usi per qualcosa
  • 71:34 - 71:39
    che è anche solo potenzialmente illegale, l'intero sito può essere oscurato senza nemmeno un processo.
  • 71:39 - 71:44
    Era oltre ogni limite, dico, era una catastrofe.
  • 71:44 - 71:52
    Questa legge pone una seria minaccia alla libertà di parole ed alle libertà civili per chiunque di noi usi internet.
  • 71:52 - 71:56
    Ci furono solo una manciata di noi [deputati] che dissero: "Guardate, nemmeno noi siamo a favore della pirateria,
  • 71:56 - 72:01
    ma non ha senso distruggere l'architettura di internet,
  • 72:01 - 72:06
    il sistema dei nomi di dominio e tutto ciò che lo rende libero e aperto nel nome della lotta alla pirateria,
  • 72:06 - 72:08
    e Aaron lo capì subito.
  • 72:08 - 72:12
    Le libertà, garantite nella nostra Costituzione, le libertà sulle quali è stato costruito il nostro pese
  • 72:12 - 72:14
    sarebbero improvvisamente cancellate.
  • 72:15 - 72:19
    Le nuove tecnologie, invece di portarci una maggiore libertà, avrebbero spento i diritti fondamentali
  • 72:19 - 72:21
    che abbiamo sempre dato per scontati.
  • 72:21 - 72:27
    E quel giorno ho realizzato, parlando con Peter, che non potevo lasciare che questo accadesse.
  • 72:28 - 72:34
    Quando il SOPA fu presentato nell'ottobre del 2011, era considerato inevitabile.
  • 72:34 - 72:38
    La nostra strategia, quando venne presentato la prima volta, era sperabilmente di rallentarlo,
  • 72:38 - 72:42
    magari di indebolirlo un po', ma persino noi
  • 72:42 - 72:45
    non pensavamo di essere in grado di fermare questo disegno di legge.
  • 72:46 - 72:52
    Avendo lavorato a Washington, si impara che tipicamente a Washington,
  • 72:52 - 72:58
    le battaglie legislative sono battaglie tra gruppi contrapposti di interessi economici di ricche società
  • 72:58 - 73:02
    fanno a pugni per fare passare le leggi, e tra queste, le battaglie più incerte
  • 73:03 - 73:07
    sono quelle in cui c'è un gruppo di interessi aziendali contro un altro gruppo di interessi aziendali
  • 73:07 - 73:11
    ed essi sono finanziariamente allo stesso livello, in termini di contributi alle campagne e attività di lobbying.
  • 73:11 - 73:13
    Queste sono le battaglie più incerte.
  • 73:13 - 73:16
    Quelle che non sono nemmeno combattute sono quelle
  • 73:16 - 73:21
    dove tutti i soldi sono da una parte, tutte le società sono da una parte,
  • 73:21 - 73:24
    e si hanno solo milioni di persone dall'altra parte.
  • 73:25 - 73:30
    Non ho mai visto nulla come il PIPA ed il SOPA in tutto la mia carriera pubblica.
  • 73:31 - 73:37
    C'erano più di 40 senatori degli Stati Uniti che sostenevano quel disegnano di legge come co-firmatari,
  • 73:37 - 73:41
    quindi erano già ad un ottimo punto sulla strada di
  • 73:41 - 73:44
    ottenere i 60 voti che avrebbero risolto tutte le difficoltà procedurali.
  • 73:44 - 73:48
    Anche io comincia a dubitare. Fu un periodo difficile.
  • 73:48 - 73:53
    Swartz e Demand Progress furono in grado di arruolare un enorme supporto usando i mezzi di comunicazione tradizionali,
  • 73:54 - 73:59
    combinati con i servizi comunemente usati di voice over IP [telefono via internet], per rendere molto semplice per la gente di chiamare il Congresso
  • 74:00 - 74:04
    Non ho mai incontrato nessun'altro che fosse capace di operare al suo livello
  • 74:04 - 74:08
    sia sulla parte tecnologica, sia sulla parte delle strategie per la campagna.
  • 74:09 - 74:13
    Milioni di persone contattarono il Congresso e firmarono delle petizioni anti-SOPA.
  • 74:13 - 74:15
    Il Congresso fu colto con la guarda abbassata.
  • 74:15 - 74:20
    C'era qualcosa nel guardare questi membri del Congresso che non avevavno alcuna idea di cosa stessero parlando mentre discutevano il disegno di legge,
  • 74:20 - 74:23
    guardarli mentre insistevano nel dire che avrebbero potuto regolamentare internet,
  • 74:23 - 74:25
    e che un gruppo di nerd [smanettoni] non li avrebbe mai potuti fermare.
  • 74:25 - 74:26
    Non sono un nerd.
  • 74:27 - 74:28
    Non sono abbastanza un nerd...
  • 74:28 - 74:31
    Forse dovremmo chiedere a dei nerd che cosa fa veramente questa cosa [risate]
  • 74:31 - 74:33
    Facciamo un'udienza, facciamo entrare i nerd...
  • 74:33 - 74:36
    [risate]
  • 74:36 - 74:38
    Davvero?
  • 74:38 - 74:40
    [risate]
  • 74:40 - 74:41
    "I nerd?"
  • 74:41 - 74:42
    [risate]
  • 74:42 - 74:46
    Sai, penso che la parola che stai cercando di dire veramente sia "esperti"...
  • 74:46 - 74:47
    [risate]
  • 74:47 - 74:52
    per illuminarvi in modo che le vostre leggi non siano controproducenti [il pubblico ride e applaude]
  • 74:52 - 74:54
    e distruggano internet.
  • 74:54 - 74:57
    Noi usiamo il termine "geek", ma noi possiamo dato che noi siamo geek.
  • 74:57 - 75:02
    Il fatto che sia arrivato così lontano, senza che nessuno di loro parlasse con qualche esperto della tecnica
  • 75:02 - 75:05
    è un sintomo del fatto che c'è un grosso problema in questo paese.
  • 75:05 - 75:12
    Sto cercando qualcono che possa venire di fronte a questa istituzione, a testimoniare in un'udienza e che dica, "Questo è il motivo per cui avete torto."
