Return to Video

Dobbiamo monitorare l'acqua mondiale come monitoriamo il meteo

  • 0:01 - 0:04
    Dobbiamo creare
    un servizio meteorologico per l'acqua.
  • 0:04 - 0:08
    Ma finché non chiediamo collettivamente
    un'assunzione di responsabilità,
  • 0:08 - 0:10
    non ci saranno gli incentivi
    per finanziarlo.
  • 0:12 - 0:17
    La mia prima volta a una conferenza
    è stata qui a TED, otto anni fa.
  • 0:17 - 0:19
    Appena laureato, non avevo idea
  • 0:19 - 0:21
    che in quei pochi minuti sul palco,
  • 0:21 - 0:24
    avrei definito le domande
    che mi sarebbero state poste
  • 0:24 - 0:25
    per il seguente decennio.
  • 0:26 - 0:28
    E, come troppi ventenni,
  • 0:28 - 0:31
    mi aspettavo di risolvere
    i problemi del mondo,
  • 0:31 - 0:33
    nello specifico,
    i problemi idrici del mondo,
  • 0:33 - 0:35
    con la mia tecnologia.
  • 0:36 - 0:37
    Avevo molto da imparare.
  • 0:39 - 0:40
    È stato allettante,
  • 0:40 - 0:44
    credere che i nostri maggiori problemi
    sulla qualità dell'acqua persistessero
  • 0:44 - 0:47
    perché erano così difficili
    da identificare.
  • 0:48 - 0:49
    E ho pensato
  • 0:49 - 0:54
    che avessimo solo bisogno di sensori
    più semplici, veloci e accessibili.
  • 0:55 - 0:56
    Mi sbagliavo.
  • 0:58 - 1:02
    Se è vero che affrontare
    i rischi idrici nel futuro
  • 1:02 - 1:06
    richiederà dati migliori
    e una maggiore tecnologia,
  • 1:06 - 1:10
    oggi usiamo a malapena
    i pochi dati sull'acqua che abbiamo.
  • 1:11 - 1:16
    I nostri maggiori problemi idrici
    persistono a causa di ciò che non facciamo
  • 1:16 - 1:19
    e dei problemi che non riconosciamo.
  • 1:19 - 1:21
    Ci sono pochi dubbi
  • 1:21 - 1:26
    su quello che i dati idrici odierni
    ci dicono di fare in quanto specie:
  • 1:26 - 1:27
    dobbiamo risparmiare di più
  • 1:27 - 1:29
    e inquinare meno.
  • 1:30 - 1:35
    Ma i dati attuali non ci aiuteranno
    a prevedere i rischi emergenti
  • 1:35 - 1:37
    rivolti alle aziende e ai mercati.
  • 1:37 - 1:40
    Stanno diventato velocemente inutili
    per questo scopo.
  • 1:40 - 1:42
    Prima avevano un maggiore valore,
  • 1:42 - 1:46
    ma non ci hanno mai detto,
    con reale precisione,
  • 1:46 - 1:48
    quanta acqua abbiamo
  • 1:48 - 1:49
    o cosa contenga.
  • 1:50 - 1:54
    Consideriamo le statistiche sull'uso
    dell'acqua nell'ultimo decennio
  • 1:54 - 1:57
    di ogni nazione del G20.
  • 1:57 - 1:59
    Ciò che questi numeri non vi dicono
  • 1:59 - 2:04
    è che nessuna di queste nazioni
    misura direttamente quanta acqua usa.
  • 2:04 - 2:06
    Si tratta di stime,
  • 2:06 - 2:08
    basate su modelli obsoleti
  • 2:08 - 2:11
    che non considerano la crisi climatica,
  • 2:11 - 2:14
    o il suo impatto sull'acqua.
  • 2:16 - 2:20
    Nel 2015, Chennai,
    la sesta città più grande dell'India,
  • 2:20 - 2:23
    è stata colpita dalla peggiore
    inondazione vista in un secolo.
  • 2:25 - 2:28
    Oggi, le sue riserve idriche
    sono quasi asciutte.
  • 2:29 - 2:32
    Ci sono voluti tre anni per arrivarci,
  • 2:32 - 2:34
    tre anni di piogge
    al di sotto della media.
  • 2:34 - 2:39
    È più veloce della compilazione di dati
    idrici della maggior parte delle nazioni,
  • 2:39 - 2:40
    compresi gli USA.
