YouTube

Teniu un compte YouTube?

New: enable viewer-created translations and captions on your YouTube channel!

Italian subtítols

← La lingua come valuta pregiata | Ashley Davis | TEDxBostonCollege

Obtén el codi d'incrustació
10 llengües

Showing Revision 39 created 02/12/2020 by Silvia Fornasiero.

  1. Fin dalle elementari, le parole
    mi hanno sempre emozionata
  2. il dolce suono di
    "Muoviti ancora e ti faccio vedere",
  3. mentre mi facevano le trecce;

  4. il modo sensuale in cui
    "Ladies Love Cool James"
  5. rotola sulla lingua quando
    introducono la sua musica alla radio;
  6. le lezioni stimolanti
  7. sul funzionamento dell'onomatopea
    e della sineddoche alle scuole superiori.
  8. Per 29 anni le parole sono state
    le mie migliori amiche.
  9. Fin dalle elementari, le parole
    mi hanno sempre ostracizzata.
  10. Gli sguardi invidiosi
    dei miei amici non di colore,
  11. mentre io e i miei amici di colore
    ci prendevamo in giro
  12. e usavamo offese
    culturalmente indelicate
  13. per esprimerci il nostro affetto;
  14. gli angoli nascosti
    nei quali ho trovato riparo,
  15. quando ho preferito la poesia
    alle chiacchiere dell'ora di pranzo
  16. per la maggior parte
    della mia carriera scolastica;
  17. l'obbligo persistente che ho sentito
  18. di tenere per me domande e sentimenti
  19. per paura che i miei colleghi
    e i miei insegnanti bianchi
  20. mal interpretassero le mie intenzioni;
  21. la natura inevitabile della
    parola che inizia con la N
  22. in quasi ogni posto in cui sono stata,
  23. indipendentemente dalla
    razza delle persone presenti.
  24. Per 29 anni le parole sono state
    il mio peggior nemico.
  25. Il problema è chiaro.
  26. Come società, diamo
    il linguaggio per scontato.
  27. La ragione per cui il problema
    persiste è persino più chiara.
  28. Le persone sono veramente stupide.
  29. (Risate)
  30. Ingenuamente presumiamo
  31. che il benessere sia misurabile
    in banconote e monete
  32. e che ogni altro tipo di valuta
    sia inferiore e quindi secondaria.
  33. Kofi Annan, un eminente
    diplomatico guineano,
  34. ha detto che l'istruzione
    è la più grande arma del nostro tempo.
  35. Inutile dirlo, Kofi è geniale.
  36. È fantastico, quindi nessuna offesa,
  37. ma in questo caso, Kofi si sbagliava.
  38. Le parole hanno molta
    più efficacia dell'istruzione.
  39. Semplicemente spesso non diamo alle parole
    la possibilità di essere efficaci.
  40. Seguitemi in questo viaggio
    di tre aneddoti attraverso la mia vita,
  41. e presto mi darete ragione.
  42. Mi sono scoperta e riscoperta,
  43. e riscoperta ancora
    fin da quando ho memoria.
  44. Uno dei momenti più importanti del viaggio
    alla scoperta di me stessa risale al 2016,
  45. quando sono stata costretta
    a riconnettermi con il linguaggio.
  46. La prima metà dei miei vent'anni
  47. fu caratterizzata
    da uno stile di vita frenetico.
  48. Mi ero appena trasferita
    da Cincinnati, Ohio, a Boston.
  49. Ero molto orgogliosa del modo in cui
    navigavo nel mondo senza paura o vergogna,
  50. finché non ho scoperto
    di essere incinta di due mesi.
  51. La vita trovò un modo molto divertente
    per dirmi di rallentare.
  52. Ero sconvolta.
  53. Ricordo di aver detto della mia gravidanza
    alle persone a cui tenevo
  54. con un messaggio che diceva:
    "Ho brutte notizie".
  55. Questo dice tutto.
  56. Il mio fidanzato del tempo,
    il padre di mio figlio,
  57. reagì in modo molto civile.
  58. Fu molto d'aiuto.
  59. Così, la mia brutta notizia
    diventò una semplice notizia.
  60. E quando mia nonna
    mi disse delle parole positive,
  61. allora dissi: "Ora ci sono buone notizie".
  62. Ero emozionata.
    Ora avevo buone notizie.
  63. Il fatto che stessi per avere