  • 75:12 - 75:15
    In passato c'era un ufficio che forniva dei pareri tecnici sulla scienza e la tecnologia,
  • 75:16 - 75:19
    e i membri del Congresso potevano rivolgersi a questi esperti e dire: "Aiutami a capire X, Y e Z"
  • 75:19 - 75:22
    e Gingrich lo chiuse. Disse che era uno spreco di soldi.
  • 75:22 - 75:26
    E da allora, il Congresso è ripiombato nel Medioevo.
  • 75:27 - 75:30
    Credo che nessuno pensasse veramente che il SOPA potesse sconfitto, compreso Aaron.
  • 75:30 - 75:34
    Valeva la pena provarci, ma non sembrava una battaglia che avremmo potuto vincere.
  • 75:35 - 75:39
    e ricordo che, forse qualche mese dopo, ricordo che si girò verso di me e mi disse una cosa tipo:
  • 75:39 - 75:41
    "Penso che stavolta potremmo vincere."
  • 75:41 - 75:44
    e io risposi: "Sarebbe fantastico."
  • 75:44 - 75:46
    Il Congresso vien subissato di telefonate.
  • 75:46 - 75:51
    E quando il fornitore di hosting Go Daddy dichiara il sostegno al disegno di legge,
  • 75:51 - 75:55
    decine di migliaia di utenti trasferiscono i propri dominio per protesta.
  • 75:55 - 76:00
    Nel giro di una settimana, Go Daddy, umiliato, fa dietro-front sul SOPA.
  • 76:00 - 76:06
    Quando i membri del Congresso che avevano sostenuto le case discografiche e cinematografiche,
  • 76:06 - 76:11
    capirono che c'erano questi effetti collaterali, allora si fecero più cauti.
  • 76:11 - 76:16
    Il ripensamento era evidente. Si notava che le nostre tesi stavano avendo un certo effetto.
  • 76:16 - 76:19
    Era come se Aaron avesse provat ad accendere un fiammifero, e il vento lo spegneva,
  • 76:19 - 76:21
    ne accendeva un altro, e veniva spento,
  • 76:21 - 76:25
    e finalmente era riuscito a raccogliere abbastanza ramoscelli da tenere accesa la fiammella,
  • 76:25 - 76:28
    che poi si è trasformata in un fuoco divampante.
  • 76:28 - 76:32
    Il 26 gennaio 2012, la Casa Bianca rilasciò una dichiarazione
  • 76:32 - 76:34
    dove diceva di non appoggiare quel disegno di legge,
  • 76:34 - 76:37
    e poi successe questo:
  • 76:37 - 76:40
    Credo fermamente che dovremmo occuparci dei problemi legati alla pirateria,
  • 76:40 - 76:45
    e dovremmo farlo in maniera seria, ma questo disegno di legge non è quello giusto.
  • 76:45 - 76:49
    Quando Jimmy Wales si disse d'accordo a oscurare Wikipedia,
  • 76:49 - 76:53
    il quinto sito può popolare al mondo,
  • 76:53 - 76:59
    un sito da cui arriva il sette percento dei click dell'intera internet.
  • 76:59 - 77:00
    Wikipedia si oscurò.
  • 77:00 - 77:01
    Reddit si oscurò.
  • 77:01 - 77:03
    Craigslist si oscurò.
  • 77:03 - 77:06
    Furono intasate le linee telefoniche del Congresso.
  • 77:06 - 77:10
    I membri del Congresso corsero a rilasciare dichiarazioni in cui ritiravano il sostegno allo stesso disegno di legge
  • 77:11 - 77:14
    che solo un paio di giorni prima appoggiavano apertamente.
  • 77:14 - 77:18
    In 24 ore, il numero di oppositori al SOPA nel Congresso
  • 77:18 - 77:19
    passsò da questo...
  • 77:19 - 77:23
    a questo.
  • 77:23 - 77:30
    Vedere deputati e senatori passare lentamente dall'altra parte durante il giorno del blackout [dei siti]
  • 77:30 - 77:32
    fu qualcosa d'incredibile.
  • 77:32 - 77:35
    Un centinaio di deputati passarono dall'altra parte.
  • 77:35 - 77:39
    E fu in quel momento che, per quanto fosse difficile crederci e dopo tutto quel lavoro,
  • 77:39 - 77:41
    potevamo dichiarare vittoria.
  • 77:41 - 77:43
    L'obiettivo che chiunque riteneva impossibile da raggiungere,
  • 77:43 - 77:46
    quel che alcune delle maggiori aziende al mondo avevano considerato come un'illusione irraggiungibile,
  • 77:47 - 77:49
    era stato raggiunto.
  • 77:49 - 77:50
    Ce l'avevamo fatta.
  • 77:51 - 77:53
    Avevamo vinto.
  • 77:56 - 77:59
    Questa è una settimana storica per la politica di Internet - forse per l'intera politica americana.
  • 77:59 - 78:04
    Secondo quanto ci disse chi lavorava a Washington, D.C., lo staff del Congresso,
  • 78:04 - 78:09
    avevano ricevuto più email e più telefonate nel giorno del blackout contro il SOPA
  • 78:09 - 78:11
    di quante non ne avessero mai ricevute su qualsiasi questione.
  • 78:11 - 78:13
    Credo sia stato un momento estremamente entusiasmante.
  • 78:13 - 78:18
    Questo è stato il momento in cui Internet è cresciuta in senso politico.
  • 78:18 - 78:21
    Fu entusiasmante perché era difficile credere che potesse davvero accadere.
  • 78:22 - 78:25
    È difficile credere che un disegno di legge con così tanta forza economica alle spalle
  • 78:26 - 78:29
    non sia riuscito a navigare tranquillamente al Congresso.
  • 78:30 - 78:32
    E non solo non ha navigato tranquillo, è stato respinto.
  • 78:34 - 78:37
    È facile a volte sentirsi impotenti,
  • 78:37 - 78:41
    come quando si va in strada a protestare, si grida e nessuno ti presta ascolto.
  • 78:41 - 78:44
    Ma io sono qui oggi per dirvi che siete forti.