  • 2:41 - 2:44
    E nonostante ci fossero
    state delle previsioni
  • 2:44 - 2:48
    che avevano anticipato
    le gravi carenze idriche di Chennai,
  • 2:48 - 2:52
    nessuna poteva aiutarci
    a determinare esattamente quando o dove
  • 2:52 - 2:53
    sarebbe accaduto.
  • 2:54 - 2:57
    Si tratta di un nuovo problema idrico,
  • 2:57 - 3:02
    perché la velocità con cui ogni aspetto
    del nostro ciclo idrologico cambia
  • 3:02 - 3:03
    sta aumentando.
  • 3:03 - 3:07
    Come ha rivelato questo mese
    un recente avviso dell'ONU,
  • 3:07 - 3:12
    affrontiamo ogni settimana
    una nuova emergenza climatica.
  • 3:14 - 3:17
    Ci aspettano maggiori incertezze
    sulla qualità dell'acqua in futuro.
  • 3:17 - 3:21
    Nella maggior parte delle nazioni
    è raro che i corpi idrici siano testati
  • 3:21 - 3:24
    per più di qualche contaminante all'anno.
  • 3:24 - 3:27
    Al posto dei test, usiamo
    ciò che chiamiamo "modello di diluizione"
  • 3:27 - 3:29
    per controllare l'inquinamento.
  • 3:29 - 3:33
    Immaginate che prenda
    una piscina olimpionica,
  • 3:33 - 3:36
    la riempia di acqua fresca
    e aggiunga una goccia di mercurio.
  • 3:36 - 3:39
    Così si diluirebbe il mercurio
    di una parte per miliardo,
  • 3:39 - 3:41
    ben al di sotto
    di quello che considera sicuro
  • 3:41 - 3:43
    l'Organizzazione mondiale della sanità.
  • 3:43 - 3:47
    Ma se ci fosse un calo imprevisto
    nella quantità d'acqua disponibile,
  • 3:47 - 3:52
    meno acqua sotterranea,
    minore portata, meno acqua nella piscina,
  • 3:52 - 3:54
    ci sarebbe meno diluizione,
  • 3:54 - 3:56
    e la situazione diverrebbe più tossica.
  • 3:57 - 4:00
    È così che la maggior parte delle nazioni
    si occupa dell'inquinamento.
  • 4:00 - 4:04
    Usano questo modello per sapere
    quanto inquinamento è sicuro.
  • 4:04 - 4:06
    Ha delle carenze evidenti,
  • 4:06 - 4:09
    ma ha funzionato a sufficienza
    quando c'era acqua in abbondanza
  • 4:09 - 4:11
    e un andamento meteorologico costante.
  • 4:12 - 4:16
    Ora che tutto ciò non esiste più,
    dovremo sviluppare e investire
  • 4:16 - 4:18
    in nuove strategie di raccolta dati.
  • 4:18 - 4:22
    Ma prima di farlo, dobbiamo iniziare
    ad agire sui dati che già abbiamo.
  • 4:23 - 4:25
    Questo è un incendio
    da carburante per aerei.
  • 4:25 - 4:27
    Come molti di voi sapranno,
  • 4:27 - 4:30
    queste emissioni giocano un ruolo enorme
    nel cambiamento climatico.
  • 4:30 - 4:34
    Ciò che forse non saprete
    è che il Dipartimento di difesa americano
  • 4:34 - 4:37
    è il più grande consumatore mondiale
    di carburante per aerei.
  • 4:37 - 4:39
    Quando consumano carburante
  • 4:39 - 4:43
    ordinano l'uso degli schiumogeni
    antincendio mostrati qui,
  • 4:43 - 4:46
    i quali contengono una classe
    di sostanze chimiche denominate PFAS.
  • 4:46 - 4:50
    Nessuno usa questa schiuma
    più del Dipartimento di difesa americano,
  • 4:50 - 4:54
    e ogni volta che si usai PFAS entrano
    nel nostro sistema idrologico.
  • 4:55 - 4:59
    A livello mondiale, i militari hanno usato
    questa schiuma sin dagli anni '70.
  • 5:00 - 5:03
    Sappiamo che i PFAS causano tumori,
    malformazioni congenite,
  • 5:03 - 5:06
    e sono ormai
    talmente pervasivi nell'ambiente,
  • 5:06 - 5:10
    che sembrano trovarsi in ogni essere
    vivente che testiamo,
  • 5:10 - 5:12
    noi compresi.
  • 5:13 - 5:17
    Ma finora il Dipartimento di difesa
    non è stato ritenuto responsabile
  • 5:17 - 5:19
    per la contaminazione da PFAS
  • 5:19 - 5:21
    né perseguibile.