    un bambino era una buona cosa.
  64. Ricordo che quando scoprimmo
    la nascita di Amir, mio figlio,
  65. scusate, il genere di Amir, mio figlio,
  66. eravamo talmente euforici
    che andammo subito a fare shopping.
  67. Siamo passati da tante
    svendite e mercatini
  68. quante ci è stato possibile.
  69. Al sesto mese, Amir
    ha smesso di scalciare.
  70. Non ha vissuto oltre
    quei sei mesi nella mia pancia.
  71. Ho pianto.
  72. Ho pianto per giorni interi.
  73. Per giorni che diventarono
    settimane, ho pianto.
  74. Per settimane che diventarono
    mesi, ho pianto.
  75. Per mesi che ora sono diventati tre anni,
  76. a volte mi capita ancora di piangere.
  77. Ovviamente, tutte le persone
    che mi vogliono bene
  78. cercano le parole giuste
  79. per provare ad asciugare
    le mie lacrime e calmarmi.
  80. Per questo sento molti:
    "Mi dispiace tanto, Ashley"
  81. e alcuni provano con: "Adesso
    è in un posto migliore, Ashley."
  82. Sapete, le parole che usiamo
    per confortare le persone
  83. perché non sappiamo cos'altro dire,
  84. anche se sappiamo che probabilmente
    le nostre parole non funzioneranno.
  85. Solo quando incontrai il mio terapista,
  86. ho capito che era possibile riprendersi.
  87. Il mio terapista disse:
    "Va bene piangere.
  88. Va bene essere in lutto.
  89. Va addirittura bene criticare il modo
  90. con cui le persone ti danno il permesso
    di fare tutte queste cose."
  91. Così, nel giro di poche settimane,
    smisi di piangere.
  92. Non so perché.
  93. Andiamo avanti velocemente fino al 2017.
  94. Come ho già detto, sono un'educatrice,
    e ne vado molto fiera.
  95. Ho iniziato il mio percorso
    come educatrice, se vogliamo,
  96. con la Charlie Sposato
    Graduate School of Education,
  97. un programma di specializzazione
    per insegnanti
  98. con il metodo educativo Match,
    un'istituzione privata.
  99. Nello specifico, ho lavorato cinque anni
    alla Match High School di Brighton.
  100. Spesso provo a sdebitarmi
    con la scuola che mi ha formato
  101. perché sento che ha fatto molto per me.
  102. Un bel modo in cui ricambio è parlando
    alle conferenze della scuola ogni anno.
  103. Dopo il mio intervento più recente,
    mi è stata fatta una domanda
  104. sul modo in cui la mia identità
    influenza la mia pratica di educatrice.
  105. Ora, chiunque mi conosca
  106. sa che ero entusiasta della domanda
  107. perché tutto ciò che è relativo a razza,
    identità, affermazione di sé e cultura
  108. è il mio pane quotidiano.
  109. È il mio argomento.
  110. Il mio entusiasmo
    si sentì nelle mie risposte.
  111. Iniziai facendo una riflessione
    sulla tensione che sento spesso
  112. in quando donna nera
    che educa bambini neri.
  113. È ironico, no?
  114. Parlai di come spesso
    mi sento in conflitto,
  115. perché, anche se condivido la mia identità
    con molti dei miei studenti,
  116. mi ritrovo a lavorare,
    o meglio, lavoravo in un luogo
  117. in cui la maggioranza era bianca.
  118. Perciò mi sembrava
    di dover limitare il mio vero io.
  119. Parlai di come i miei orecchini a cerchio
    sono un'affermazione di me stessa.
  120. Parlai di come i miei disegni
    sulle unghie, allora molto più intricati,
  121. sono un'affermazione di me stessa.
  122. Parlai anche del fatto
    che la tipica reazione ai miei tatuaggi
  123. è anch'essa un'affermazione,
  124. soltanto di tipo diverso.
  125. Parlai davvero di molte cose.
  126. Terminai il mio discorso
    dicendo qualcosa del tipo:
  127. "È una cosa da donna di colore",
    con una sorta di sprezzante orgoglio.
  128. Di tutta risposta, un'entusiasta
    specializzanda bianca alzò la mano.
  129. E disse: "In realtà, non è soltanto
    una cosa da ragazze di colore.
  130. Io ho avuto la stessa esperienza."