  • 78:44 - 78:46
    [la folla esulta]
  • 78:46 - 78:51
    Quindi sì, magari a volte ci sente come se nessuno ti presti ascolto, ma io sono qui per dirvi che non è così.
  • 78:51 - 78:53
    Vi stanno ascoltando. Voi state cambiando le cose.
  • 78:54 - 78:57
    Potete fermare questa norma se non smettete di combattere.
  • 78:57 - 79:00
    [la folla esulta]
  • 79:00 - 79:01
    Fermate il PIPA,
  • 79:01 - 79:03
    Fermate il SOPA.
  • 79:03 - 79:04
    [la folla esulta]
  • 79:04 - 79:08
    Alcune delle maggiori aziende Internet, per dirlo francamente, beneficerebbero
  • 79:08 - 79:11
    da un mondo dove i loro rivali più piccoli possano essere censurati.
  • 79:13 - 79:15
    Non possiamo permettere che questo accada.
  • 79:15 - 79:19
    Per lui, era più importante essere sicuro di aver ottenuto un piccolo cambiamento
  • 79:20 - 79:23
    piuttosto che svolgere un ruolo minimo in un grande cambiamento.
  • 79:24 - 79:28
    Ma con il SOPA era come recitare un ruolo importante in un cambiamento importante,
  • 79:28 - 79:31
    e quindi per lui fu un po' come una prova concettuale,
  • 79:31 - 79:35
    del tipo: "Ok, quello che voglio fare nella vita è cambiare il mondo.
  • 79:35 - 79:39
    Lo considero un modo assai scientifico di misurare il mio impatto,
  • 79:40 - 79:43
    e questa vicenda dimostra che è possibile.
  • 79:43 - 79:46
    Quel che voglio fare nella vita è possibile.
  • 79:46 - 79:49
    Ho provato che posso farcela,
  • 79:49 - 79:51
    che io, Aaron Swartz, posso cambiare il mondo."
  • 79:51 - 79:58
    Per qualcuno che non aveva mai veramente pensato di aver fatto granché - era il caso di Aaron -
  • 79:59 - 80:04
    quello fu uno dei pochi momenti in cui si poteva davvero vedere
  • 80:04 - 80:07
    che sentiva di aver fatto qualcosa di positivo,
  • 80:07 - 80:12
    sentiva come se questo fosse il suo primo e forse unico successo.
  • 80:14 - 80:16
    Tutti dicevano che non avremmo mai potuto fermare il SOPA.
  • 80:16 - 80:18
    L'abbiamo bloccato.
  • 80:18 - 80:23
    Queste sono tre vittore estremamente belle, e l'anno non è ancora finito.
  • 80:23 - 80:26
    Dico, se c'è un momento in cui essere positivi, è questo.
  • 80:27 - 80:30
    Riesce a bloccare il SOPA un anno dopo essere stato arrestato.
  • 80:30 - 80:34
    Era un periodo chiaramente felice. C'erano un sacco di cose in ballo.
  • 80:34 - 80:40
    È tutto preso dal partecipare al processo politico, nessuno può fermarlo.
  • 80:41 - 80:45
    La lista delle organizzazioni che Swartz ha fondato o co-fondato è enorme,
  • 80:45 - 80:48
    e anni prima delle rivelazioni di Edward Snowden sulla sorveglianza di massa via Internet,
  • 80:48 - 80:51
    Swartz se ne occupava di già.
  • 80:51 - 80:55
    È scioccante pensare che le competenze delle autorità siano così lasche
  • 80:55 - 81:00
    da non avere neppure le statistiche di base sull'ampiezza del programma di spionaggio.
  • 81:00 - 81:04
    E se la risposta è: "Oh, stiamo spiando talmente tanta gente che non riusciamo nemmeno a tenere il conto",
  • 81:04 - 81:06
    beh, allora si tratta di un mare di gente.
  • 81:07 - 81:10
    Avrebbe senso dire: "Guarda, conosciamo la quantità di telefoni sotto controllo,
  • 81:10 - 81:13
    ma non sappiamo di preciso a quante persone ciò corrisponda."
  • 81:13 - 81:16
    Invece per tutta risposta, dicono: "Non abbiamo idea della cifra totale".
  • 81:16 - 81:19
    Beh, questo è abbastanza -- dico, è spaventoso, ecco cos'è.
  • 81:19 - 81:26
    E gli fecero un'enorme pressione, gli portarono via tutti i soldi rimastigli.
  • 81:26 - 81:30
    Minacciarono di rubargli anche la libertà.
  • 81:30 - 81:34
    Perché fanno così? Dico, perché se la prendono con i whistleblower?
  • 81:35 - 81:39
    Perché incriminano chi dice la verità
  • 81:39 - 81:46
    in ogni ambito, dalle banche alla guerra fino alla trasparenza del governo.
  • 81:47 - 81:50
    La segretezza è al serivizio di chi è già al potere,
  • 81:50 - 81:55
    e stiamo vivendo in un'epoca di segretezza che coincide anche con un'epoca in cui le autorità
  • 81:55 - 81:58
    fanno un sacco di cose che probabilmente sono illegali e incostituzionali.
  • 81:59 - 82:02
    Quindi, queste due cose non sono delle coincidenze.
  • 82:02 - 82:04
    È assai evidente che questa tecnologia è stata sviluppata
  • 82:05 - 82:10
    non per piccoli Paesi oltremare, ma proprio qui, per essere usata negli Stati Uniti dal governo degli Stati Uniti.
  • 82:10 - 82:14
    Il problema con il programma di spionaggio è che è questa sorta di lunga, lenta espansione,
  • 82:15 - 82:17
    che risale all'amministrazione Nixon,
  • 82:17 - 82:20
    pur se ovviamente è cresciuta dopo l'11 settembre sotto George Bush,
  • 82:20 - 82:24
    e Obama ha continuato a espanderla, e man mano i problemi sono diventati sempre peggiori,
  • 82:24 - 82:28
    ma non c'è mai stato un momento preciso in cui si possa dire,
  • 82:28 - 82:32
    "Ok, dobbiamo galvanizzare l'opposizione perché oggi è il giorno importante...".