  • 5:21 - 5:25
    Malgrado i tentativi per eliminare
    gradualmente questi schiumogeni,
  • 5:25 - 5:28
    non si stanno adottando
    alternative più sicure ed efficaci.
  • 5:28 - 5:31
    Si stanno usando altre molecole PFAS,
  • 5:31 - 5:37
    che potrebbero avere conseguenze
    peggiori per la salute.
  • 5:38 - 5:42
    Oggi, la responsabilità del governo
    sta diminuendo
  • 5:42 - 5:44
    al punto di essere eliminata,
  • 5:44 - 5:49
    e sta scomparendo
    il rischio dell'accusa di inquinamento.
  • 5:50 - 5:54
    Che incentivi crea tutto ciò per investire
    nel futuro delle nostre acque?
  • 5:55 - 6:01
    Durante lo scorso decennio,
    l'investimento medio mondiale
  • 6:01 - 6:03
    in società di tecnologia idrica
    in fase iniziale
  • 6:03 - 6:06
    ha totalizzato
    meno di 30 milioni di dollari annui.'
  • 6:07 - 6:13
    lo 0,12% del capitale di rischio
    globale per le società in fase iniziale.
  • 6:15 - 6:20
    E la spesa pubblica
    non aumenta abbastanza velocemente.
  • 6:20 - 6:24
    Un'ulteriore analisi rivela
    che l'acqua non è una priorità.
  • 6:24 - 6:30
    Nel 2014, il governo federale americano
    ha speso 11 dollari per cittadino
  • 6:30 - 6:32
    nelle infrastrutture idriche,
  • 6:32 - 6:36
    contro i 251 dollari per le infrastrutture
    di tecnologia informatica.
  • 6:36 - 6:40
    Quindi, quando non usiamo
    i dati che abbiamo,
  • 6:40 - 6:42
    non incoraggiamo l'investimento
    in nuove tecnologie,
  • 6:42 - 6:45
    né ulteriori raccolte dati,
  • 6:45 - 6:50
    e non incoraggiamo l'investimento
    per assicurare un futuro all'acqua.
  • 6:51 - 6:52
    Quindi siamo condannati?
  • 6:53 - 6:55
    Parte di ciò che sto ancora imparando
  • 6:55 - 7:00
    è come conciliare catastrofe e urgenza
    con ciò che possiamo fare,
  • 7:00 - 7:03
    perché Greta Thunberg
    e l'Extinction Rebellion
  • 7:03 - 7:05
    non vogliono la nostra speranza,
    vogliono che agiamo.
  • 7:05 - 7:07
    Cosa possiamo fare allora?
  • 7:08 - 7:13
    È difficile immaginare una vita
    senza servizio meteorologico,
  • 7:13 - 7:15
    ma prima delle previsioni
    meteorologiche moderne,
  • 7:15 - 7:17
    non avevamo
    un trasporto commerciale aereo,
  • 7:17 - 7:21
    era normale per le navi perdersi in mare,
  • 7:21 - 7:24
    e una sola tempesta
    poteva causare una carenza di cibo.
  • 7:25 - 7:28
    Con l'arrivo delle reti,
    radiofonica e telefonica,
  • 7:28 - 7:31
    tutto ciò che serviva
    per risolvere i problemi
  • 7:31 - 7:33
    era monitorare
    i movimenti delle tempeste.
  • 7:35 - 7:39
    Questo ha posto le basi
    per una raccolta dati mondiale,
  • 7:39 - 7:43
    dalla quale dipendono oggi
    tutte le case e le aziende.
  • 7:44 - 7:48
    È stato il risultato di una raccolta dati
    coordinata e continua
  • 7:48 - 7:53
    e della creazione di una cultura
    che trovava un maggior valore
  • 7:53 - 7:58
    nel valutare e condividere apertamente
    tutto ciò che poteva scoprire
  • 7:58 - 8:00
    sui rischi che corriamo.
  • 8:01 - 8:03
    Un servizio meteorologico
    mondiale per l'acqua
  • 8:03 - 8:06
    ci aiuterebbe a prevederne le carenze.
  • 8:06 - 8:11
    Ci aiuterebbe a realizzare il razionamento
    molto prima che le riserve si esauriscano.