  131. E iniziò a proiettare la sua posizione
    privilegiata e la sua storia
  132. sulla mia narrativa.
  133. Ora, anche se non lo apprezzai,
  134. risposi in un modo
    che non penso fosse sgarbato.
  135. E dissi: "Certo, si.
  136. Essere donna nell'America patriarcale
    è sicuramente difficile.
  137. Ma essere una donna nera
    in questa America patriarcale bianca
  138. è una cosa totalmente diversa."
  139. Cioè è qualcosa che lei
    non aveva il diritto di commentare.
  140. In risposta alle parole che diedi
    al commento della donna bianca,
  141. ottenni molti consensi dalle persone.
  142. Il commento che apprezzai di più
    venne da una delle mie studentesse
  143. che erano con me alla conferenza.
  144. Chiamiamola Maya.
  145. Maya disse: "Si, Davis",
    e mi abbracciò forte forte.
  146. Maya mi abbracciò più forte di chiunque
    mi avesse mai abbracciata prima.
  147. Ancora non ne capisco
    perfettamente il perché.
  148. Ora andiamo avanti fino
    all'ottobre del 2018.
  149. Quest'anno sono una vicepreside,
  150. che è una parola elegante per dire
  151. che sono l'assistente
    sottopagata del preside
  152. che sta studiando per diventare preside.
  153. Lavoro in una scuola elementare
    intima e bellissima.
  154. Va dall'asilo alla terza elementare.
  155. Si chiama Shaw, in Mattapan.
  156. Abbiamo una scuola piena
    di bellissimi studenti di colore.
  157. Circa il 30% del nostro gruppo
    studentesco si identifica come latino.
  158. Notate che ho scelto di usare
    la parola latino invece che ispanico.
  159. Una delle cose di cui sono più fiera
    della mia scuola e di Boston in generale,
  160. e una delle cose che mi ha convinto
    a continuare a sopportare il freddo,
  161. è il fatto che Boston
    è linguisticamente molto varia.
  162. Molti dei miei studenti
    ovviamente parlano inglese,
  163. ma non parlano inglese
    come prima lingua.
  164. Vorrei tanto essere multilingue
    nel modo in cui lo sono loro.
  165. Quindi, questo mi rende
    incredibilmente orgogliosa.
  166. Tuttavia, il giorno in cui
    è avvenuta questa storia,
  167. non sono stata per niente orgogliosa.
  168. Una delle mie studentesse,
    che si definisce latina,
  169. una ragazza che chiameremo Taj
    e che fa la seconda elementare,
  170. è una bambina fantastica.
  171. Tutti i miei studenti sono
    fantastici; non ho preferiti.
  172. Ma ciò che rende Taj più incredibile
  173. è che non importa chi le sta intorno,
    lei è sempre la stessa.
  174. Ed è in seconda elementare.
  175. Volevo farlo sapere a sua madre.
  176. Perciò mi sono preparata
    mentalmente quello che volevo dirle
  177. perché come ormai sapete, adoro le parole.
  178. Volevo dire qualcosa del tipo:
  179. "In classe, Taj risponde così
    alle domande.
  180. E quando facciamo allenamento, lei è così
    che mostra capacità di leader.
  181. E quando è da sola e pensa
    che nessuno la stia guardando,
  182. Taj fa questo".
  183. Perché volevo davvero catturare
    per la signora Garcia, la mamma di Taj,
  184. la piena bellezza
    della personalità di Taj.
  185. Quindi, quando le prove
    nella mia testa sono finite,
  186. sono andata in cortile
    a salutare i bambini che andavano a casa
  187. e ovviamente li osservavo
  188. e mi assicuravo che tutti
    se ne andassero con la persona giusta.
  189. Ma in realtà, stavo cercando
    la signora Garcia, la mamma di Taj.
  190. Quando l'ho vista avvicinarsi,
    l'ho salutata freneticamente,
  191. quasi come una bimba
    in un negozio di caramelle.
  192. Mi sono affrettata a raggiungerla.
  193. Poi ho iniziato a parlare.
  194. Non ci siamo neanche salutate,
    ho iniziato subito a parlare.
  195. E poi a metà del mio discorso,
  196. mi ha interrotto e ha detto:
    "Hola, signorina Davis."