  • 82:32 - 82:39
    A mio parere, il procedimento contro Aaron Swartz serviva a lanciare un messaggio molto preciso e particolare,
  • 82:39 - 82:45
    rivolto a un gruppo di persone che l'amministrazione Obama considera politicamente pericolose,
  • 82:47 - 82:54
    e costoro essenzialmente sono gli hacker, e le comunità degli attivisti per l'informazione e la democrazia,
  • 82:54 - 83:00
    e il messaggio che l'amministrazione Obama voleva inviare a questi gruppi specifici era,
  • 83:00 - 83:05
    secondo me,: "Sappiamo che potete creare problemi all'ordine costituito,
  • 83:05 - 83:09
    e quindi faremo un esempio di Aaron Swartz,
  • 83:09 - 83:13
    per spaventare quanti più possibile tra voi, in modo che non causiate problemi."
  • 83:14 - 83:17
    E il governo fece: "Oh, e i pareri legali che stiamo usando
  • 83:17 - 83:20
    per legalizzare il programma di spionaggio sono anch'essi secretati,
  • 83:21 - 83:24
    quindi non possiamo neppure dirvi a quali norme facciamo riferimento per spiarvi."
  • 83:24 - 83:26
    Sai, ogni volta che dicono: "Oh, questo è un altro caso di guerra tecnologica.
  • 83:27 - 83:30
    I cybercriminali ci stanno attaccando un'altra volta. Siamo tutti in pericolo. Siamo tutti sotto una minaccia costante."
  • 83:31 - 83:34
    Usano queste scuse per portare avanti legge sempre più dannose.
  • 83:36 - 83:40
    [intervistatore] E quindi, per proseguire - personalmente, come pensi stia andando questa battaglia?
  • 83:41 - 83:42
    Dipende da te!
  • 83:42 - 83:46
    - Lo so, è solo che dobbiamo, sai...
  • 83:48 - 83:53
    Sai, ci sono queste due prospettive polarizzate,
  • 83:53 - 83:57
    per una è tutto stupendo, Internet ha creato tutte queste libertà e possibilità e sarà tutto fantastico,
  • 83:57 - 83:59
    oppure è tutto terribile,
  • 83:59 - 84:02
    Internet ha creato tutti questi strumenti per reprimere e spiare,
  • 84:02 - 84:04
    per controllare quel che diciamo.
  • 84:04 - 84:06
    E il punto è, sono entrambe vere, no?
  • 84:06 - 84:10
    Internet ha fatto entrambe le cose, ed entrambe sono fanstastiche e incredbili,
  • 84:10 - 84:13
    e quale delle due vincerà nel lungo periodo dipende da noi.
  • 84:13 - 84:17
    Non ha senso dire: "Oh, una sta andando meglio dell'altra.". Sono entrambe vere.
  • 84:18 - 84:21
    E dipende da noi quale vogliamo enfatizzare e quale delle due vogliamo portare avanti,
  • 84:21 - 84:24
    perché sono entrambe qui e lo saranno per sempre.
  • 84:29 - 84:35
    Il 12 settembre 2012 la procura presentò un nuovo rinvio a giudizio contro Swartz,
  • 84:35 - 84:40
    aggiungendo ulteriori accuse di frode telematica, accesso non autorizzato al computer e frode informatica.
  • 84:41 - 84:46
    Così invece di 4 capi d'imputazione, Swartz ne doveva affrontare 13.
  • 84:46 - 84:49
    Il peso delle accuse era cresciuto in modo drammatico,
  • 84:49 - 84:52
    così come le ammende e il potenziale periodo di detenzione.
  • 84:52 - 84:55
    Usarono un nuovo rinvio a giudizio per aggiungere nuovi capi d'imputazione,
  • 84:56 - 85:02
    e avevano una certa teoria sul perché la sua condotta ammontasse a diversi reati federali,
  • 85:02 - 85:06
    con una sentenza assai significativa in base alle norme di legge.
  • 85:07 - 85:10
    Quella teoria, come gran parte del procedimento contro Swartz,
  • 85:11 - 85:14
    si basavano su una normativa risalente al 1986,
  • 85:14 - 85:17
    nota come Computer Fraud and Abuse Act.
  • 85:17 - 85:19
    Questa legge
  • 85:19 - 85:22
    fu ispirata dal film "War Games" con Matthew Broderick - un gran bel film.
  • 85:22 - 85:24
    [Broderick] Sei nelle mie mani.
  • 85:24 - 85:28
    In quel film, grazie alla magia delle reti informatiche, un ragazzo
  • 85:28 - 85:30
    riesce a lanciare un attacco nucleare.
  • 85:31 - 85:34
    [missili pronti al lancio]
  • 85:34 - 85:38
    Chiaro che ciò è impossibile, e ancor più lo era negli anni '80
  • 85:38 - 85:42
    ma sembra che il film abbia spaventato il Congresso
  • 85:42 - 85:45
    al punto da spingerlo ad approvare quel Computer Fraud and Abuse Act.
  • 85:45 - 85:49
    Si tratta di una norma semplicemente rimasta al passato;, per esempio,
  • 85:49 - 85:54
    trasforma in reato l'infrazione di un contratto come i termini di servizio. Riguardo siti
  • 85:54 - 86:01
    come eHarmony o Match.com, se qualcuno cerca di esagerare le proprie caratteriste personali,
  • 86:01 - 86:05
    improvvisamente, a secondo della giurisdizione e degli inquirenti,
  • 86:06 - 86:08
    potrebbe trovarsi in un mare di guai.
  • 86:08 - 86:10
    Sappiamo tutti come va con i termini di utilizzo dei siti.
  • 86:11 - 86:14
    Quasi nessuno li legge, ma non rispettarne le clausole potrebbe significare
  • 86:14 - 86:16
    che si sta commettendo un reato grave.
  • 86:17 - 86:19
    I termini di servizio di un sito di solito dicono cose tipo:
  • 86:19 - 86:22
    "Sii gentile con gli altri" o "Non far nulla che sia considerato improprio."