  • 8:12 - 8:15
    Ci aiuterebbe a rilevare
    la contaminazione prima chi si diffonda,
  • 8:15 - 8:18
    a proteggere le nostre filiere,
  • 8:18 - 8:20
    ad assicurare le risorse alimentari,
  • 8:20 - 8:21
    e forse, più di tutto,
  • 8:21 - 8:25
    renderebbe possibile
    la stima precisa del rischio
  • 8:25 - 8:27
    necessaria per prevenirlo.
  • 8:28 - 8:31
    Possiamo farlo
    perché lo abbiamo già fatto con il meteo.
  • 8:31 - 8:34
    Ma ci sarà bisogno di risorse.
  • 8:35 - 8:37
    Dobbiamo incoraggiare
    un maggiore investimento nell'acqua.
  • 8:38 - 8:40
    Investitori, capitalisti di ventura:
  • 8:40 - 8:43
    parte dei vostri fondi e del portafoglio
    dovrebbe rivolgersi all'acqua.
  • 8:44 - 8:45
    Niente è più prezioso
  • 8:45 - 8:49
    e, dopotutto, le aziende avranno bisogno
    di comprendere i rischi idrici
  • 8:49 - 8:52
    per restare competitive nel mondo
    in cui stiamo entrando.
  • 8:53 - 8:55
    Oltre al capitale di rischio,
  • 8:55 - 8:59
    ci sono anche
    numerosi programmi del governo
  • 8:59 - 9:02
    che incoraggiano lo sviluppo economico
    attraverso incentivi fiscali.
  • 9:03 - 9:05
    Una nuova opzione negli USA,
    che la mia società sta usando,
  • 9:06 - 9:07
    si chiama "zone di opportunità".
  • 9:08 - 9:12
    Offrono un trattamento fiscale agevolato
    per investire la plusvalenza
  • 9:12 - 9:15
    in determinate aree in difficoltà
    e a basso reddito.
  • 9:15 - 9:17
    Queste sono aree
  • 9:17 - 9:19
    che stanno affrontando
    anche enormi rischi idrici,
  • 9:19 - 9:21
    così si creano incentivi cruciali
  • 9:21 - 9:25
    per lavorare direttamente con le comunità
    che necessitano di maggiore aiuto.
  • 9:25 - 9:29
    Se non volete fare
    questo tipo di investimento
  • 9:29 - 9:31
    ma possedete un terreno negli USA,
  • 9:31 - 9:34
    sapevate che potete sfruttare
    il vostro terreno
  • 9:34 - 9:37
    per preservare in modo permanente
    la qualità dell'acqua
  • 9:37 - 9:39
    tramite la servitù di conservazione?
  • 9:39 - 9:43
    Potete attribuire il diritto perenne
    a un trust fondiario locale
  • 9:43 - 9:44
    per preservare il vostro terreno
  • 9:45 - 9:47
    e stabilire obiettivi specifici
    di qualità dell'acqua.
  • 9:47 - 9:48
    Se li raggiungete
  • 9:48 - 9:53
    potete essere premiati ogni anno
    con una sostanziale riduzione fiscale.
  • 9:54 - 9:59
    Quante aree potrebbe proteggere
    la nostra comunità mondiale
  • 9:59 - 10:01
    attraverso questi e altri programmi?
  • 10:02 - 10:06
    Sono formidabili
    perché offrono l'accesso a beni immobili
  • 10:06 - 10:10
    necessari per porre le basi di un servizio
    meteorologico mondiale per l'acqua.
  • 10:11 - 10:17
    Ma funziona solo se usiamo
    questi programmi in modo appropriato
  • 10:17 - 10:20
    e non come meri strumenti
    per l'evasione fiscale.
  • 10:21 - 10:23
    Quando la servitù di conservazione
    fu stabilita
  • 10:23 - 10:27
    nessuno poteva prevedere
    quanto si sarebbero radicate
  • 10:27 - 10:29
    le aziende inquinanti
    nei movimenti ambientali.
  • 10:29 - 10:34
    Ci siamo abituati alle compagnie
    che parlano di crisi climatica
  • 10:34 - 10:36
    mentre non fanno nulla al riguardo.
  • 10:38 - 10:42
    Ciò ha sminuito l'eredità
    e l'impatto di questi programmi,
  • 10:42 - 10:45
    ma li ha anche resi pronti
    per una riqualificazione.
  • 10:45 - 10:47
    Perché non usare
    le servitù di conservazione
  • 10:47 - 10:48
    come le hanno concepite
  • 10:48 - 10:53
    per stabilire e raggiungere
    ambiziosi obiettivi di conservazione?
  • 10:53 - 10:57
    Perché non creare opportunità
    nelle zone di opportunità?