  197. E io mi sono bloccata.
  198. Solo in quel momento mi sono accorta
  199. che il mio discorso "preparato
    perfettamente" in inglese
  200. non faceva colpo sulla mamma di Taj.
  201. Ero imbarazzata.
  202. Taj, nella sua brillante innocenza,
    è corsa da noi e ha iniziato a tradurre.
  203. A volte si girava verso di me
  204. e mi faceva una domanda in inglese,
  205. e poi si rigirava verso la madre
  206. e rispondeva alla domanda in spagnolo
  207. con grazia e immediatezza.
  208. La signora Garcia,
    la mamma di Taj, ha detto:
  209. "Gracias signorina Davis",
    e ha iniziato a piangere.
  210. Non potevo fare altro che sorridere.
  211. Riflettendoci,
  212. ho realizzato che un'altra cosa
    che rende speciale Taj
  213. non è il fatto che parli inglese.
  214. Non è neanche il fatto che parli spagnolo.
  215. Ma è che, in quel momento,
    lei sapeva perfettamente
  216. quale lingua le serviva per unirci:
  217. la lingua dell'amore.
  218. Ora ne capisco il motivo.
  219. Ho scelto queste tre storie
    perché ognuna di loro
  220. sottolinea l'importanza della semantica.
  221. Il modo in cui si dicono le cose,
    il perché lo diciamo,
  222. e l'impatto, il peso che
    tutte le cose dette portano con sé.
  223. Tu sei il tuo più vero io
    per le parole che scegli
  224. e per quelle che non scegli.
  225. Le parole sono il vostro potere e
    le parole vi rendono resilienti.
  226. La domanda, quindi,
    non è se avete o non avete accesso
  227. alla resilienza delle parole.
  228. La domanda dovrebbe essere invece
    sul vostro rapporto con le parole.
  229. Siete come la squadra Amir,
  230. che ripete sempre
    le stesse parole e le stesse frasi,
  231. perché non sa cos'altro dire,
  232. senza badare a come
    fanno sentire le persone,
  233. solo perché qualcuno le ha ripetute a voi?
  234. Oppure siete come
    l'ingenua specializzanda,
  235. che nega le parole
    nelle parole degli altri
  236. per un desiderio egoistico
    di proiettare le tue parole su di sé?
  237. O forse siete come Taj,
  238. che afferma il valore
    delle parole negli altri
  239. indipendentemente da razza,
    status, pregiudizi o credo?
  240. Fin dalla nascita, le parole
    ci hanno definito e nutrito:
  241. il modo inquietante
    in cui diciamo "Buongiorno!"
  242. al nostro capo durante le riunioni
    con più entusiasmo
  243. che alle persone che ci servono
    il caffè al bar ogni mattina;
  244. il modo seducente con cui guidiamo
    un nuovo amico nelle nostre vite,
  245. mostrando alcuni tratti di noi stessi
    e omettendone altri,
  246. perché è soltanto il primo appuntamento;
  247. il fatto che, da bambina,
    ho letto meticolosamente il dizionario,
  248. l'ho studiato;
  249. e il fatto che adesso, da adulta,
  250. ho una lista di parole intoccabili,
  251. che colleziono in fondo alla mia agenda;
  252. il fatto che la maggior parte
    della gente di colore
  253. deve provare e riprovare
    ciò che vuole dire,
  254. nella loro testa, almeno tre volte
  255. prima di alzare la mano
    e dire quelle parole ad alta voce
  256. in un modo che la bianca
    America considera "professionale".
  257. Per tutta la nostra vita,
  258. le parole ci hanno resi
    uguali e più resilienti.
  259. Le parole sono importanti.
  260. Lasciate che lo siano.
  261. Se nulla di questo intervento
    vi avrà colpito,
  262. vi prego di riflettere:
  263. il lavoro sulle parole
    è estremamente personale.
  264. È intimamente privato.
  265. Quindi, trovate il modo di chiedervi:
  266. com'è il mio rapporto con le parole?
  267. Usate la risposta
    per indirizzarvi al miglioramento
  268. e sostanzialmente alla resilienza.
  269. Ce la potete fare.
  270. E se non riuscite,
  271. avrete sempre le parole.
  272. Grazie.
  273. (Applausi)