  • 86:23 - 86:27
    L'idea che la legge penale abbia qualcosa da dire su questo tipo di violazioni,
  • 86:28 - 86:31
    penso che molti la considerano qualcosa di folle.
  • 86:31 - 86:33
    Gli esempi possono essere anche più "folli":
  • 86:34 - 86:40
    prima di essere modificati nel marzo 2013, i termini d'uso del sito della rivista Seventeen dell'editore Hearst
  • 86:40 - 86:43
    dicevano che bisognava avere almeno diciotto anni per poterlo leggere.
  • 86:43 - 86:47
    Direi che secondo l'interpretazione del CFAA [Computer Fraud and Abuse Act] da parte del Ministero della Giustizia,
  • 86:47 - 86:49
    è probabile che stiamo tutti infrangendo la legge.
  • 86:50 - 86:55
    Vago e propenso agli abusi, il CFAA è diventato una sorta di martello schiacciatutto
  • 86:55 - 86:58
    per un'ampia varietà di dispute in campo informatico.
  • 86:58 - 87:00
    Pur se non è stato l'unico fattore in questo caso,
  • 87:01 - 87:05
    undici delle tredici accuse contro Swartz riguardavano il Computer Fraud and Abuse Act.
  • 87:07 - 87:11
    La domanda "Perché?" aleggia su gran parte della vicenda di Aaron Swartz.
  • 87:12 - 87:16
    Quali erano le motivazioni del governo, e su cosa si basava davvero il caso?
  • 87:16 - 87:20
    Il Ministero della Giustizia ha declinato di rispondere,
  • 87:20 - 87:24
    ma il professor Orin Kerr è un ex procuratore che ha studiato il caso.
  • 87:24 - 87:28
    "Penso di poter valutare questo caso da una prospettiva diversa rispetto ad altri per diverse ragioni:
  • 87:28 - 87:31
    sono stato un procuratore federale al Ministero della giustizia per tre anni,
  • 87:31 - 87:34
    prima che iniziassi a insegnare. Il governo aveva avviato
  • 87:34 - 87:38
    il procedimento in base ai reati che pensava fossero stati commessi,
  • 87:39 - 87:42
    rispetto puramente al livello legale, considerando i precedenti e il codice,
  • 87:43 - 87:46
    guardando alla storia, guardando ai casi simili affrontati finora,
  • 87:46 - 87:49
    penso che fosse un rinvio a giudizio ragionevole su queste basi.
  • 87:50 - 87:52
    Si può discutere sul fatto se il caso meritasse di essere portato avanti,
  • 87:52 - 87:57
    su questo c'è parecchio disaccordo. Alcuni sostengono l'Open Access, altri non così.
  • 87:58 - 88:03
    Penso che le autorità abbiano preso molto seriamente il Guerrilla Open Access Manifesto di Swartz
  • 88:04 - 88:10
    e credo che l'abbiano considerato come qualcuno impegnato, qualcuno il cui imperativo morale
  • 88:10 - 88:15
    quello di infrangere una legge che Swartz considerava ingiusta,
  • 88:15 - 88:21
    e in una democrazia, se si pensa che una legge sia ingiusta, ci sono dei modi per cambiarla.
  • 88:21 - 88:24
    Si può andare al Congresso, come Swartz ha fatto magistralmente con il SOPA,
  • 88:25 - 88:28
    o si può violare quella legge nel tentativo di renderla nulla,
  • 88:29 - 88:34
    e credo che l'indagine fosse basata su questo senso dell'impegno convinto di Swartz,
  • 88:34 - 88:40
    non solo per infrangere la legge, ma per assicurarsi davvero di rendere nulla quella normativa.
  • 88:40 - 88:44
    Il fatto che chiunque avrebbe avuto accesso al database in un modo per cui
  • 88:44 - 88:47
    non sarebbe stato possibile rimettere il genio nella bottiglia.
  • 88:47 - 88:51
    Sarebbe andata così e Swartz avrebbe vinto.
  • 88:53 - 88:56
    C'è un grande disaccordo nella società sul fatto che questa legge sia ingiusta,
  • 88:56 - 89:00
    e in definitiva la decisione spetta ai cittadini americani, lavorando tramite il Congresso.
  • 89:01 - 89:04
    E poi c'è il secondo problema, credo, che stiamo ancora cercando di capire:
  • 89:04 - 89:08
    qual è il confine tra reati più seri e quelli meno gravi?
  • 89:08 - 89:12
    Stiamo appena entrando in quest'ambiente informatico con gli abusi informatici,
  • 89:13 - 89:17
    e non abbiamo ancora un senso netto di dove vada posto questo confine,
  • 89:17 - 89:19
    perché stiamo cercando di capirlo.
  • 89:20 - 89:22
    Questo è un cattivo uso della discrezionalità della procura.
  • 89:23 - 89:26
    Il martello a cui ricorre il Ministero della giustizia per spaventare la gente
  • 89:26 - 89:29
    diventa sempre più grande,
  • 89:29 - 89:33
    e quindi la maggior parte della gente -- non si può giocare a dadi con la propria vita così.
  • 89:33 - 89:36
    Dovremmo intercettare le telefonate della gente? Dovremmo filmarle?
  • 89:36 - 89:39
    Dovremmo costringere qualcuno a testimonare contro qualcun'altro?
  • 89:40 - 89:42
    Gli agenti e i procuratori federali la pensano così.
  • 89:43 - 89:45
    Costruiscono dei casi. Inventano dei casi.
  • 89:47 - 89:51
    Swartz è rimasto intrappolato negli ingranaggi di un sistema giudiziario brutale che non può tornare indietro,
  • 89:52 - 89:57
    una macchina che ha fatto diventare l'America il Paese con il più alto tasso di incarcerazione del mondo.
  • 89:58 - 90:03
    Abbiamo permesso a noi stessi, in questo Paese, di essere preda della politica della paura e della rabbia,
  • 90:03 - 90:08
    e qualsiasi cosa di cui abbiamo paura, come per esempio il futuro di Internet e dell'accesso,
  • 90:08 - 90:13
    e tutto ciò per cui siamo arrabbiati, crea istintivamente una zona di intervento per la giustizia penale,
  • 90:14 - 90:19
    e siamo ricorsi al carcere, alla galera, e alle pene come un modo per risolvere tutta una serie di problemi
  • 90:19 - 90:23
    che, storicamente, non sono mai considerati come problemi di giustizia penale.