  • 10:57 - 11:02
    Perché, fondamentalmente, la sicurezza
    dell'acqua richiede responsabilizzazione.
  • 11:02 - 11:07
    La responsabilizzazione
    non sono le aziende inquinanti
  • 11:07 - 11:10
    che sponsorizzano
    i gruppi ambientali e i musei.
  • 11:10 - 11:12
    Questi sono conflitti d'interesse.
  • 11:12 - 11:17
    (Applausi)
  • 11:18 - 11:20
    La responsabilizzazione è:
  • 11:21 - 11:25
    rendere troppo costoso
    il rischio della responsabilità legale
  • 11:25 - 11:28
    per continuare a inquinare
    e sprecare le nostre acque.
  • 11:28 - 11:32
    Non possiamo accontentarci
    delle parole, è tempo di agire.
  • 11:32 - 11:36
    E quale migliore punto di partenza,
    se non i nostri maggiori inquinatori,
  • 11:36 - 11:41
    in particolare il Dipartimento di difesa
    americano, sovvenzionato dai contribuenti.
  • 11:41 - 11:45
    Chi e cosa proteggiamo
    quando i soldati, le loro famiglie
  • 11:45 - 11:48
    e le persone che vivono
    vicino a basi militari USA all'estero
  • 11:48 - 11:50
    bevono tutti acqua tossica?
  • 11:51 - 11:54
    La sicurezza mondiale
    non può più essere in disaccordo
  • 11:54 - 11:57
    sulla difesa del nostro pianeta
    e sulla nostra salute collettiva.
  • 11:57 - 11:59
    La nostra sopravvivenza dipende da questo.
  • 11:59 - 12:01
    Allo stesso modo,
  • 12:01 - 12:03
    l'agricoltura nella maggioranza dei Paesi
  • 12:03 - 12:05
    dipende dai sussidi
    finanziati dai contribuenti
  • 12:05 - 12:09
    versati ai contadini per garantire
    e stabilizzare le scorte alimentari.
  • 12:10 - 12:14
    Questi incentivi, per noi,
    sono un punto di leva cruciale,
  • 12:14 - 12:19
    poiché l'agricoltura è responsabile
    del consumo del 70%
  • 12:19 - 12:21
    dell'acqua che utilizziamo annualmente.
  • 12:22 - 12:25
    Il ruscellamento
    di fertilizzanti e i pesticidi
  • 12:25 - 12:27
    sono le due maggiori fonti
    di inquinamento dell'acqua.
  • 12:27 - 12:31
    Riorganizziamo questi sussidi
    per chiedere migliore efficienza idrica
  • 12:31 - 12:33
    e un inquinamento minore.
  • 12:33 - 12:35
    (Applausi)
  • 12:39 - 12:40
    Per concludere:
  • 12:40 - 12:42
    non possiamo
    aspettarci il progresso
  • 12:42 - 12:45
    se non siamo disposti
    ad affrontare i conflitti di interesse
  • 12:45 - 12:46
    che soffocano la scienza,
  • 12:47 - 12:48
    minano l'innovazione
  • 12:48 - 12:51
    e scoraggiano la trasparenza.
  • 12:51 - 12:53
    È nell'interesse pubblico
  • 12:53 - 12:57
    misurare e condividere
    tutto ciò che possiamo imparare e scoprire
  • 12:57 - 12:59
    sui rischi idrici che affrontiamo.
  • 13:00 - 13:03
    La realtà non esiste
    finché non è misurata.
  • 13:03 - 13:07
    Per misurarla,
    la tecnologia da sola non basta.
  • 13:07 - 13:09
    Serve la nostra volontà collettiva.
  • 13:09 - 13:11
    Grazie.
  • 13:11 - 13:16
    (Applausi)
Títol:
Dobbiamo monitorare l'acqua mondiale come monitoriamo il meteo
Speaker:
Sonaar Luthra
Descripció:

Abbiamo bisogno di un servizio meteorologico mondiale per l'acqua, afferma l'imprenditore e TED Fellow Sonaar Luthra. In un intervento sulla responsabilizzazione ambientale, Luthra mostra come possiamo prevedere le carenze d'acqua e i rischi idrici tramite un lavoro di raccolta dati mondiale, così come monitoriamo i movimenti delle tempeste, e ascoltare meglio ciò che la terra ci sta dicendo.

more » « less
Video Language:
English
Team:
TED
Projecte:
TEDTalks
Duration:
13:29

Italian subtitles

Revisions