  • 90:23 - 90:29
    La spinta a minacciare, incriminare, perseguire, che è parte di ciò
  • 90:29 - 90:32
    che ha creato questo dibattito e questa controversia sull'accesso online e l'informazione su Internet,
  • 90:33 - 90:36
    è decisamente in linea con quanto accade in altri campi.
  • 90:36 - 90:40
    L'unica differenza è che quanti sono solitamente presi di mira e resi vittime
  • 90:40 - 90:46
    da questo tipo di reazioni giudiziare e carcerarie sono tipicamente i poveri e le minoranze".
  • 90:48 - 90:51
    L'isolamenteo di Swartz dagli amici e dalla famiglia aumentò.
  • 90:51 - 90:54
    Praticamente aveva smesso di lavorare a qualsiasi altra cosa,
  • 90:54 - 90:57
    e questo caso si stava, nei fatti, impossessando di tutta la sua vita.
  • 90:57 - 91:02
    Sembra che uno degli avvocati di Aaron abbia detto agli inquirenti che fosse emotivamente vulnerabile,
  • 91:03 - 91:07
    e che avrebbero dovuto tenerlo bene a mente, in modo tale che lo sapessero.
  • 91:07 - 91:10
    Questa storia gli pesava parecchio.
  • 91:10 - 91:15
    Non gli piaceva l'idea che le sue azioni e i suoi movimenti fossero limitati in qualche modo,
  • 91:16 - 91:21
    e la minaccia del carcere, con cui lo martellavano continuamente,
  • 91:22 - 91:24
    lo terrorizzava.
  • 91:24 - 91:27
    Aveva completamente esaurito le risorse finanziarie,
  • 91:27 - 91:32
    e ci costò anche un sacco di soldi, e riuscì a raccogliere anche quantità significative di denaro,
  • 91:33 - 91:36
    perché si era, nella scala dei milioni di dollari.
  • 91:37 - 91:39
    [intrervistatore] - Per la difesa legale?
    - Sì.
  • 91:39 - 91:41
    - Ammontava a milioni di dollari?
    - Sì.
  • 91:41 - 91:44
    Penso che non volesse essere un peso per gli altri.
  • 91:44 - 91:48
    Credo che lo considerasse come qualcosa tipo: "Ho la mia vita normale,
  • 91:48 - 91:50
    e poi ho questa cosa merdosa con cui devo fare i conti,
  • 91:50 - 91:53
    e cerco di tenere le due cose le più separate possibile,
  • 91:53 - 91:57
    ma ora stavano iniziando a mescolarsi e tutto si faceva merdoso."
  • 91:59 - 92:03
    Swartz aveva davanti una scelta difficile che si faceva ancor più difficile:
  • 92:03 - 92:05
    Ammettere la colpevolezza e continuare con la propria vita
  • 92:05 - 92:07
    oppure combattere un sistema malato?
  • 92:08 - 92:10
    Nel caso legale, la risposta fu semplice:
  • 92:10 - 92:13
    rifiuta il patteggiamento e viene stabilita una data per il processo.
  • 92:13 - 92:17
    Aaron era risoluto sul fatto che non volesse arrendersi e accettare qualcosa
  • 92:17 - 92:22
    che non riteneva equo, ma credo che fosse anche spaventato.
  • 92:33 - 92:35
    Penso che non l'avrebbero condannato.
  • 92:35 - 92:39
    Penso che saremmo usciti insieme da quel tribunale, e l'avrei abbracciato forte,
  • 92:39 - 92:44
    e avremmo fatto una passeggiata lungo quel piccolo fiume a Boston, e saremmo andati a farci un paio di birre.
  • 92:46 - 92:50
    Ero convinto che avessimo ragione, pensavo che avremmo vinto il caso.
  • 92:50 - 92:52
    Sapevo che avremmo potuto vincere.
  • 92:52 - 92:55
    Non ne parlava volentieri, ma si poteva vedere
  • 92:55 - 92:58
    l'enorme sofferenza che lo affliggeva.
  • 92:58 - 93:02
    ♪ ♪ gone to be far away ♪ ♪ [se n'è andato per starsene lontano]
  • 93:02 - 93:05
    Nell'infanzia Aaron non ha mai avuto grossi sbalzi d'umore
  • 93:05 - 93:11
    o episodi di depressione o qualsiasi cosa che potrei definire "depressione acuta"
  • 93:11 - 93:14
    ed è possibile che fosse depresso. Ci si può ammalare di depressione.
  • 93:14 - 93:19
    ♪ ♪ ♪
  • 93:19 - 93:23
    Subito all'inizio della nostra relazione, dopo tre o quattro settimane circa,
  • 93:24 - 93:27
    ricordo che mi disse...
  • 93:28 - 93:31
    che io ero molto più forte di lui.
  • 93:31 - 93:34
    Era fragile sotto molti aspetti.
  • 93:34 - 93:37
    Le cose erano molto più difficili per lui che per tanti altri.
  • 93:37 - 93:40
    Penso che ciò facesse parte della sua genialità.
  • 93:41 - 93:47
    Cedo che forse ebbe qualcosa di simile alla depressione clinica intorno ai vent'anni.
  • 93:47 - 93:50
    Ma direi che non fosse depresso quando stavamo insieme.
  • 93:50 - 93:55
    Non era una persona "gioiosa", ma è diverso dall'essere depressi.
  • 93:57 - 94:02
    Aveva subìto una pressione enorme per due anni di fila.
  • 94:02 - 94:04
    E non ce la faceva più.
  • 94:04 - 94:08
    Stava soltanto -- credo semplicemente che fosse diventata insostenibile.
  • 94:08 - 94:15
    ♪ ♪ Sit quietly. Alone. ♪ ♪ [Siediti quietamente, da solo]
  • 94:15 - 94:17
    Ricevetti una telefonata molto tardi di sera.
  • 94:18 - 94:23
    Avevo capito che c'era qualcosa che non andava, e poi richiamai e mi resi conto di quello che era successo.
  • 94:24 - 94:29
    Uno dei cofondatori del sito di news e intrattenimento social "Reddit" è stato trovato morto.
  • 94:29 - 94:32
    La polizia dice che il ventiseienne Aaron Swartz
  • 94:32 - 94:36
    si è ucciso ieri nel suo appartamento di Brooklin.
  • 94:38 - 94:47
    Ho pensato, abbiamo perso una delle menti più creative della nostra generazione.
  • 94:47 - 94:51
    Mi sentii come se il mondo cascasse a pezzi in quel momento.
  • 94:57 - 95:00
    È stata una delle notti più difficili della mia vita.
  • 95:01 - 95:05
    Continuavo a urlare: "Non ti sento! Cos'hai detto? Non riesco a sentirti!"
  • 95:08 - 95:09
    Non ci riesco. Tutto qui.
  • 95:09 - 95:11
    [Intervistatore] Okay.
  • 95:16 - 95:23
    Sì, fu una cosa insensata,
  • 95:23 - 95:25
    e lo è ancor'oggi.
  • 95:25 - 95:28
    Ero così frustrato, arrabbiato.
  • 95:31 - 95:37
    [sospira]
  • 95:38 - 95:43
    Ho provato a spiegarlo ai miei figli.
  • 95:44 - 95:47
    Mio figlio di tre anni ha detto che i medici lo avrebbero curato.
  • 95:53 - 95:57
    Conosco un sacco di persone che sono morte, ma non ho mai perso nessuno così,
  • 95:57 - 96:04
    perché tutti sentono, e lo sento anch'io, che avremmo potuto fare così tanto insieme -- altre cose come...
  • 96:05 - 96:11
    Non sapevo che fosse arrivato a quel punto. Non sapevo che soffrisse così tanto...
  • 96:12 - 96:14
    Era parte di me.
  • 96:17 - 96:21
    E avrei voluto che non fosse vero, e poi...
  • 96:25 - 96:29
    poi ho guardato la sua pagina di Wikipedia e ho visto la data di morte:
  • 96:33 - 96:40
    "al 2013".
  • 96:44 - 96:46
    "Aaron è morto.
  • 96:46 - 96:51
    Vagabondi in questo pazzo mondo,
    abbiamo perso un mentore, un saggio anziano
  • 96:51 - 96:56
    Hacker per la giustizia, siamo uno di meno,
    abbiamo perso uno dei nostri.
  • 96:57 - 97:02
    Levatrici, badanti, ascoltatori,
    nutritori, genitori tutti
  • 97:03 - 97:05
    abbiamo perso un figlio
  • 97:05 - 97:08
    Piangiamolo tutti".
  • 97:16 - 97:20
    Il mio primo pensiero fu: cosa succederà se nessuno se ne accorge?
  • 97:20 - 97:24
    Perché, sai, non mi era chiaro quanto fosse importante.
  • 97:25 - 97:30
    Non avevo mai visto una partecipazione commossa di quel livello.
  • 97:30 - 97:32
    Internet si accese tutta.
  • 97:32 - 97:38
    Ognuno cercava di spiegarlo a proprio modo, ma non avevo mai visto
  • 97:38 - 97:40
    la gente disperarsi su Twitter prima di allora.
  • 97:40 - 97:44
    Il dolore era palpabile online.
  • 97:47 - 97:50
    Era il figlio di Internet,
  • 97:50 - 97:54
    e il vecchio mondo lo ha ucciso.
  • 97:56 - 98:01
    Viviamo in un'epoca in cui le grandi ingiustizie restano ignorate.
  • 98:02 - 98:07
    Gli architetti del crollo finaziario cenano con il presidente, regolarmente.
  • 98:07 - 98:13
    Nel bel mezzo di quella storia, l'idea che il governo decise di perseguire questo caso giudiziario
  • 98:15 - 98:18
    sembra semplicemente assurda, se non fosse tragica.
  • 98:18 - 98:24
    La domanda è: visto l'accaduto, possiamo fare qualcosa,
  • 98:24 - 98:27
    per rendere migliore il mondo,
  • 98:27 - 98:29
    e portare avanti questa eredità?
  • 98:29 - 98:32
    È questa l'unica domanda che possiamo porci.
  • 98:33 - 98:38
    In tutto il mondo, si vanno organizzando hackathon, incontri.
  • 98:38 - 98:44
    In un certo senso, Aaron ha tirato fuori il meglio di noi, cercando di dire:
  • 98:44 - 98:47
    come li risolviamo questi problemi?
  • 98:48 - 98:53
    Secondo il mio modesto parere, è stato uno dei veri e straordinari rivoluzionari
  • 98:53 - 98:56
    mai vissuti in questo Paese.
  • 98:56 - 99:00
    Non so se Aaron sia stato sconfitto o vittorioso,
  • 99:00 - 99:06
    ma noi siamo sicuramente plasmati dalla mano degli avvenimenti contro i quali ha lottato.
  • 99:06 - 99:12
    Quando mandiamo la polizia contro i cittadini che cercano di ampliare l'accesso alla conoscenza,
  • 99:13 - 99:17
    abbiamo infranto le regole della legge -- abbiamo dissacrato il tempio della giustizia.
  • 99:17 - 99:20
    Aaron Swartz non era un criminale.
  • 99:20 - 99:22
    [applauso]
  • 99:22 - 99:26
    Il cambiamento non è rientra negli ingranaggi dell'inevitabilità
  • 99:26 - 99:29
    ma si realizza attraverso una lotta continua.
  • 99:30 - 99:33
    Aaron poteva veramente fare magie,
  • 99:33 - 99:36
    e sono votata a fare in modo che la sua magia non termini con la sua morte.
  • 99:36 - 99:40
    Credeva di poter cambiare il mondo, e aveva ragione.
  • 99:41 - 99:45
    Dalla scorsa settimana, e da oggi, le fenici stanno già risorgendo.
  • 99:45 - 99:47
    [applauso]
  • 99:47 - 99:52
    Dalla morte di Swartz, la deputata Zoe Lofgren e il senatore Ron Wyden
  • 99:52 - 99:56
    hanno presentato una proposta di legge che riforma il Computer Fraud and Abuse Act
  • 99:56 - 100:01
    l'antiquata legge su cui si basava la maggior parte delle accuse contro Swartz.
  • 100:01 - 100:04
    La riforma si chiama la "legge di Aaron".
  • 100:04 - 100:07
    Aaron credeva che avremmo sempre dovuto chiederci:
  • 100:07 - 100:11
    "Qual è la cosa più importante sulla quale dovrei lavorare proprio ora?
  • 100:11 - 100:13
    E se non stai lavorando su quello, perché no?"
  • 100:13 - 100:16
    [manifestanti] Ecco cosa significa democrazia!
  • 100:16 - 100:17
    [cori della folla] Anche noi siamo cittadini!
  • 100:17 - 100:21
    La libertà di internet è sotto attacco! Cosa facciamo?
  • 100:21 - 100:23
    Ci alziamo e combattiamo!
  • 100:23 - 100:26
    La libertà della rete e sotto attacco, e noi cosa facciamo?
  • 100:26 - 100:31
    Hey, hey! Ho, ho! Carmen Ortiz deve andarsene!
  • 100:34 - 100:37
    Mi piacerebbe poter cambiare il passato, ma è impossibile.
  • 100:37 - 100:40
    Ma possiamo cambiare il futuro e dobbiamo farlo.
  • 100:40 - 100:44
    Dobbiamo farlo per Aaron. E dobbiamo farlo per noi stessi.
  • 100:44 - 100:49
    Dobbiamo rendere il mondo un posto migliore, un luogo più umano,
  • 100:49 - 100:54
    un luogo dove la giustizia funziona, e dove l'accesso alla conoscenza diventa un diritto umano. [applausi]
  • 100:55 - 101:02
    C'era un ragazzo, a febbraio, di Baltimore, aveva quattordici anni,
  • 101:02 - 101:08
    che aveva accesso a JSTOR, e che aveva cercato a lungo nel database dopo aver letto qualcosa,
  • 101:09 - 101:14
    e ha trovato un modo per fare un test precoce per il cancro al pancreas,
  • 101:15 - 101:20
    e il cancro al pancreas ti fa secco perché lo scopriamo troppo tardi,
  • 101:20 - 101:23
    e quando viene scoperto di solito è troppo tardi per fare qualcosa,
  • 101:23 - 101:29
    e questo ragazzo aveva inviato delle mail a tutto l'intero dipartimento di oncologia della John Hopkins,
  • 101:29 - 101:32
    sai centinai di persone e ogni...
    - [intervistatore] Hai detto un quattordicenne?
  • 101:32 - 101:36
    Si, aveva 14 anni, e la maggior parte di loro lo ignorarono, ma uno gli mandò una mail di risposta,
  • 101:36 - 101:39
    dicendo:"Quest'idea non è affatto stupida. Perché non passi da me?"
  • 101:39 - 101:43
    Questo ragazzino ha lavorato le sere e i weekend con questo ricercatore, e a febbraio ho sentito di lui nei notiziari,
  • 101:43 - 101:49
    giusto un paio di settimane dopo la morte di Aaron, quando si parlava parecchio di lui nei notiziari...
  • 101:51 - 101:53
    [Scusate...]
  • 101:54 - 102:00
    e disse che il motivo per cui era al telegiornale è che ce l'aveva fatta. Stavano producendo
  • 102:00 - 102:04
    un test precoce per il cancro al pancreas che avrebbe salvato delle vite,
  • 102:04 - 102:10
    e lui disse, "Ecco perché quel che ha fatto Aaron è così importante."
  • 102:10 - 102:15
    Perché non si può mai sapere, giusto? Questa verità dell'universo non è solo qualcosa che
  • 102:15 - 102:20
    i legislatori possono usare per capire, per esempio, qual è il limite di velocità più adeguato.
  • 102:20 - 102:24
    È il posto da cui può arrivare quella cosa che potrà evitare a tuo figlio di morire di cancro,
  • 102:26 - 102:31
    e senza accesso, colui che potrebbe immaginare la cosa che ti salva la vita,
  • 102:33 - 102:34
    può darsi che non trovi mai quella risposta.
  • 102:36 - 102:47
    Dormì così bene, e non cadde fuori [...], nemmeno quando sognò che era ancora sull'astronave.
  • 102:48 - 102:52
    [padre di Aaron] Bravo, Aaron. Molto bene. Evviva, Aaron!
  • 102:52 - 102:57
    Ok, ora cantiamo una canzone.
  • 102:57 - 103:18
    ♪ ♪ ♪
  • 103:19 - 103:24
    AARON SWARTZ, 1986-2013
  • 103:49 - 103:51
    [credits]
  • 104:45 - 104:49
    [the end]
Title:
The Internet's Own Boy. La storia di Aaron Swartz.
Description:

Il film racconta la storia di Aaron Swartz, programmatore prodigio e attivista per l'informazione libera. Tra gli sviluppatori del noto protocollo RSS e tra i co-fondatori al di Reddit, le sue impronte sono sparse ovunque su Internet. Ma è stato soprattutto il suo impegno a sostegno della giustizia sociale e dell'attivismo politico, unito all'approccio aggressivo per garantire l'accesso all'informazione, che lo hanno portato a un incubo giudiziario durato due anni. Una battaglia conclusasi con il suicidio a 26 anni. La vicenda di Aaron ha colpito anche gente che aveva poco a che fare con le comunità online in cui era ben noto. Questo film è la storia personale di quello che perdiamo quando rimaniamo indifferenti davanti alla tecnologia e alle sue relazioni con le libertà civili di ciascuno di noi.

Film di Brian Knappenberger - Luminant Media (2014)
http://www.takepart.com/internets-own-boy
https://www.kickstarter.com/projects/26788492/aaron-swartz-documentary-the-internets-own-boy-0
Rilasciato con licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 3.0

more » « less
Video Language:
English
Duration:
01:45:00

Italian subtitles

Revisions